Home / ComeDonChisciotte / LA MORTE DEL DOLLARO CON UNA CRISI STILE-GRECIA ?

LA MORTE DEL DOLLARO CON UNA CRISI STILE-GRECIA ?

DI DIAN L. CHU

marketoracle.co.uk

Yuan contro il dollaro per il ruolo di valuta estera globale

L’abitudine di accumulare riserve di dollari da parte delle banche centrali è diventata sempre più spiccata dopo la crisi finanziaria asiatica del 1997, quando gli speculatori valutari hanno accelerato una crisi della bilancia dei pagamenti di Thailandia, Indonesia e Corea del Sud richiedendo dollari per le valute locali ed esaurendo le riserve di dollari delle banche centrali.
Facendo un salto in avanti di 13 anni, la posizione del dollaro come valuta di riserva preferenziale nel mondo è stata messa in discussione a causa di un disavanzo di bilancio in rapido aumento che mantiene gli Stati Uniti dipendenti dai finanziamenti dall’estero. Lo scorso anno sia Russia che Cina hanno proposto un tipo di “valuta di riserva sovranazionale” per contrastare il dollaro mentre Brasile e India hanno anche discusso della sostituzione di altre attività per i loro titoli espressi in dollari.Il FMI: “Quel giorno deve ancora venire”

Riaccendendo la discussione, Dominique Strauss-Kahn, il direttore del Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha detto venerdì scorso che sarebbe “intellettualmente apprezzabile esaminare” la creazione di una nuova valuta di riserva globale per limitare la dipendenza dal dollaro.
Strauss-Kahn ha affermato che un giorno ci potrà essere un’attività di riserva emessa globalmente ma che “quel giorno deve ancora venire”. Ad ogni modo le sue osservazioni sono il segnale di una preoccupazione più generale in merito al predominio del dollaro e “fino a che punto l’intero sistema monetario internazionale dipende dalle politiche e dalle condizioni di un singolo paese, seppur dominante”.

Tutto questo rende inevitabile la domanda: quale sarà la prossima valuta di riserva globale che subentrerà al dollaro?

Le riserve di dollari: dieci anni di declino

L’ultimo rapporto sul foreign exchange pubblicato dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti mostra che la percentuale delle riserve di dollari è in costante diminuzione – anche prima della crisi finanziaria. Nel 2009 il dollaro costituiva ancora circa il 60% delle riserve estere, con l’euro a meno del 30% e più distanziati sterlina e yen (vedi grafico).

Secondo il Peterson Institute for International Economics, anche se il dollaro rimane la più importante valuta di riserva nel corso degli ultimi dieci anni fino al primo trimestre del 2009, con la correzione per gli effetti dei tassi di cambio la quota del dollaro nelle riserve del foreign exchange, a conti fatti, è diminuita del 4,3%.

Gli elementi di una valuta di riserva

Il rapporto del Tesoro americano indica diversi elementi chiave che sono stati identificati dagli economisti per determinare l’utilizzo di una valuta per le riserve:
• la dimensione dell’economia nazionale
• l’importanza dell’economia nel commercio internazionale
• la dimensione, la forza e l’apertura dei mercati finanziari
• la convertibilità della valuta
• l’utilizzo della valuta come valuta di ancoraggio
• le politiche macroeconomiche nazionali

I PIIGS stroncano l’euro

Sulla base di questi criteri, l’eurozona, simile agli Stati Uniti per dimensione, quota di commercio globale e convertibilità della valuta, rende l’euro un valido contendente per la corona del dollaro. E, a differenza del dollaro, nel corso degli ultimi dieci anni l’euro ha costantemente guadagnato quote di mercato nelle riserve estere globali ed è diventato la seconda valuta più diffusa (vedi grafico).
Purtroppo, il debito e problemi di bilancio dei PIIGS (Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna) hanno danneggiato seriamente la fiducia e la credibilità dell’Unione Europea e dell’euro, stroncando sostanzialmente le possibilità dell’euro di essere un’alternativa al dollaro.
L’euro ha già raggiunto i minimi degli ultimi dodici mesi nei confronti dello yen, e i minimi degli ultimi nove mesi nei confronti del dollaro sulla speculazione che la valutazione del credito greco venga declassata ulteriormente. E’ anche in discussione la possibilità che l’Unione Europea e l’euro rimangano in condizioni soddisfacenti.

Il dollaro regna con liquidità suprema

Anche senza considerare il tracollo greco, è difficile competere nei confronti del dollaro con una tale carenza di liquidità all’interno dell’eurozona. Un motivo importante per cui il dollaro americano rimane la valuta di riserva è che il mercato obbligazionario americano è il mercato più liquido nel suo genere. Un mercato di debito liquido consente alle banche centrali di intervenire nei mercati foreign exchange per attutire le fluttuazioni delle valute.
Come è stato fatto notare dal rapporto del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti:
“L’euro non è diventato equivalente al dollaro come valuta di riserva perché non esiste un mercato comune del debito nazionale all’interno dell’eurozona”.
Da questo punto di vista la sterlina e lo yen, le altre due valute di riserva preferenziali dopo l’euro, appaiono sbiadite in confronto al dollaro in termini di liquidità e agevolazioni del commercio globale. Inoltre, Moody’s ha messo in guardia su possibili declassamenti di Regno Unito e Giappone a causa del debito elevato, del pagamento degli interessi e di una crescita lenta del PIL (lunedì, ad un certo punto, la sterlina stava letteralmente precipitando ed è scesa ai minimi degli ultimi dieci mesi nei confronti del dollaro di fronte alle rinnovate preoccupazioni di un Parlamento in cui nessun partito ha la maggioranza assoluta).

Oro o yuan?

Mentre in molti sostengono un gold standard internazionale, o un altro sistema monetario internazionale basato su un paniere di materie prime e/o valute, è molto difficile vedere un adeguato consenso internazionale che ne decreti realmente la fattibilità.
Perciò dietro le quinte sta aspettando il renminbi cinese (RMB), detto anche yuan. La nomina di Zhu Min, vicegovernatore della banca centrale cinese, nelle vesti di consulente speciale al FMI sembra indicare il sì della Cina al programma per una valuta globale. Il Fondo, storicamente guidato da europei ma dominato dagli Stati Uniti, ha cercato di coinvolgere anche le economie emergenti come Brasile, Cina, India e Russia.
Ma secondo l’economista Geng Xiao, direttore del Brookings-Tsinghua Center for Public Policy, è nell’interesse della Cina – e del mondo – non liberarsi ancora del dollaro.

La rivalutazione dello yuan non risolve nulla

In un’intervista con McKinsley Quarterly, Xiao ha fatto notare che, da ambo le parti, non c’è stata alcuna discussione sullo squilibrio commerciale tra Cina e Stati Uniti. Tuttavia esistono alcune differenze filosofiche tra i due poiché gli Stati Uniti pongono una maggiore enfasi sulla correzione a breve termine attraverso il prezzo e il tasso di cambio del RMB mentre i cinesi pongono una maggiore enfasi sul cambiamento strutturale e istituzionale a medio e lungo termine.
Xiao ritiene che sia difficile che il tasso di cambio corregga la bilancia commerciale:
“Anche se si modifica il tasso di cambio, questo avrà un modestissimo impatto sul disavanzo commerciale americano perché gli Stati Uniti compreranno da altri paesi”.

Tempo di riformare e fluttuare

La Cina ha bisogno di tempo per approvare le difficili riforme economiche in ambito nazionale prima che possa consentire alla propria valuta di fluttuare liberamente nei confronti del dollaro, come spiega Xiao:
“La Cina ha bisogno di un benchmark in modo che il prezzo possa essere confrontato con il prezzo globale, con la struttura di prezzo, compatibile con l’efficienza. E’ per questa ragione che la riforma dei prezzi è più importante della modifica del tasso di cambio… la modifica del tasso di cambio non cambierebbe le inefficienze… perché gli aiuti interni sono ancora presenti”.
Xiao valuta che alla Cina occorreranno dai 5 ai 10 anni per correggere le proprie distorsioni – la riforma terriera, la riforma del settore energetico, la riforma delle aziende di proprietà statale e la previdenza sociale. Solo quando la produttività della Cina raggiungerà quella degli Stati Uniti le strutture dei prezzi dei due paesi potranno convergere.

Lo scenario peggiore

Uno scenario peggiore potrebbe verificarsi se la Cina consentisse il perdurare delle aspettative di apprezzamento del RMB, costruendo ulteriori riserve foreign exchange, come avvisa Xiao:
“Non vedo altri modi per la Cina per ridurre in modo significativo la quantità di titoli in dollari… ma se incalzata, la Cina può sempre fare di più. E anche se marginalmente, anche solo un po’ di più può avere un grosso impatto sul mercato”.

Il dollaro comanda… per ora

Sicuramente, nel corso del tempo, la Cina dovrebbe essere in grado di trasformarsi in una moderna economia di mercato. E se l’economia cinese continua a cresce al ritmo attuale, il RMB alla fine diventerà una delle valute di riserva importanti, come il dollaro americano.
Ma per ora, ci sono diversi elementi a forte sostegno del dollaro. Oltre ad un mercato del debito liquido, molte materie prime, tra cui petrolio e oro, sono quotate nella moneta americana. All’incirca l’88% delle attività giornaliere del foreign exchange interessano dollari americani. Una moneta sostanzialmente agevola il commercio globale ed è possibile stabilire il prezzo delle materie prime in modo omogeneo ovunque esse vengano trattate.
E la Cina, il principale debitore degli Stati Uniti con un immenso pacchetto di titoli del Tesoro pari a 894,8 miliardi di dollari alla fine del dicembre scorso, si sta spostando verso titoli americani a più lungo termine e, contemporaneamente, sta accumulando azioni americane, aumentando il suo pacchetto complessivo di titoli americani a lungo termine.
Gli enormi pacchetti cinesi di riserve di dollari sotto forma di titoli del Tesoro americano sono diventati oggetto di preoccupazione per i funzionari da entrambe le coste del Pacifico. Tuttavia rimane il fatto che, facendo un confronto, il dollaro rimane la valuta più liquida e più stabile. In tal senso, è improbabile che nell’immediato futuro la Cina riduca in modo significativo i propri pacchetti di attività in dollari.

Detronizzato entro il 2050 ?

La maggior parte degli esperti occidentali sembra concordare sul fatto che la prospettiva di una sostituzione del dollaro con una nuova valuta di riserva mondiale è difficile che si materializzi presto perché non c’è alcuna alternativa seria all’orizzonte.
Rimangono dubbi anche sul fatto che i cinesi possano contrastare il biglietto verde. Ad ogni modo sembra si stia formando un’opinione più o meno comune tra vari esperti occidentali sul fatto che i cinesi abbiano intrapreso chiaramente il cammino per sfidare il dollaro in un periodo di transizione di 10-15 anni, il che coincide approssimativamente con le proiezioni di Geng Xiao.
L’economista britannico Angus Maddison prevede che la Cina supererà gli Stati Uniti entro il 2015. Tracciando un parallelo storico con l’ultimo avvicendamento nella valuta di riserva (dalla sterlina inglese al dollaro americano) ci si attende che il renminbi cinese subentri al dollaro come valuta di riserva intorno al 2050, alla metà del ventunesimo secolo.

La morte del dollaro con una crisi in stile-Grecia?

Nel frattempo, anche se la crisi del debito delle nazioni più in difficoltà dell’Europa meridionale si è ultimamente impadronita delle prime pagine dei giornali, Moody’s e i suoi pari hanno espresso preoccupazioni sulla prosperità finanziaria di Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, concentrandosi principalmente sul debito e gli impegni debito di queste nazioni più grandi.

Ad esempio, l’interesse pagato sul debito del Tesoro americano è in crescita esponenziale negli ultimi due anni e ci si attende che raggiunga i 700 miliardi di dollari all’anno entro la fine del decennio. E’ probabile che il rapporto tra debito totale e PIL superi il 90% quest’anno negli Stati Uniti, indebitando il paese addirittura più di Spagna e Portogallo.
Mentre gli Stati Uniti si stanno godendo la posizione di valuta di riserva, questa non è assolutamente garantita per il futuro. Per ora gli investitori stanno cercando rifugio nel mercato obbligazionario americano. Ad ogni modo un sistema politico malato, il debito e il disavanzo potrebbero far affondare inevitabilmente l’America in una crisi in stile Grecia, spingendo ancor di più per una morte anticipata del dollaro.

Dian L.Chu
Fonte:www.marketoracle.co.uk
Link: http://www.marketoracle.co.uk/Article17631.html
3.03.2010

Traduzione a cura di JJULES per www.comedonchisciotte.org

Pubblicato da Davide

  • AlbertoConti

    Difficile appassionarsi a questi argomenti, tanto sono assurdi, eppure determinanti per le sorti dell’economia e delle persone. “Gli speculatori valutari” sono dei professionisti di quest’assurdo, seguito all’inevitabile crisi del primo trattato di Bretton Woods, nel ’44, a coronamento della politica rooseweltiana, ancora tutta da discutere. Certo che adesso non è facile riproporre il cambio fisso tra le valute, a meno di inventarne una sola per tutto il pianeta. Comunque in questi 66 anni quel “capolavoro” ha lasciato il segno, e che segno! Dollaro come valuta di riferimento, dollaro come schema di Ponzi, dollaro come sinonimo di truffa monetaria. La qualità di questo paradigma si rispecchia nella qualità dello sviluppismo irrispettoso di tutto, tranne che della logica del profitto per pochi, raggiunto con metodi sempre più criminali.
    Ma è veramente l’unica chanche che avevamo noi umani? No di certo, e allora perchè non la si mette in discussione? Domanda ingenua, viste le politiche “pro domo mea” di ogni paese, che però nel loro insieme appaiono sempre più simili alla “furbizia napoletana”, quell’arte di arrangiarsi che alla fine genera un sistema infernale, con differenziazioni tali da rendere impossibile qualsiasi mediazione ispirata a un più generale bene comune. Ma ancora più assurdo perseverare nell’errore di lasciare in mano a questa “cupola” le decisioni di merito sulle possibili soluzioni alla questione monetaria. Che sorte può avere un’umanità senza cervello?

  • osva

    Sono veramente stufo. Mi cadono le braccia. Chi è questo mega esperto? E perchè è così ignorante? O fa finta? Perchè siamo ancora quì a fare conti sul “debito”? Debito nei confronti di chi? Delle banche centrali private? Quindi non gli basta a questi: inventiamo una nuova valuta, mondiale stavolta, con una nuova banca che la emette, privata, verso la quale ci indebiteremo di nuovo!! Ma basta!!!
    Tutte le attività umane serie, cioè produzione di cibo, produzioni industriali e di energia, che sono indispensabili, producono debito..ma è possibile? E nei confronti di chi producono debito? Nei confronti di una cricca di banchieri che in effetti pare possegga il pianeta. Vuoi piantare patate? Hai bisogno di un prestito. Vuoi produrre auto? Hai bisogno di un prestito. Vuoi produrre energia solare? Hai bisogno di un prestito. Ma cosa mi presti? Ah, si. Quei pezzetti di carta sporchi di inchiostro. Ma perchè ci servono? Di cosa abbiamo paura? In un sistema dove non esiste più la moneta a debito, uno che decida di fare l’industriale, avrà bisogno di un’investimento, sì, che sarà dei suoi concittadini/fratelli. Che ti serve: Il capannone? La corrente per far girare le macchine? Le macchine per la produzione? Va bene, te le diamo. Non avremo paura che tu ci possa “truffare”, perchè le macchine e il capannone non avranno un corrispondente valore in “moneta”, ma valgono solo per quello che riescono realmente a produrre. Se sparisce la moneta come valore accumulabile, spariscono banche e usurai. E noi stiamo quì a discutere sull’indebitamento degli stati. Ma non è possibile. Abbiamo costruito di tutto e di più, ma siamo in crisi perchè indebitati!! Ma come è possibile? Se lavori e crei ti indebiti con un banchiere che non produce NULLA!!?? Moriremo di fame con i granai pieni?

  • nettuno

    Chi è questo mega esperto? Un PIIGS

  • nettuno

    Chi è questo mega esperto che scrive di economia? Un PIIGS …

    Si salveranno le banche islamiche perchè non mangiano maiali

  • alvise

    Beh, l’AMERO è stato gettato, come si getta l’amo in mare.Che poi qualche pesce abbocchi, questa è un ‘altra storia, comunque è stato gettato nel mare in burrasca della crisi.Si sa che una burrasca disperde tutto, vedremo.
    Comunque in cina esiste già una moneta complementare, i QQQ, se non vado errato.

  • Kerkyreo

    Ma voi credete veramente ai debiti delle nazioni!
    Quanti anni di bilancia dei pagamenti positiva servirebbero ad una nazione per pagare i debiti.
    Cazzate!!!
    La bilancia dovrebbe avere una positivita’ cosi elevata da comprire prima di tutto Gli interessi sul debito e poi decurtare quest’ultimo!
    Ma stiamo scherzando e’ impossibile far diminuire il debito accumulato!!!
    Questo a il solo scopo di mantenere dipendente una nazione.
    Come e’ possibile sanare debiti di centinaia di migliaia di TRILLIONI DI DOLLARI O EURO CHE SIANO.
    Anche se una nazione fosse In surplus di bilancia dei pagamenti non riuscirebbe MAI a fermare la continua ascesa del debito.
    Un tunnel senza fine.

    RICORDATELO