Home / ComeDonChisciotte / LA BANCA CENTRALE EUROPEA. LA PRESA DEL POTERE DA PARTE DI TRICHET

LA BANCA CENTRALE EUROPEA. LA PRESA DEL POTERE DA PARTE DI TRICHET

DI MIKE WHITNEY
informationclearinghouse.info

Giovedì il presidente della Banca Centrale Europea Jean-Claude Trichet ha annunciato che nel prossimo futuro sarebbero proseguite le politiche di bassi tassi di interesse (all’1 per cento) e di prestiti agevolati da parte della BCE. Alla notizia Wall Street ha esultato facendo schizzare le azioni di 273 punti nel corso della seduta. Trichet ha inoltre detto che avrebbe proseguito il suo discusso programma di acquisto di obbligazioni che ha attirato le ire dei prudenti leader tedeschi che temono un inizio di inflazione. Il responsabile della banca ha abilmente eluso le domande sul programma indicando che agirà con discrezione come ha fatto la Fed, acquistando beni declassati tenendone nascosto il loro proprietario originario. Autonominandosi lo Zar Tributario de facto dell’Unione Europea, Trichet ha arrestato la discesa dell’euro, mettendo in fuga i venditori allo scoperto e spingendo il mercato al rialzo. Non male per una giornata di lavoro.Fino a ieri le condizioni di credito nell’UE si stavano sistematicamente deteriorando. Gli approvvigionamenti da parte delle banche si erano intensificati mentre i tassi che le banche si addebitavano l’un l’altra per prestiti a breve termine erano in aumento. I prestatori avevano paura che i 2.400 miliardi di prestiti a paesi dell’Europa meridionale (i PIIGS) e orientale non sarebbero stati restituiti e che questi avrebbero spinto altre banche verso l’insolvenza. L’Euribor si stava stancamente trascinando al rialzo mentre i depositi overnight presso la BCE stabilivano nuovi record ogni giorno. Dall’inizio della crisi le nervosissime banche hanno parcheggiato oltre 390 miliardi di dollari presso la struttura di deposito della BCE. Le banche preferiscono avere un interesse basso sul loro deposito piuttosto che prestare questi soldi in mercati valutari nei quali non potrebbero essere restituiti.

Da Bloomberg News :
Jean-Claude Trichet ha dichiarato che la Banca Centrale Europea estenderà la propria offerta di liquidità illimitata e continuerà per il momento ad acquistare titoli di stato nel tentativo di allentare la tensione sui mercati valutari e di combattere la crisi del debito in Europa.

“E’ giusto continuare a fare quello che abbiamo deciso sui titoli sovrani”, ha detto oggi il Presidente della BCE Trichet in una conferenza stampa a Francoforte. “Abbiamo un mercato valutario che non sta funzionando alla perfezione”.
La BCE di Trichet sta comprando debito e iniettando fondi illimitati nel sistema bancario come parte di una strategia dell’Unione Europea per arrestare la frantumazione dell’Eurozona. Mentre Trichet si è rifiutato di cedere alle richieste di alcuni investitori che chiedevano maggiori dettagli sugli acquisti di obbligazioni, ha dichiarato che la BCE pensa di offrire un ulteriore aiuto a quegli istituti finanziari che stanno facendo i salti mortali per procurarsi liquidità sui mercati valutari.

La BCE darà alle banche un accesso a fondi illimitati per tre mesi ad un tasso fisso nei mesi di luglio, agosto e settembre, ha detto. Questa misura è uno strumento chiave utilizzato dalla BCE sin dal crollo di Lehman Brothers Holdings Inc. (Bloomberg)

E’ Natale a giugno. Garantendo un posto sicuro per i depositi overnight, un finanziamento illimitato per collaterali che il mercato non accetta più e un programma di acquisto (di titoli) che mantiene i prezzi dei beni artificialmente alti, la BCE sta assolvendo a tutti i compiti del mercato eliminando, nel contempo, tutti i rischi. Trichet ha fatto diventare la protezione del sistema bancario una responsabilità primaria del superstato dell’UE.

“Abbiamo il miglior ruolino di marcia sulla stabilità dei prezzi da oltre 11 anni e mezzo in Europa e tra le valute utilizzate in precedenza”, si è vantato Trichet. “Quello che abbiamo fatto e quello che facciamo ora con il medesimo obiettivo è favorire la ripresa del corretto funzionamento del meccanismo di trasmissione della politica monetaria”.

Le mosse di Trichet non hanno nulla a che vedere con il cosiddetto “meccanismo di trasmissione della politica monetaria”. Si tratta di un palese salvataggio di banche che avevano investito in titoli sovrani che stanno sistematicamente perdendo di valore.

La Grecia ha già ricevuto prestiti che copriranno il suo fabbisogno di finanziamenti per tutto il 2012.

Gli eccessi nell’acquisto di obbligazioni e la straripante profusione di liquidità da parte di Trichet sono un’ancora di salvezza per i suoi confratelli che stanno tentando disperatamente di tirarsi fuori dai guai. Il capo della BCE sta solamente cercando di aiutarli a scaricare le loro perdite sul bilancio pubblico, come ha fatto Bernanke negli Stati Uniti.

Affinché l’UE possa sopravvivere, gli stati membri dovranno creare un’autorità di governo che possa mettere in atto una politica fiscale. Disgraziatamente, Trichet ha usurpato quell’autorità aggirando il normale processo democratico. Non è compito di Trichet quello di finanziare in modo arbitrario le scommesse andate male di speculatori folli o di impedire che il mercato possa essere ripulito perché uno dei suoi amici banchieri potrebbe fallire. Tutto questo va ben oltre il suo mandato. La BCE deve essere tenuta sotto controllo e deve essere fermata la presa del potere da parte di Trichet.
L’Unione Europea dovrebbe basarsi su ben altro che non la semplice redditività delle proprie banche.

Mike Whitney
Fonte: www.informationclearinghouse.info
Link: http://www.informationclearinghouse.info/article25697.htm
11.06.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di JJULES

Pubblicato da Davide

  • Xeno

    O Trichet o il prossimo sostituto Axel Weber la solfa non cambia.

    E’ l’europa delle banche

    Punto.

    Il popolo non conta niente altro che pagliacciate dei referendum
    e sovranità varie.

    Loro se la cantano e se la suonano.

  • AmonAmarth

    Sinceramente di sti dettagli economici non ne capisce una mazza nessuno! Non lo capite vero? Affanculo chi ci li propina e affanculo chi ci marcia. E’ ora di spiattellare la presa per il culo per quella che è a tutti. Aiuti/non aiuti, debiti/non debiti, se dovessero chiederci il conto un sincero dito alzato è la risposta giusta. Grande Lo Monaco che l’ha scritto qualche giorno fa. E’ ora di cambiare il tipo di ragionamento: più radicale e meno palle. Vogliono fotterci tutto da sotto il culo? Che facciano pure! Sarà allora che la gente verrà colpita veramente nel personale e senza alcuna spiegazione si recherà alla prima sede bancaria per bruciarla! Bruciarla cazzo! E vaffanculo!! Chi si credono di essere costoro? Gli dei del mondo solo perchè stampano dei foglietti in filigrana con su qualche bella scritta colorata? Hey? Quaggiù ci siamo noi, gli uomini in carne e ossa! Siamo pronti a farvi la pelle se andate oltre “la soglia”! Che ci provino solo, siamo qui a guardare cosa fanno: si, hanno una bella faccia, educati, aristocratici, prosa ben fatta, “politally correct” che siano… Non hanno speranza e lo sanno bene. Siamo qui e osserviamo. La nostra impotenza decisionale di tutti questi decenni “democratici” gli si riverserà contro senza dire “A”. Che abbiano paura, e seriamente.

  • AlbertoConti

    …………. acquisto di obbligazioni = inizio di inflazione ………………….. Zar Tributario = Trichet ha arrestato la discesa dell’euro ………………….. la Banca Centrale Europea estenderà la propria offerta di liquidità illimitata e continuerà per il momento ad acquistare titoli di stato = E’ giusto continuare … Abbiamo un mercato valutario che non sta funzionando alla perfezione … La BCE darà alle banche un accesso a fondi illimitati per tre mesi ad un tasso fisso nei mesi di luglio, agosto e settembre………………… posto sicuro per i depositi overnight, finanziamento illimitato per collaterali che il mercato non accetta più e un programma di acquisto (di titoli) che mantiene i prezzi dei beni artificialmente alti ……………. il miglior ruolino di marcia sulla stabilità dei prezzi da oltre 11 anni e mezzo in Europa e tra le valute utilizzate in precedenza ………………. Si tratta di un palese salvataggio di banche che avevano investito in titoli sovrani che stanno sistematicamente perdendo di valore……………. un’autorità di governo che possa mettere in atto una politica fiscale = Trichet ha usurpato quell’autorità = finanziare in modo arbitrario le scommesse andate male di speculatori folli = impedire che il mercato possa essere ripulito perché uno dei suoi amici banchieri potrebbe fallire …………………. L’Unione Europea = redditività delle proprie banche ………………………………………………………. Equazioni tutte da spiegare e dimostrare, a partire dal denominatore comune: costruire denaro dal nulla

  • AlbertoConti

    Io la intendo così: addebitare la massa monetaria aggiunta agli stati (spremitura fiscale) per continuare lo schema di Ponzi, accreditandola ai gestori (sistema bancario, BCE in primis), proprio nel momento che la truffa diventa evidente, cioè non ce la fanno più a nascondere gli ammanchi (già rubati e imboscati).

  • AlbertoConti

    …………. stabilità dei prezzi da oltre 11 anni e mezzo in Europa …………….. E te credo, non c’è più domanda tra gli spennati!

  • AlbertoConti

    Sintesi finale: Trichet, ovvero Imbroglio = Alì Babà

  • brunotto588

    Sarà un caso che in questi tecnicismi non ci si capisce un cazzo, mentre in questa “Lettera degli Economisti” il linguaggio è così semplice e chiaro ? ( http://www.vocidallastrada.com/2010/06/lettera-degli-economisti.html#more ) Resta sempre la questione di fondo: perchè partite dal presupposto che “lo stesso Potere che tutto questo ha ben pianificato” vi ascolti ? L’ esempio di Pomigliano parla chiaro … il potere non è un “papà buono” che vi ascolta e vi soccorre, tutt’ altro … evidentemente ha ben altri disegni per la testa, e li sta perseguendo con successo. Ossia: non si tratta di “errori”, ma di azioni scientemente perseguite … e si arriva sempre allo stesso punto: occorre cambiare drasticamente il nostro modo di pensare, perchè quello stesso potere ha già da tempo previsto anche le normali reazioni, ed ha già da tempo provveduto a renderle assolutamente inadeguate ( Trattato di Lisbona e via dicendo ) … Ocorre pensare il diverso, piuttosto che opporsi all’ esistente. Vive la fesse.
    ( http://www.letteradeglieconomisti.it )

  • AmonAmarth

    Mi trovo nuovamente d’accordo con te brunotto. Ne parlavo giusto l’altro giorno con un mio amico: perchè sforzarci così tanto a reagire a ciò che ci cade dall’alto? E’ già in questo senso unico delle cose (ciò di cui parlava Pasolini!!) che traspare l’autorità di questo sistema. “Reagire” nel modo “classico” del termine è quello che si aspettano e che sono bravissimi a respingere! … La ribellione più efficacie non risiede forse in un movimento silente? Fatto di piccole cose quotidiane per costruire una nuova realtà, più modesta ma fisicamente autonoma (Ecovillaggi? Comunità autonome? Economia di sussistenza delocalizzata?). Queste basi garantirebbero a tutti, in ogni momento e a cuor leggero, il distacco dal sistema di oppressione. E allora si che “mandarli a fare in culo” sarebbe qualcosa di concreto, perchè non ne avremmo proprio alcun bisogno, per lo meno per ciò che lo Stato rappresenta ancora di positivo… Ciao.

  • brunotto588

    Giusta incazzatura, ma la soluzione ? Non può essere “politica”: con l’ esempio di Pomegliano te l’ han fatto capire benissimo: nessuno se ne farà portavoce. Non può essere manifestare: con il G8 di genova te l’ han fatto capire benissimo: basta infiltrare la manifestazione pacifica e manovrarla per reprimere tutto. Non può essere violenta, per ovvia disparità di forze ( in quanti ti seguirebbero ) … che fare ??? Non è una cazzata, quando dico che il primo territorio colonizzato è proprio la nostra mente … bisogna smetterla di pensare “in opposizione a” … così si fa solo il loro gioco, peraltro un gioco ampiamente previsto … Bisogna cominciare a pensare in modo “spiazzante” …! Ripeto: lavorare ai fianchi il potere ( es: togli i soldi dalle banche ) e poi, perchè no … anche qualche calcio nei coglioni, ossia comportamenti “sotto la cintura”, che non sarebbe del tutto lecito esternare … Vive la fesse.

  • brunotto588

    Oplà, ci siamo commentati contemporaneamente … ABDICARE DA TUTTO QUESTO … è l’ unica soluzione … ma finchè non ci sarà una “massa critica consapevole” sufficiente, non si potrà farlo in massa … quindi: ad ognuno il suo: una volta capito il meccanismo che ti frega, ognuno si opponga come può e come sa. Ciao !

  • AmonAmarth

    We, brunotto! ahahha, ho appena risposto al tuo ultimo commento sotto l’articolo! Quello che intendo l’ho già scritto dall’altra parte: anche per me è più utile ragionare “ai margini”, e infatti “manifestare” non ha più alcun significato nemmeno per me. C’è un’azione passiva (manifestare, indignarsi et similia) ed una attiva (slegare ogni aspetto della nostra sopravvivenza dal sistema di presa per il culo, dopodichè fare a meno di loro). Non c’è bisogno di sottolineare che la soluzione sta nella seconda! …poi beh, “bruciare” i simboli del declino di questo sistema oppressivo e fallimentare sarà solo uno sfizio, oltre che un piacere! …Ciao!

  • AmonAmarth

    We brunotto! Basta ping pong! Si cmq ci siamo intesi: una volta capito il meccanismo ognuno faccia come meglio gli pare. E non temere, la “massa critica” si formerà: sempre più gente è letteralmente stanca di ragionare come ci impongono di fare, e la stessa sta formando una rete di intercomprensioni quasi senza accorgersene. Ma al di fuori di questo ci sono io, ci sei te, e c’è tutta quella gente che fa il suo quotidiano senza dare troppo peso a chi è il potere e a cosa ci fa. I potenti esistono perchè noi gli diamo retta! …Ciao!

  • Nyarlathotep

    AMON AMARTH grande gruppo:D
    Fosse per me scenderei imbracciando una claymor, afammocc!

  • AlbertoConti

    I potenti esistono perchè noi li lasciamo fare. Dargli retta è anche dargli il voto, giusto per fare un esempio da cui cominciare a cambiar rotta.
    Non confondiamo il nostro piccolo col loro grande, perchè è prima di tutto il nostro grande, il luogo dove c’inculano, con tutte le ricadute nel piccolo che poi si fatica a relazionare. L’una cosa (agire in piccolo) non esclude l’altra (pensare in grande), anzi non sono mai state così complementari.

  • AmonAmarth

    Ahhahaha! Grande, sei il primo che si accorge veramente da dove venga il mio nome su cdc! PS: w il Death Metal …al di fuori del giudizio della maggior parte degli ascoltatori di musica… e anche al di fuori dei “testi”. E sottolineo le virgolette. Qualche preferenza per qualche altro gruppo in particolare? Un mega saluto!

  • AmonAmarth

    Verissimo, ed è questa l’importanza dell’informazione (non dell’iperinformazione…). Pensare globale, agire locale. Ciao!