Home / ComeDonChisciotte / KARMABANQUE…E' TEMPO DI COLPIRE COCA-COLA

KARMABANQUE…E' TEMPO DI COLPIRE COCA-COLA


Coca cola, Microsoft, Citigroup, Dreamworks animation, Boeing…
la prestigiosa rivista inglese “The Ecologist” spiega come e perchè boicottarle. Una strategia a lungo termine contro le grandi multinazionali che prevede in diversi casi anche di aspettare il momento migliore prima di agire.

Motivi per boicottare Coca Cola

Avere cura della tua salute:

– Una lattina di Coca Cola contiene l’intera dose giornaliera raccomandata di calorie ricavabili da zucchero (equivalente a dieci cucchiaini da the )
– In India, alcuni test hanno mostrato che i livelli di tossine contenute nella Coca Cola locale sono trenta volte oltre il livello consentito

Aiutare i poveri:

– Ai contadini dello stato indiano di Kerala è stato dato del fertilizzante dalle locali fabbriche di Coca Cola che si è scoperto contenere neurotossine e cancerogeni. Le stesse fabbriche hanno utilizzato più di 650000 litri di acqua locale per la loro produzione.Dopo tre anni di raccolti totalmente fallimentari gli agricoltori stanno ancora protestando per il furto delle loro riserva idriche.

Sostenere i diritti umani:

– Il principale imbottigliatore di Coca Cola per il Sud-America è sotto processo con l’accusa di aver assoldato squadre paramilitari per uccidere, rapire e torturare i suoi lavoratori.Otto leader dei sindacati nelle piantagioni della compagnia in Colombia sono stati assassinati, mentre centinaia di lavoratori hanno abbandonato i sindacati a seguito di continue minacce.

Proteggere i bambini:

– Coca Cola sta attualmente contrattando per mettere il suo marchio sulle bottiglie per bambini.Uno studio ha dimostrato che i genitori sono fino a 4 volte più disposti a dare ai propri figli soft drink quando sono contenuti in questo tipo di bottiglie.
– Uno studio svolto a Rio de Janeiro ha identificato nel super consumo di Coca Cola la ragione di malnutrizione e carenza vitaminica dei ragazzi tra i sei ed i quattordici anni.

Protestare per la situazione in Africa:

– Le fabbriche di Coca Cola in Africa impiegano la più consistente forza lavoro privata del continente (circa 100000 lavoratori).Benché l’AIDS sia estremamente diffuso, nel 2000 la Coca Cola ha fornito assistenza ed informazioni solamente a 1500 dei suoi dipendenti (1,5 per cento). Pubbliche proteste hanno costretto la compagnia ad aumentare questa copertura nel 2003.

Opporsi al razzismo:

– Nel 2000 Coca Cola fu costretta a pagare 190 Milioni di dollari a lavoratori di colore dopo essere stata giudicata colpevole di discriminazioni razziali nelle sue fabbriche ad Atlanta.

Ridurre la possibilità di sviluppare il diabete:

– Uno studio condotto dalla School of Public Health di Harvard su 90000 donne ha mostrato che coloro che bevono una o più lattine di bibite zuccherate al giorno hanno l’83 per cento di possibilità in più di sviluppare due tipi di diabete rispetto a coloro che ne bevono meno di una al mese.

Coca Cola attualmente viene scambiata a 41 dollari. Nei prossimi 12 mesi KarmanbanQue ritiene che la quotazione scenderà a 22 dollari.

Perché Coca Cola?

Per le ragioni presentate sopra, ma soprattutto perché è il momento giusto.

Perché è il momento giusto?

Coca Cola attualmente viene scambiata a 41 dollari per azione, ha venduto per 20 mila milioni di dollari ed ha una capitalizzazione di mercato di 100 mila milioni.
Il che significa che per ognuno di noi che non beve una lattina da mezzo dollaro, la compagnia perde due dollari e mezzo. Ciò rende Coca Cola molto vulnerabile ad un boicottaggio.

Quindi cosa dobbiamo fare?

Primo, smettere di bere Coca Cola. Secondo, segnalare il vostro boicottaggio a www.Karmanbanque.com
e far si che il maggior numero di persone tra i vostri amici e parenti faccia lo stesso.

Che cosa farà KarmanbanQue?

Ci aiuterà a ottenere fondi dai vostri boicottaggi a favore delle vittime di Coca Cola ed a finanziare ulteriori campagne contro la compagnia.

Cosa significa ottenere fondi con il boicottaggio?

Per ogni mezzo dollaro non speso la Coca Cola perde due dollari e mezzo nella sua capitalizzazione di mercato. L’effetto di questo fatto si rifletterà nella caduta delle azioni sul mercato e da questa riduzione KarmanbanQue ricaverà un profitto (venderà al prezzo originale azioni che però potrà comprare al nuovo prezzo ribassato)

Quanto denaro sarà ricavato dipende da:

1 Il numero di persone che smetteranno di bere Coca Cola

2 Di quanto cala il prezzo delle azioni

3 La quantità di denaro KarmanbanQue può raccogliere vendendo “short”. KarmanbanQue ha un fondo iniziale di 50 mila sterline.

Se vuoi fare una donazione al fondo scrivi a
[email protected]

Quali assicurazioni potete darmi sul fatto che il mio boicottaggio aiuterà chi veramente ne ha bisogno e non gli speculatori finanziari?

L’Ecologist sorveglierà l’intero processo e si assicurerà che il denaro ottenuto dalla KarmanbanQue dalla caduta delle azioni della Coca Cola vada a chi si oppone alla compagnia e alle vittime della sua avidità e del suo potere.

Quanto durerà il boicottaggio?

Il boicottaggio durerà finché il valore delle azioni di Coca Cola non rifletterà i danni provocati dalla compagnia.

Nel frattempo nel resto del mondo del boicottaggio….

BOICOTTAGGIO Microsoft?

KbQ dice: ASPETTARE …
Non abbastanza persone coinvolte nel mondo tecnologico vogliono implicarsi politicamente. Sarebbe bello boicottare Microsoft adesso, ma sarebbe uno spreco di dollari, visto che la compagnia può persino ridere in faccia al governo inglese se cerca di liberarsi dalla sua presa monopolistica. Dopo aver verificato le cifre, l’Office of Government Commerce inglese ha scoperto che Linux (l’alternativa gratuita a Microsoft) è più economico, più affidabile e più sicuro (leggi, “meno esposto a minacce terroristiche”). Il fatto è che Microsoft si è già infiltrata nel settore pubblico inglese per 12 mila milioni di sterline, in modo che fare a meno del terribile codice di Bill sarebbe veramente costoso. Siate sicuri di avere una buona fornitura di Vaselina quando il vostro mercato verrà infiltrato così tanto.

BOICOTTAGGIO Citigroup?

KbQ dice: ASPETTARE…
Un largo attivismo di base su tematiche finanziarie deve ancora raggiungere dimensioni di massa. E’ una delle più malefiche banche che stiamo seguendo. Il servizio di supervisione finanziaria della Sud-Corea ha cominciato un’indagine su Citigroup in relazione al riciclaggio di denaro. Il Giappone ha espulso le banche private collegate a Citigroup per supposte azioni illegali. Due mesi fa è stato scoperto che la banca agiva illegalmente sul mercato dei bond europei. Quale la risposta di Citigroup a tutto questo? L’annuncio di aver acquisito la KorAm Bank, sud-coreana: la prima volta che un prestatore di fondi di quel paese viene acquisito da una banca estera. Ad aiutare questa operazione è stato il Carlyle Group, che ha venduto alla banca il suo 36.7 di azioni (probabilmente per ottenere le liquidità per costruire qualche altra prigione tipo Abu Ghraib in Iraq, Detroit o a Chicago).

BOICOTTAGGIO DreamWorks Animation?

KbQ dice: ASPETTARE…
Non è una cosa evidente ma, come si legge sul poster di American Beauty, guardate più vicino. DreamWorks ha appena cominciato a vendere le sue azioni a Wall Street e da poco viene scambiata sul mercato, ma non è troppo presto per sottolineare quanto sia ‘cattiva’. Hollywood è subdola come Monsanto nel perpetuare la monocultura e il monopolio ed è esperta nel creare monoliti dell’intrattenimento che distruggono le diversità intellettuali e creative. Per esempio la serie multimilionaria della DreamWorks Shrek ci perseguiterà con la sua monotona serialità e con i suoi gadget di plastica per anni a venire (Shrek 2 è costato 800 milioni di dollari). Tutto ciò è possibile grazie ad un’industria basata sul monopolio del copyright che preme continuamente su Washington affinché approvi leggi sempre più restrittive sui diritti d’autore. Leggi che contrastano libertà fondamentali quali la libertà di parola ed il diritto all’innovazione, come la recente ‘Sonny Bono law’ che ha esteso la protezione del copyright virtualmente fino all’infinito.

BOICOTTARE ExxonMobil?

KbQ dice: NO…
Nessuna delle grandi compagnie petrolifere è un buon obiettivo ai prezzi correnti.
E’ il boicottaggio più inutile tra quelli che seguiamo. Certo, la compagnia sta cambiando il suo marchio per ‘ammortizzare’ i bambini iracheni morti ogni giorno per voi, ma gli attivisti stanno perdendo tempo in questo boicottaggio. Ci vogliono cinque attivisti per rimuovere un dollaro dallo stock di capitalizzazione della Exxon a fronte di uno per ottenere lo stesso risultato nei confronti di Coca Cola. E’ dura, ma possiamo solamente sederci e guardare mentre, approfittatori, spacciatori di droga, tassisti e , ovviamente, banchieri delle piccola isola di Sao Tomè (150000 abitanti) godono di un inaspettato guadagno. Si è scoperto, infatti, un giacimento stimato tra i 6 ed i 10 miliardi di barili in quelle isole, ex colonie portoghesi nel Golfo di Guinea e immediatamente la Exxon, i marine, e i costruttori di infrastrutture stanno arrivando come locuste. La situazione si è creata grazie al fatto che la World Bank ha prestato a questa isoletta (solo 50 macchine) 300 milioni di dollari e il Fondo Monetario Internazionale ha siglato un accordo che prevede un pagamento dell’8 per cento sui ricavi alla gente dell’isola, ma solo dopo che il debito è stato estinto, cioè mai. Sì, è un vecchio modo di fare americano. E gli americani si chiedono ‘Perché ci odiano?’.

MOVERS & SHAKERS

IN THE TOP 40
AT 1900 Hrs 15.11.04

Current ranking BVR
1 Microsoft 9.91
2 Ryanair 9.46
3 Starbucks 6.68
4 Pfizer 6.08
5 HSBC Holdings 5.48
6 Johnson & Johnson 5.09
7 Gillette 4.74
8 Coca-Cola 4.57
9 UST Inc 4.17
10 Harley-Davidson 4.14

11 Citigroup 4.07

12 GlaxoSmithKline 3.96

13 PepsiCo 3.42

14 Procter & Gamble 3.35

15 DENTSPLY 3.17

16 Anheuser-Busch 3.01

17 American Express 2.99< BR>
18 Abercrombie & Fitch 2.91

19 Clorox 2.91

20 Hershey 2.83
21 Tiffany & Co 2.79
22 Colgate-Palmolive 2.66< br>
23 Monsanto 2.56
24 McDonald’s 2.50
25 ClearChannel 2.44
26 Disney 2.18
27 Nike 2.17

28 Diebold 2.09

29 Cadbury Schweppes 2.02

30 Kellogg 1.95
31 DuPont 1.84< BR>
32 Merrill Lynch 1.81< BR>
33 Kraft 1.76
34 Tricon:
TacoBell-KFC-PizzaHut 1.74
35 Dow Chemical 1.72
36 Krispy Kreme 1.70
37 Harrah’s 1.64
38 Exxon Mobil 1.62
39 Caterpillar 1.55
40 GAP 1.53

Il BVR è la quota di vulnerabilità al boicottaggio: la capitalizzazione di mercato di una società (il totale delle sue azioni moltiplicato per la quotazione) è diviso per le vendite annuali (dei dodici mesi passati). Questo numero si usa per determinare quale danno può fare un boicottaggio di un dollaro sulla valutazione di una singola azione di una società.. In poche parole, se io tolgo un dollaro alle vendite della Coca Cola (che ha un BVR di 5) questa azione si ripercuote cinque volte di più rispetto al boicottaggio alla Exxon che ha un BVR di 1.

BOICOTTARE Boeing e Northrop Grumman?

KbQ dice: NO…
Carriarmato e altri veicoli da guerra ancora non si vendono al Wal Mart.
No, 100000 Irakeni non sono morti inutilmente. I fornitori della Difesa Boeing e Northrop Grumman hanno registrato notevoli aumenti di profitto nell’ultimo quadrimestre. Boing li ha aumentati del 78 per cento nell’ultimo anno, da 256 a 456 milioni di dollari. Northrop li ha aumentati del 51 per cento. E le buone notizie non mancano. Bush ha richiesto al Congresso altri 70 miliardi di dollari per la sua guerra. Ma i presupposti economici per un boicottaggio non ci sono. Forse qualcuno potrebbe trovare un buon boicottaggio ‘terzista’, per esempio un fornitore.

BOICOTTARE Fannie Mae and Freddie Mac?

KbQ dice: NO…
l’attivismo di base relativo ai concetti finanziari non ha ancora raggiunto una coscienza di massa.
L’ Housing and Urban Development sta emettendo regole finanziarie che permetteranno a Fannie Mae e Freddie Mac di aumentare la loro presenza nel mercato dei crediti non garantiti. (Se lo possono fare il fondo monetario internazionale e la Word Bank, perche loro no?). La cosa interessante sarà vedere i Cristiani Rinati cacciati fuori dalle loro case a causa dell’aumento dei tassi, per poi scoprire che Fannie Mae ha venduto i loro debiti alla Cina. Là, si uccide a sangue freddo e non gli importa se credi in George W Christ. Secondo Amnesty International almeno 736 persone sono state giustiziate in Cina nel 2003. Amnesty ritiene che in realtà il numero sia molto più alto, e se ci si aggiungono i debitori americani e “le compagnie aeree” … il numero potrebbe andare alle stelle.

BOICOTTARE The Hilton Group ?

KbQ dice: ASPETTARE …
E’ in dubbio se l’Hilton risulterà essere il peggior esemplare di casinò di cui ci occupiamo. Il Gruppo Hilton annuncia di voler costruire un casinò in stile Las Vegas a Blackpool, spendendo 200 milioni di sterline, come risposta all’invasione dei casinò americani in Gran Bretagna. Garantiscono che non si vedranno crimine, armi, prostituzione, spaccio di droga e riciclaggio. Ma la Chief Police Officers Association ha già attaccato la responsabile per la cultura Tessa Jowell per la decisione di esentare i casinò americani dalle leggi europee contro il riciclaggio.
In questo caso, sto coi poliziotti.
Applicato in Palestina (del tipo “se ti danno i limoni fai della limonata”) perché non strappare una pagina del copione della storia degli indiani americani e aprire dei casinò a Ramallah (rispettando le leggi della sharia ovviamente). Gli Israeliani vacilleranno e perderanno il loro territori.

COME SAREBBE L’ECONOMIA MONDIALE SENZA GLI STATI UNITI COME ATTORE PRINCIPALE?

Se l’Euro chiudesse a $1.75 e oltre nel primo quadrimestre del 2005 (attualmente è a $1.29), segnalerebbe una perdita di fiducia nel dollaro (la moneta del diavolo) come moneta di riferimento, e porterebbe il Fondo Monetario Internazionale a declassare il credit rating americano (come è già stato minacciato). Questo rafforzerebbe i tassi di interesse negli Stati Uniti e provocherebbe un collasso dell’economia. Questo in cambio sarebbe positivo per la situazione globale perché ne eliminerebbe la minaccia principale.

Al momento il trend è negativo per il dollaro e le multinazionali americane. Come dice il Financial Times, che cito, “’Coca-Cola, McDonald’s e Gap sono colpiti duramente. Le vendite della Coca-Cola in Germania sono scese del 16% e registrano una perdita di 392 milioni di dollari. Gap ha abbandonato completamente il mercato tedesco: una mossa che ne ha ridotto le vendite del 10%. La riduzione dei visitatori ad Eurodisney ha obbligato Disney ad intervenire direttamente per salvare il parco divertimenti. Wal-Mart, la più grande catena di distribuzione del mondo, sta perdendo considerevolmente in Germania, che è la terza economia mondiale dopo USA e Giappone”. Il quadro è chiaro. Al solo guardare una bandiera americana, la gente vomita di disgusto.
Perché non fare soldi nel breve periodo e mandarli nelle aree dove gli Stati Uniti hanno distrutto vite e ambiente?

Fonte: www.ecologist.it
26/11/04 Volum34, no 10, Dec 2004/ Jan 2005, The Ecologist

Traduzione per Comedonchisciotte a cura di Panpot

Pubblicato da Davide