Josep Borrell: sostegno alla Nato e all’Ucraina

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Riportiamo il comunicato pubblicato sul sito web ufficiale dell’UE dal blog dell’AR/VP – alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione – Josep Borrell riguardo la situazione in Ucraina e la gestione politica da parte di USA e Nato della stessa.

Nel ribadire i “binari gemelli” della diplomazia di Washington e Bruxelles, confermando la sudditanza nei confronti del padrone USA, Borrel sottolinea come anche sul piano energetico l’UE sia pronta a sobbarcarsi le conseguenze dei fallimenti diplomatici che potrebbero avvenire in un prossimo futuro.

“Siamo preparati nel caso in cui la diplomazia fallisca e stiamo valutando tutte le opzioni. Ciò include il miglioramento della nostra resilienza, anche collaborando con partner come Stati Uniti, Qatar e Azerbaigian, sulla questione della fornitura di gas nel caso in cui la Russia decidesse di ridurre o interrompere le consegne. Nell’ambito del nostro lavoro sulla deterrenza, abbiamo portato avanti i preparativi per una risposta ad alto impatto che infliggerebbe gravi costi all’economia e al sistema finanziario russi”.

Dichiarazioni forti, che seguono e fanno eco alla “Dichiarazione congiunta della presidente von der Leyen e del presidente Biden sulla cooperazione USA-UE in materia di sicurezza energetica” pubblicata il 28 Gennaio sempre sul sito dell’UE, in cui si specifica che:

“Gli Stati Uniti e l’UE stanno lavorando congiuntamente per una fornitura continua, sufficiente e tempestiva di gas naturale all’UE da diverse fonti in tutto il mondo per evitare shock di approvvigionamento, compresi quelli che potrebbero derivare da un’ulteriore invasione russa dell’Ucraina. Gli Stati Uniti sono già il principale fornitore di gas naturale liquefatto (GNL) dell’UE. Stiamo collaborando con governi e operatori di mercato per la fornitura di volumi aggiuntivi di gas naturale in Europa da diverse fonti in tutto il mondo. “

Blog Josef Borrel: https://eeas.europa.eu/headquarters/headquarters-homepage/110293/tensions-rising-our-eastern-borders-unity-remains-our-strength_en

Dichiarazione congiunta von der Leyen – Biden: https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/en/statement_22_664

Massimo A. Cascone, 01.02.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x