Home / ComeDonChisciotte / LA SBORNIA DELL’11 SETTEMBRE

LA SBORNIA DELL’11 SETTEMBRE

DI CARLO BERTANI

“Il se ed il ma sono il pane dei grulli”
Proverbio toscano

Dopo le commemorazioni di rito per l’attentato “che ha cambiato il mondo”, dopo i mille “speciali” dei TG nazionali, dopo gli “esperti” che ci hanno mostrato anche l’ultimo pelo nell’uovo della vicenda (dov’erano durante la guerra in Libano?), dopo la retorica e la mistificazione, l’incenso e la polvere, cosa rimane?
Una sensazione d’inadeguatezza, confusione, sconcerto: la classica “sbornia mediatica”.
Ma, veramente, qualcuno ritiene di poter scrivere la verità sugli attentati dell’11 settembre 2001? Ci sono persone le quali ancora credono che, sapere tutta la verità su cosa successe, cambierebbe qualcosa? Conoscere i retroscena della vicenda muterebbe l’oggi?
Confesso che l’argomento mi ha appassionato assai poco, giacché chi ha vissuto la stagione italiana delle bombe e degli attentati, delle BR e dei servizi segreti deviati non ci ha messo molto a capire che si tratta del solito polverone, del medesimo garbuglio storico già visto tante volte, delle comuni mezze verità raccontate per alimentare per anni i “cercatori della verità”, che a loro volta finiscono proprio per essere utilissimi – nella miglior buona fede – per chi desidera nascondere la verità.
Apparente contraddizione? No, perché le “verità” importanti sono altre, e non serve andare a squartare il capello in quattro per verificare se gli attentatori fossero proprio quelli indicati, se gli aerei furono proprio quelli, se nessuno sapeva nulla, se, se, se…

Per gli amanti della Storia, possiamo citare alcuni eventi che illuminano quanto sia pieno di sfumature e contraddizioni ciò che ci raccontano.
Garibaldi fu il conquistatore del Regno delle Due Sicilie? E come fece a raggiungere Marsala – con due piroscafi praticamente rubati – se a contrastarlo c’era la Marina Partenopea, ossia la più forte ed organizzata Armata Navale italiana dell’epoca? Come mai le navi di Francesco II non fecero a pezzi il Piemonte ed il Lombardo?
Semplicemente perché nel porto di Marsala erano ormeggiate – casualmente – due fregate britanniche. Quando le navi borboniche giunsero nel luogo dello sbarco, non riuscirono a far molto per il timore di colpire i due legni inglesi – che a loro volta avrebbero chiamato qualche “fratello maggiore” della Flotta del Mediterraneo britannica – e Garibaldi riuscì ad inoltrarsi nell’interno indisturbato. Successivamente, parecchi alti ufficiali borbonici si fecero corrompere – ma qui entriamo già in aree dubbie – mentre la presenza delle due navi inglesi è inconfutabile. Molti, però, continuano a ritenere l’impresa dei Mille una semplice combinazione di coraggio e fortuna, mentre dietro all’impresa c’era la precisa volontà britannica, che vedeva in un futuro (e relativamente debole) stato italiano un contrasto all’espansione francese nel Mediterraneo.

Spicchiamo un salto di quasi un secolo ed atterriamo a Pearl Harbour il 7 dicembre del 1941, quando gli aerei giapponesi stanno per attaccare le corazzate americane alla fonda. Nessuno sapeva nulla delle sei portaerei dell’ammiraglio Nagumo, che avevano attraversato completamente indisturbate il Pacifico?
Gli americani sapevano che le navi giapponesi erano scomparse dal loro ancoraggio nella baia di Hitokappu – nelle isole Kurili, Giappone settentrionale – il 23 di novembre[1] : quando si presentarono alle Hawaii erano due settimane che lo Stato Maggiore Americano le aveva perse di vista. Tutto ciò avveniva proprio mentre Roosevelt attendeva una risposta all’ultimatum posto al Giappone, nel quale gli USA fissavano le quantità di materie prime (ferro, carbone, petrolio, ecc) che l’Impero del Sol Levante avrebbe potuto importare: Washington attendeva una risposta che poteva significare solo pace (ossia completa sottomissione) oppure guerra. E persero di vista per due settimane l’intera squadra di portaerei giapponesi?
Di più: l’ammiraglio Chester Nimitz – a quel tempo addetto alle operazioni navali a Washington – bramava per avere un comando in mare: l’occasione di Pearl Harbour gli consentì di superare l’ostracismo del presidente Roosevelt verso la sua persona, e “scalzò” lo sfiduciato Kimmel dalla poltrona di comandante della Flotta del Pacifico.
In questo caso, addirittura, ci furono più elementi a giocare a favore della sorpresa giapponese: la necessità di Washington d’entrare in guerra per dare finalmente la scalata al potere planetario ed anche un competitore interno che – pur di raggiungere quella poltrona – possiamo ipotizzare che “tifasse” giapponese.

Alberto Franceschini – uno degli storici fondatori delle BR – afferma nel suo libro[2] di memorie che riuscirono a scampare più volte alle trappole tese loro dalle forze dell’ordine, grazie alle “soffiate” ricevute niente di meno che dal Mossad. Quando furono catturati nel 1974, nei pressi di Pinerolo, erano di ritorno da Roma dove s’erano recati per preparare un agguato a Giulio Andreotti. Allora non esistevano i telefonini, ed un loro compagno che puntualmente ricevette la “soffiata” non riuscì a contattarli per avvertirli del pericolo prima che giungessero in Piemonte, dove i Carabinieri li attendevano.
Forse il Mossad riteneva che una sorta di “tanto peggio, tanto meglio” – vista la politica sfacciatamente filo-araba dell’Italia – potesse aprire la porta a soluzioni autoritarie più favorevoli per Israele, oppure colui che forniva le “soffiate” – sempre che Franceschini racconti la verità – usò la “copertura” del Mossad per proteggere le sue vere fonti?
Come si può notare, nonostante queste coincidenze, non è possibile dimostrare nulla: nessuno può sostenere un diretto coinvolgimento della Gran Bretagna nell’impresa dei Mille né, tanto meno, affermare che Nimitz si guardò bene dal rendere pubbliche eventuali informazioni in suo possesso. Chi era l’informatore delle BR? C’era veramente il Mossad dietro alle “soffiate”?

Stupisce osservare come tanti commentatori si consumino per dimostrare un coinvolgimento diretto dell’amministrazione Bush negli attentati dell’11 settembre, per un semplice motivo: anche se così fosse – ossia se gli USA avessero avuto proprio bisogno dell’attentato per partire alla conquista delle aree di produzione petrolifera – non avevano nessuna necessità di “sporcarsi le mani” e compierlo loro stessi.
Stupisce ancor più costatare che nella trappola cascano esperti giornalisti italiani: ma, abbiamo dimenticato cosa successe nel nostro paese fra il 1969 ed il 1980? Chi ha saputo indicare gli autori dell’attentato di Piazza Fontana? Dopo i vari processi-farsa, dopo Valpreda, Freda, Ventura, Giannettini, Zorzi…cosa rimane?
Nel giugno del 1980 un DC-9 sparì dagli schermi radar, e dai tabulati di tutti gli aeroporti del Tirreno scomparvero contemporaneamente tutti i tracciati radar di quella sera maledetta. Si trattò di una coincidenza del tutto normale? Pochi giorni prima o dopo (nessuno è nemmeno più in grado di sostenere con certezza una data!) un Mig libico si schiantò sulla Sila. E’ un fatto del tutto normale: i Mig libici ogni tanto cascano, cadono dove fa loro comodo.

Insomma, che questa gente ci sta prendendo in giro da decenni lo sappiamo, ma se commettiamo l’errore di correre dietro ai “fatti” – ossia al sofisticato caleidoscopio delle informazioni e delle smentite, dei processi, delle sentenze emanate e poi annullate, delle “gole profonde” e dei “dossier” segreti – sapete cosa combiniamo? Ci dissanguiamo in un assurdo teatrino, nel quale noi corriamo come pazzi per dimostrare la loro cattiva fede, mentre loro se la ridono beati e preparano per tempo la nuova “rivelazione”, il nuovo “agente all’Avana”, l’ennesima imitatrice di Mata Hari. E ci prendono per il sedere alla grande.

Qualcuno pensa veramente che, se gli USA avevano bisogno di un attentato eclatante per dare il via alla danza della guerra, dovevano per forza crearsi i “mostri” in casa? Dovevano andarli a pescare proprio dalle parti del socio in affari del presidente, nei rapporti fra il Saudi Binladin Group e la famiglia Bush?
Suvvia, signori, non crediamoli troppo fessi. Per fare queste cose non è necessario “fare”, è sufficiente “lasciar fare”.
Da qualche parte, nel pianeta, esisterà pure il più scalcinato gruppo terrorista del Medio Oriente – che so io…il “Donald Duck Fan Club” della valle della Bekaa – che si propone d’affondare la corazzata USA distruggendo tutte le copie esistenti dell’odiato “Topolino”. Basta lasciarli fare: è sufficiente fornire loro i mezzi economici e qualche “buon consiglio”. I buoni consiglieri militari non mancano mai: sono lì apposta per consigliare…
Basta spostare l’attenzione da Topolino ad un altro obiettivo…fornire un po’ di soldi…il necessario addestramento…fatto!
Dopo, si può gridare ai quattro venti che l’Islam ha colpito l’Occidente – come se i quattro scalzacani fossero l’Islam – e dare inizio alle grandi operazioni militari su larga scala. E chi glielo fa fare di preparare loro stessi una simile pantomima?
Di più: lasciano filtrare anche vecchi piani “segreti” dove si narra di missili contro il Pentagono, contro Paperino, contro Marte…e noi: giù per la china a correre loro dietro!

Piuttosto, la domanda da porre ai sostenitori della politica USA è: com’è possibile che la prima potenza mondiale – che può contare sull’FBI, sulla CIA, sui servizi di spionaggio e controspionaggio di Esercito, Marina, Aviazione e Marines e sulla rete consolare più ramificata del pianeta – non sia riuscita a sapere nulla del più eclatante attentato terroristico mai compiuto?
Questa domanda – solo apparentemente retorica – ne trascina una seconda: è sulla stessa rete d’informazioni e di elaborazione dei dati che poggia la cosiddetta “guerra al terrorismo”? In altre parole, è sotto il comando della stessa gente che le truppe ed i servizi di molti paesi dovrebbero contrastare il terrorismo mondiale? No, ditelo subito se è così, perché sarebbe meglio – a questo punto – chiamare subito il Mago Zurlì ed affidargli seduta stante tutta la faccenda.

Il tranello nel quale cade chi si presta a correre dietro a queste Fate Morgane è quello di farsi dare dell’idiota, del fantasticatore, del cantastorie e del terrorista in pectore da gente che dovrebbe invece rispondere dei massacri di Falluja e di Haditha, di Abu Graib, del disastro afgano, del nuovo “polpettone” in salsa ONU del Libano, della Jugoslavia, del Ruanda…dov’erano lor signori mentre migliaia di persone ci lasciavano la pelle per le loro belle pensate? Forse a preparare l’ennesima notizia/bufala da far filtrare abilmente per gli sciocchi che amano reti, ami e nasse mediatiche?
Se vogliamo tracciare le future linee della politica internazionale, non le troveremo certo andando a rovistare negli archivi che la CIA (guarda a caso!) ci consente di sbirciare; suvvia: sarebbe come se un potenziale uxoricida si mettesse a seminare per strada bigliettini con scritto “Ucciderò mia moglie”, firmato con nome, cognome ed indirizzo!

L’unica vera notizia è che il prezzo dell’energia aumenta a ritmi superiori al 15% annuo, perché sugli ultimi 50 anni d’estrazione petrolifera vogliono giocarsi tutto, fino all’ultimo centesimo. Passare alle rinnovabili? Perché farlo oggi quando c’è ancora tanto da lucrare?
I contratti d’estrazione del petrolio iracheno erano nelle mani di Francia e Russia? OK: facciamo una bella guerra all’Iraq e prendiamoci ‘sto petrolio. Punto. Cosa serve? Un po’ di polverone mediatico? E che ci vuole…date a Powell due fialette d’acqua distillata, scriveteci sopra “Antrace” e mandatelo all’ONU, ci cascheranno come degli idioti…
Per contrastare il passaggio d’eventuali oleodotti verso la Cina serve occupare l’Afghanistan? Ma sì, tanto racconteremo che andremo a prendere Bin Laden…
L’Iran vende il suo gas alla Cina e con i dollari che guadagna compra tecnologia da Mosca? Cosa si può trovare per bombardarlo? Costruiscono centrali nucleari? E voi raccontate che costruiscono bombe nucleari, tanto la gente quando sente la parola “nucleare” si spaventa e chiude le orecchie.
Il Pakistan ci ha costruito sotto gli occhi degli ordigni nucleari ed i relativi missili per la consegna? Perché, cosa c’entra il Pakistan? C’è petrolio in Pakistan?

No, in Pakistan abitano Bin Laden ed Ayman Al Zawahiri, ma non ce ne frega niente. Bin Laden era a libro paga della CIA? Ma lo sanno tutti, che notizia è? Iniziò in Afghanistan, poi in Bosnia ad organizzare i battaglioni dei mujaiddin, mentre l’inviato di Clinton – William Burns – compiva un lungo tour fra i clan dell’Albania e del Kosovo per preparare il gran finale del decennio balcanico, la guerra contro la Serbia.
Intanto, nel 1998 a Washington giungevano in visita i separatisti ceceni, accolti non proprio in pompa magna ma comunque con tutto il rispetto dovuto a chi combatteva l’orso russo: il nemico del mio nemico è in qualche modo il mio amico.
Anche in questo caso – però – giungere a concludere che oggi Al-Qaeda è a libro paga di Washington è un azzardo che non si può dimostrare, perché il miliardario saudita ed il medico egiziano hanno probabilmente deciso semplicemente di mettersi in proprio. Eh, dopo tanti anni “a bottega” il mestiere l’abbiamo imparato: se c’è da combattere almeno proviamo a farlo per qualcosa che renda – magari io mi prendo Ryad e tu Il Cairo, che ne dici Ayman? – mica per riempire le tasche delle corporation di quel bellimbusto di George.

Perché hanno deciso di mettersi in proprio?
Osserviamo chi ha debiti e chi invece ha crediti nel pianeta, chi vorrebbe acquistare beni e servizi con quei crediti e chi vorrebbe invece calmierare la sua situazione debitoria con i crediti altrui.
A quanto ammonta il debito pubblico italiano? All’incirca al 110% del PIL, qualcosa come 1.400 miliardi di euro. Bel colpo.
E quello americano?
Sommando il debito interno, quello con l’estero e l’indebitamento delle famiglie americane potremmo ipotizzare una cifra fra i 15.000 ed i 20.000 miliardi di dollari, un voragine. Francia e Germania stanno un poco meglio, ma circa mille miliardi di euro di debito li hanno anch’esse sul groppone.
Chi ha dei crediti?
La consistenza delle riserve di petrolio nel Medio Oriente ammonta a circa 700.000 milioni di barili[3] – ed è una cifra molto prudente, senz’altro sottostimata – che tradotti in dollari ad un prezzo medio di 70 $/barile fanno la rispettabile cifra di 49.000 miliardi di dollari, ossia quanto basta per “rimpinguare” l’immaginario conto in banca dell’Occidente e tornare ad osservare il mondo “in rosa”. C’è poi il gas naturale, e circa un terzo del metano presente nel pianeta è sempre da quelle parti: altre migliaia di miliardi di dollari.

E, attenzione: quelle riserve sono beni, non pezzi di carta di dubbio valore, sono il motore con il quale alimentare il pianeta nei prossimi 40 anni (forse meno, ma non ha soverchia importanza).
Avendo la possibilità di mettere le mani su un simile tesoro, c’è da preoccuparsi su come accendere la miccia che consentirà di mettere le mani sul malloppo?
A fronte di simili cifre tutto torna comodo: grattacieli, navi, attentati vari…anche un pestone su un callo al presidente USA può essere utile per rimpinguare la sciaguratissima economia americana e l’asfittico sistema produttivo europeo.

In definitiva, il lupo perde il pelo ma non il vizio: dopo aver trascorso quattro secoli a depredare le ricchezze altrui, USA ed Europa tornano sui loro passi e riprendono l’andazzo coloniale e neocoloniale che, tradizionalmente, ha sempre dato buoni frutti.
Iniziarono subito dopo la scoperta delle Americhe con il cosiddetto “triangolo degli schiavi”: le navi europee portavano mercanzie di scarso valore in Africa, le scambiavano con gli schiavi neri razziati dagli arabi, poi prendevano il mare per le Americhe e scambiavano la carne umana con zucchero, cotone, tabacco, ecc. che rivendevano in Europa.
Con quella bella trovata campammo tre secoli: l’esperienza qualcosa insegna. Dopo, venne la stagione dell’energia: lo scambio di petrolio contro dollari, tecnologia ed armi segue praticamente lo stesso schema. L’unica cosa da non permettere è che qualcuno che possiede l’energia sia in grado di trasformarla in tecnologia, altrimenti il giocattolo – il nuovo “triangolo degli schiavi” – si rompe: vedi la questione iraniana.
Per mantenere in vita il nuovo “triangolo” servono delle truppe d’occupazione? Pazienza, si raccattano negli slums di New York i poveracci – come un tempo venivano raccattati nei bassifondi di Liverpool per schiaffarli in India – e con un po’ di fregnacce li si convince che l’Iraq non è poi tanto male: tanto, quando ritorneranno in un sacco di plastica non potranno più obiettare. I soldati USA in Iraq sono i nostri eroi: sono loro che consentono alla massaia americana di comprare pane e latte anche domani.
Per la stessa ragione, l’unico accordo che sta bene agli occidentali è quello con i paesi arabi “moderati” (e Musharraf?), ossia con quei dittatori (Mubarak, gli Al-Saud, ecc) che non si fanno problemi di “democrazia” pur di vivere nel lusso sfrenato che la corruzione occidentale loro concede.
Chi si oppone alla legge dei colonialisti viene via via accusato di terrorismo, di non essere “democratico”, d’essere uno “stato canaglia”, mentre i sauditi che continuano a tagliare le teste dei condannati a morte in piazza – come nel Medio Evo – non sono mai menzionati.
Perché Ryad non è uno “stato canaglia”?
Poiché i sauditi – dopo gli accordi che misero fine ai contrasti degli anni ’70 – compresero che per vivere tranquilli bastava vendere il proprio petrolio in dollari e riconsegnare gli stessi dollari ai grandi gruppi finanziari ed alle corporation americane – questo è il senso dei petroldollari – cosicché Washington scambia il petrolio con della pura e semplice carta.
Di più: se domani, per caso, Ryad meditasse di cambiare alleato, verrebbe accusata subito di terrorismo e si vedrebbe congelare all’infinito le enormi ricchezze che ha negli USA. 15 degli attentatori dell’11 settembre erano sauditi? Ma davvero? Cheney mi ha raccontato che erano tutti iracheni, ed io credo a Cheney: è il miglior amico di papà.

Queste sono le ragioni che stanno alla base di Al-Qaeda, che non lavora per l’Occidente, anche se in passato lo ha fatto perché i suoi interessi e quelli USA coincidevano. Finché c’era da ricevere rifornimenti ed armi dagli USA per combattere i russi od i serbi tutto filò liscio, ma quando s’iniziò a parlare di petrolio la questione divenne più complessa.
Osama Bin Laden sentenziò che i mujaiddin non dovevano colpire gli impianti petroliferi, perché – a suo dire – rappresentano la fonte di reddito della futura nazione araba che vorrebbe edificare. In Iraq vengono attaccati gli oleodotti per rallentare l’esportazione del greggio iracheno verso gli USA e l’Europa, ma non vengono attaccate le aree di produzione: la ragione della guerra è tutta qui, ed il vincitore potrà mettere le mani su un gruzzolo che non riusciamo nemmeno a quantificare in beni. Con 49.000 miliardi di dollari ci si può permettere d’acquistare 200 milioni di Ferrari, centinaia di flotte mercantili o militari, addirittura degli Stati, tutto compreso nel prezzo.
Ovviamente, tutti sono interessati a questo piatto di poker: arabi ed europei, americani e russi, giapponesi e cinesi; tutti “lavorano” in qualche modo per raggiungere i propri scopi. Non crederemo mica che la Francia e la Russia si siano limitate a protestare all’ONU per essere state “scippate” dei contratti che avevano per l’estrazione del greggio iracheno?
La guerriglia in Iraq va avanti da anni, e ci raccontano che sono “poche migliaia” di fanatici che tengono in scacco con il terrorismo il più potente esercito del pianeta. Prima considerazione: se fossero veramente “poche migliaia” di terroristi, l’Iraq oramai sarebbe più tranquillo di un cantone svizzero; è evidente a tutti che così non è.
Domanda: chi rifornisce – da anni – la guerriglia irachena con esplosivo, munizioni, lanciarazzi RPG, missili contraerei spalleggiabili ed infine la merce più preziosa, ossia i dollari per vivere e corrompere?
Risposta: chi non vuole consegnare nelle mani USA la fonte primaria d’energia del pianeta.
Vogliamo i nomi ed i cognomi?
Ecco dove inizia il campo minato, perché nessuno – nel sottobosco internazionale dei servizi segreti – vi racconterà mai la verità: anzi, racconteranno soltanto ciò che a loro conviene in quel momento.
Qual è l’obiettivo di Europa, USA e Giappone? Garantire un flusso costante di petrolio, possibilmente a prezzi non esorbitanti. Qual è l’obiettivo degli arabi e della Russia? Regolare i flussi e mantenere il prezzo il più elevato possibile. Qual è l’obiettivo della Cina? Sottrarre petrolio all’Occidente per alimentare la “fame” d’energia del nuovo colosso industriale del pianeta. Mescoliamo in un bussolotto i tre ingredienti, con tutti i loro derivati, ed osserviamo il risultato: le briciole di questi colossali interessi sono sufficienti ad alimentare terrorismo e guerriglia per decenni.

Veniamo ora all’ultimo atto, ossia al nostro “armiamoci e partite” verso il Libano: ci siamo illusi d’andare in Libano al comando della missione, ma quando i francesi hanno mostrato il cappello di Napoleone ci siamo debitamente inchinati; comme vous voulez, mon colonel.
Subito si sono levate voci accusatorie: gli italiani vanno a fare gli scagnozzi per gli americani in Libano!
A parte il fatto che andiamo a farlo per i francesi, non mi sembra proprio che gli interessi della Francia e degli USA coincidano perfettamente. Dopo essere stata scippata del petrolio iracheno, la Francia accetterebbe un ruolo subalterno ad USA e GB? Suvvia: chi conosce un minimo la politica estera francese non può sostenere una simile fandonia.
La Francia ritorna semplicemente nei territori (Libano e Siria) che le furono assegnati dagli accordi di Sèvres del 1920: la “magra” figura di Israele nella recente guerra ha aperto uno spiraglio che né gli americani e né gli inglesi potevano occupare, un’occasione da non perdere per tornare ad occupare il “salotto buono” della geopolitica.
Quali sono gli obiettivi?
Troppo presto per dirlo: senz’altro, però, la Francia non ha nessun interesse a consegnare nelle mani degli USA e di Israele un Libano “demilitarizzato” ed una Siria prona ai desideri di Washington. Perché mai Parigi dovrebbe andare a fare il “lavoro sporco” per gli americani? Semmai, un solido ancoraggio nel Vicino Oriente potrà essere prezioso, qualora gli USA fossero obbligati a lasciare l’Iraq (e prima o dopo dovranno farlo), per giocare nuove carte in una nuova partita della quale non conosciamo ancora, oggi, i giocatori.
Una prova che l’attuale momento è un periodo d’attesa ce lo fornisce una fonte affidabile: il prezzo del greggio, che è in calo. Se fosse in preparazione il grande assalto a Siria ed Iran, i future sul greggio sarebbero così bassi?

In definitiva, il cui prodest non fornisce prove concrete, ossia nomi e cognomi, mentre “l’andar per prove” significa soltanto assaggiare ad uno ad uno l’infinita serie di esche che i nostri amabili governi ci preparano tutti i giorni.
Chiediamo ai nostri magistrati – senz’altro preparati e con molti mezzi a disposizione – com’è finita la “partita” per chiarire Piazza Fontana, Brescia, l’Italicus, Bologna, Ustica…chiediamo loro se sono riusciti a ricostruire un quadro coerente di quegli avvenimenti.
A parte Vinciguerra, reo confesso della strage di Peteano, ed una condanna per la strage di Bologna assegnata alla banda Fioravanti – una sentenza che lascia parecchi dubbi ancora aperti – nulla.
Almeno, chi scelse il cui prodest qualche idea di cosa avvenne riuscì a farsela, ma nessuno se la sentì d’interrogare ad uno ad uno i componenti della famosa “lista” della P2 ritrovata a villa Wanda – in quel di Castiglion Fibocchi – l’abitazione di Licio Gelli. C’era la “crema” della Repubblica.
Anzi, ai due magistrati che scesero da Milano a Roma per consegnare la lista della P2 nelle mani dell’allora ministro Forlani, il leader democristiano rispose “che, in quei casi, era consuetudine che lo Stato fornisse il volo di ritorno con un aereo di Stato: ma non era quello il caso”. Che caso.
Nemmeno il viaggio di ritorno si videro pagare i due magistrati che erano “andati per prove”: i miei più sinceri auguri a chi desidera calcare quei sentieri.

Carlo Bertani
[email protected]
www.carlobertani.it

16.09.06

Note:

[1] John Toland – I primi sei mesi di guerra nel Pacifico – Longanesi.

[2] Alberto Franceschini – Mara, Renato e io. Storia dei fondatori delle BR – Mondadori, Milano, 1999.

[3] Fonte: BP, Statistical Review.

Pubblicato da Davide

  • cloroalclero

    Caro Carlo Bertani, avevo già letto l’articolo su disinformazione e avevo lasciato un commento in merito sul tuo blog, fatto piu che altro di domande. Poichè però me l’hai cancellato (probabilmente xche’ era off topic) ti ripropongo le medesime perplessità in questa sede, sperando in qualche risposta.Tra l’altro qui posso anche avvalermi del “quote” che magari rendono le mie osservazioni un po’ meno generiche.

    Dici:
    chi ha vissuto la stagione italiana delle bombe e degli attentati, delle BR e dei servizi segreti deviati non ci ha messo molto a capire che si tratta del solito polverone, del medesimo garbuglio storico già visto tante volte, delle comuni mezze verità raccontate per alimentare per anni i “cercatori della verità”, che a loro volta finiscono proprio per essere utilissimi – nella miglior buona fede – per chi desidera nascondere la verità.
    Poi prosegui facendo degli esempi storici: Dalla questione di Pearl Harbour alla presunta copertura del Mossad per le BR. Giusto. Tutte cose che non sono mai state appurate. Anzi, osservi, le notizie straordinarie su queste cose ,alla fine, sono servite solo a coprire la verita’ , tanto che, per quel che riguarda la strategia della tensione e lo stragismo in Italia non si è venuti a capo di nulla.

    Però questa volta la situazione è diversa: L’attentato è avvenuto in casa, ha ucciso i cittadini dell’impero, con le telecamere che fissavano il disastro nell’immaginario collettivo di tutti i telespettaori del mondo.
    Un simile attentato, in quanto tale, si distingue perchè l’impatto mediatico che ha suscitato ,non ha precedenti nel mondo. Non sarò io a ricordare che il WTC appariva in ogni film ambientato a new york, parte integrante dello skyline, simbolo della grande mela nel cinema contemporaneo e simbolo stesso dell’america.
    Ora la mia domanda era: tu stesso dici , nel post del tuo blog intitolato “il piano monco” che, allo stato attuale, l’unica chance per gli USA, qualora decidessero di portare la guerra all’Iran sarebbe l’atomica.
    E non ti pare che proprio un obiettivo come questo vada “giustificato “presso l’opinione pubblica? non pensi che sia “una buona ragione” per creare un evento motivazionale nell’opinione pubblica tale da creare la guerra come “conseguenza necessaria”?

    Poi dici:
    Stupisce osservare come tanti commentatori si consumino per dimostrare un coinvolgimento diretto dell’amministrazione Bush negli attentati dell’11 settembre, per un semplice motivo: anche se così fosse – ossia se gli USA avessero avuto proprio bisogno dell’attentato per partire alla conquista delle aree di produzione petrolifera – non avevano nessuna necessità di “sporcarsi le mani” e compierlo loro stessi

    Compierlo loro stessi no, sicuramente se questo è accaduto vi è l’intervento di una potenza “amica”, ma la connivenza con questa potenza era sufficientemente spinta, secondo me, a far sì che 1) tutti i sistemi di sicurezza fossero resi inoperativi 2) che si spacciasse una versione ufficiale “falsa”. In questo senso l’amministrazione Bush ha collaborato con gli artefici del misfatto, non l’ha perpetrato e organizzato lei, solo pochissimi di loro erano a conoscenza,persone che quando impartiscono ordini non devono rendere conto delle loro ragioni .

    Dopodiche’ analizzi le dinamiche di politica economica estera, facendoci capire (giustamente) che gli USA non sono i soli ad essere coinvolti nel “mercato degli schiavi” volto all’approvvigionamento energetico , ma vi sono anche Russia, Francia, Cina, India , insomma: tutte le potenze che, a vario titolo, hanno i medesimi interessi che hanno gli stati uniti, in dialettica con il Riad e gli stati arabi “moderati” (e corrotti) quali l’Egitto, che sono coinvolti dalla politica occidentale nella misura in cui subiscono un ricatto finanziario, perchè questi le loro liquidità ce le hanno investite nei paesi occidentali. Spesso, dici, l’ostilità nei confronti degli stati uniti non avviene apertamente, ma attraverso il finanziamento a forze interne ai paesi “colonizzandi” che acquistano armi e altro materiale da quelli che sono “amici ufficiali” degli stati uniti.
    Insomma: tu cerchi di farci capire che gli stati uniti non sono l’unica potenza in gioco in questa spartizione neocolonialista dei territori con le risorse. E allora? A maggior ragione, se la versione ufficiale dell’11 settembre non è corretta, ma vi sono spiegazioni volte a dimostrare che gli USA hanno solo “permesso” l’attentato, a maggior ragione sarrebe dimostrato quanto tu dici: in un marasma di potenze che vogliono dividersi a modo loro la medesima “torta” diciamo, quale priorità acquisiscono gli stati uniti, che possono presentarsi in lizza con il peggior attentato (almeno così è stato presentato all’opinione pubblica e quindi così è) dalla fine della 2 guerra mondiale?
    Una ferita, un attacco subito dall’Impero, sotto gli occhi di tutti: esso spinge tutti gli altri governi a riconoscere agli USA un diritto maggiore;
    allo stesso modo che l’olocausto è stato causa di un “diritto maggiore” affinchè i sionisti si facessero dare, senza tante storie e contro gli stessi interessi occidentali, lo stato di israele dopo la 2 g.mondiale.
    Le tue analisi economiche sono belle, lucide e convincenti, però, a mio modestissimo avviso non escludono assolutamente che l’11 settembre sia stato preparato. I media , oggi, sono un’arma. In regimi “democratici” come i nostri, la responsabilità di una guerra va giustificata, pena la “bocciatura” di un’intera classe dirigente, che fino a quel momento aveva deciso tutto.
    Last, but not least: come mai chiunque esprima dubbi sull11 settembre, fossero pure i parenti delle vittime, subisce una sistematica operazione di censura/denigrazione?
    Il tuo periodo introduttivo:
    si tratta del solito polverone, del medesimo garbuglio storico già visto tante volte, delle comuni mezze verità raccontate per alimentare per anni i “cercatori della verità”, che a loro volta finiscono proprio per essere utilissimi – nella miglior buona fede – per chi desidera nascondere la verità.
    In realtà se si dimostrasse uno scollamento dei fatti dalla versione ufficiale, le cose starebbero piu’ semplicemente, per gli americani, che non sono, come l’Italia, una colonia (altrimenti sarebbero la colonia di se stessi) motivo per cui delle stragi italiane non si è mai data una spiegazione degna di questo nome.
    Tu pensi, sinceramente, che ci sia maggior probabilità di venire a capo della verità sul periodo stragista in Italia di quante non ve ne siano di dipanare la faccenda dell’11 settembre?
    ok. cari saluti.
    cloroalclero
    http://cloroalclero.blogspot.com

  • italofranc

    Caro carlo

    Mi sa tanto che i “se” e i “ma” li stai usando tu.

    Possibile che non ti rendi conto che è grazie a quei “ricercatori della verita'” se sai tante cosine.

    Per me sei anche tu un “ricercatore di verità” ma non te ne rendi conto.

    Comunque le tue critiche per me fanno piu’ male che bene a questo meraviglioso sito.

    Italofranc

  • Zret

    Un gigantesco passo indietro questo articolo di Bertani, che si beve quasi tutto, soprattutto barili di… petrolio.