Home / ComeDonChisciotte / LA RIVOLTA DELLA FIGA IN RUSSIA

LA RIVOLTA DELLA FIGA IN RUSSIA

DI SLAVOJ ZIZEK
chtodelat.wordpress.com

Le componenti delle Pussy Riot* (la Rivolta della figa) accusate di blasfemia e di odio verso la religione? La risposta è semplice: la vera bestemmia è l’accusa dello stato in quanto tale configurando come reato di vilipendio della religione qualcosa che era chiaramente un atto politico di protesta contro la cricca dominante. Ricordiamo la vecchia battuta di Brecht tratta dall’Opera da tre soldi: “Cos’è la rapina di una banca rispetto alla fondazione di una nuova banca?” Nel 2008, Wall Street ci ha dato la nuova versione: Cos’è è il furto di un paio di migliaia di dollari , per cui si va dritti in prigione, rispetto alle speculazioni finanziarie che privano decine di milioni di persone delle loro case e dei loro risparmi, e vengono poi ricompensate con aiuti di stato di grandezza sublime? Ora, abbiamo avuto un’altra versione dalla Russia, dal potere dello stato: Che cosa è una modesta provocazione oscena delle Pussy Riot in una chiesa rispetto all’accusa contro Pussy Riot, questa gigantesca provocazione oscena dell’apparato statale, che irride ogni nozione di rispetto della legge e dell’ordine?”

L’azione delle Pussy Riot era cinica? Ci sono due tipi di cinismo: il cinismo amaro degli oppressi che smaschera l’ipocrisia di chi detiene il potere e il cinismo degli stessi oppressori che violano apertamente i principi che proclamano. Il cinismo delle Pussy Riot è del primo tipo, mentre il cinismo di chi è al potere – perché non chiamare la loro brutalità autoritaria un Prick Riot (Rivolta del cazzo) – appartiene al secondo genere, molto più inquietante.

Già nel 1905, Leon Trotsky definì la Russia zarista come “una combinazione viziosa della frusta asiatica e del mercato azionario europeo.” Questa definizione non vale forse ancora di più per la Russia di oggi? Non annuncia la nascita della nuova fase del capitalismo, il capitalismo con i valori asiatici (che, naturalmente, non ha nulla a che fare con l’Asia e tutto a che fare con le tendenze antidemocratiche del capitalismo globale di oggi). Se intendiamo per cinismo il pragmatismo spietato del potere, che deride in segreto i propri principi, allora le Pussy Riot sono l’incarnazione dell’anti-cinismo. Il loro messaggio è questo: LE IDEE CONTANO.

Si tratta di artiste concettuali nel senso più nobile della parola: artisti che incarnano un’Idea. Questo è il motivo per il quale indossano i passamontagna: maschere di de-individualizzazione, di anonimato liberatorio. Il messaggio dei loro passamontagna è che non importa chi di loro è stata arrestata – non sono persone, sono un’Idea. Ed è per questo che sono una minaccia: è facile imprigionare gli individui, ma provate a imprigionare un’Idea!

Il panico di chi detiene il potere – rivelato dalla loro reazione brutale, ridicolmente eccessiva- è quindi pienamente giustificato. Più agiscono brutalmente, più le Pussy Riot diventeranno un importante simbolo. Già ora il risultato delle misure oppressive è che le Pussy Riot sono un nome familiare letteralmente in tutto il mondo.

È il sacro dovere di tutti noi evitare che le coraggiose persone che compongono le Pussy Riot non debbano pagare sulla loro pelle il prezzo del loro diventare un simbolo globale.

Versione originale:

Slavoj Žižek
Fonte: http://chtodelat.wordpress.com
Link: http://chtodelat.wordpress.com/2012/08/07/the-true-blasphemy-slavoj-zizek-on-pussy-riot/
7.08.2012

Versione italiana:

Fonte: /www.infoaut.org
Link: http://www.infoaut.org/index.php/blog/metropoli/item/5341-la-vera-bestemmia-slavoj-%C5%BEi%C5%BEek-sulle-pussy-riot
11.08.2012

Traduzione a cura di Maurizio Acerbo

LEGGI ANCHE: L’AGITAZIONE DELLA “FIGA RIOTTOSA”

Pubblicato da Davide

  • Primadellesabbie

    Per un momento ho creduto ad una brusca accelerazione del processo di rimbecillimento collettivo. Ho verificato sul sito, ho trovato questa mission: “News about activism, art and critical thought from Russia and elsewhere”. Mi sono un poco tranquillizzato.

  • Tonguessy

    Ed è per questo che sono una minaccia: è facile imprigionare gli individui, ma provate a imprigionare un’Idea!

    Che razza di castronerie! Diciamo allora che in Iraq e LIbia è avvenuto che le “idee” sono state così “esplosive” da diventare quel simbolo di liberazione che tanto piace a Zizek. In Siria sta succedendo lo stesso: le idee di emancipazione, liberazione, democratizzazione stanno operando contro “l’ipocrisia di chi detiene il potere e il cinismo degli stessi oppressori che violano apertamente i principi che proclamano”.
    Stiamoci attenti a tentare di usare gli stessi metodi del potere, ovvero a confondere fisica e metafisica. Non si può imprigionare un’idea, ma si può imprigionare chi la esprime e questo è un fortissimo deterrente a continuare ad esprimerla. Al contrario si può esprimere un’idea e trovare qualche impero a caso che la costenga con fisicità imponente (esercito USA) nel qual caso che sia buona o meno l’idea vince. E’ sempre e solo sul piano fisico che avviene la vittoria di un’idea. La vittoria morale in questo mondo di “Material Girls” (Madonna) conta gran poco.

  • MartinV

    “Più agiscono brutalmente, più le Pussy Riot diventeranno un importante simbolo. ”

    “È il sacro dovere di tutti noi evitare che le coraggiose persone che compongono le Pussy Riot non debbano pagare sulla loro pelle il prezzo del loro diventare un simbolo globale. ”

    Delle due l’una : o devono subire il martirio (comunque moderato, penso… non credo che le metteranno in tuta arancione e le metteranno in una gabbia…) per diventare un simbolo, o non devono pagare sulla loro pelle per la loro provocazione che le ha rese famose in Occidente…

    Penso qui ai pochi obiettori di coscienza che si facevano la galera militare per il rifiuto di servire la patria in armi… poi la loro battaglia si è trasformata in legge che garantiva a tutti il diritto all’obiezione a tutti e gli obiettori sono diventati tantissimi (in gran parte solo per sfuggire alla naia e alla noiosa disciplina militare).

    Allora queste artiste rivoluzionarie paghino il prezzo della loro piccola rivoluzione, sennò diventano come i figli dei borghesi di pasoliniana memoria…

  • feipu

    a me sembra comunque scritto da un bambino. articolo da fatto quotidiano. mi sarei aspettato qualcosa di più da zizek. ottimo invece sull’argomento Whitney il 9 https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=10668

  • GioCo

    Tre “fighe in rivolta” ( qui [www.youtube.com] una performance erot… emh, “artistica”) vanno in chiesa e fanno un concerto … non cantano gospel ma muovono bene il c…orpo mentre distribuiscono l’ostia e fanno scandalo.
    In America gli avrebbero sparato direttamente in chiesa, ma fortunatamente le nostre eroine hanno deciso di sculettare in Russia … gulag? No, forse qualche anno per offesa al pudore in chiesa.
    I giornali occidentali dovrebbero titolare: LA RUSSIA DIFENDE LA CHIESA (quandomai?!?).
    Ma titolano: difendiamo le fighe in rivolta. Sarà una compulsione Berlusconiana?
    La chiesa non replica. Significa che dovremmo prepararci alla messa creativa? Il nuovo ciclo del Grande Computo Maia, dovrà forse portarci sconvolgenti rivelazioni circa i nuovi riti cristiani?
    Intanto le tre pu…verette sono difese direttamente dalla Madonna, ma non la “ Benedetta Dell’Incoroneta Di Foggia Cinofila [www.youtube.com]” ma la bensi nota cantante di osservanza religiosa [www.youtube.com] … anche se non ci ha bene ancora chiarito di quale religione, che per dimostrare le sue teologiche compentenze si è messa letteralmente in croce nelle ultime performance “artistiche”. Qualcuno doveva spiegarle che in croce ci andò un altro, non la Madonna, ma tanto è Americcana, e tra un Chees Burger e una Cola ci sta pure questo.
    Se siete un attimo confusi, non vi preoccupate … è tutto a posto!

  • mendi

    Mah, per me sono tre esibizioniste in cerca di pubblicità.

  • patrocloo

    Mò quattro zoccolette diventano “artiste concettuali” e simboli della rivolta contro il potere. Allora Berlusconi, con le sue amichette di Arcore, chi è: il capo della Rivoluzione Globale?

  • Fabriizio

    articolo imbarazzante per pochezza.

  • ericvonmaan

    Tutto fa brodo per contrastare chiunque si opponga ai valori “occidentali” della “democrazia” e della “tolleranza”… vogliamo un mondo tutto uguale, che mangi McDonald, beva CocaCola e calzi ai piedi Nike

  • Primadellesabbie

    Ho letto, é vero, grazie. Francamente non avrei mai voluto occuparmi di questa faccenda, ma a questo punto non posso trattenermi dal dire una cattiveria: non ci sarà un piccolo calo nell’assedio mediatico culi-tette storie scabrose? Operazioni come questa contribuiscono a ristabilire gli standard conquistati?

  • RicBo

    si può rallentare una rivoluzione, ma non fermarla

  • RicBo

    La pochezza, la paranoia, la disumanità, l’avversione alla solidarietà, il reazionarismo di molti dei frequentatori di questo sito si nota dai commenti a questo tipo di articoli.

  • Jor-el

    Ricorderei che anche i Rolling Stones finirono in galera per futili motivi. Qui non c’è in ballo la seconda rivoluzione russa, ma qualche tour all’estero, video, download ecc ecc.
    Si tratta di uno di quei casi in cui hanno ragione tutti. Marylin Manson, in tour in Italia, fu denunciato per vari reati. Ma che si aspettava? Uno che si traveste da satanasso, si spazza il sedere con il crocefisso e mima stupri sul palco, mi sembra metta in conto un po’ di guai con la giustizia. Di più, ci spera e ci tira! Le PR pensavano che la loro performance sarebbe passata inosservata? Oppure vista con simpatia dai fedeli? Non credo proprio, anzi, Sapevano benissimo che sarebbero state arrestate e che il caso avrebbe accresciuto la loro notorietà in Occidente.

  • patrocloo

    Ariecchilo…..

  • zapper

    naturalmente il “filosofo” non si chiede il perchè le “ong dirittoumaniste” e lo star system occidentale, sdegnatissimi e impegnatissimi paladini della libertà, non emettano nemmeno un flebile vagito per il simpatico progettino saudita di città-serraglio da 5000 donne per utilizzare il lavoro femminile lontano da sguardii lubrici.
    http://www.guardian.co.uk/world/2012/aug/12/saudi-arabia-city-women-workers [www.guardian.co.uk]

    ogni epoca ha gli intellettuali che merita.
    rivoglio pasolini!

  • albsorio

    Quando è accaduto il fatto? Poco prima delle elezioni presidenziali. Dove? In una parte di chiesa dedicata al culto Ortodosso ( non tutto quell’edificio è consacrato ). Chi difende le Pussy Riot? Madonna e altre pop star + i media occidentali. Perchè tanto americano interesse su tre persone artisticamente e politicamente insignificanti? Chi era il bersaglio? Il candidato presidenziale Putin. Cosa ha fatto Putin per meritarsi l’ostilitá occidentale? Crede che la Russia sia significativa nel mondo, questo non va a NWO, NATO ( di cui fa parte… bho) FMI bilderberg Trilateral etc., mette in castigo le ONG che seminano zizzania, fa una politica energetica ostile ai padroni del mondo, crea con l’Iran una borsa petrolifera indipendente, vuole gestire le pipe line verso l’Europa, fa comunella con coi BRICS, mette il veto ONU con la Cina impedendo il corso della democrazia in Siria… insomma un rompicoglioni su scala mondiale, noi invece di capire che è un uso strumentale della protesta per mettere alla berlina uno scomodo all’1% ci facciamo le pippe mentali su un fatto poco significativo.

    È da molto tempo si parla di questo a febbraio qui:… http://www.lettera43.it/attualita/38674/russia-sesso-e-punk-all-assalto-del-cremlino.htm

    si scriveva:… “Provocatoriamente kitsch, mai banali, decisamente pop. C’è di tutto, nella protesta sociale esplosa in Russia a un soffio dalle elezioni del 4 marzo. Anche un po’ degli Anni ’80 che, dietro la massiccia cortina di ferro, i giovani moscoviti non hanno mai vissuto. Altrimenti non si spiega per quale motivo, a braccetto con la vecchia aristocrazia intellettuale scesa in piazza contro l’arroganza di Vladimir Putin, in Piazza Rossa per le nuove proteste sia approdato anche un gruppo punk come le Pussy Riot (letteralmente, «la sommossa delle fighe»), impegnato a strombazzare invettive rock contro il nuovo zar di Russia”

  • Pellegrino

    ecco le sgallettate sventolare il vessillo dell’OTPOR di George Soros, non credo ci sia altro da dire… http://quintoelementomusical.files.wordpress.com/2012/08/41fp120120d090.jpg?w=643&h=429

  • Tonguessy

    rivoluzione? Dov’è, dimmi dov’è che mi piace l’idea!

  • ericvonmaan

    Ma va RicBo, ormai leggere i tuoi post è come leggere l’Unità: allineato fino alla cecità ciao

  • Vocenellanotte

    Di quelle 3 cretinette non parlerebbe nessuno se Madonna non avesse fatto pubblicita’. Il solo interesse e’ il petrolio siberiano e gli USA manovrano a piccole e progressive provocazioni per accrescere a dosi lo sdegno nel mondo. Delle nefandezze compiute in Cina, Arabia, Qatar, Barhain, non frega niente a nessuno. Meno ancora dei morti di fame, degli stupri, delle violenze in tutti gli slum del mondo dove si ammassano i disperati cacciati dalle loro terre per fare posto alle multinazionali agricole.
    Articolo di una pochezza impressionante, oltre la disinformazione, oltre la propaganda, di una bassezza intellettuale senza eguali.
    Fatevi le seghe co’ ‘sto cretino!

  • Cornelia

    4 zoccole vanno a mostrare il culo in Chiesa, con la speranza di diventare famose, e tutto il merdoso mondo occidentale ci fa credere che siano delle eroine ant-Putin (il dittatore tremendissimo!!!).
    Saranno ringraziate con la solita merdosa ricompensa-business: dischi, tour, concerti e quattrini.

    Que viva siempre Vladimir.

  • Fedeledellacroce

    Lol, quoto ogni parola.
    Commento brillante.

  • nuvolenelcielo

    ho cercato il tuo commento per leggere i tuoi insulti o aggressioni (tiritera monopensiero internazionalista) ancora prima ancora di leggere l’articolo. sei una specie di pussy riot anche tu! “disumanità” nei commenti? il “reazionarismo” lol, sei inarrivabile. go baby!

  • balax85

    Secondo me sono solo persone in cerca di notorietà.
    Del resto guardate nella pagina del link che inserisco sotto.
    Non andrebbero nemmeno prese in considerazione.

    http://www.comunicazionedigenere.net/femministe-carcere/

  • nuovaera89

    Ma se lo avessero fatto in USA, in ITALIA, in Inghilterra, cosa azzo avrebbero fatto?? ma i varii pro usaisrael me lo sanno dire o no invece di criticare sempre Putin solo perchè non fa il lecca culo di nato e compagnia bella???

  • MickyP

    “Zoccole”, “zoccolette”, “sgallettate”… complimenti per il linguaggio sessista e misogino che utilizzate degno dei lettori di “Libero” o “Il Giornale”. Queste ragazze punk semplicemente non amano le dittature, gli autoritarismi, il carcere, dicono quello che pensano e lottano per le proprie vite e per quelle altrui. Perché è di questo che si tratta. A chi non piace che in Italia le tre ragazze diventino icone della lotta per le libertà di tutti/e? Naturalmente ai misogini, ai fascisti….Può non piacere la loro musica, può dare fastidio a un cattolico il fatto che si siano esibite in una Chiesa, ma questo è un processo politico, la blasfemia è la scusa per levare di torno una delle poche voci femministe e coraggiose che dalla russia è riuscita ad emergere all’estero grazie alla loro capacità di ottenere la massima visibilità con scarse risorse. Solidarietà a Maria, Nadezhda e Irina.

  • Pellegrino

    non sono affatto “ragazze punk” e non fanno “musica”, questo articolo integra e completa il precedente articolo su cdc, e mostra il video delle performance porno e le sgallettate che espongono il vessillo dell’OTPOR. Poche chiacchere isteriche, per piacere!! http://quintoelementomusical.wordpress.com/2012/08/10/il-caso-pussy-riot-riot-grrrls-al-servizio-della-geopolitica/

  • Earth

    Non solo si puo’ fermare ma si puo’ anche cambiarne la direzione

  • ericvonmaan

    E-S-A-T-T-O

  • ericvonmaan

    Diciamo la verità: questa non è musica, è solo porcheria
    http://www.youtube.com/watch?v=NYzlaBPCM6c
    ecco quello che è successo
    http://italian.ruvr.ru/2012_08_13/Pussy-Riot/
    tre disperate senza alcun talento che hanno cercato la via per farsi un po’ di pubblicità, e tutti i gonzi benpensanti hanno abboccato.
    Ma occupatevi di cose più serie!!!

  • Santos-Dumont

    A parte il fatto che non so proprio come potremmo adempiere il sacro dovere menzionato da Žižek, per il resto sono d’accordo.

  • Jor-el

    Non spetta a noi decidere se le PR sono o non sono artiste, musiciste e punk. Hanno fatto una performance il cui senso è tutto interno alla società dello spettacolo, e hanno avuto successo. Meritano la galera? Secondo me NO e sono solidale con loro. Vi ricordo il motto di questo sito.

  • ws

    vabbene, “non condivido le tue idee ” e per dimostratelo faro’ come queste porno-sgallettate venendo a far casino in casa tua…

    e pure quando tieni una festa e hai ospiti …

    sarai allora ” solidale” anche con me ? 🙂

  • eresiarca
  • eresiarca

    Voglio vedere se si svolge un’analoga “performance” a Auschwitz che fine fanno le “artiste” di turno…

  • nuvolenelcielo

    dove sono finiti i link con le foto dell’esibizione del pollo nella vagina al supermercato ecc.? qualcuno li aveva postati qui, spero che sia io troppo imbranato adesso per ritrovarli e che non siano stati censurati, visto che sono perfettamente in tema e piuttosto significativi per sapere di chi/cosa stiamo discutendo…

  • albsorio
  • LongJohnSilver

    bono che ci diventi cieco

  • albertoparise79

    http://www.youtube.com/watch?v=qoj4IfiaNuQ

    Qui parlano anche dell’orgia al museo durante l’orario di apertura al pubblico. Da notare che qui una delle pussy riot era al nono mese di gravidanza! Perchè i media non parlano di questo?!?!?

  • Jor-el

    Ti aspetto 😉

  • Jor-el

    RicBo, non fare l’antipatico:-) è evidente che si intersecano piani molto diversi. È vero che la stampa occidentale ha usato il caso PR in chiave anti-Russa? Sì, è vero, lo dimostra il risalto dato dai media mainstream alle dichiarazioni del petroliere in gabbia. È vero che le PR sono consapevoli e complici? No, le PR hanno inteso mettere in atto una provocazione contro il potere costituito così come lo percepiscono nella loro condizione di giovani donne e artiste. La performance delle PR è stata una vera provocazione? No, è stato un gesto ambiguo, in ultima analisi politially correct. Quando si vuole provocare veramente, si fa come Joe Strummer dei Clash a Bologna, che si presentò sul palco in Piazza Maggiore con una T-shirt con scritto: ‘I am with the Red Brigades’ ( primi anni 80, il PCI locale andò fuori di testa!). Non fu arrestato proprio per non fare indirettamente pubblicità alle BR. Oppure come Syd Vicious, che per tutto il tour USA dei Sex Pistols non si tolse mai la sua maglietta con la svastica e che alla sua morte fu sostituito dal latitante Ronnie Biggs e da un finto Martin Bormann (solo perchè quello vero era morto, se fosse stato vivo e avesse accettato, non credo che McLaren si sarebbe tirato indietro!). All’epoca le popstar mainstream chiedevano a gran voce che i punk fossero cacciati in galera, altro che liberati!

  • nuvolenelcielo

    (sinceramente per me possono fare quello che gli pare, anche se mi fanno un po’ schifo) – ma se facessero delle esibizioni del genere nei paesi esportatori di democrazia quali padre Stati Uniti e figli ubbidienti NATO, un po’ di galera non gliela toglie nessuno… altro che pussy-riot-balle.

  • albsorio
  • albsorio

    giovani pussy riot al museo http://yellowpress.ws/?public=6218

  • Jor-el

    Non sono le PR. si tratta di una performance del grupp teatrale Viona

  • Jor-el

    Un attimo, intanto le performance del museo e del pollo sono del gruppo Viona, NON delle Pussy Riot, inoltre vabbe’ essere bacchettoni, ma diamoci una calmata! Negli anni Sessanta, altro che performance come quelle! In fondo,cosa avranno mai fatto ste ragazze? Davanti a una chiesa, vestitissime, hanno pregato la Madonna che Putin perdesse le elezioni… Che sarà mai!!!??

  • Jor-el

    Se davanti a S. Pietro avessero pregato perchè la Madonna liberi l’ItLia da Napolitano? Credo proprio che non sarebbe successo nulla.

  • Pellegrino

    Intanto si chiamano VOINA (non viona), e le Pussy Riot sono l’organo musicale del gruppo Voina. Ecco lo spottone di un sito della Open Society di Soros promuovere questo simpatico collettivo anarcopunk al soldo del capitale http://www.opendemocracy.net/od-russia/danila-rozanov/voina-artists-at-war?utm_source=feedblitz&utm_medium=FeedBlitzEmail&utm_content=201210&utm_campaign=Nightly_2011-02-19%2005:30

  • nuvolenelcielo

    non credo proprio che la questione sia la giustizia o meno di una condanna, il problema è l’ipocritissssima propaganda geopolitica che si fa di questo gruppuscolo di artistoidi, che visti i suoi simboli è molto probabilmente controllato direttamente dagli americani (vedi otpor, informati se non sai cos’è). Sono utilizzate (dai media) come un’arma e lo scopo è quello di indebolire o ribaltare un regime scomodo, la guerra oggi si fa manipolando l’opinione pubblica con la propaganda… (a meno che non sei un poveraccio arabo, allora ti sparano ancora).

  • nuvolenelcielo

    voglio dire, a New York un poliziotto spara 10 colpi di pistola a uno che fuma uno spinello…, notizia che appare e sparisce istantaneamente dai media. Non è forse che dovremmo dare molta più attenzione a questo tipo di notizie se abbiamo veramente a cuore la libertà e la democrazia… Invece no, non si fa perché l’unica cosa che abbiamo a cuore in quanto occidentali non è la democrazia di cui non ci frega un cazzo, è di far cadere il nemico non-asservito Putin. Alle olimpiadi di Londra hanno arrestato uno perché non sorrideva come gli altri durante la gara maschile di ciclismo –http://www.infowars.com/parkinsons-sufferer-arrested-for-not-smiling-at-olympic-mens-cycling-race/ — ti sembra davvero che sia la Russia la nostra emergenza anti-democratica?

  • Pellegrino

    Voina, di cui Pussy Riot sono l’emanazione “musicale”…

  • albsorio

    Al museo quella incinta è una delle tre sotto processo per la chiesa, quello che mi stupisce di piú e che CDC sono passati a distanza di pochi giorni due articoli sullo stesso argomento, le pussy riot, perchè? Mi sembra tutto così semplice, se loro verranno condannate o assolte sará in base alle leggi del loro Paese. Qualcuno, forse Soros & C., fá diventare delle mentecatte, eroine per la libertá, ma libertá di fare cosa? Se uno vuol fare un’orgia la fà in privato, nessun problema, non in un museo, la stessa cosa per la chiesa, o il pollo.

  • albsorio

    Erano dentro la chiesa e nella parte consacrata, l’edificio in questione è dello Stato e solo una parte è adibito al culto ortodosso.

  • Jor-el

    Be’, nei musei ne hanno fatte di ogni qui in occidente…

  • Jor-el

    So cos’è otpor e comprendo bene che questo caso è usato dai media per diffondere l’idea che ci sia una sorta di dissidenza diritto umanista in Russia. Non credo però che le PR ne abbiano coscienza.

  • albsorio

    Devono farsi di meno… forse prendreranno coscenza, magari un buon psicologo…

  • nuovaera89

    Ma non è solo il fatto della preghiera! vogliamo guardare il loro curriculum?? ognuno è libero di esporre le sue idee e il suo dissenso anche nei confronti di Putin, Assad ecc ma ci sono modi e modi! voglio vedere nella Russia di STalin queste 3 punkettone a cosa sarebbero andate incontro! (hanno sostenuto e dichiarato di ricevere un processo in stile epoca staliniana)
    A me la cosa che da più fastidio è la campagna dimigratoria da parte dei media occidentali nei confronti del regime di Putin, e stato Putin a farle arrestare? no, le istituzioni russe con le loro leggi, e a mettere benzina sul fuoco sono stati il patriarca della Chiesa ortodossa di Russia che ha definito l’irruzione delle Pussy Riot nella cattedrale, avvenuta a febbraio, un “sacrilegio” e il portavoce del patriarcato Vsevolod Chaplin ha parlato di una “crimine peggiore di un assassinio” aggiungendo che le giovani donne vanno “punite”. Cosa centra Puntin?? se fosse successo in in Italia, secondo te come sarebbero state definite queste 3 ragazze?? delle eroine con l’appoggio di mezzi media occidenatali?

  • littlepaul1967

    ma quale misoginia ma quale lotta ma quale processo politico ma quale femminismo ma che veramente stiamo scherzando? far passare per rivoluzionarie tre ragazzine (sempre che il termine non ti offenda…) solo perchè se ne vanno in giro mezze nude è paradossale SE OGGI BASTA QUESTO PER ESSERE RIVOLUZIONARI SIAMO DAVVERO MESSI MALE ci siamo dimenticati le lotte operaie e femministe per la conquista dei propri diritti con la polizia a caricare i manifestanti e sparare lacrimogeni DIAMOLA A QUALCUNO CHE SE LA MERITA UN PO’ DI PIù LA SOLIDARIETà MAGARI AI MINATORI DEL SUDAFRICA