Israele si prepara ad aprire un secondo fronte a nord

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Mike Whitney
unz.com

Per ragioni tecniche, sociali e morali, Israele non vincerà un’altra guerra. A tutti i livelli, è diventato molto più debole. Può infliggere danni spaventosi ai suoi nemici, ma non può cambiare l’equilibrio fondamentale di tutte le forze che porta alla vittoria. Gabriel Kolko, 2007

Martedì, in seguito ad attacchi di droni e razzi da parte di Hezbollah contro insediamenti e basi militari israeliane, sono divampati imponenti incendi nel nord di Israele. Gli incendi rappresentano l’ultima escalation della guerra transfrontaliera in corso da 8 mesi. Secondo il Times of Israel, dal mese di ottobre, circa “60.000 residenti di città e villaggi lungo il confine settentrionale di Israele hanno dovuto essere allontanati dalle loro case a causa dei quasi quotidiani attacchi transfrontalieri di Hezbollah con razzi e missili anticarro…”. La recente recrudescenza della violenza ha suscitato la reazione rabbiosa dei leader politici israeliani, che ora minacciano di invadere il Libano se gli attacchi non cesseranno immediatamente. Questo è tratto da un articolo della CNN:

Mercoledì, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha visitato la città settentrionale di Kiryat Shmona, vicino al confine libanese, affermando che Israele è pronto ad “azioni molto intense” nel nord.

“Chiunque pensi di poterci fare del male e che ce ne staremo con le mani in mano sta commettendo un grosso errore”, ha dichiarato il primo ministro. “In un modo o nell’altro, ripristineremo la sicurezza nel nord”.

I commenti di Netanyahu arrivano dopo che il Capo di Stato Maggiore delle Forze di Difesa Israeliane (IDF), Herzi Halevi, aveva dichiarato che l’esercito israeliano è pronto ad attaccare obiettivi nel nord.

“Siamo pronti, dopo un ottimo processo di addestramento – fino al livello di esercitazione militare – a passare all’attacco nel nord. Con una forte difesa e prontezza all’attacco, ci stiamo avvicinando ad un punto di decisione”, ha dichiarato martedì Halevi. Tensions ramp up on Israel-Lebanon border as IDF warns decision is approaching on fresh offensive, CNN

Netanyahu sente la pressione dei membri di estrema destra del suo gabinetto di guerra che vogliono invadere il Libano ed eliminare la minaccia alla fonte. Ma un intervento del genere aprirebbe un secondo fronte e probabilmente distoglierebbe risorse dall’operazione a Gaza. Potrebbe anche trasformarsi in un sanguinoso bagno di sangue, come l’invasione israeliana del Libano nel luglio 2006, che si era ritorta contro e aveva visto l’IDF in fuga. Ecco un breve riassunto di quella disfatta da parte dello storico Gabriel Kolko:

La guerra dei 34 giorni, iniziata il 12 luglio, che Israele aveva combattuto in Libano nel 2006 era stata un punto di svolta disastroso…. Gli israeliani non avevano perso la guerra a causa degli ordini dati o non dati ai vari ufficiali. Era stato un conflitto scelto, pianificato come una guerra aerea con incursioni terrestri molto limitate e con l’aspettativa che le perdite israeliane sarebbero state molto basse. …. (Il Capo di Stato Maggiore) Halutz voleva “scioccare e spaventare” gli Hezbollah e i loro alleati con la potenza israeliana e stabilire in pochi giorni una linea di demarcazione. Doveva essere una guerra molto breve, basata sull’applicazione della forza. … Halutz voleva un risultato netto. Invece, aveva fatto il contrario e aveva mostrato la vulnerabilità di Israele basata, in gran parte, sul fatto che il nemico era molto più preparato, motivato ed equipaggiato. Era stata la fine di un mito cruciale, foriera di conflitti armati ancora più sanguinosi ma paritetici o di un equilibrio di potere favorevole ai negoziati. Olmert e i suoi generali molto probabilmente si aspettavano di ottenere una grande vittoria entro cinque giorni, e questo avrebbe aumentato la popolarità di Olmert presso la popolazione ebraica di tendenze guerrafondaie, una maggioranza in crescita degli elettori, consentendogli di migliorare i suoi bassissimi indici di gradimento (all’inizio di marzo aveva ricevuto il tre per cento di popolarità in un sondaggio televisivo) e di salvare la sua carriera politica….

Ci sono molte ragioni per cui gli israeliani avevano perso la guerra in Libano, ma c’è un accordo generale all’interno di Israele sul fatto che la guerra era finita in un disastro e che il valore deterrente dell’IDF, una volta imbattibile e super armato, per la prima volta era stato gravemente ridimensionato in tutto il mondo arabo…

La guerra del Libano è solo un presagio delle sconfitte israeliane a venire. Per la prima volta c’è un’equivalenza approssimativa nella potenza militare… La tecnologia si muove ora molto più velocemente delle risorse diplomatiche e politiche o della volontà di controllare le sue inevitabili conseguenze, per non parlare delle teorie strategiche tradizionali. Questo è vero ovunque e il Medio Oriente non fa eccezione. Hezbollah dispone di un numero di razzi di gran lunga superiore (oltre 10.000 a breve gittata, si dice) a quello di qualche anno fa, e l’intelligence militare israeliana ritiene che abbia una potenza di fuoco superiore a quella che aveva la scorsa primavera, prima di essere attaccato…

In passato, le guerre portavano vittorie e più territorio per gli ebrei, ora produrranno solo disastri per tutti. La guerra del Libano lo ha dimostrato.…  Israel’s Last Chance, Gabriel Kolko, Counterpunch

I leader politici israeliani di oggi – super-incoraggiati dal loro percepito trionfo sulla popolazione civile di Gaza – stanno spingendo per un’invasione del Libano e un confronto con il loro arcinemico, Hezbollah. La maggior parte di questi politici o non sa cos’era successo nel 2006 o pensa che l’IDF di oggi, “più forte e più capace”, prevarrà con relativa facilità. Sembrano ignorare l’idea che Israele possa andare incontro a una sconfitta umiliante che minerebbe la loro sicurezza e la loro deterrenza futura. Sono così convinti della loro invincibilità che la prospettiva di una sconfitta non li ha mai sfiorati. Questo è tratto dalla BBC:

Martedì, il ministro della sicurezza di estrema destra di Israele, Itamar Ben-Gvir, in visita ai vigili del fuoco nella vicina città di Kiryat Shmona, ha detto che la risposta del governo ai razzi di Hezbollah dovrebbe essere la guerra.

“Non c’è pace in Libano mentre la nostra terra viene presa di mira”, ha detto (BBC).

Non sorprende che il sostegno di Ben-Gvir a un’invasione sia condiviso dal compagno di viaggio Bezalel Smotrich, che ha fatto queste osservazioni in un discorso al Muro Occidentale di Gerusalemme, al termine della Giornata della Marcia della Bandiera:

“Primo ministro, dia l’ordine, vada in guerra con gli Hezbollah, li distrugga”, ha urlato. “Prendete forza dalle moltitudini qui riunite e date l’ordine. Entrate in guerra con gli Hezbollah, sottometteteli, distruggeteli, spostate la zona di sicurezza dalla Galilea al Libano meridionale”.

Per non essere da meno degli agitatori del gabinetto di guerra di Netanyahu, il presidente israeliano Isaac Herzog ha rilasciato la seguente minacciosa dichiarazione:

Mi rivolgo da qui alla comunità internazionale e ai suoi leader e sottolineo che è impossibile rimanere indifferenti a questo terrorismo, dal Libano e in generale. Israele è stato attaccato quotidianamente, da molti mesi, da proxy iraniani in Libano, in flagrante violazione di tutti gli accordi e le risoluzioni internazionali.

Il mondo deve svegliarsi e rendersi conto che Israele non ha altra scelta se non quella di proteggere i suoi cittadini e non dovrete sorprendervi se lo farà con sempre maggiore forza e determinazione, non venire da noi a lamentarsi quando la situazione andrà fuori controllo”, ha avvertito Herzog. “Non è il momento di stare a guardare e lasciare che la regione diventi sempre più violenta. Questa malvagia aggressione terroristica deve essere frenata e fermata”. Times of Israel

A parte le prevedibili spacconate di pomposi politici e dei loro alleati, ci sono alcuni importanti realisti che si rendono conto che l’esito di un qualsiasi confronto con Hezbollah è tutt’altro che certo. Si veda questo estratto da un articolo del Jerusalem Post del generale maggiore israeliano in pensione Yitzhak Brik, il quale ha affermato che “qualsiasi attacco dell’esercito israeliano contro Hezbollah potrebbe portare una terribile distruzione a tutto Israele”:

Ho avvertito che, a causa della cupa situazione dell’esercito, è solo questione di tempo prima che arrivi il disastro. E in effetti è successo, con Hamas che ha attaccato le comunità nella zona di confine con Gaza. Fortunatamente, questa volta abbiamo avuto un miracolo: Hezbollah non ci ha attaccato da nord, perché avrebbe portato un disastro ben peggiore di quello subito dalle comunità al confine con Gaza. Non è certo che avremmo potuto riprenderci e continuare a vivere nel nostro amato Paese.

In passato avevo avvertito, e continuo ad avvertire ora, che l’esercito e le forze armate non sono preparati per una guerra regionale. Se l’IDF entrasse in guerra contro Hezbollah e lanciasse un attacco significativo – come raccomandato da alcuni, tra cui alti funzionari del Nord e persino dal ministro della Difesa, nell’assoluta ignoranza della situazione e della preparazione dell’esercito e delle forze armate alla guerra regionale – questo potrebbe portare il Paese al disastro. È una scommessa sulla continuazione delle nostre vite nello Stato di Israele.

L’avevo detto quando era scoppiata la guerra nella Striscia di Gaza e la gente aveva fatto il tifo per l’esercito, che, alla fine, non ha ottenuto il risultato desiderato….

I responsabili della disgrazia, del disastro e della terribile vergogna del 7 ottobre, possono condurci alla prossima guerra regionale, una guerra che distruggerà il nostro Paese perché negli ultimi 20 anni non abbiamo preparato il fronte interno e l’esercito per una guerra del genere. Oggi, sia la leadership politica che quella militare non muovono un dito per preparare il fronte interno e l’esercito alla prossima guerra regionale. Questa guerra è la minaccia più grave per il Paese dalla sua fondazione, la situazione della sicurezza continua a deteriorarsi ogni giorno, e nessuno sembra preoccuparsi….

Il primo ministro Benjamin Netanyahu, l’ex ministro della Difesa Benny Gantz e l’ex capo di stato maggiore Aviv Kohavi non ci stanno portando da nessuna parte! Verso un sentiero senza via d’uscita. ….

Sono loro che hanno portato su di noi l’inferno più grave nella storia del popolo d’Israele dopo l’Olocausto, sono loro che ci stanno conducendo verso il prossimo inferno senza pensiero strategico e razionalità, ma, soprattutto, in modo emotivo e giocando con la sicurezza del Paese. Continuano a combattere perché, a loro avviso, ciò va a loro favore. Nonostante avessero detto di voler ridurre Hamas ai minimi termini e ottenere il rilascio degli ostaggi ancora in vita, questi obiettivi si allontanano ogni giorno di più. E noi stiamo scendendo sempre più in basso nella sicurezza del Paese, nell’economia, nella società e nelle relazioni internazionali. Dove andremo a finire? Dio ci salvi.  IDF general: Military, political leaders are leading Israel to disaster – opinion, Retired Israeli Major General Yitzhak Brik, Jerusalem Post

È un’affermazione straordinaria e azzeccata. Gli israeliani possono sentirsi incoraggiati dalla devastazione che hanno inflitto a Gaza con poca spesa per loro stessi, ma Hezbollah è “un altro tipo di bestia”. Qualsiasi invasione del Libano avrà un prezzo elevato in termini di distruzione, vittime e sicurezza generale. Il popolo israeliano è davvero pronto a fare i sacrifici che una guerra con Hezbollah richiederebbe? È davvero pronto a vedere i propri figli e figlie tornare a casa in sacchi per cadaveri?

Forse Netanyahu sta semplicemente bluffando quando minaccia di impegnare Hezbollah sul campo di battaglia. Forse sta solo cercando di proiettare l’immagine di un forte leader di guerra. Non lo sappiamo. Ma quello che sappiamo è che, se inizierà un’offensiva transfrontaliera in Libano, otterrà più di quello che si aspettava. E, come Sharon e Olmert prima di lui, vivrà per pentirsene.

Da Twitter

Le parole del Capo di Stato Maggiore dell’IDF, Herzi Halevi, in visita al Comando Nord: “Negli ultimi giorni Hezbollah ha aperto più volte il fuoco e noi siamo pronti ad attaccare nel nord. Ci stiamo avvicinando al punto di decisione“.

Mike Whitney

Fonte: unz.com
Link: https://www.unz.com/mwhitney/israel-prepares-to-open-a-second-front-in-the-north/
06.06.2024
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
12 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
12
0
È il momento di condividere le tue opinionix