Home / ComeDonChisciotte / LA SCIENZA AL SERVIZIO DELLA GUERRA

LA SCIENZA AL SERVIZIO DELLA GUERRA

DI RUDOLF HANSEL
Mondialisation. Ca

La scienza ha lo scopo di proteggere, non di annientare la vita

L’umanità, a ragione, si aspetta dalla scienza che essa aiuti a risolvere i problemi urgenti come la guerra, la povertà, la fame, la malattia e l’ingiustizia sociale, quando invece sempre più scienziati vendono il loro sapere, le loro abilità, e spesso anche la loro anima, al complesso militare-industriale e mediatico. Si allontanano talmente dal loro lato umano che aiutano a perfezionare i mezzi di annientamento totale dell’umanità. La decimazione delle popolazioni dei paesi poveri ne è la conseguenza, se non l’obiettivo. Si lasciano i popoli nell’ignoranza tenendo segreti i progetti di ricerca, si mente loro facendogli credere che si stanno perseguendo obiettivi umanitari.

La prima parte di questa serie di articoli tratta del soggetto prendendo in esempio la tecnologia militare – basata sulla nanotecnologia – delle armi all’uranio impoverito e delle armi biologiche come l’AIDS e la SARS. Consacreremo un altro articolo ad esempi tratti dalle scienze umanistiche che giungono in soccorso ai bellicisti invece di opporvisi. In un terzo articolo, mostreremo che ci sono sempre stati scienziati che si sono impegnati a favore della protezione della vita e della pace. Si tratterà di vedere come le forze sociali responsabili dell’educazione, della scuola, della giustizia, della ricerca, dell’economia e della politica possono unire le loro forze per ricordare agli scienziati le loro responsabilità nei confronti dei cittadini e della comunità e portarli a rispettare le norme etiche nei loro lavori scientifici.Nanotecnologia: “ Le nanostrutture, questi nuovi elementi minuscoli, permetteranno di compiere grandi cose.”

Qualche tempo fa è apparso su un grande quotidiano tedesco un annuncio a tutta pagina di un’industria chimica [1]. Un premio Nobel della fisica nato nel 1947 vi evoca i vantaggi di cui si suppone la nanotecnologia (NT) sia dotata. Egli stesso ha contribuito un quarto di secolo fa a far avanzare la NT inventando un microscopio a effetto tunnel che permette di osservare atomi e molecole. Il prefisso nano serve a designare le particelle la cui dimensione è inferiore a 100 nanometri (1nm = 1 miliardesimo di m) e, secondo questo scienziato, la nanotecnologia permette di lavorare su atomi precisi.

Il professore di fisica comincia enumerando prodotti industriali creati grazie alla NT, come padelle e vernici per automobili “estremamente resistenti” e nello stesso tempo “di facile manutenzione”, così come “nuovi materiali dalle proprietà superiori a quelle dei metalli”. Inoltre, nanosistemi biologici sono stati studiati “per essere utilizzati in medicina e nella tecnica”, così come “nuove tecniche di combustione […]che producono energia senza rilasciare CO2 nell’atmosfera”. Si sono investite molte speranze anche nei nanoprocessori “la cui produzione è meno costosa di quella delle attuali chip” e che sono più intelligenti. Secondo il nostro professore, la NT apporterà molto alla medicina. Nelle terapie anticancro, si introducono “delle nanoparticelle fino alle cellule cancerose, dove vengono riscaldate tramite agitazione magnetica distruggendo le cellule in modo mirato.” “Grazie alla nanotecnologia in particolare, un giorno saremo in grado di attaccare i virus e lottare contro pandemie che minacciano il mondo.” Dal momento che nella NT alcune cose sono ancora “ in via di sviluppo, dei timori al riguardo potrebbero manifestarsi nella popolazione, ad esempio a proposito dei chip intelligenti.” Dobbiamo inoltre “comunicare apertamente e creare una fiducia profonda nella scienza”. “Noi ricercatori”, afferma con forza, “ci avventuriamo in terre sconosciute, ma ridurremo i rischi per quanto ci sia possibile.”

Coloro che desiderano sapere di più sulla NT sono invitati, in fondo al comunicato, a “chattare” su internet con degli specialisti. L’argomento di discussione è il seguente: “Le nanostrutture, questi nuovi elementi minuscoli, permetteranno di compiere grandi cose.”[2]

Il profano si sentirà interpellato dalle promesse di questo annuncio, il malato di cancro potrebbe cominciare a sperare nuovamente, in particolare dal momento che gli scienziati celebrano la NT come una “nuova rivoluzione industriale”[3]. Non gli passerà per la testa di diffidare di queste belle promesse perché partirà dal principio che gli scienziati obbediscano ad un’etica stretta. In più, confiderà nel fatto che lo Stato controlli gli scienziati che da esso dipendono dal momento che le loro ricerche sono finanziate con i soldi dei contribuenti.

Nanotecnologia: effetti devastanti sulla salute. Se ci si prende la pena di leggere i rapporti di ricerche sulla NT facilmente reperibili su internet, si giunge ad altre conclusioni. Si può constatare con spavento che la NT è una tecnologia estremamente pericolosa per l’uomo. L’annuncio è un esempio di disinformazione mediatica dell’industria chimica che ha usato i servigi di un premio Nobel.

Hiltrud Breyer, deputata europea specialista della protezione dell’ambiente e dei consumatori, del genio genetico e della bioetica, ha pubblicato su “Blätter für deutsche und internationale Politik”[4] un articolo intitolato “Risiko nanotechnologie” [“Rischio nanotecnologia”, ndt] nel quale ci mette in guardia: la NT è entrata “insidiosamente, quasi inosservata” nelle nostre vite e “ i consumatori vengono usati come cavie indifese per i nanoprodotti”. Questi prodotti sono apparsi liberamente sul mercato “ anche se la NT cela dei rischi considerevoli”. La Commissione Europea riconosce, in un documento intitolato “Nanoscienze, nanotecnologia, un piano d’azione per l’Europa 2005-2009”, che la tossicità e i rischi per la salute dovuti alle nanoparticelle possono essere più pericolosi di quelli provenienti da particelle più grandi, ma nonostante ciò, dal 2007 ha raddoppiato il budget della ricerca.

Per quanto riguarda gli effetti incalcolabili della NT sulla salute, Breyer scrive: “Dato che la superficie delle nanoparticelle è più rilevante della loro dimensione, esse sono molto più reattive, ma allo stesso tempo molto più pericolose. […] Si fa in modo che le nanoparticelle sintetiche non si leghino a particelle più grandi in modo che siano meno pericolose.” Le nanoparticelle possono, “attraverso i polmoni e il sistema digestivo, giungere nel circolo sanguigno e da lì in tutti gli organi, compreso il cervello, poiché attraversano la barriera ematoencefalica che generalmente impedisce alla maggior parte delle sostanze di penetrare nel cervello”. Siccome la loro piccola dimensione fa sì che non siano riconosciute dal sistema immunitario come dei corpi estranei, possono scatenare infiammazioni e allergie. In esperimenti su dei topi, le nanoparticelle hanno causato “considerevoli danni genetici al cuore e all’aorta.”
Secondo Breyer è dal 2004 che la compagnia di assicurazione Swiss Re mette in guardia contro i “rischi non calcolabili”, stabilendo un parallelo con l’amianto, “ per il quale abbiamo impiegato 100 anni a riconoscerne i rischi”.

Secondo Breyer, non stupisce che gli Stati Uniti, guerrafondai, consacrino la metà del budget disponibile per la ricerca sulla NT per le sue applicazioni militari. Si tratta di ottimizzare le tenute dei soldati, di sviluppare nuove armi e anche di “ottimizzare” alcune capacità come l’intelligenza, la memoria o la forza fisica. Nanotecnologia: le armi nucleari di quarta generazione devono permettere di uccidere in maniera perfetta. Essenzialmente è stato il complesso militare-industriale a ricorrere alla NT e i presunti vantaggi menzionati nell’annuncio non sono che sottoprodotti della fabbricazione di armi da guerra. Un rapporto del 2004, destinato all’Assemblea parlamentare della NATO riguardante “le implicazioni delle nanotecnologie sulla sicurezza”[5], presenta in maniera dettagliata i vantaggi militari della NT. Secondo il relatore, la NT migliorerà considerevolmente la tecnologia militare: “Nel 2002, il Massachusett Institute of Technology (MIT) ha creato l’Institute for Soldier Nanotechnology (ISN) con una dotazione dell’esercito americano di 50 milioni di dollari per 5 anni”. L’obiettivo di questo centro di ricerca è di mettere a punto, con l’aiuto della NT, una tenuta da combattimento multifunzionale che migliori la protezione contro le armi biologiche e chimiche. “Alcune visioni più futuristiche intravedono anche la possibilità, grazie alle nanotecnologie, di sviluppare dei robots da combattimento autonomi e di un utilizzo militare dell’intelligenza artificiale.” Il fisico svizzero André Gsponer, direttore dell’ Independent Scientific Research Institut di Ginevra, arriva a pensare che “la NT può effettivamente, grazie ad alcune sostanze resistenti al calore e alle radiazioni, contribuire a miniaturizzare e a rendere più sicure le bombe nucleari.” Si tratterebbe di una bomba “pulita” a ridotta potenza esplosiva, a combustibile termonucleare che non contiene o contiene pochissimo materiale fissile e destinata a penetrare nel suolo.

Secondo una trasmissione televisiva di rainews24 [6], “le armi nucleari di quarta generazione provocano una contaminazione radioattiva limitata, ma le loro proprietà specifiche non sono ancora state divulgate dai militari”. Il fisico nucleare interrogato è dell’opinione che abbiamo a che fare con “dei nuovi processi nucleari”. Si potrebbero fondere da 30 a 40 tonnellate di blindati pesanti in acciaio e i corpi dei soldati uccisi si farebbero neri senza che vi sia traccia di bruciatura. Secondo rapporti provenienti da varie regioni in guerra nel mondo, sembra che simili armi vengano utilizzate dagli anni 90. E le chiamiamo bombe “pulite”?

Al punto 20, il relatore della NATO scrive quanto segue: “Le possibilità innovative delle nanotecnologie nell’ambito delle armi chimiche e biologiche sono particolarmente inquietanti poiché permettono di migliorare sensibilmente i vettori degli agenti o delle sostanze tossiche. La capacità delle nanoparticelle di penetrare l’organismo umano e le sue cellule sortirà l’effetto di facilitare enormemente la guerra chimica o biologica, di governarla e di dirigerla direttamente verso gruppi o individui precisi.”[7] Nel suo libro intitolato “Die geplanten Seuchen – Aids, Sars und die militärische Genforschung” [“Le epidemie progettate – Aids, Sars e genetica militare”, ndt], Wolfgang Eggert descrive bene il fenomeno: “Qui, scienziati beneficianti di considerevoli finanziamenti intraprendono ricerche sull’annientamento dell’umanità tramite armi biologiche.”[8]

La Russia non vuole essere da meno nell’ambito della NT. A sentire la stampa, si tratta, nel quadro di un grande sforzo di investimento, di consacrare 200 miliardi di rubli alla ricerca nanotecnologica e di creare, grazie a nuovi materiali e a delle nanomacchine, nuove armi devastatrici. In seno ad un Consiglio delle nanotecnologie istituito recentemente, troviamo, a fianco di politici di primo piano, eminenti rappresentanti del capitale industriale e della scienza [9]. Non stupisce che, vista questa nuova corsa agli armamenti, i banchieri presentino il settore nanotecnologico a suon di superlativi e pronostichino un fatturato di 700 miliardi di dollari per il 2008 [10]. E dal momento che la Germania è al passo in materia di NT [11], le abilità tedesche dovrebbero rappresentare un grande interesse per l’industria di armamenti americana che funziona a pieno regime.

Armi radioattive all’uranio: genocidio o “onnicidio” [ ndt: estinzione della specie umana a seguito di un’azione umana, come una guerra nucleare o una catastrofe ambientale] a credito. La NT non è che un esempio tra gli altri di come, come scriveva Einstein, il dotto “si abbassi al punto da contribuire, in tutta obbedienza, a perfezionare i mezzi che permetteranno la distruzione totale dell’umanità.”[12] Un altro esempio è costituito dallo sviluppo di armi radioattive all’uranio, seconda arma di distruzione di massa dopo il Zyklon B, messo a punto in Germania. Utilizzando durante le loro guerre contrarie al diritto internazionale armi all’uranio contro la popolazione civile di Jugoslavia e Iraq negli anni 90, contro l’Iraq e l’Afghanistan e, con Israele, contro il Libano durante i primi anni di questo secolo, gli Anglo-Americani hanno commesso un genocidio ed un onnicidio a credito. “Horizons et débats” ha pubblicato numerosi articoli su questo argomento[13]. L’ uranio impoverito, prodotto di scarto delle centrali nucleari, viene utilizzato per fabbricare munizioni dal grande potere penetrante destinate ad attaccare blindature e muri di cemento di impianti nucleari sotterranei profondi vari metri. Al momento dell’impatto della munizione sul bersaglio, dopo un grande rilascio di calore, una polvere di nanoparticelle di uranio si spande nell’atmosfera avvelenando e irradiando uomini, animali e vegetazione. La vita media delle particelle di uranio impoverito è di 4,5 miliardi di anni. Albrecht Schott stima che l’uranio impoverito sia “un esempio di intervento nel creato che ne minaccia l’esistenza” e “un’arma diretta non contro gli stati ma contro il pianeta”[15].
L’utilizzo di quest’arma costituisce una violazione flagrante della Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio del 1948, esito del Processo di Norimberga [16].

AIDS e SARS, altre armi di distruzione di massa messe a punto dagli scienziati?

Secondo le ricerche di Wolfgang Eggert, sembra che l’AIDS e la SARS siano delle armi biologiche “inventate” in laboratori di massima sicurezza statunitensi al fine di sterminare esseri umani. Ciò che testimonia nel suo libro “Die geplanten Seuchen – Aids, Sars und die militärische Genforschung” è pressoché incredibile. Nel 1969, il ministero della difesa statunitense avrebbe richiesto un credito di 10 milioni di dollari destinato a ricerche sullo sviluppo di un nuovo virus che distruggerebbe il sistema immunitario e contro il quale non esisterebbe terapia [17]. Secondo il direttore aggiunto del Dipartimento di ricerca del Pentagono, “il possesso di questo virus conferirebbe agli Stati Uniti la superiorità militare assoluta”. Il credito fu accordato e gli scienziati più capaci – tra i quali Robert Gallo, “scopritore” dell’HIV, si sono messi al lavoro. Dieci anni dopo, si verificarono i primi casi di AIDS negli Stati Uniti.

Così, l’AIDS sarebbe un’arma biologica di distruzione di massa sviluppata dal genio genetico militare e utilizzabile, ad esempio, per depopolare il continente africano, in modo che i “global players” alleati dell’apparato militare possano sfruttarlo più facilmente. Eggert scrive: “Mezzo secolo fa, la fissione dell’atomo ha creato la prima minaccia di annientamento mondiale. Oggi, gli scienziati manipolano i geni e creano nuove malattie che celano un potenziale distruttivo altrettanto inquietante”[18]. Secondo Henry Kissinger, che 30 anni fa è stato il ministro americano degli Affari Esteri e capo del Consiglio nazionale di sicurezza e che ha redatto il “National Strategic Security Memorandum 200” (NSSM 200), il depopolamento doveva essere “la prima priorità della politica americana nei confronti del terzo mondo”[…] dal momento che l’economia americana necessitava “innanzitutto di materie prime provenienti d’oltre mare, soprattutto dai paesi meno sviluppati”[19].

Secondo le Nazioni Unite, nel corso dei prossimi 20 anni, l’AIDS farà nella maggior parte dei paesi toccati dalla pandemia 68 milioni di morti se non cambierà nulla di decisivo. I più vulnerabili sono i giovani male o per nulla informati [20]. Solo durante il 2005, più di un milione di giovani, di cui due terzi ragazze, sono stati contaminati dall’HIV[21].

Secondo il cronista di una radio africana, non c’è più posto nei cimiteri per seppellire i numerosi morti di AIDS.

La seconda arma biologica creata dagli scienziati descritta da Eggert nella sua opera è il virus della SARS. A crederci, il virus è stato verosimilmente creato artificialmente come “mezzo di guerra di basso livello”. È stato “messo in circolazione” in Asia ed ha frenato la stupefacente crescita economica della Cina [22].

La scienza al servizio della guerra

I preparativi di guerra del complesso militar-industriale e mediatico non sarebbero possibili senza la partecipazione di numerosi scienziati qualificati provenienti da molti ambiti diversi. Sembra che il suddetto complesso possa contare sulla loro collaborazione più o meno entusiasta. Questo stretto legame non ha certo origine oggi.

Il 29 agosto 1915, un anno dopo l’inizio della Prima Guerra Mondiale, il “Berliner Illustrierte Zeitung” scriveva, in un articolo intitolato “La scienza e la guerra”: “La guerra brutale sembra incoraggiare tutt’altro che la ricerca pacifica. In questa guerra, il lavoro scientifico porta delle vittorie. […] Ricercatori e dotti tedeschi non smettono di inventare armi stupefacenti per i nostri eserciti vittoriosi.”[23]

Le ricerche sui gas da combattimento e le loro applicazioni in vista di un loro utilizzo durante la Prima Guerra Mondiale, quelle sul Zyklon B utilizzato durante la Seconda Guerra Mondiale, il programma Manhattan relativo alla messa a punto della bomba d’Hiroshima, lo sviluppo della bomba a idrogeno negli anni ’50, l’utilizzo del defoliante “Agente Arancio” – sostanza tossica che provoca malformazioni dell’embrione – durante la guerra in Vietnam negli anni ’60-’70, così come le ricerche sulle armi biologiche cominciate negli anni ’20 in Unione Sovietica, in Gran Bretagna, in Canada e negli USA sono dei capitoli particolarmente oscuri della ricerca scientifica dell’ultimo secolo [24].

Di cosa saranno ancora capaci gli uomini? Le ricerche in Sudafrica riguardanti una droga che renda sterili in modo da ridurre “umanamente” la popolazione nera (“bomba razziale”) o quelle in Israele su una “bomba etnica” diretta contro gli Arabi sono i prodotti mostruosi delle menti di politici e di scienziati senza alcuna coscienza morale [25]. E cosa ci attende per il 21esimo secolo?

Nel 1998, gli scienziati del “Forschungsverbund Naturwissenschaft, Abrüstung und internationale Sicherheit” (FONAS), in un “memorandum di ricerche”, hanno attirato l’attenzione su “una rivoluzione nell’ambito militare” che si sta preparando oggi nei laboratori:

“La presa in considerazione dello spazio, l’elettronizzazione e l’automatizzazione del campo di battaglia, lo sviluppo di nuovi tipi di armi e l’aumento della precisione e del potere di penetrazione delle armi rinforzano nuovamente la dinamica della corsa agli armamenti. […] Negli Stati Uniti, si parla di una rivoluzione nell’ambito militare che si sta preparando scientificamente”[26]. La bomba nucleare di quarta generazione concepita grazie alla tecnologia è uno dei prodotti mostruosi di questa rivoluzione degenerata.

Perché i cittadini non si muovano, si mente loro sui veri obiettivi di queste ricerche: si invoca il miglioramento della salute pubblica, la sicurezza energetica, la lotta contro la fame, la lotta contro il terrorismo internazionale, il mantenimento della pace nel mondo. Ed ecco che le rare scoperte applicabili all’ambito civile non sono che dei sottoprodotti della produzione di armi da guerra che prospera nel mondo intero.

Le scienze umanistiche al servizio della guerra. Le scienze naturali non sono le sole a mettersi al servizio del complesso militar-industriale e mediatico. Anche rappresentanti delle scienze umanistiche contribuiscono, in tempo di guerra o durante gli anni dei preparativi, alla mobilitazione psicologica della popolazione, come mostreremo nel prossimo articolo.

In un terzo articolo, parleremo degli scienziati che si sono impegnati in favore della pace e di un’etica di pace, come Albert Schweitzer e molti altri [27], e vedremo come la società può esigere questo impegno.

Note:

[1] Süddeutsche Zeitung del 18/6/2007. Le citazioni seguenti provengono tutte dallo stesso annuncio.
[2] Cf. www.forum-chemie-macht-zukunft.de
[3] Breyer, H. (2006), Risiko Nanotechnologie, in: Blätter für deutsche und internationale Politik 9/2006, p. 1134.
[4] ibid. Le citazioni seguenti provengono tutte dallo stesso articolo.
[5] www.nato-pa.int
[6] rainews24.rai.it/ran24/inchieste/01022007_hiroshima.asp
[7] www.nato-pa.int
[8] Eggert, W. (2003), p. 84
[9] «junge Welt» del 18/7/2007
[10] «WAMS» del 16/3/2003
[11] ibid.
[12] Estratto del Messaggio indirizzato al 43e Congresso della Società italiana per il progresso delle scienze
(en 1950)
[13] Cf. l’abbondante documentazione in tedesco da consultare sul sito www.zeit-fragen.ch
[14] Cf. Schott, A., Fluch und Tragödie des Uranmissbrauchs, Berlino, 2003
[15] ibid.
[16] ibid.
[17] Eggert, W. (2003), Die geplanten Seuchen …
[18] ibid.
[19] ibid. p. 64
[20] www3sat.de/nano/news/34651/index.html
[21] Comunicazione 367 della Commissione europea su una strategia europea sui diritti del bambino (2006)
[22] Eggert, op. cit.
[23] 24e anno, no 35, pp. 475–476
[24] Alibeck, K. / Handelman, S. (2001), Direktorium 15. Russlands Geheimpläne für den biologischen Krieg, Monaco
[25] Eggert, op. cit.
[26] Mathematisches Seminar der Universität Hamburg, 23 giugno 1998
[27] Schweitzer, A. Friede oder Atomkrieg, Monaco, 1984

Scienza e morale:

“Grazie ad ampie conoscenze e all’utilizzo mirato di varie leggi oggettive del mondo materiale, l’umanità ha raggiunto un alto livello di sviluppo tecnico e tecnologico. Ma cercando di applicare le conoscenze più recenti del progresso scientifico e tecnico, l’umanità ha perso di vista la sua sfera spirituale e morale. Essa ha quasi totalmente ignorato quest’ambito che comunque esiste e si sviluppa secondo regole precise. Queste leggi non sono meno oggettive di quelle del mondo materiale. Una legge fondamentale dell’universo, che vuole che il livello di sviluppo intellettuale e morale dell’umanità sia sempre un po’ più alto di quello del progresso scientifico e tecnico, è stata violata.
È solo in questo caso che l’uomo prende coscienza del suo dovere di impiegare le considerevoli acquisizioni della scienza e della tecnica a profitto del bene comune, della prevenzione della fame, della miseria e delle malattie in tutto il mondo.”

Estratto da un discorso di Tchinghiz Aïtmatov pronunciato all’EPF di Zurigonel 2000

Tentativo d’influenza delle multinazionali dell’energia nucleare sul sito “Wikipedia”:

Colui che cercava i termini “centrale nucleare”, “centrale atomica” o “centrale nucleare di Biblis”, “centrale atomica di Leibstadt” o un qualche termine simile su Google trovava innanzitutto le pagine critiche di www.bund-freiburg.de.*
Alcune di queste pagine venivano consultate fino a 10 000 volte in poco tempo ed è per questo che non piacevano alle lobby dell’energia nucleare.
Da quando in Svizzera è stata deposta la domanda per una nuova centrale nucleare, su Google non si trovano più quelle pagine critiche.

Wikipedia + centrali nucleari + lobby dell’energia nucleare

Già da molto tempo vivi tentativi ben organizzati di influenza delle lobby dell’industria atomica hanno purtroppo “successo” su varie pagine tedesche e svizzere di Wikipedia. Spesso, non ci sono informazioni sugli scarti radioattivi durante il loro “normale funzionamento”, sui rischi di cancro e sugli incidenti.

Non abbiamo mai cercato di influenzare il sito di Wikipedia, e tuttavia abbiamo messo su ciascuna pagina di Wikipedia relativa alle centrali nucleari un collegamento che porti sul nostro sito in modo da creare un certo equilibrio ( Ad esempio il link che porta della pagina di Wikipedia su Biblis a quella nostra riguardante la centrale nucleare di Biblis.).

Da mesi, i link che portano alla nostra pagina vengono spesso cancellati, mentre quelli unilaterali che conducono alle pagine degli sfruttatori delle centrali nucleari sono rimasti.

Dal maggio 2008, tutti i collegamenti che conducono alle pagine di Bund riguardanti le centrali nucleari si trovano sulla lista spam di Wikipedia.

Da allora, non si trovano più neanche su Google le nostre pagine sull’energia atomica, fatto che costituisce una catastrofe per quel che riguarda il libero accesso all’informazione.

È abbastanza vergognoso per un’enciclopedia “libera” lasciare che dei link riportino alle pagine di multinazionali dell’energia atomica senza alcuna critica, tanto da cancellare quelli che conducono alle pagine critiche delle organizzazioni non governative.

Questo attacco mostra certamente come le nostre informazioni sono malviste dalle lobby dell’industria atomica, anche se vengono avanzate giustificazioni del tutto differenti in ragione della radiazione dal sito e della classificazione come spam.

È stato un bene anticipare in “garanzia” i testi più importanti sull’energia atomica sul mio sito privato (www.mitwelt.org) che Google almeno lascia ancora apparire…
Il fatto di trovare in parte la “neolingua” di [Orson Welles] George Orwell [correzione del traduttore] sulle pagine di Wikipedia che trattano dell’energia nucleare è un altro elemento che si aggiunge al quadro descritto. In numerosi articoli, si parla di “camini di estrazione dell’aria”. Con questo si sottointendono i camini attraverso i quali tutte le centrali nucleari, durante il loro normale funzionamento, immettono nell’ambiente la radioattività suscettibile di provocare il cancro.

Ma nell’epoca dei “parchi di trattamento dei rifiuti”, il “camino di estrazione dell’aria” suona molto meglio.

L’associazione regionale del Bund pensa che il movimento ecologista non debba abbandonare Wikipedia alle ramificazioni pubblicitarie dei gruppi dell’energia atomica. Quello che viviamo da molti mesi, è una guerra su Internet e Wikipedia, un conflitto moderno sull’accesso alle informazioni. Esistono degli indici su come sconosciuti si iscrivono sulle nostre liste di direct mail per definire le nostre informazioni come spam per via elettronica.

L’intensità di questi conflitti si amplificherà ulteriormente nell’avvenire. Sappiamo che la manipolazione attraverso Wikipedia è stata un argomento trattato durante il congresso organizzato dalle lobby in materia di nucleare.

Il movimento ecologista non dovrebbe lasciare la “libera enciclopedia” Wikipedia nelle mani dell’industria atomica senza combattere.

Bund Freiburg è un’associazione tedesca a favore dell’ambiente e della protezione della natura

Rudolf Hänsel, Horizons et débats No 26, 2008
Fonte: mondialisation.ca
Link: www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=9549
10.07.08

Tradotto per www.comedonchisciotte.org da VALEROSSA

Pubblicato da Truman