Home / ComeDonChisciotte / LA CRESCITOMANIA

LA CRESCITOMANIA

DI ERNESTO CELESTINI
peacelink.it

A pensarci bene per i ragazzi degli anni 50, i “baby-boomers” come li chiamano in America, la vita non è andata poi così male, visto che hanno evitato di andare in guerra, quella che hanno tanto combattuto con le loro idee. Idee predicate e soprattutto cantate durante la “Rivoluzione dei fiori nei cannoni”, quando parlavano di pace, di libertà, di uguaglianza, di parità tra i sessi .…. E poi sono stati una generazione che ha lottato poco per difendere un onesto lavoro.

A seguito, “BASTA GRANDI OPERE” (Maurizio Pallante, Ilfattoquotidiano.it)

Nel periodo di massima espansione dell’economia e delle tecnologie i “baby-boomers” avrebbero potuto veramente cambiare il mondo, ma le idee non hanno mai avuto vita semplice. Come è sempre stato “gli eroi muoiono a 20 anni”. E anche loro, come tutti quelli che hanno avuto idee in contrapposizione con il modo di vivere contemporaneo, consolidato e comodo per le oligarchie al governo, non ce l’hanno fatta.

Hanno subito abboccato all’amo delle droghe facili, quelle che improvvisamente venivano messe in mano ai giovani quando si riunivano per manifestare, nei festival e anche quando intorno a una chitarra si cantava tutti insieme.

Era tanto facile entrare in quel giro che nel pensiero comune si è subito associato “pace e droghe”, “sesso e violenza”. È stato il primo esempio palese di  come si possono manipolare le masse popolari, quando tentano di far guerra contro una classe che  “sta bene dove sta”.

E gli eroi, ad uno ad uno, hanno cambiato pelle, sono entrati nel sistema tanto odiato e si sono distratti, tanto distratti da non accorgersi che nel frattempo il mondo stava cominciando a girare più veloce in quella stessa direzione che loro volevano correggere. Ogni tanto tutti si ritrovavano per celebrare l’ “osso”, costituito da piccole concessioni sociali, che gli avevano buttato e intanto si continuava a bruciare foreste, costruire inutili ponti con finto cemento e a spiegare alla gente quanto fosse meglio vivere con gli OGM o quanto sarebbe giusto esportare la democrazia.

Il mondo continuava a crescere, nel modo più sbagliato e pericoloso possibile, ma il PIL cresceva e tutti pensavano sempre meno. E’ stato allora che è morta la generazione dei “baby-boomers” anche se qualcuno cominciava a scrivere di “decrescita felice”. Ma erano talmente pochi e lontani da qualsiasi convenienza politica che non valeva la pena nemmeno commentare, anzi, si è preferito continuare a parlare di economia. Ma in realtà la era svuotata del suo significato per confonderla con la finanza, che a sua volta è servita per nobilitare la parola speculazione.

Negli affari quando una parte è soddisfatta di come vanno le cose e non vuole fare un nuovo accordo, si dice che si cerca di: “Buttarla in caciara”. E infatti mischiando tutti gli elementi e non riconoscendo alle parole il loro vero significato, si riesce più facilmente a confondere l’altra parte (in questo caso la popolazione) che capisce sempre meno ( si sente ignorante) e si distrae e allora, se si è già spiegato che non esistono più le ideologie, la politica può occuparsi dei fatti.

Ma i “fatti” per essere funzionali al progresso del paese devono rientrare in un progetto politico di lungo respiro e, se questo progetto non esiste ancora, si riesce a far passare quelle leggi (fuori da qualsiasi logica politica o sociale) che garantiscono legalità alle operazioni che, di fatto, si sono già realizzate: diventano legali le speculazioni sulla compravendita dei soldi, sulle scommesse e sul valore delle merci di domani, il falso nel bilancio delle aziende, e tutto quanto non è espressamente vietato per legge. Se, poi, si è spiegato anche che chi non gradisce questa “new- economy” è un vecchio rappresentante di una obsoleta “old-economy”, il gioco è fatto.

Il mondo è cresciuto molto negli ultimi sessant’anni, anzi si è ammalato di crescita. La crescita è addirittura diventata una mania, l’unico modo per misurare il benessere, un modo facile da confrontare, che si vede bene anche nei grafici: quando sale tutto va bene, altrimenti tutto va male.

Per crescere basta mettere nel conto qualsiasi voce: posso fare una rapina e comprare delle case, posso tagliare e vendere droga, posso costruire o comprare e vendere armi, posso creare e vendere “titoli tossici”, comunque, se faccio girare denaro contribuisco alla crescita.  Tutto aiuta, come le guerre, la corruzione, la criminalità. È una somma di voci, una addizione e pertanto non fa discriminazioni.

Tutti, politici, finanzieri, economisti oggi ci spiegano che non faremo altra crescita la crisi economica si aggraverà e si perderanno altri posti di lavoro:  questo perché lo stabilisce una formula aritmetica.

A nessuno conviene controllare se i fattori della formula sono giusti. Se si rivelasse che la popolazione mondiale potrebbe continuare a mantenere lo stesso tenore di vita se si spendesse solo la metà del PIL, si rischierebbe di far scoppiare il panico e far inceppare tutto il sistema.

Se il parametro che stabilisce il benessere di un paese è il PIL e se tutti i paesi hanno un debito pubblico è ovvio che una decrescita diminuirebbe anche il valore del PIL, ma il debito pubblico resterebbe invariato, in valore assoluto ma, essenzialmente, aumenterebbe la sua percentuale di incidenza sul PIL. Non cambierebbe nulla, ma ormai è la finanza a governare sui governi e un giudizio negativo sull’affidabilità di uno Stato fa pericolosamente oscillare o crollare le borse.

È tutto come un incubo, non cambia niente nel mondo reale, ma di notte ci si agita, ci si sente oppressi, mancano i punti di appoggio, sembra di morire finché qualcuno ci sveglia, e si vede che è stata solo fantasia.

Moody’s, Fitch Ratings e qualsiasi altra agenzia di valutazione non hanno titoli giuridici per giudicare, né per influenzare i mercati e alterare il prezzo delle merci o il rispetto dei diritti umani.

Il debito pubblico è composto in massima parte da interessi imposti da banche e finanza durante lunghi anni di egemonia sulla politica. I deficit reali di tutti i paesi occidentali non esisterebbero più da vari anni se non dovessero includere gli interessi da pagare sul debito pregresso. In Italia servono 70 miliardi ogni anno per pagare gli interessi, è quasi il 10% della spesa pubblica.

Il PIL non indica il livello di benessere o la qualità della vita della popolazione, è solo uno strumento per parametri grafici. La crescita non serve a niente se non è funzionale ad uno sviluppo reale della società.

Pochi anni fa, prima della crisi del 2008, mi trovavo a parlare con alcuni miei giovani collaboratori, quasi tutti laureati alla Bocconi, e chiesi chi di loro avesse “amici che lavoravano”. Non compresero la mia domanda, perché quasi tutti i loro amici avevano un’occupazione (in banca, nelle assicurazioni, nella consulenza, nel marketing, nella comunicazione ecc.) ovviamente nessuno svolgeva un’attività artigianale o manovale, nessuno creava qualcosa di tangibile.

Soffriamo tutti di “crescitomania” e sarebbe arrivato il momento di ragionare, di fare autoanalisi e chiederci se riusciremmo a vivere uscendo da questa spirale di crescita.
Potremmo approfittare di questo momento per riequilibrare il rapporto tra l’uomo, la società e la natura, non sarebbe sbagliato cercare di sostituire tutta quella infrastruttura che si è creata per sostenere una società basata sulla convinzione che le materie prime siano infinite e che il pianeta sia proprietà della specie umana e non un possesso temporaneo della nostra generazione.

Le culture dei popoli precolombiani, gli indiani d’America, sentivano uno strettissimo legame con la madre terra e gli Dei ( quindi la legge dello stato ) concedevano loro “il libero utilizzo di tutto di tutti i beni necessari per la loro sopravvivenza, e consideravano peccato ( quindi reato) qualsiasi accumulo (appropriazione indebita) dei beni destinati a garantire la vita alle generazioni future.

Per costruire il futuro, basta guardare al passato ed evitare di ripetere gli errori già commessi. La politica di domani deve sapere che l’uomo vuole lavorare e non si oppone alla mobilità, accetta volentieri di smettere un lavoro inutile, purché si sia già pensato a qual è un lavoro utile per la società e per una miglior qualità della vita. Quello che è giusto non accettare è la mancanza di prospettive di chi comanda e il millantare la propria  incapacità personale per “bisogno di precariato nella vita”

Ernesto Celestini
Fonte: www.peacelink.it
Link: http://www.peacelink.it/sociale/a/36306.html
24.05.2012

BASTA GRANDI OPERE


DI MAURIZIO PALLANTE E ALTRI
ilfattoquotidiano.it


Pubblichiamo un estratto dell’appello promosso da Maurizio Pallante (consulente del neosindaco di Parma Pizzarotti) e sottoscritto da imprenditori, tecnici, consulenti e attivisti del Movimento per la Decrescita Felice, per un cambio di priorità in Italia nelle scelte economiche e industriali.

In tempi normali è sufficiente gestire l’ordinaria amministrazione con accortezza perché tutto proceda bene. Ma quando, come ora, si vivono grandi cambiamenti epocali, dove masse sempre più grandi di persone soffrono per mancanza di lavoro, occorre rimettere in discussione idee consolidate, con particolare il dogma della crescita continua del Prodotto interno lordo. Vediamo con apprensione che si parla di “Project Bond per realizzare grandi opere infrastrutturali”. Si tratta in pratica di fare ancora altri debiti per realizzare grandi opere finalizzate, più che alla reale utilità, a far ripartire la crescita, come se questa fosse la soluzione a ogni male. Ancora grandi opere, ancora a debito… per riavviare la crescita e poter pagare gli interessi sul debito! Ma che follia è? E in questo teatro dell’assurdo si inserisce anche il luogo comune del collegamento diretto fra crescita e occupazione. Si dà per scontato che la crescita faccia automaticamente aumentare l’occupazione, ma non è vero e ci sono i numeri a dimostrarlo.

Dagli anni 60 a oggi, il Pil è aumentato di quasi 4 volte, mentre l’occupazione in proporzione all’aumento della popolazione è diminuita! Ogni imprenditore sa che, nella maggior parte dei settori merceologici, l’aumento della produttività e quindi del Pil, si ottiene con l’automazione e con l’ottimizzazione dei processi produttivi e non aumentando proporzionalmente l’occupazione.

Per dimostrare le nostre tesi abbiamo analizzato i dati della galleria per il Tav in val di Susa. Tali dati indicano che la galleria del Tav consentirebbe di creare 2000 nuovi posti diretti e 4000 indiretti. In realtà le cifre sono ottimistiche, ma anche se si raggiungessero tali obiettivi occupazionali, avremmo al massimo 6000 nuovi posti di lavoro contro un investimento minimo di 8,2 mld di euro, ovvero 0,73 nuovi posti per ogni milione di euro investito. La spesa sarebbe coperta a debito ribaltando ancora una volta il problema sulle generazioni future, che dovrebbero anche sorbirsi i danni ambientali e le spese per l’energia necessaria a illuminare e climatizzare l’opera. Tutte le grandi opere infrastrutturali hanno per comun denominatore l’uso del debito, di molto cemento, di molta energia e hanno quindi un impatto ambientale molto rilevante.

Si può fare diversamente? Certo che sì! Bisogna solo cambiare le priorità e spendere il denaro in altro modo, partendo anche dalla consapevolezza che è convenienza di tutti investire subito le poche risorse disponibili in molte migliaia di piccoli e micro cantieri e solo successivamente, eventualmente, in grandi opere infrastrutturali. I micro cantieri dovrebbero riguardare in primo luogo l’efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati. Poi anche le bonifiche ambientali e la messa in sicurezza del territorio rispetto agli eventi catastrofici. I costi delle opere di efficientamento si pagherebbero in pochi anni con il risparmio energetico e in meno di un decennio i soldi investiti sarebbero di nuovo disponibili per nuovi utilizzi. Immediatamente calerebbe la bolletta energetica e l’inquinamento da CO2. Quindi ci guadagneremmo tutti. Infine, il denaro speso per far lavorare migliaia e migliaia di piccole imprese e di artigiani, resterebbe nel territorio contribuendo in maniera determinante al riavvio dell’economia! Noi facciamo appello alla politica perché dia priorità a questi interventi che generano molti benefici per tutti.

Maurizio Pallante e altri
Fonte: www.ilfattoquotidiano.it
24.05.2012

Pubblicato da Davide

  • zapper

    IL FUTURO HA BISOGNO DI UN PARADIGMA MENTALE NUOVO
    Una esistenza sicura crea spazio per istruzione e ricerca in autodeterminazione, nonché innovazione economica.

    La questione dell’occupazione, giovanile o meno, non è solamente contingente ma strutturale in una società in cui l’economia è sempre più espressione della “conoscenza” rispetto alla produzione materiale che si va via via fortemente automatizzando.

    Crisi o non crisi l’offerta occupazionale in futuro sarà tendenzialmente sempre più scarsa e sempre più slegata dal concetto di crescita che nonostante non abbia più ricadute positive in tal senso, viene ripetuta come un mantra salvifico soprattutto perchè non si hanno altre idee che non siano un non ben definito “progresso” secondo uno schema mentale ottocentesco.
    La decrescita però rischia di essere solo un mero esercizio se non poggia su un cardine che dia il “la” ad una progressiva demonetizzazione della società, che non arriva certo dalla sola buona volontà e dagli investimenti virtuosi.

    “Si tratta di far evolvere il ‘reddito minimo d’inserimento’ (in vigore in Francia), o i suoi equivalenti, verso un vero e proprio reddito di cittadinanza, disancorando il reddito dall’obbligo di lavorare. L’abbandono da ogni condizionamento in tal senso sarebbe già una considerevole rivoluzione culturale”
    (Serge Latouche 1998)

    questo passo fondamentale di Latouche, Pallante riesce sempre a dimenticarlo!

    Esemplare l’analisi del Prof. Fumagalli in questo articolo:
    http://www.bin-italia.org/article.php?id=1320

    Nell’epoca post-fordista deve essere rivisto completamente il concetto di “lavoro” disancorando il reddito dall’occupazione e quindi scollegando il ruolo del denaro dal concetto di sopravvivenza.
    In Svizzera stanno già proponendo una legge di iniziativa popolare in questa direzione:
    http://info.rsi.ch/home/channels/informazione/info_on_line/2012/04/12–Iniziativa-per-un-salario-minim

    Esiste molta confusione al riguardo e un’infrastruttura come il reddito universale viene scambiato spesso per un mero sussidio e quindi un costo aggiuntivo per la società quando nei fatti è esattamente il contrario

    Per capire bene di cosa si tratta questo è il film della rete tedesca sul basic income incondizionato:

    http://www.youtube.com/watch?v=ExRs75isitw
    (attivare i sottotitoli, tasto “cc” in basso a destra)

  • ericvonmaan

    Il problema non è “decrescere” ma “distribuire più equamente”. Se ci fosse più giustizia, ce ne sarebbe in abbondanza per tutti consumando la metà. Socialismo?

  • Georgejefferson

    Tanta bella retorica…” I deficit reali di tutti i paesi occidentali non esisterebbero più da vari anni se non dovessero includere gli interessi da pagare sul debito pregresso. In Italia servono 70 miliardi ogni anno per pagare gli interessi, è quasi il 10% della spesa pubblica” quindi auspichiamo il buon pareggio di bilancio,come da stato buon padre di famiglia che spende solo quello che toglie in tasse.IPOTIZZIAMO allora la ricchezza netta dell’italia reale con una casa per esempio…Dato che il valore della moneta riflette la ricchezza di un paese (1971.fine dell’illusione del gold standard) abbiamo una casa ,e 100 di moneta totale a rappresentarla.Vogliamo dar modo di lavorare a chi e’ disoccupato per aumentare questa ricchezza quindi costruire una nuova casa?(sostenibile per materiali e servizi)col pareggio di bilancio non si puo.Servono soldi nuovi(oltre ai 100)..chi lavorerebbe gratis?lo stato toglie 100/rimette 100…chi li puo mettere quei soldi nuovi al netto?

  • tres19

    Questo è un discorso che potrebbe fare un abitante del Burkina Faso, tu essendo italiano stai consumando il doppio di quello che ti è concesso facendo una media generale, quindi distribuire più equamente significa sempre che tu devi limare.

  • Jor-el

    Sante parole, ma ormai è come soffiare contro il vento. l’idea balzana del DEBITO è stata instillata a martellate nelle teste delle persone e chi la schioda più? Massì, smettiamo di consumare: è quello che vogliono ma, santiddio, continuiamo a LAVORARE, altrimenti diventano cattivi! Alla grande finanza non gliene frega nulla del lavoro produttivo, non ci pensano neanche lontanamente a investirci un centesimo: loro i soldi li fanno con la finanza. Per loro gli operai potrebbero anche morire tutti domani, anzi, sarebbe meglio! Stanno mandando alla malora lo stato sociale non perché non ci sono più risorse, ma perché l’unico modo per costringere la gente a continuare a lavorare, a scannarsi gli uni con gli altri per un posto di lavoro da 400 euro al mese, perché non si rendano conto di una realtà fondamentale che è vera ormai da anni. Ma non avete ancora capito che il lavoro non serve più? Che basterebbe lavorare tre ore al giorno per 3-4 giorni la settimana per produrre tutte le merci necessarie per noi, per gli africani, per i cinesi e per i russi, e ne ne avanzerebbero pure tante? Che la sovrapproduzione ha causato 30 anni di crisi economiche a catena? Che stanno rompendo la schiena a milioni di esseri umani per produrre un mucchio di ciarpame che finisce direttamente in discarica? Bene, il modo che hanno escogitato per mantenere vivo l’inferno del lavoro salariato, per continuare a farci star gobbi, è la distruzione dello stato sociale con il trucco di una balla che si chiama DEBITO.

  • Sanch0Panza

    Ma non avete ancora capito che il lavoro non serve più? …
    Che stanno rompendo la schiena a milioni di esseri umani per produrre un mucchio di ciarpame che finisce direttamente in discarica?

    Sante parole.
    Potrei scrivere qui il mio curriculum a sostegno di quello che dici.

  • Sanch0Panza

    Sante Parole.

    Potrei scrivere quí il mio curriculum a sostegno di quello che dici.

  • Georgejefferson

    hai ragione riguardo al ciarpame inutile,riguardo al lavoro,quello di seguito ti sembra ciarpame?… restrutturazione con materiali sostenibili/manutenzione del comparto pubblico con materiali sosteninili/cura del dissesto idreologico/ricerca e know how orientato alle fonti pulite di energia/produzione locale di beni e servizi riducendo l’impatto ambientale e di spreco di merci che vanno e vengono inutilmente da un capo all’altro del mondo e rendere un paese meno partecipe allo sfruttamento criminale delle risorse dei paesi poveri/cura degli anziani e bambini la dove l’eventuale tempo libero conseguente a scelte di vita piu etiche non bastasse a fronteggiare tutti ecc ecc

  • bdurruti

    La rivoluzione è già in atto, sig. Pallante. E’ quella che porterà l’occidente nel giro di 25 anni ad un dimezzamento dei consumi e della ricchezza, complice la scarsità di risorse energetiche derivate dal petrolio (e l’impossibilità che queste siano rimpiazzate dalle rinnovabili). Se agiamo bene, questa poca ricchezza potrà distribuirsi in parti uguali, altrimenti saranno sangue e lacrime per il 99%.
    Io non so se siete in buona fede o siete solo a caccia di un posto dove tenere il culo al caldo, perchè in tutte le vostre condivisibili teorie manca il passo fondamentale che è quello di staccarsi dal paradigma del modello economico capitalista. Manca poco, ancora uno sforzo.