Home / ComeDonChisciotte / LA CINA FARA' DELLO YUAN UNA MONETA AUREA ?

LA CINA FARA' DELLO YUAN UNA MONETA AUREA ?

FONTE: ZERO HEDGE

Se la Cina sostenesse la sua moneta con riserve auree, si potrebbero verificare profondi effetti su investitori e consumatori …

Larry Edelson scrive : So per certo che Pechino vuole che il suo yuan diventi un valuta sostenuta dalle sue riserve auree, proprio come era in origine il franco svizzero. Dare una copertura allo yuan con un po’ d’oro significa certamente aiutarlo a diventare una moneta internazionale di grande rilievo.

Edelson è un consulente finanziario che viaggia di frequente in Asia, un commerciante d’oro all’ingrosso, che viene intervistato spesso dai più importanti mass media finanziari.
Non so se Edelson abbia ragione o no. Ma non è il primo a farsi questa domanda.

Doug Casey dice che se un paese – come la Cina – sosterrà la sua valuta con l’oro , il dollaro sarà bruciato:
Tutto il mondo si renderà conto che i dollari americani non sono altro che le patate bollenti se un altro paese (Doug ha ipotizzato che forse la Cina vuol essere il primo) introducesse una valuta convertibile. Se la Cina usasse, per esempio, uno Yuan che vale oro, chi sulla terra vorrebbe ancore avere a che fare con i dollari?

Allo stesso modo, puntualizza SafeHaven:

Supponiamo che un grande esportatore, come la Cina, che sottovaluta la propria valuta e gestisce un ampio avanzo commerciale, di conseguenza, facesse un enorme passo radicale e arrivasse a possedere fino al 100% di riserva in valuta oro. L’ultima moneta forte. Se ci riuscisse, la Cina sarebbe la nuova Inghilterra – la capitale finanziaria del mondo, per sempre. E i soldi di tutti gli altri allora ? In una parola: sarebbero “pesos”. Valuta forte sarebbe la valuta cinese. La supremazia naturale della Cina sui regni barbarici dell’Occidente verrebbe ripristinato.

Goldcore sostiene:

La Cina sta chiaramente cercando di posizionare il renminbi o yuan come moneta di riserva globale alternativa. I cinesi probabilmente si rendono conto che dovranno superare la riserva ufficiale, ma non certificata, della Federal Reserve, che possiede 8,133.5 tonnellate d’oro.
***
Il Presidente della Banca Mondiale Robert Zoellick ha recentemente ventilato la possibilità di un ritorno a qualche forma di gold standard. Sembra estremamente probabile che anche i più influenti politici, banchieri e funzionari governativi cinesi possano aver avuto pensieri simili.

Simit Patel scrive:

La Banca Centrale della Cina continua ad comprare aggressivamente oro. Sarà un modo per r rendere il renminbi una valuta convertibile? Molti hanno ipotizzato che questo è il progetto. Certo, una moneta convertibile avrà “appeal” come valuta di riserva in grado di attrarrare ricchezza, anzi, il motivo per cui gli Stati Uniti erano in grado di posizionarsi come valuta di riserva è in gran parte perché una volta il dollaro era agganciato all’oro.

Max Keiser dice:

Ripete quanto sostiene Goldcore e aggiunge che la Cina è il sesto più grande paese detentore di riserve auree nel mondo di oggi e ha ufficialmente riserve di 1054.1 tonnellate, che però è meno della metà, di quanto dispongano Francia e l’Italia, paesi dell’Euro, che dovrebbero averne rispettivamente 2,435.4 Tonnellate e 2,451.8 tonnellate.

***
[Questo] gioco teorico è grande perché sottolinea che la Cina non ha bisogno di accumulare una riserva d’oro simile a quella degli Stati Uniti, ma potrebbe semplicemente basarsi sul sistema “ gold standard” e svalutare lo Yuan rispetto al dollaro (secondo le regole di questo gioco, gli Stati Uniti e tutti gli altri paesi sarebbero costretti a seguire l’esempio della Cina, per non rischiare di perdere tutti i loro depositi in quanto gli investitori comprerebbero l’unica moneta sostenuta dall’oro in tutto il mondo).

Wikileaks ha annotato diversi motivi per spiegare l’aumento delle scorte d’ oro della Cina.

Zerohedge riassume:

Come spiega questo messaggio di Wikileaks l’oro è, almeno per la Cina, nient’altro che il costo dell’opportunità di distruggere il requisito del dollaro di essere ancora usato come riserva.
Parlando in termini di dollari è, quindi, impraticabile nel migliore dei casi, e illogico nel peggiore dei casi. Abbiamo il sospetto che il messaggio dell’ambasciata statunitense in Cina sta stia per diventare un problema, non virale, ma molto globale, e potrebbe far preparare tutti quei gestori di fondi comuni che propendono per l’oro a intingere un dito del piede nella piscina a 24 carati.

L’unica cosa che conta dal punto di vista della Cina è che “il controllo del prezzo dell’oro è molto vantaggioso per gli Stati Uniti per mantenere il ruolo del dollaro come valuta di riserva internazionale. L’aumento delle riserve auree della Cina sarà quindi un modello e porterà altri paesi a fare più riserve d’oro.

Grandi riserve d’oro sono anche utili per promuovere l’internazionalizzazione dello Yuan. “Ora, che cosa accadrebbe se i fondi comuni e i fondi pensione, finalmente comprendessero che hanno investito troppo poco nel bene che la Cina sta , senza ombra di dubbio, accumulando massicciamente dietro le quinte? Ci vuole poco a prevedere una mischia mondiale con gente che litiga non per la carta, ma per l’ultima goccia di oro vero …

Da Wikileaks:

3. Le riserve d’oro della Cina

“La Cina aumenta le sue riserve auree per prendere due piccioni con una fava”

“La Radio Internazionale Cinese ha sponsorizzato il World News Journal (Shijie Xinwenbao) (04/28):” Secondo l’Amministrazione Nazionale per il Commercio Estero cinese, le riserve auree cinesi recente sono aumentate. Attualmente, la maggior parte delle sue riserve in oro sono state depositate nei paesi europei e statunitensi. Gli Stati Uniti e l’Europa hanno sempre controllato l’aumento del prezzo dell’oro. Hanno intenzione di indebolire la funzione dell’oro come valuta di riserva internazionale. Non vogliono vedere altri paesi accumulare riserve auree per tentare di prendere il posto del dollaro USA o dell’ Euro. Pertanto, il controllo del prezzo dell’oro dà molti vantaggi agli Stati Uniti per poter mantenere il ruolo del dollaro come valuta di riserva internazionale.

Fonte: www.zerohedge.com
Link: http://www.zerohedge.com/contributed/2012-21-22/will-china-make-yuan-gold-backed-currency
21.05.2012

Tradotto per www.ComeDonChisciotte.org da ERNESTO CELESTINI

Pubblicato da Bosque Primario

  • albsorio

    Il dollaro è ignifugo perchè protetto con la violenza degli sceriffi… se non fosse così sarebbe gia scomparso, la forza della moneta cinese è nella mancanza di signoraggio, comunque i cinesi hanno gia una moneta “forte” il dollaro, l’equazione USA:Cina=debito:produzione è semplice da capire, più difficile capire quanto la Cina si sviluppi fuori dai sui confini.

  • xcalibur

    Intanto “L’oro dell’ Italia” e’ di proprieta’ privata perche’ e’ della Banca d’Italia, che e’ un organismo privato, e poi sta’ al sicuro nei forzieri della FED…

  • xcalibur

    Il dollaro poi non ha bisogno di essere sostenuto dall’oro perche’ tanto e’ sostenuto dalle bombe…

  • Tanita

    Vero, è sostenuto dalle bombe, ma non si può controllare tutto, omnia omnes, tutto il tempo. Quale shock staranno gestando, a questo punto, se sono stati capaci di volare le proprie torri gemelle nel cuore di Manhattan? (Che penso sia stato l’evento che ha dato inizio alla fine dell’Impero. Penso e spero).

  • paulo

    I cinesi, pratici della saggezza taoista, sanno che non bisogna combattere per vincere, basta essere preparati (oro) e aspettare che l’impero crolli (debiti). Quanto alle bombe USA, i cinesi hanno già un esercito in via di sviluppo non indifferente che potrebbe entrare in azione se necessario. L’Italia cosa farà quando il padrone non ci sarà più?

  • albsorio

    11settembre non è l’inizio della fine dell’impero. Allora la parte sbagliata dell’America ha creato il casus belli per mantenere il suo ruolo egemone mondiale, la bugia raccontata e mai apertamente rifiutata ha creato negli autori di quel crimine un delirio di onnipotenza che ha generato altri crimini, essi vivono sicuri sotto la copertura del mainstream, speriamo che i governi mondiali che ben conoscono la veritá blocchino il male, che non è genericamente USA, diciamo che “il male”è transnaziolale, forse in ognuno di noi…

  • alberto_his

    Saggio commento. La Cina va pragmaticamente per la propria strada: rimpolpato i forzieri con metallo prezioso, armato l’esercito, compiuto il balzo in avanzi dal punto di vista industriale; ora attende l’implosione del rivale a stelle e strisce e di vederne passare il cadavere lungo il fiume. L’Italia cambierà semplicemente padrone/i, ammesso riuscirà a rimanere assieme.

  • Aloisio

    Per quanto riguarda le riserve auree dell’Italia, ma non solo, che si troverebbero in giacenza presso gli usa, non sono sicuro che ci siano ancora. O se ci sono che possiamo utilizzarle a piacimento senza il benestare dei nostri padroni.

  • ericvonmaan

    esatto

  • AlbertoConti

    Domanda stupida. La logica prima e la storia poi hanno dimostrato che la moneta, qualunque moneta, non è mai stata merce. Ripeto, la moneta non richiede alcuna “copertura” ne aurea ne di altro tipo, tranne uno, la FIDUCIA: nella solidità e stabilità dell’economia che utilizza e sostiene quella valuta. La fiducia nell’oro sarebbe comunque mal riposta, non solo perchè è una merce come un’altra, ma perchè è una merce truffaldina, nel senso che qualunque riserva non può coprire che una percentuale irrisoria e del tutto simbolica di una valuta di massa. Ma lo sapete quant’è tutto l’oro del mondo? Al più 170.000 tonnellate, di cui il 58 % impiegato in gioielli! Con le nostre (teoriche) 2.500 tonnellate d’oro a riserva di bankitalia, che ci pone ai vertici dei paesi più ricchi di copertura aurea, ci facciamo la birra: valgono attorno ai 100 miliardi, pari agli interessi sul solo debito pubblico di un anno. Ricordiamo che la moneta in circolazione è dell’ordine di grandezza del PIL, attorno ai 1.500 miliardi per un paesello come l’Italia. E’ come se uno che va in banca a chiedere il mutuo per la casa dicesse: a copertura del vostro rischio-credito metto a disposizione il box-auto!

  • albsorio

    L’oro non può essere il garante della moneta, ed é vero ma nemmeno i titoli di debito emessi per renderci schiavi dei padroni dei soldi ( l’1% ) in parole povere signoraggio primario… ma non bastava quello primario si sono inventati il deposito frazionario o signoraggio secondario. Adesso bisogna semplicemente capire che finita la favola.

  • AlbertoConti

    Infatti. Ma non dimentichiamo che il gestore del denaro ha 1.000 altri modi per rubare “legalmente”, perciò non può essere un gestore privato. Tantovarrebbe fare le primarie tra gli amministratori di condominio per eleggere i nostri rappresentanti “politici”, follia pura sado-maso. Banche pubbliche, condizione necessaria (ma non sufficiente) per impostare una qualunque proposta alternativa.

  • Aloisio

    non capisco perchè definisci truffaldina una merce che , tutt’al più si potrebbe definire insufficiente. Ma sbaglio o esiste la riserva frazionaria per questo ?
    Comunque, sarò demodé, ma io rimango fedele alla politica di Luigi Einaudi.

  • Tanita

    D’accordo, il male è transnazionale.
    In ognuno di noi spero di no. Almeno cerco di occuparmene. Ci sono rivolte dappertutto, anche nel cuore degli USA, ma ne sappiamo poco precisamente per il corporativismo mediatico. Comunque, la voce si sparge, lentamente, a macchia d’olio.

  • paulo

    Sono d’accordo con il fatto che la fiducia faccia la moneta (vedi Prof. Auriti). La copertura aurea non bisogna essere al 100% per essere efficace, la grande differenza fa COME la moneta viene messa in circolazione. Se viene creata a DEBITO, abbiamo un problema che l’oro non può risolvere proprio per gli interessi come hai detto. Se la moneta viene creata a CREDITO, allora la cosa cambia: non ci sono interessi e la riserva aurea può rendere la moneta più forte in quanto legata a qualcosa di fisico. La moneta non è merce, i banchieri lo vorrebbero per far credere che con la loro carta abbiamo qualcosa in mano. Una moneta non gravata da debito e con riserva aurea farebbe piazza pulita dei banchieri padroni.

  • AlbertoConti

    Insufficiente=truffaldina. L’ha sancito Richard Nixon il giorno di ferragosto 1971 davanti al mondo intero. Se non è chiaro questo non so cos’altro ci deve capitare per aprire gli occhi. La “riserva frazionaria” è la truffa storica dei banchieri privati, tutti, da che banca è banca. E non c’è soluzione al loro conflitto d’interessi. L’unica soluzione è eliminare la figura del gestore privato della moneta, che è sommo bene di tutti, non può essere privatizzata nell’emissione, nella gestione, nel controllo del patto sociale che sottende attraverso tutte le sue forme e le sue dinamiche, fiscali in primis, ma poi speculative in tutti i modi che la fantasia del privilegio ingiustificato può consentire.

  • Georgejefferson

    finalmente un buon commento riguardo alle continue stronzate sul gold standard,so esserci fior di ricerche e prove a dimostrare che la vera natura della moneta e’ piu o meno sempre stata fiduciaria,la moneta merce e’ sempre stata un’illusione per ingannare i popoli.Appena ho tempo approfondiro cercando le fonti di tali ricerche

  • Georgejefferson

    Cosa pensi di queste problematiche espresse da Barnard sull’emissione diretta?…l’emissione di spesa da parte di uno Stato in assenza di emissione di titoli di Stato 1) farebbe saltare parti centrali delle politiche monetarie sovrane di quello Stato, come il lavoro della BC per regolare i tassi interbancari overnight/riserve in eccesso ecc., con tutta le conseguenze disastrose di ciò fra inflazione e svalutazione. 2) Renderebbe inappetibile per i Paesi esteri il vendere a quello Stato qualsiasi cosa, poiché la sua valuta che le loro BC accumulerebbero sarebbe destinata a stagnare senza sbocchi di possibile investimento a tassi remunerativi attraenti (es: se non esistessero i bonds USA la Cina venderebbe meno di un decimo a loro). Nessun Paese si caccerebbe in questa situazione e venderebbero ad altri. 3) Priverebbe il settore non gov. di quello Stato (che non emette titoli) di una fonte essenziale di beni finanziari al netto rappresentata dagli interessi sui titoli

  • Georgejefferson

    Ti sei mai chiesto se il trucchetto della ris.frazionaria sia ormai in disuso?cioe’,che ora sono molto ma molto piu spudorati.Si dice(non ho prove al momento) che le banche SI devono detenere riserve obbligatorie,ma una volta accantonate(poca roba) loro prestino illimitatamente dal nulla(quindi non seguendo il moltiplicatore,ma molto di piu)e l’unico limite che si danno e’ dettato dalle garanzie reali del richiedente il prestito…parlo di ora attualmente,non storicamente.Cosa sai a riguardo come prove a confutare questo(non lo donper certo)

  • Georgejefferson

    e chi garantisce ai cittadini e al resto del mondo la copertura?Credi che c’era veramente la copertura durante il gold standard?

  • AlbertoConti

    Da quando le grandi banche sono tornate a “fare affari”, cioè dal tradimento del glass-steagal-act e dalla deregulation degli anni ’80, mi sembra logico che impieghino il massimo loro consentito ad alto rendimento, e quindi anche alto rischio. Le poche riserve obbligatorie se le procurano giornalmente tramite prestiti tra banche, o tra banca e banca e banca centrale (che è un’assurdità, ma fa parte di questo gioco demenziale). A questo punto tutto si gioca sui tassi d’interesse e sui loro differenziali, fino a che va bene. Quando gli impieghi vanno in default cominciano i guai, amplificati da voci, indiscrezioni e rumors che bucano il muro d’omertà sulle scommesse perse. Il rapporto col piccolo risparmiatore e col semplice correntista diventa secondario, un sottofondo dato per scontato, una base per costruire i loro castelli di carta, che hanno moltiplicato gli asset finanziari fino a multipli di due cifre del PIL mondiale. Questa enorme massa monetaria è l’essenza dello schema di Ponzi sulla moneta, che ovviamente ha il destino segnato, tanto peggiore quanto più riesce a prolungarsi nel tempo. I vari QE e LTRO sono ossigeno per il mostro morente, un grande crimine contro l’umanità.

  • Georgejefferson

    mmmm…mi chiedevo questo da quando ne sentii parlare,cioe che la realta odierna sia molto peggio del trucchetto della riserva e moltiplicatore.Un giorno un grosso commercialista della zona mi disse che secondo lui,anche se la gente togliesse i risparmi dalla banca..essa spudoratamente avrebbe il potere legale di creare ugualmente promesse di pagamento (usate come denaro)dal nulla da prestare,e questo in base al concetto (spesso sottolineato da istwine)che i prestiti creano i depositi e non il contrario..Mi chiedevo anche il perche a livello dei media mainstream..quelle rare volte che viene citato il meccanismo del moltiplicatore delle promesse in base alla riserva..esso non viene mai contestato da nessuno dei presunti esperti..quasi ad usarlo come diversivo per nascondere il fatto che la realta…in verita sia molto peggio

  • AlbertoConti

    ” i prestiti creano i depositi e non il contrario..” Questo riguarda l’economia reale, dei consumatori e dei piccoli imprenditori ecc. Infatti questo è un sistema che, nelle fasi di bolla crescente, non pone limiti all’espansione economica. Ma soprattutto non pone limiti all’espansione degli strumenti finanziari, il grande oceano del risparmio gestito. Allo scoppio della bolla il primo che paga è il mercato reale (credit crunch), sul quale, in contemporanea, non è difficile trasferire la “bed bank”, la spazzatura del risparmio gestito, grazie anche alla complicità degli stati i cui centri di comando sono totalmente sotto controllo della finanza che conta. La domanda è allora: perchè ogni tanto una banca, anche grossa, fallisce? La Lehman Brothers pare non fosse per nulla messa peggio delle altre, così come l’Italia oggi non è per nulla messa peggio dell’Inghilterra e degli USA.

  • Hamelin

    Interessante.
    I limiti della crescita stanno appunto nella moneta FIAT, la gente critica il Gold Standard perchè non permette picchi di crescita smodata ed indebitamento folle = Tenore di vita piu’ basso .
    Dalla tua domada è facile dedurre che le cifre di cui parliamo sono folli e non esistono nella realtà in quanto legate a Moneta FIAT ( moneta Debito fiduciaria ) .
    La crescita che tanti osannano e chiedono non potrà mai avvenire in quando la crescita ( Folle ) degli ultimi 20 anni è avvenuta solo tramite il debito .
    Il sistema FIAT è sostenuto solo da coloro che vogliono vivere alla grande oggi e non pensare al domani…
    L’oro ha un alto valore intrinseco come conduttore , facilità nella lavorazione e trasporto.
    Essendo scarso permette all’economia se utilizzato come moneta uno sviluppo piu’ basso ma qualitativamente superiore , e soprattutto uno sviluppo lineare e non esponenziale ( come accade oggi ) .
    Noi stiamo per assistere allo sgonfiamento della piu’ grande bolla creditizia mai avvenuta nella storia.
    Il FIAT Money ha i mesi contati .