Home / ComeDonChisciotte / ITALIA IN SALDO: SVENDERE IL PAESE PER 20 MILIARDI L' ANNO

ITALIA IN SALDO: SVENDERE IL PAESE PER 20 MILIARDI L' ANNO

FONTE: LIBREIDEE.ORG

Svenditalia! Il piano di privatizzazione di Grilli farà contente (guarda caso) le banche, azioniste col 30% della cassa depositi e prestiti attraverso le fondazioni. In offerta speciale solo le aziende che producono utili (ma và?): Fintecna, Save e Simesty passeranno alla CDP per sei miliardi. La corte dei conti avverte: “Rischio svendita patrimonio immobiliare dello Stato”. Giapponesi sceicchi, americani, affrettatevi per i saldi …
Dagospia

Eutanasia dell’Italia, a colpi di 20 miliardi di euro all’anno. Il suicidio programmato del patrimonio pubblico della nazione che ha appena festeggiato i primi 150 anni di vita è «una strada praticabile», secondo il neo-ministro dell’economia Vittorio Grilli, per ridurre strutturalmente il debito pubblico. Regalando – di fatto – i beni pubblici degli italiani al grande capitale finanziario: lo stesso che ha provocato la crisi e sottratto agli Stati la leva della moneta sovrana, strategica per risalire la china senza dover ricorrere a tagli criminosi.Intervistato dal “Corriere della Sera”, Grilli auspica un piano pluriennale per garantire «vendite di beni pubblici per 15-20 miliardi l’anno, pari all’1% del Pil». E’ la legge – folle – del “pareggio di bilancio” imposto dall’élite tecnocratica dell’Unione Europea mediante trattati-capestro come il Fiscal Compact: drenare a sangue le risorse pubbliche, costringendo lo Stato a comportarsi come un’azienda privata – neppure virtuosa, ma fallimentare: un’azienda che non è più in grado di fare investimenti vitali.

«Già abbiamo un avanzo primario del 5%», ammette Grilli, confermando che lo Stato spende per i propri cittadini meno di quanto riceva sotto forma di tasse. Calcolando «una crescita nominale del 3%», aggiunge Grilli, la svendita a rate del patrimonio pubblico italiano produrrebbe una riduzione del debito pari al 20% in soli cinque anni. Nel colloquio con Ferruccio De Bortoli, Grilli difende anche la famigerata spending review, che «consente risparmi al di là delle cifre di cui si parla in questi giorni», dal momento che «si possono ridurre ancora le agevolazioni fiscali e assistenziali, intervenire sui trasferimenti alle imprese». Il tecnocrate arruolato da Monti parla addirittura di tagli alla tassazione sul lavoro, mentre collabora alla demolizione del welfare su cui si sono basati cinquant’anni di benessere e di sicurezza sociale.

Vittorio Grilli ha un curriculum perfettamente adeguato alle sue attuali performance: è stato assistente professore alla Yale University e poi docente al Birkbeck College dell’università di Londra. Nel 1994 è entrato al Ministero del Tesoro come capo della direzione per le privatizzazioni: super-tecnocrate di scuola anglosassone, ha firmato il suo ingresso nell’amministrazione statale in qualità di liquidatore, secondo i dettami dell’élite neoliberista che prescrive la sparizione progressiva dello Stato come garante dei cittadini. Dirigente bancario del Crédit Suisse, è tornato al ministero nel 2002 come Ragioniere Generale dello Stato, per poi dirigere il Tesoro e sfiorare, nel 2011, la super-poltrona di governatore di Bankitalia poi andata ad Ignazio Visco. Un uomo con le carte in regola, dunque, per sforbiciare quel che resta dei beni comuni in via di sparizione.

E mentre il Parlamento dorme e lascia fare ai “tecnici”, i freddi esecutori dei diktat impartiti da Bruxelles e Francoforte per devastare il sistema socio-economico europeo mettendo in salvo soltanto le banche e il loro capolavoro speculativo, la moneta “privata” chiamata euro, l’economista Grilli se la prende con l’ultimo declassamento di “Moody’s”, come se le agenzie di rating non fossero parte integrante del piano mondiale per spodestare i cittadini europei, retrocessi a sudditi da “punire” con selvaggi “sacrifici”, senza una sola contropartita ragionevole né un’idea di sviluppo per uscire dalla crisi. Grilli attacca addirittura i mercati, cioè i “mandanti” del governo Monti, perché «non riconoscono ancora la bontà degli sforzi compiuti dal nostro Paese per mettere in ordine i conti». E’ il copione mediatico del “risanamento”: i becchini si presentano come salvatori. «Il pareggio di bilancio è a portata di mano, le riforme strutturali sono avviate», si vanta Grilli: «Nessun altro Paese ha fatto tanto in così poco tempo». Record forse sfuggito ai mercati “distratti” ma non certo agli italiani, tragicamente ingannati e finiti nella trappola mortale del “rigore”.

Fonte: www.libreidee.org
Link: http://www.libreidee.org/2012/07/italia-in-saldo-svendere-il-paese-per-20-miliardi-lanno/
16.07.2012

CASERME, UFFICI, AREE DEMANIALI, ECCO LA LISTA DELLE PRIVATIZZAZIONI


Entro luglio 6 mld dal passaggio di Sace e Fintecna a Cassa depositi. Il patrimonio immobiliare vale circa 300 miliardi

Vendere beni pubblici per 15-20 miliardi all’anno, pari all’1% del Pil (prodotto interno lordo) per dare «un colpo secco al debito pubblico» e portarlo sotto quota 100 del Pil. E’ questo l’obiettivo indicato dal ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, nell’intervista di ieri al Corriere.
L’operazione è già in corso. Prima ancora che venga creata la Sgr (società gestione risparmio) che opererà come «fondo dei fondi» per la messa sul mercato dei migliori cespiti dello Stato e degli enti locali, immobili e società di servizi, il ministro si è già messo al lavoro per verificarne la concretezza.

Per questo Grilli avrebbe già incontrato banche d’affari, come i giapponesi di Nomura, e fondi potenzialmente interessati, cogliendo in particolare l’attenzione di quelli statunitensi, ma anche arabi, a partire da quell’emiro del Qatar che ha appena acquistato in Italia la casa di moda Valentino.

L’intenzione del governo è di procedere con pacchetti da offrire sul mercato in rapida successione. Solo il patrimonio dello Stato, secondo l’indagine conoscitiva della commissione Finanze della Camera, conta 222 milioni di metri quadri e vale 300 miliardi di euro. Altri 350 miliardi vale il patrimonio dei Comuni, secondo uno studio del Cresme.

IL RUOLO DELLA CDP

Ma il primo risultato tangibile, del valore di circa mezzo punto di Pil, è quello che verrà colto con il passaggio immediato delle quote di Fintecna, Sace e Simest dal Tesoro alla Cassa depositi e prestiti, operazione che dovrebbe fruttare circa 10 miliardi. Cifra cui bisogna sottrarre quella parte di risorse che il decreto sulle dismissioni ha destinato al pagamento dei crediti della pubblica amministrazione.

L’esborso della Cdp di una prima tranche sarà subitaneo: 6 miliardi già entro luglio. A giorni si conoscerà il nome dell’advisor (consulente) che realizzerà la due diligence (valutazione) delle tre società che porteranno alla Cassa depositi e prestiti, controllata dal Tesoro per il 70% e per il resto dalle fondazioni bancarie, una buona dote di liquidità e di utili: solo Sace ne ha fatti per 3,4 miliardi a partire dal 2004, quando è stata trasformata in società per azioni, e ha distribuito all’azionista 2,3 miliardi di dividendi.

LE SINERGIE POSSIBILI

Oltre che a trovare risorse per abbattere il debito pubblico, l’operazione ha anche l’obiettivo di razionalizzare il portafoglio delle partecipazioni statali e valorizzare le collaborazioni possibili, e già esistenti, fra la Cassa depositi e prestiti e le tre società che adesso passeranno sotto il suo controllo. A partire da Fintecna, che probabilmente controllerà al 40%, insieme con l’Agenzia del Demanio, con il 60%, la Sgr che gestirà tutta l’operazione delle dismissioni. In realtà tale veicolo non sarà creato dal nulla: la ristrettezza dei tempi a disposizione renderà necessario l’utilizzo di una società già esistente.

Intanto entro la fine del mese l’Agenzia del Demanio, guidata da Stefano Scalera, avrà messo a punto la lista dei primi cento immobili dello Stato e degli enti locali da conferire alla Sgr sui potenziali 350 già individuati (valore complessivo di base 1,5 miliardi).

LA «WHITE LIST»

Di certo della lista faranno parte molte caserme, come la Sani, quella bolognese che si trova in pieno centro, o il vecchio carcere militare di Forte Boccea e l’ex caserma di via Guido Reni, entrambe a Roma. E poi due magazzini, quelli di via Papareschi e di via del Porto fluviale, sempre nella Capitale.

Nella maggior parte dei casi si pescherà dalla cosiddetta white list, l’elenco di 13 mila immobili che in base al decreto di due anni fa sul federalismo demaniale sarebbero dovuti passare dallo Stato agli enti locali. Per questi immobili il ricavato del conferimento al fondo che verrà istituito dalla Cassa depositi e prestiti sarà destinato per tre quarti all’abbattimento del debito del Comune e per un quarto alla riduzione del debito pubblico nazionale.

Ma nel piano potrebbero entrare anche altri immobili che non fanno parte di quella lista. Per quelli tuttora di proprietà dello Stato l’incasso servirà tutto a far scendere il debito nazionale, mentre per quelli interamente dei Comuni il valore dell’immobile assegnato sarà destinato tutto all’ente locale, ma diviso in due parti: un quarto come liquidità, tre quarti come partecipazione al fondo immobiliare che avrà il compito di valorizzare e mettere a reddito tutti i beni da dismettere.

La normativa esclude espressamente dalla procedura gli immobili utilizzati per finalità istituzionali. Questo perché la previsione di un eventuale trasferimento di detti beni ai fondi determinerebbe effetti pregiudizievoli in termini di finanza pubblica, generando costi ascrivibili a locazioni passive. Di conseguenza, dei 62 miliardi di beni statali collocabili subito sul mercato, ne potranno essere venduti per ora soltanto sette.

LE DIFFICOLTÀ

Fin qui tutto sembra filare liscio. Ma è stato lo stesso ministro Grilli a mettere in guardia circa l’esito del piano di dismissioni per l’abbattimento del debito pubblico. «Non ci sono più gli asset vendibili dello Stato e degli enti pubblici, come vent’anni fa» ha avvertito nell’intervista. C’è «un patrimonio immobiliare di difficile valorizzazione, come insegnano le esperienze non felici di Scip 1 e Scip 2 (società create per vendere o cartolarizzare le proprietà degli enti), molte attività sparse a livello locale». E a questo proposito, si avrebbe gioco facile a ricordare come, quando si mise mano alla privatizzazione dell’Ina, una delle difficoltà fu quella di ripercorrerne l’intero patrimonio immobiliare.

Quanto all’esito delle precedenti operazioni immobiliari, è stata la Corte dei Conti, di recente, in audizione, a avvertire che nelle attuali condizioni di mercato, che solo nel primo trimestre di quest’anno ha visto le quotazioni scendere del 20%, «c’è il rischio di una svendita». Come sta accadendo per gli immobili degli enti previdenziali: dopo il fallimento dell’operazione di cartolarizzazione Scip2, ad Inps, Inail ed Inpdap sono rimasti invenduti migliaia di appartamenti.

Per la precisione, all’Inps sono ritornati 542 immobili da Scip 1 e ben 10 mila dal pacchetto conferito a Scip2, mentre all’Inpdap, dalla seconda operazione di cartolarizzazione sono stati stornati 12 mila appartamenti. Ed in tre anni, dal 2009 al 2011, ne sono stati venduti solo 1.200, quindi appena il 10%, con un incasso di 93 milioni di euro (per una media di 77.500 euro ad immobile).

LE MUNICIPALIZZATE

L’altro punto difficile del piano riguarda il «capitalismo municipale»: le 6.800 società che fanno capo non solo ai Comuni ma anche alle Province e alle Regioni.
Il pacchetto più appetibile riguarda le 4.800 aziende comunali, con un fatturato complessivo di 43 miliardi di euro, e 16 mila manager tra presidenti, amministratori e componenti dei consigli d’amministrazione.

Di queste, circa 3 mila svolgono in realtà servizi un tempo interni alle amministrazioni e adesso esternalizzati, come la riscossione dei tributi. E quindi sono fuori dalle dismissioni. Ne restano però 1.800 che si occupano di sevizi pubblici locali: acqua, elettricità, gas, rifiuti e trasporti. Ed è proprio su queste che si concentra l’attenzione. Anche qui la Corte dei Conti avverte che oltre il 20% delle società risulta in perdita soprattutto nel Mezzogiorno.

Quanto alle società quotate, hanno perso in media il 30% del loro valore e quindi potrebbero essere non proprio un affare. L’operazione di dismissione lascia fuori alcuni cespiti importanti dello Stato: le partecipazioni nelle grandi aziende pubbliche, da Eni a Enel a Finmeccanica. Com’è noto, la Cassa depositi e prestiti ha appena acquisito una quota della Snam appena sotto il 30%. Grilli ha escluso per la Cdp un ruolo come quello giocato dall’Iri fino al 2002.

Antonella Baccaro
Fonte: www.corriere.it
Link: http://www.corriere.it/economia/12_luglio_16/caserme-uffici-privatizzazioni-baccaro_76dacc4e-cf04-11e1-8c66-2d335d06386b.shtml
16.07.2012

Pubblicato da Davide

  • Aironeblu

    L’Eurotruffa procede.

  • Tao

    Mi preoccupa sentire il dibattito emergenziale sulla riduzione del debito pubblico via privatizzazioni e dismissioni immobiliari. Un’ansia da dismissione di cui mi sfugge qualcosa.

    E non tanto perché memore di altri momenti in cui tali dismissioni emergenziali furono effettuate (anni novanta) per fare cassa e ci trovammo a vendere “gioielli di famiglia” a prezzi bassi e ostacolando per lungo tempo il necessario e propedeutico processo di liberalizzazioni.

    E non tanto perché sarebbe l’ennesima distrazione, soprattutto se si considera che scendendo il debito pubblico al massimo scende la spesa per interessi ma non lo spread (non è che il debitore Italia vendendo attivo patrimoniale convince i mercati che è diventato più bravo a generare crescita e solvibilità) e dunque i risparmi sono minimali ed il tempo prezioso  perso (in Parlamento, presso Bruxelles e per convincere i giornali a far da grancassa all’ennesima iniziativa) è immensamente costoso.

    Qui la questione che mi pongo è da dove vengono i numeri che a me paiono incredibili del Ministro Grilli.

    “La strada praticabile è quella di garantire, con un programma pluriennale, vendite di beni pubblici per 15-20 miliardi l’anno, pari all’1 per cento del Pil». Un po’ poco, ministro (dice De Bortoli). (http://www.corriere.it/economia/12_luglio_15/grilli-intervista-debito-debortoli_76e4961e-ce3e-11e1-9b00-18ac498483bd.shtml)

    In realtà a me paiono dei numeri immensi: 15-20 miliardi l’anno? Ma dove li troviamo? Sarebbe utilissimo saperlo per essere credibili. Una cosa è certa: i mercati sanno giudicare molto meglio di me la fattibilità di tali stime.

    Se gli spread salgono è forse perché non ci credono? Non ne ho la minima idea. So però che mostrarsi ansiosi di produrre un piano al giorno per calmare i mercati può rivelarsi controproducente. Molto controproducente.

    Eddy lo svelto dice: “Io non chiacchiero, ragazzo, ma proprio per questo ti insegno a vivere.” (Lo Spaccone)

    La questione chiave che va affrontata a livello europeo: come recuperiamo l’unità d’intenti? come generiamo la crescita economica immediata nei paesi sotto attacco?  Concentriamoci per favore.

    Calma e gesso.

    Gustavo Piga
    Fonte: http://www.gustavopiga.it
    Link: http://www.gustavopiga.it/2012/calma-e-gesso/
    16.07.2012

  • mussily

    e vai col tango, yuppy!

  • Skorpio_B3

    Si dimentica sempre di aver perso la guerra con disonore, noi abbiamo perso la capacità di decidere per noi stessi come popolo (italiano), xchè non l’abbiamo mai avuta.
    Detto x inciso non credo che anche l’italiano singolo sappia decidere fino in fondo che cosa sia giusto o sbagliato per sè stesso; non ha conoscenza, non ha coscienza, non ha vision, non ha will; ed è lì piegato in terra su sè stesso dalla paura!!!

  • Skorpio_B3

    i soldi alla fine non contano niente, se non ha hai knowledge, vision e will. I soldi sono solo uno strumento (lo strumento x eccellenza) di controllo e di schiavitù delle masse.

  • Skorpio_B3

    knowledge+Vision+Will = power

    video che dà utilisimi suggeriumenti su funzionamento sistema monetario occidentale

    http://www.youtube.com/watch?v=_c5gDcc1DV8

  • nuovaera89

    Siamo finiti, stiamo giungendo al capolinea, e tutto questo succede senza nessuna timida opposizione… che vergogna!

  • ws

    …nel senso di un massacro ” argentino”…:-(