La NATO decide di espandere la presenza delle truppe di occupazione in Iraq

controinformazione.info

di Luciano Lago

La NATO ha confermato la sua decisione di espandere la sua missione di addestramento in Iraq e prevede di aumentare gradualmente il suo contingente da 500 a quattromila persone, ha detto il segretario generale dell’Alleanza Jens Stoltenberg a seguito di una videoconferenza dei capi dei ministri della difesa dei paesi alleati.

“Abbiamo deciso di espandere la missione di addestramento della NATO in Iraq per supportare le forze irachene nella lotta al terrorismo, per impedire il ritorno dell’ISIS . La nostra missione aumenterà da 500 a circa 4.000 militari”, ha detto.

Stoltenberg ha dichiarato che le attività di addestramento copriranno più istituzioni di sicurezza irachene e aree fuori Baghdad, la presenza delle forze NATO in Iraq “dipende dalla creazione delle condizioni, quindi l’aumento sarà graduale”. “La nostra missione viene svolta su richiesta del governo iracheno (?). Si svolge nel pieno rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale del Paese”, ha spiegato il Segretario generale dell’Alleanza del Nord Atlantico.

Lunedì, Stoltenberg ha detto ai giornalisti che l’alleanza prevede di “formare e consigliare più attivamente più istituzioni di sicurezza in tutto il paese”. Il segretario generale ha precisato che la missione si espanderà gradualmente a seconda della situazione e in coordinamento con il governo iracheno e la coalizione internazionale contro il terrorismo. Alla vigilia dell’incontro dei capi dei ministri della difesa dell’alleanza, il segretario generale della NATO ha anche discusso dell’ampliamento della missione dell’alleanza con il primo ministro iracheno Mustafa al-Kazemi . All’inizio di aprile dello scorso anno, i ministri degli esteri della NATO hanno concordato l’espansione della missione in Iraq durante una videoconferenza. In particolare, i ministri hanno convenuto che la missione NATO formerà sottufficiali, genieri e la polizia federale irachena.

La missione NATO in Iraq è stata ufficialmente lanciata nel luglio 2018. Attualmente è composto da circa 500 formatori, consulenti e personale di supporto dei paesi e dei partner dell’alleanza. Secondo le informazioni ufficiali, la missione NATO è impegnata esclusivamente nell’addestramento delle forze di sicurezza irachene, che sono direttamente subordinate al governo di Baghdad . Allo stesso tempo, l’esercito della NATO non prende parte alle ostilità insieme alle forze irachene.

Forze-USA-in-Iraq-base-di-Al-TayiNota: Strane le affermazioni del segretario della NATO, Stoltenberg. Questi non ha considerato che il parlamento iracheno all’inizio dello scorso anno aveva chiaramente richiesto il ritiro di tutte le forze USA e straniere dall’Iraq, dopo l’omicidio attuato dagli USA del generale Soleimani e del vice comandante delle forze irachene al-Muhandis, avvenuto presso l’aeroporto di Baghdad. La stessa richiesta è stata fatta dai leader religiosi delle comunità religiose irachene e da enormi folle scese in piazza a manifestare contro le forze di occupazione USA nel paese arabo.

Washington non ha dato seguito alla richiesta e ci sono forti sospetti (ed anche prove) che il comando USA sta favorendo il dispiegamento di forze dell’ISIS nel paese per giustificare la presenza delle sue truppe di occupazione. L’Iraq è un paese che dispone di grandi risorse petrolifere e in questo paese si sono insediate tutte le grandi società petrolifere anglo USA. Questo spiega l’interesse di Washington a non lasciare il controllo dell’Iraq e delle sue risorse.

Fonte: https://www.controinformazione.info/la-nato-decide-di-espandere-la-presenza-delle-truppe-di-occupazione-in-iraq/

Pubblicato il 18.02.2021