ITALIANI, BRAVA GENTE ?

FONTE: IENE.MEDIASET.IT

Anche i militari italiani sono stati autori di interrogatori e torture in Iraq ?

Sono dichiarazioni sconvolgenti e che lasciano sgomenti quelle che Leonardo ha rilasciato alla iena Luigi Pelazza. L’ex militare, che ha partecipato alla missione di pace in Iraq, afferma che anche l’Italia avrebbe utilizzato metodi di tortura, come tecnica di interrogatorio per i prigionieri iracheni.

La sede della tortura, chiamata White House, sarebbe una casa quadrata in cui soldati con passa montagna interrogavano con metodi brutali i prigionieri a cui venivano messi sacchetti in testa e fili da elettricista per legare le mani. Leonardo, spiega che su un prigioniero “c’erano segni di manganellata, su fianco e schiena, e un giorno un’ambulanza è arrivata in fretta e furia”.

Clicca su VIDEO

Fonte: http://notizie.virgilio.it

Link: http://notizie.virgilio.it/cronaca/nassiriya-denuncia-di-militare-italiani-torturavano.html

3.04.2014

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
MassimoContini
MassimoContini
3 Aprile 2014 21:39

se ancora usi il filo da elettricista per legare le mani
sei un praticante
occasionale del torturismo

almeno lo voglio sperare.

Primadellesabbie
Primadellesabbie
3 Aprile 2014 21:43

Se qualcuno ha avuto dubbi su queste cose, ed ha creduto alle fiabe raccontate in questi anni dai berlusconidi vari, dovrebbe essere rinchiuso a Disneyland per il resto della vita.

lucamartinelli
lucamartinelli
3 Aprile 2014 21:45

Non c’è nulla di nuovo sotto il sole, nemmeno il vizio della memoria degli italiani. In Somalia abbiamo stuprato e torturato. Quindi non mi meraviglia che la storia si sia ripetuta in Irak. Se poi andiamo a riguardarci la storia, possiamo vantare fior di criminali: da Graziani a Badoglio e ai loro subalterni che almeno in Jugoslavia e in Grecia sono riusciti ad essere più brutali dei tedeschi. Prima ancora in Libia e in Abissinia. Meglio stendere un velo pietoso……

dana74
dana74
4 Aprile 2014 17:00

no italiani addestrati dai liberatori, ma che cosa si aspettavano i famosi partigiani che collaborarono con loro? Che ci avrebbero poi lasciati liberi di essere quel che ci pare?