Home / ComeDonChisciotte / LA POLIZIA ENTRERA’ NEI COMPUTER SENZA BISOGNO DI AUTORIZZAZIONE

LA POLIZIA ENTRERA’ NEI COMPUTER SENZA BISOGNO DI AUTORIZZAZIONE

DI MIGUEL MARTINEZ
Kelebek

Evito in genere di costruire il blog con dei copincolla, sarebbe troppo facile. Però questa notizia ci riguarda proprio tutti.

Il problema non è solo l’accesso della polizia in quanto tale: che un poliziotto ligio alle regole guardi nel mio computer, poco importa.

Molto più della polizia, sono da temere gli infiniti giri informali su cui si fonda la società.

Ad esempio, il poliziotto che è cugino del piccolo aspirante giornalista, o del blogger psicopatico, o di chiunque altro. Perché una volta che qualcuno accede al tuo computer, tutto ciò che è lì dentro è come se fosse già nel Grande Flusso, a disposizione per ora e per sempre del pianeta intero.

Vedremo come si scontrerà questa direttiva con le regole piuttosto rigorose sulla privacy che vigono nel nostro paese.

Ma il giorno in cui vorranno introdurre questa nuova norma anche in Italia, parleranno a destra del “pericolo terrorismo”, a sinistra del “pericolo negazionisti”, ai cattolici e alle famiglie del “pericolo pedofili”. E voglio vedere il garante della privacy che cerca di tenere testa a tutto ciò.

Qui potete consultare una documentazione più approfondita.

Miguel Martinez
Fonte: http://kelebek.splinder.com
Link: http://kelebek.splinder.com/post/19530601/La+polizia+entrerà+nei+comput
9.01.2009

Pubblicato da Davide

  • sacrabolt

    si, vabbe’, belle parole quelle di barrot, libertà, fratenità, solidarietà tra membri UE, sicurezza, ma a me la truffa della finta lettera di poste italiane mi mandava ad un finto sito http://www.poste.it con il server in kazakistan… già li vedo i cyberpoliziotti col colbaccone sferzato dal vento della steppa… come Chase e Aykroyd. in “spie come noi” 🙂

  • nessuno

    Premesso che vale sempre la massima” un pc sicuro è quello spento” sarebbe buona norma per gli utonti di microsoft usare due dischi: uno per navigare in rete senza alcun dato sensibile tipo pw ecc.l’altro per contenere i dati sensibili e
    i fatti propri da usare solamente quando si è scollegati fisicamente dalla rete(staccare il cavo)
    Basta usare i dischi estraibili con una spesa minima si ha un bel pò di sicurezza.

    I server in kazakistan li usano i furboni italiani ( sono di moda) la truffa parte dall’italia quindi con “radar” ti trovano alla grande.Basta volerlo.

  • Galileo

    Giusto.

    Già provveduto.

    EEE pc da 12 Gb, ossia non c’e niente, disco fisso esterno, lettore cd rom esterno…in quanto a staccare i cavi fisicamente dalla presa della corrento sono maniacale: non lascio attaccato neanche lo spazzolino da denti elettrico: non si sa mai che si inventino un qualcosa che ti legge la mente mentre ti lavi i denti.

    🙂