Home / ComeDonChisciotte / LA SENTENZA DI BRESCIA E LA STRAGE DI PIAZZA DELLA LOGGIA

LA SENTENZA DI BRESCIA E LA STRAGE DI PIAZZA DELLA LOGGIA

DI SOLANGE MANFREDI
paolofranceschetti.blogspot.com

28 maggio 1974, Brescia, Piazza della Loggia un ordigno esplode durante una manifestazione. E’ strage: 8 morti e più di 90 feriti.

Oggi, dopo 36 anni, la strage è ancora senza colpevoli.

Martedì 16 novembre 2010 il tribunale di Brescia ha assolto per “insufficienza di prove” in primo grado i 5 imputati: Il generale dei Carabinieri Francesco Delfino, il senatore Pino Rauti (unico imputato per il cui i pm avevano chiesto l’assoluzione), Carlo Maria Maggi, Delfo Zorzi e Maurizio Tramonte.

Un processo durato due anni, 150 udienze di cui i media non hanno mai parlato. L’unica volta che i giornalisti si sono precipitati in aula è stato in occasione della deposizione di Angelo Izzo, il mostro del Circeo. L’interesse della stampa, peraltro, era rivolto non alla deposizione nel processo di Izzo, ma al suo matrimonio con la giornalista Donatella Papi celebratosi il giorno prima.

Peccato perché è stato un processo importante cui sono emersi con chiarezza i rapporti del movimenti estremisti con i servizi segreti e le istituzioni militari. Ma non solo. In questo processo è stata ripercorsa, e riscritta con nuovi documenti, parte della storia d’Italia. Nel corso della requisitoria il pm ha ricordato come nel corso del processo sia emerso quali politici sapevano dov’era la prigione di Moro, come Kappler sia stato fatto scappare dal Celio dai nostri servizi segreti e barattato con la Germania per un prestito, come la liberazione di Cirillo sia stata trattata da Cutolo, come non vi fosse un solo estremista che non avesse un referente nei servizi. Ed ancora come alcuni estremisti cui era demandato il c.d. “lavoro sporco” non solo concordassero con uomini dei servizi le azioni da compiere, ma da questi ricevessero l’esplosivo per compiere gli attentati. E’ emerso come, per depistare le indagini e salvare gli autori delle stragi, venissero stilati rapporti falsi da inviare alla magistratura, come imprenditori mettessero a disposizione ingenti capitali per finanziare queste attività eversive, ecc..

Tutto pubblico, tutto agli atti del processo

Cose sicuramente più interessanti del matrimonio di Angelo Izzo, ma non per il c.d. “quarto potere”, ovvero quella che ancora, e senza vergogna, ci ostiniamo a chiamare “informazione”.

Oggi, nonostante la mole impressionante di documenti e informative dei servizi, è arrivata l’ennesima sentenza di assoluzione. Il perché la Corte abbia deciso in tal senso lo sapremo solo leggendo le motivazioni della sentenza che saranno depositate tra 90 giorni.

Lo diciamo subito, l’assoluzione non era attesa. Chi ha seguito il processo (le cui udienze è possibile ascoltare su radio radicale o leggere sul sito http://www.28maggio74.brescia.it/) , riteneva fosse possibile arrivare ad una condanna.

La Corte ha assolto per insufficienza e contraddittorietà delle prove. Probabilmente nel corso del processo ha giocato un ruolo importante la ritrattazione operata in aula da Maurizio Tramonte, informatore del SID dal 1973 al 1977, nome in codice “Tritone”.

Tramonte in aula ha affermato che le dichiarazioni rilasciate precedentemente agli organi inquirenti, in cui confermava quanto successo nel 1974 e le sue responsabilità, erano false: “non ce la facevo ad andare…, non riuscivo a muovermi senza cocaina…molto influiva la droga, l’alcool….mi inventavo tante storie. “

Domanda del PM: “lo scopo di queste invenzioni?”

Risposta di Tramonte: “Io dico che non ero normale…partivo con una idea la mattina ed a mezzogiorno non era più quella…ho detto una gran serie di sciocchezze…io so quanto male ho fatto alle persone, ho tirato dentro tutte le persone che conoscevo…gente che non c’entrava, il dottor Maggi che non conoscevo, il dottor Zorzi che non conosco, Delfino che non conoscevo nel ’74 e non conosco neanche oggi. Cioè ho tirato dentro di tutto e di più…Io do la colpa al mio stato di alcolista e drogato” (udienza del 01/06/2010).

Tutto inventato dunque. Ma quali conseguenze ha, nel processo, la ritrattazione? Nel nostro sistema processuale la prova si forma in dibattimento in contraddittorio con le parti; ovvero, tutte le dichiarazioni fatte nel corso delle indagini preliminari non hanno valore di prova, perché per assurgere a valore di prova devono essere riconfermate in dibattimento. Certo, se nella deposizione in aula la persona non riconferma quanto messo a verbale precedentemente gli si può contestare la difformità con quanto dichiarato all’organo inquirente, ma tale contestazione ha la sola funzione di controllo della credibilità del teste, ma non ha valore di prova.

A questo punto una domanda sorge spontanea: visto che in precedenti dichiarazioni rilasciate all’autorità inquirente Tramonte ha accusato persone di gravi reati pur sapendole innocenti (così ha detto in aula durante la ritrattazione) verrà condannato per calunnia? No, perché visto il tempo trascorso dalle dichiarazioni il reato di calunnia è prescritto. Una ritrattazione che, quindi, Tramonte ha potuto operare con tranquillità e senza nessuna conseguenza penale.

Comunque, anche in questo caso, come è sempre successo nella storia della nostra Repubblica, quando nei processi sono coinvolti i servizi segreti le sentenze sono sempre assolutorie. La cosa non sorprende gli storici, tanto che nello straordinario libro “I servizi segreti in Italia” di Giuseppe De Lutiis, uno dei più autorevoli studiosi di terrorismo e servizi segreti, si legge: “I servizi segreti sono, in tutto il mondo, organi clandestini del potere politico ed economico. La loro funzione sarebbe quella di garantire la sicurezza dello stato, ma accade spesso che la democrazia sia messa in pericolo proprio dalle attività illegali…. “Crediamo di poter affermare che esse si identificano, salvo alcune eccezioni, in una costante tutela dell’illegalità, intesa come protezione dei responsabili di gravi fatti eversivi, sia come abituale depistaggio delle indagini su quei fatti, sia infine come continuo ricorso al comodo paravento del “segreto politico-militare” anche quando è evidente che esso viene invocato per coprire verità scottanti. Da questa continua opera di intralcio sono poi inevitabilmente venute le varie sentenze assolutorie…”

Ma se questa appena riportata è un’analisi generica, ecco cosa dice Miguel Gotor, storico dell’Università di Torino, in ordine a questa assoluzione in una intervista rilasciata al TG2 delle ore 20.30 del 16/11/2010 :

“Oggi a Brescia, ancora una volta una strage senza colpevoli. Gli imputati sono stati assolti in base all’art. 530 c.p.p., comma 2, assimilabile alla vecchia insufficienza di prove, con una sentenza che richiama ad una prova contraddittoria e non sufficiente. Certo le sentenze vanno rispettate. Certo bisognerà attendere la lettura delle motivazioni della sentenza, ma l’indignazione è tanta. A distanza di 36 anni c’è ancora bisogno di giustizia, ci sarà la possibilità di un appello, ma la coscienza civile dei cittadini ed i risultati della coscienza storica, mi sento di dire, in questo caso, sono più avanti, e più consapevoli, di questa sentenza”.

Solange Manfredi
Fonte: http://paolofranceschetti.blogspot.com
Link: http://paolofranceschetti.blogspot.com/2010/11/la-sentenza-di-brescia-e-la-strage-di.html
18.11.2010

Pubblicato da Davide

7 Commenti

  1. ugale: STRAGE DI STATO.

  2. umiliazione, impotenza, e rabbia contro i servizi segreti, ma anche contro una magistratura pilatesca, o chi fa leggi tali che permettono questi esiti giuridici. Un tale accumulo di soverchierie ripetute delle istituzioni contro gli inermi giustificheranno, nel caso se ne verificasse l’occasione, scempi indiscriminati, simili a quelli di piazzale loreto

  3. e ancora una volta tutti zitti e buoni. Lo scandalo vero non è la sentenza, né l’attentato, ma la mancata indignazione, il silenzio, il disinteresse delle persone comuni di questo finto paese.

  4. Dice Solange : “Nel corso della requisitoria il pm ha ricordato come nel corso del processo sia emerso quali politici sapevano dov’era la prigione di Moro …. ” …….Ma quando mai ? Che c’entra il processo sulla strage di Brescia col caso Moro ? Un altro gran bel modo per depistare è creare una situazione in cui “tutte le vacche sono nere” … tutti sono colpevoli …. e quindi nessuno è colpevole …. a volte mi viene di pensare che il vero ruolo di certo “complottismo esasperato” sia proprio questo … spararle così grosse che poi pure le cose vere, tipo appunto che nel processo di Brescia sono uscite fuori chiare le “responsabilità di stato”in quella specifica strage, passano in secondo piano, finiscono avvolte da una specie di cortina fumogena di cazzate ….

  5. E’ il codice penale e procedura che e’ cucito addosso alle organizzazioni criminali,anche se si riesce a trovare i colpevoli,gli anni di lungaggini e sotterfuggi non permettono l’esito felice. Quando leggete “LE LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI” auguratevi di non esserci nel mezzo neanche nelle cause civili.

  6. Praticamente , in questo paese , l’unica giustizia è quella che dovresti farti con le tue mani !
    Poi dicono che bisogna rispettare i magistrati………

  7. Strage di Brescia, l’inutile sentenza di oggi e le bufale degli anni ’70

    DI MASSIMO FINI
    ilgazzettino.it

    Lo scandalo della sentenza della Corte d’Assise di Brescia non è che abbia assolto Zorzi e compagni. La magistratura non deve trovare un colpevole a tutti i costi, per accontentare l’opinione pubblica. Lo scandalo è che a questa sentenza si arrivi dopo 36 anni quando, sia che condanni sia che assolva, è diventata del tutto inutile.      Il problema di quegli anni è che c’erano troppi dilettanti allo sbaraglio. Anche nel Sid. Cosa faceva il famoso “agente segreto” Giannettini? Prendeva le notizie dai giornali e le passava ai superiori come se fossero sue informative. A questo punto le notizie diventavano quasi ufficiali, i giornali ci ricamavano sopra e Giannettini le riciclava in un circolo vizioso grottesco. Ho conosciuto anche il capitano La Bruna, non mi sembrò fatto di una pasta molto diversa. È anche per questa cialtroneria collettiva che non si è mai riusciti a individuare gli autori degli attentati che insanguinarono l’Italia negli anni ’70.      Per consolarlo del “buco nell’acqua” gli dissi che avevo conservato un documento sul presunto “golpe Borghese”. Sembrò molto interessato e, tornato a Milano dopo pochi giorni, venne a trovarmi a casa. Il documento che gli diedi aveva una storia. Il direttore dell’Europeo, Tommaso Giglio, mi aveva mandato a recuperarlo a Parigi. Mi incontrai in un lussuoso hotel con due loschi figuri. Il documento, da cui si ricavava che Andreotti era alle spalle del “golpe Borghese”, mi parve “ictu oculi” una bufala. Rientrato a Milano dissi a Giglio che bisognava fare almeno una perizia sulla carta, anche perché i due ci chiedevano 5 milioni. La perizia confermò i miei sospetti: era un falso.

    Un paio di mesi dopo mi telefonò un redattore di Panorama, Giulio Anselmi, per incontrarmi. Mi chiese che cosa ne pensassi sul documento del “golpe Borghese”. Evidentemente i falsari, avendo fallito con noi, ci stavano provando con Panorama. Dissi a Giulio che, secondo me, era una bufala. Ma non gli rivelai che avevamo fatto una perizia, in fondo erano soldi dell’Europeo. Panorama pubblicò ugualmente, si prese una querela da Andreotti e dovette sborsare parecchi quattrini.Due anni fa mi telefonò l’ispettore Cascioppo di Roma. Era a Milano e desiderava incontrarmi. “Volentieri, venga a prendere un caffè a casa mia”. “Eh no”, rispose: “Noi siamo la Digos, è lei che deve venire in questura”. Ci andai con la preoccupazione che ha chiunque non abbia mai avuto a che fare con la giustizia. La preoccupazione si mutò in stupore quando Cascioppo mi disse che stavano indagando sulla strage di piazza della Loggia. “Ma sono fatti di 34 anni fa!”, dissi io. Cominciò l’interrogatorio. Come sempre fanno gli investigatori erano domande generiche che giravano in tondo, ma che come dei cerchi concentrici si stringevano sempre più intorno a un nucleo centrale che non capivo cosa potesse essere. Finalmente Cascioppo arrivò al sodo. Avevo avuto contatti, come giornalista, con un certo gruppuscolo di destra legato a Ordine Nuovo? Dissi che lo conoscevo solo di nome. Allora Cascioppo mi mostrò un’informativa, anonima, che in quegli anni era arrivata al Sid, in cui si diceva che “tre giornalisti dell’Avanti!, Marco Sassano, Roberto Pesenti, Massimo Fini” avevano avuto contatti con questo gruppuscolo per realizzare un’inchiesta sull’”eversione nera” da vendere all’Espresso. Scorsi il documento. Era un’accozzaglia di incongruenze facilmente verificabili con un semplice controllo di date.

    Per quel che mi riguardava io, all’epoca, non lavoravo più, da tempo, all’Avanti!, ma all’Europeo. Cascioppo si convinse che non ne sapevo nulla. Mi stupii che un ispettore capace fosse utilizzato per indagare sul nulla.

    Massimo Fini
    Fonte: http://www.ilgazzettino.it/
    19.11.2010