Home / ComeDonChisciotte / KE-BABBI !

KE-BABBI !

DI CARLO BERTANI
carlobertani.blogspot.com

Sinceramente, non pensavamo di doverci occupare di due personcine che si presentano con i nomi di Daniele Belotti e di Carlo Saffiotti: stavamo leggendo un po’ di storiografia slovena, un quasi introvabile testo di Bogdan Novak sulla questione giuliana, e la cosa ci stava “prendendo” assai.
I due sopraccitati – veniamo così a sapere – sono entrambi consiglieri regionali lombardi: bravi! Quale onore!
Purtroppo, la “discesa” dal bellissimo libro di Novak c’obbliga ad interrogarci sull’utilità storica di due, simili elementi: come saranno ricordati dai De Felice del 2500? I due pollastri – giunti ad una poltrona del “Pirellone” – pensano…mumble, mumble…di varare una legge anti-kebab. Il bello, si fa per dire, che sono così polli da scriverla e da farla approvare.
Poi smentiscono, ovviamente, danno la colpa alla cattiva stampa, ovviamente, e si strusciano per giustificare che la norma è “erga omnes”. Peccato che sul sito di Daniele Belotti (probabilmente il più babbo dei due) l’esordio non consenta altre digressioni:

Per i kebab e ogni altra attività artigianale di vendita di prodotti alimentari destinati all’immediata consumazione, arrivano regole precise che pongono fine alle polemiche sviluppatesi negli ultimi mesi sulla regolarità di molti di questi esercizi e che, soprattutto, tutelano e garantiscono chi nel settore opera da sempre nel pieno rispetto della normativa vigente[1].

Certo, è per “ogni altra attività artigianale” però, poco più avanti, si legge:

Ai Comuni viene data possibilità di concedere deroghe specifiche sugli orari di apertura.

Vorremmo sapere quali altre “deroghe” i Comuni potranno applicare, poiché ci sembra che la normativa che proibisce l’utilizzo del suolo pubblico (o lo concede a pagamento) per le attività commerciali già esista. Così come gli obblighi d’indicare l’utilizzo di prodotti surgelati, e ce ne siamo accorti tutti al ristorante, prima ancora di sapere dell’esistenza sulla superficie di Gaia di tali Daniele Belotti e Carlo Saffiotti.
Vorremmo sapere se tali “deroghe” saranno applicate soltanto ai ricchissimi “atelier” del gelato e della caffetteria di San Babila, oppure se uno specifico comma n’estenda l’applicazione anche in quel di Quarto Oggiaro. E a San Siro? A Lambrate?

Saffiotti è più furbo: è un vecchio marpione della Prima Repubblica, mica uno sbarbatello leghista come Belotti da Bergamo. Ha iniziato la sua carriera politica nel Partito Liberale dei lontani anni ’80 – poi, come tanti, ha compiuto profonde “riflessioni” che l’hanno condotto nel casermone berlusconiano – ed ha subito compreso che la vicenda dei due KE-BABBI non gl’avrebbe portato nulla di buono.
Avendo capito d’esser scivolato su di una buccia di banana, sul suo sito[2] s’affretta a smentire, ad affermare che non sono stati compresi…che sono speculazioni della cattiva stampa…insomma: il “prontuario” che in queste occasioni viene distribuito, via lista di distribuzione e-mail, da Arcore.
Già, ma – allora – quel iniziare con “Per i kebab…” del socio in affari? Consiglieremmo a Carlo Saffiotti prudenza nel scegliere le amicizie, soprattutto dopo aver appreso che è stato ufficiale dei Carabinieri. Parbleu, signor tenente, da lei non ce lo saremmo proprio aspettato!

I due, più che un gatto ed una volpe, ci sembrano un fringuello ed un allocco che si sono fatti impallinare: perciò – i futuri De Felice ci scuseranno – procediamo oltre perché la vicenda di proibire tutto il possibile sta andando avanti da troppo tempo, e ci sono poche voci che lo ricordino.
Non stiamo parlando delle leggi-truffa, delle prescrizioni a comando, dei “non luogo a procedere” ai quali assistiamo da molti anni: vogliamo capire perché – a fronte di un lassismo che sconfina nell’onnipotenza dei centurioni politici – per i poveri italiani, ogni volta che “cala” una nuova legge, significa calare le braghe.

Ancora non abbiamo digerito la norma che proibisce d’accendere un falò sulla spiaggia: ci domandiamo quale danno potremmo arrecare. Come mangiare un panino sul marciapiede?
Chi scrive ha trascorso la giovinezza arrostendo gioiosamente salsicce sulla fiamma, sulle spiagge di mezza Italia, condendo il tutto con generosi vini rossi d’ogni regione.
Non s’è mai verificato un incendio (cosa si può incendiare in una spiaggia? La sabbia?!?), nessuno ha riportato evidenti danni cerebrali, tutti si divertivano: quanti amori sono sbocciati dall’ipnosi di un falò sulla spiaggia!
No, ragazzi miei – affermano sudaticci politici con aria di sufficienza – non è colpa nostra: sono le normative europee!
A parte il fatto che citano l’Europa solo quando girano nei pressi delle nostre parti basse, la cosa è assolutamente falsa.

Un giovane parente, mi raccontava lo scorso anno (mica secoli…) le sue vacanze in Corsica definendole con toni paradisiaci: avevano piantato la tenda a pochi metri dal mare! Acceso il falò sulla spiaggia! Chi voleva, si denudava!
E i flic?
Sì, ogni tanto passavano, ma non trovavano nulla da ridire.
Io stesso ho visto, con i miei occhi, un gruppo di ragazzi arrostire un pollastro sulla spiaggia, nei pressi di Villefranche sur Mer. Non abbiamo notizie di terrificanti incendi sulle spiagge della Provenza e della Corsica.
Altri m’hanno raccontato di stupende crociere in barca a vela sulle coste dalmate, dove facevano le medesime cose.
Da noi, invece? Da noi, ogni estate brucia tutto: e allora?
Ci sono oramai troppe angherie che dobbiamo subire ed un paio le vogliamo raccontare, perché la cronaca prende sì tempo, ma è necessaria per capire.

La sera di Ferragosto di qualche anno fa, eravamo al mare in quel di Noli (SV). Il comune “offrì” un così sontuoso spettacolo pirotecnico che la gente, al termine, se n’andava scotendo la testa. Si faceva prima ad accendere qualche cerino.
Un tizio, per sottolineare la pochezza dello spettacolo, sparò sul mare un razzo di segnalazione rosso di quelli comuni, che ogni barca d’altura deve avere a bordo. Apriti cielo!
Dopo un quarto d’ora giunsero tre “volanti” che bloccarono la statale, poi il camion dei pompieri (per spegnere cosa?) ed infine i Vigili Urbani, che riuscirono a scovare il terrifico sparatore di razzi di segnalazione. Ci dissero che era stato denunciato. Per quale reato, devo ancora capirlo: che abbiano visto troppi film americani? Stregati dal finale dei Blues Brothers?

Una solerte vigilessa in quel di Stella (SV) – il borgo dove nacque Pertini – ha comminato un’ammenda di cento euro ad un tizio che raccoglieva pigne nel bosco. La giustificazione? Turbava l’ecosistema.
Ora, a parte che la provincia di Savona è la più boscosa d’Italia e non comprendiamo come una cesta di pigne possa rovinare un ecosistema, ci domandiamo quali provvedimenti avrebbe preso la medesima nei confronti di Fuksas – benemerito architetto “di sinistra” – che ha cancellato dalla città di Savona una splendida passeggiata novecentesca, per far posto al solito casermone in cemento armato, per giunta fronte porto antico. Un pugno in un occhio non è nulla al confronto.
Lo stesso, amatissimo ospite delle trasmissioni di Santoro, sta meditando di costruire anche un grattacielo sul mare ed un porto turistico, nel quale sarà “inglobato” uno scoglio dove sorge un’antica statua della Madonna, da sempre emblema della città. Speriamo che Fuksas si faccia “beccare” a raccoglier pigne, così lo castigheranno: è l’unica speranza che ci rimane.

Ha forse risolto qualcosa la patente a punti? Leggete le statistiche – ma leggetele bene, ossia scorporando i dati – e vedrete che non è cambiato nulla. Nel 2000, il proprietario di una Scuola Guida mi disse: «Speriamo che vinca Berlusconi, perché ha promesso una legge per noi molto favorevole.» All’epoca non compresi, poi…certo: paga e sarai “ricaricato”.

Non soffermiamoci poi troppo sulle questioni legate all’alcool: è nota la vicenda dell’automobilista romano che investì due persone dopo aver appena superato un controllo dei vigili, i quali avevano accertato ch’era sobrio. Dopo l’incidente, scoprirono che era pieno di cocaina fin sopra i capelli.
La legge è uguale per tutti, come vorrebbero far intendere i due KE-BABBI?
Leggiamo qualche sentenza dei Giudice di Pace[3]:

Giudice di Pace di Varazze (SV)
…annulla il provvedimento per stato di necessità per probabile crisi epilettica della moglie, senza alcuna documentazione medica (sulla parola, perchè è un onesto cittadino).

Giudice di Pace di Pescara
Circolazione con casco non omologato. Annulla il provvedimento accogliendo la tesi del ricorrente che sosteneva il verosimile distacco dell’etichetta di omologazione a causa dell’incidente in cui era rimasto coinvolto (ma, in realtà, c’era la prova che il casco non era omologato per il mercato italiano).

Giudice di Pace di Desio (MI)
…il Giudice riconosce le difficoltà respiratorie del soggetto, che, però, in evidente stato di ebbrezza alcolica ha rifiutato l’accertamento, anziché tentare senza riuscire. Non è punibile per rifiuto di sottoporsi ad accertamento. Fateci capire: era tro
ppo sbronzo per soffiare nel palloncino?

Chi vorrà potrà scaricare il documento citato in nota, oppure ne troverà altri con ancora maggiori nefandezze. Perché sono promulgate queste stranissime sentenze?
Non crederete, per caso, che se vi fate “beccare” sbronzi ce ne sia una pronta anche per voi, vero?
Come per i poveri kebabbari lombardi, anche per voi tutte le norme emanate fino all’ultimo comma, all’ultimissimo cavillo saranno fatte rispettare alla lettera, per gli altri…beh…non è forse il Presidente del Consiglio stesso a dare l’esempio di come ci si costruisce l’immunità?

Perciò, una seria forza politica – non come il PD, che si è astenuto sulla legge dei due KE-BABBI – lotterebbe per abrogare, abrogare, e poi ancora abrogare tutta la panoplia di leggi liberticide che stanno trasformando questo Paese in una prigione.

Chi ambisce ad aver voce politica, oggi, non può che unirsi all’appello lanciato da Antonio Tabucchi[4]:

“In Italia c’è un controllo dell’informazione come in nessun altro paese europeo. Per i giornalisti è arrivato il momento di far sapere all’Europa quello che succede qui, chiedendo un’udienza urgente alla Commissione Europea. E se i padroni del vapore non hanno gli estremi per una denuncia di diffamazione contro le notizie fornite da Santoro, la Federazione della Stampa dovrebbe denunciare alla magistratura la commissione di Vigilanza Rai per abuso di potere.”

E non solo per l’informazione, ci permettiamo d’aggiungere: sarebbe il minimo, altro che le avventure dei due KE-BABBI.

Carlo Bertani
Fonte: http://carlobertani.blogspot.com/
Link: http://carlobertani.blogspot.com/2009/04/ke-babbi.html
23.04.2009

[1] Fonte: http://www.danielebelotti.net/news.php?id=321
[2] Fonte: http://www.carlosaffioti.tv/
[3] Fonte: Casi clamorosi.pdf
[4] Per la gentile segnalazione di Piero Deola.

Pubblicato da Davide

  • DANI

    IL COMPPRTAMENTO DEI DUE POLITICI LOMBARDI DIMOSTRA L’ARROGANZA DELLA CASTA. SONO GLI STESSI POLITICI CHE INVOCANO L’ESPULSIONE DEI CLANDESTINI, SENZA FAR NULLA PER RISOLVERE I VERI PROBLEMI DELL’ITALIA.
    SPESSO SONO LORO A COSTITUIRE IL PROBLEMA.

  • adriano_53

    la predisposizione italica ad essere governata dall’uomo forte non ha l’unico effetto di produrre berlusconi, bettini, beniti, ma anche quello, ben più micidiale, di produrre, con effetto a cascata, dei berlusconini, dei bettinini, dei benitini.

    Così come con l’introduzione dell’euro c’è stata una massiccia redistribuzione di quattrini dai titolari di reddito fisso ai titolari di partita IVA, così con l’introduzione del concetto di stabilità-governabilità c’è stato una massiccia redistribuzione di democrazia: dal cittadino al politico e, all’ombra di costui della burocrazia.

    Come in ogni situazione in cui il potere è squilibrato perchè non c’è contrappeso si aprono le porte della tragedia e della comica: per fortuna, in questo caso, come in tantissimi altri nati dalle ordinanze, regolamenti, normative di questi draconettini, si è scelta la porta della comicità e, felici ma un pò spaesati, abbiamo fatto due passi nel regno del grottesco.

  • nettuno

    Bertani purtroppo siamo in troppi ed incivili. Gli exta comunitari nei parchi fanno grande casino quando arostiscono carne e salcicce,ed il pericolo di incendio esiste , in particolare verso l’autunno e con la siccità .

  • Gioacchino_Murat

    Con tutto il rispetto,non penso che i De Felice del futuro,si occuperanno
    molto di due personaggi marginali come Belotti e Soffietti che non credo
    verranno molto citati nei libri di storia.De Felice e’ riconosciuto dagli
    addetti ai lavori come il piu’ grande storico italiano del fascismo,dunque
    uno che ha passato la vita a documentarsi e a scrivere su un fenomeno che
    ha lasciato il segno,in negativo,nella storia italiana del secolo scorso,lasciando un’opera minuziosa ed enciclopedica.I suoi discepoli
    avranno sicuramente argomenti piu’ interessanti di cui occuparsi delle due
    piccole vedette lombarde.De minimis non curat pretor.

  • Ulisse9

    Ho vissuto per tre anni nella civilissima Germania, che ha dei parchi splendidi e curatissimi.
    Orbene, appena c’è un pò di sole potete vedere stuoli di tedeschi distesi sull’erba in costume da bagno e nessuno dice nulla.
    Inoltre, spesso di sera i giovani organizzano barbeques accompagnati da casse di birra. E, ancora, nessuno dice nulla.
    Infine, qualcuno riesce a spiegare qual’è il nesso tra il controllo, sia igienico che amministrativo, delle attività commerciali ed il mangiare, vuoi un panino vuoi un gelato, per strada?
    Credo che ormai si stia toccando il fondo della paranoia.
    La realtà è che il Popolo delle Libertà dovrebbe chiamarsi Popolo delle libertà negate.
    Stanno trasformando il più bel Paese al mondo in un enorme gulag dove tutto è proibito.
    Grazie alla “creatività” auspicata dal ministro dell’interno Maroni (che ce li scassa) c’è stato un fiorire di delibere demenziali (e bipartisan) da parte dei Sindaci, che si sentono tutti Tex Willer.
    Oggi, prima di visitare una città italiana, conviene informarsi su internet in merito alle proibizioni colà vigenti onde evitare contravvenzioni da centinaia di euro: magari per avere fumato una sigaretta in un parco cittadino o mangiare un gelato, appunto, per strada.

  • unoqualunque

    Non vorrei sembrare pignolo, ma tutta quella carne non consumata, per giorni, alla fine non continua a fermentare ?
    Ed il risultato qual’è?
    Sarà ancora mangiabile, riscaldata e ri-riscaldata?

    Io francamente non mi fido.

    Saluti ai “babbi”mangiatori di KE-Babb.

  • nautilus55

    Il saggio indica il cielo, l’imbecille osserva il dito.

  • zufus

    “c’obbliga” (sic)?

    Perché “ci obbliga” era troppo italiano?
  • nautilus55

    Entrambe le forme rientrano nella struttura della lingua italiana, solo che le accentate sono sempre meno usate.

  • nautilus55

    Scusa, le apostrofate.

  • Gioacchino_Murat

    E il piu’ astuto di tutti invece critica l’imbecille.

  • Eli

    Carlo, credo che per garantire meglio l’ordine pubblico occorrerebbe anche vietare la vendita delle caldarroste per strada, ed il passaggio, nel periodo natalizio, degli zampognari, che creano intralci alla circolazione.
    Anche i giornali venduti o dati in omaggio ai semafori, danno un senso di disordine e sciatteria. Basta con tutta questa libertà. Un po’ d’ordine, perbacco! Meno male che ci sono gli assessori della Lega! E intanto la cocaina scorre ormai nei nostri fiumi…

  • giorgiofracchiolla

    Alcuni anni fa. insieme ad altri amici, decisi di fare una gita in montagna. Con mio grande stupore scoprii che l’accesso al bosco al quale eravamo diretti era subordinato al pagamento di un biglietto. La cosa mi turbò parecchio, convinto che fosse folle far pagare un biglietto per godere di qualcosa che appartiene a tutti e che non viene consumata con l’uso. Il presentimento che ebbi fu che, in qualche modo, avrebbero privatizzato tutto, utilizzando i pretesti i più vari.
    La quantità di norme, leggi, decreti, regolamenti, disposizioni, va di giorno in giorno aumentando, limitando sempre più la nostra libertà. Quasi tutto ciò che facciamo è regolamentato da qualche legge, e questo mi pare assurdo. Se un giorno decidessi di dormire all’addiaccio, in un sacco a pelo, per godermi il cielo stellato senza l’inquinamento luminoso oramai ubiquo, commetterei un reato. Altrettanto se decidessi di dormire in riva al mare. Sarei costretto, mio malgrado, a dormire in un campeggio organizzato, naturalmente pagando. La verità è che oramai gli stati stanno rompendo i coglioni, con la loro arrogante convinzione che sono gli unici detentori della verità e della saggezza, e che noi, miserabili sudditi, non siamo in grado di discernere il bene dal male. Se la giovane età mi lasciava dei dubbi, la maturità mi ha convinto che gli individui vengono prima degli stati. Fermo restando il principio che non bisogna ledere gli altrui diritti, ognuno deve essere libero di fare ciò che vuole.

  • zufus

    Mi dispiace, ma credo proprio che in italiano questa particolare forma apostrofata non esista.

    Che poi ormai sia invalsa nell’uso popolare della lingua di facebook, purtroppo è una realtà.
  • nautilus55

    Non è la lingua di Facebook, è la poetica dell’800!