ISRAELE LANCIA UNA BOMBA AL NEUTRONE SULLO YEMEN ? (ANCORA SUL VERO E SUL FALSO NEL WEB. NO AL TERRORISMO MEDIATICO)

DI SERGIO DI CORI MODIGLIANI

Libero pensiero

Non ho la minima idea del valore di questa informazione. E’ molto probabile -ed è ciò che onestamente mi auguro- si tratti di una delle tante bufale in rete e come tale, a mio avviso, andrebbe trattata.

La notizia sarebbe che lo stato d’Israele avrebbe lanciato, tre giorni fa, un ordigno nucleare sullo Yemen, una bomba al neutrone, provocando quindi un fortissimo scossone a tutti i livelli diplomatici, che potrebbe far degenerare la situazione internazionale.

Esistono soltanto due possibilità oggettive: o questa informazione è autentica, oppure è una gigantesca bufala estiva. Mi auguro che sia una bufala e, in questo momento, consiglio a tutti di prenderla come tale.

In verità, ed è il motivo di questo post, esiste anche una terza possibilità alla quale invito i più intelligenti tra i lettori a dedicare dei pensieri e fornire la loro opinione: potrebbe trattarsi di un ordigno nucleare mediatico, ovvero un clamoroso falso, ma costruito a tavolino per diffondere delle notizie allarmanti e allarmistiche il cui fine consiste nell’alzare il livello di conflittualità. Perché esistono in giro nel mondo, in questo momento, diverse potenze (e pezzi fondamentali dei cosiddetti poteri forti finanziari) che potrebbero essere interessate a scatenare una colossale guerra mondiale perché non sono più in grado di gestire le contraddizioni economiche di una spaventosa crisi di sistema che non soltanto non è affatto risolta, non soltanto (come dicono) l’economia europea si è ripresa alla grande, ma i nodi stanno venendo tutti al pettine.

Un altro aspetto inquietante, che aggiunge malessere a curiosità, consiste nel fatto che tale notizia, che sta aumentando il livello di diffusione, stia dilagando nel continente americano, ma venga ufficialmente considerata “una notizia italiana”. La fonte è un attivo blogger italiano che risiede in Venezuela, a Caracas, un anonimo professore, certo Attilio Folliero ( http://umbvrei.blogspot.it/2015/06/han-lanzado-una-bomba-nuclear-sobre.html) ed è stata ripresa da un sito indipendentista sardo, gestito da una potessa sarda, Paola Alcioni, nota come “Sa Cantadora” (http://sadefenza.blogspot.it/2015/05/la-guerra-nucleare-e-gia-iniziata-nello.html). Non è comprensibile quale sia il ruolo della poesia sarda, dei tempi dell’indipendentismo regionale dell’isola, con questa notizia, il che aggiunge curiosità a dubbio e sconcerto. Questi articoli, diffusi da italiani nelle ultime 36 ore, fanno riferimento a un sito spagnolo (http://www.mundodesconocido.es/han-lanzado-una-bomba-nuclear-sobre-yemen.html) che si occupa di scie chimiche, rettiliani, piramidi egiziane, massoneria occulta, ecc., collegato ad una società di comunicazione russa, la Mediacon. A questo va aggiunto il più importante sito di diffusione in lingua italiana, attivo nel nostro Paese, rivolto agli islamici e finanziato dagli iraniani, il sito http://italian.irib.ir/notizie/mondo/item/190267-bomba-al-neutrone-di-israele-sullo-yemen-consiglio-di-sicurezza-discute-sulla-crisi-yemenita. Sul loro sito (hanno anche la “Radio Italia”) sostengono che lunedì 1 Giugno si è riunito il consiglio di sicurezza dell’Onu per discutere di questa vicenda. Questa notizia non ha trovato alcuna corrispondenza con eventi oggettivi reali. Infine, a margine, anche il prof. Alberto Bagnai (che sembra davvero molto informato) sul suo blog, in data 1 Giugno 2015 pubblicava….tieni duro, fra un po’ sarà peggio…Sarà peggio perché arriverà un’altra crisi dagli USA, con due problemi: [1] i politici europei non potranno continuare a chiedere sacrifici, ma [2] grazie all’euro non potranno fare altro. Quindi forti disordini sociali in Europa, e forse una guerra mondiale per risolvere la crisi di domanda (fu la II guerra mondiale a far ripartire l’economia, non Roosvelt). Aspettiamo. […] Mia adorata, hai visto la notizia sulla bomba al neutrone in Yemen? Non ho fatto in tempo a dirlo! Cosa ci ricorda? Che quello nucleare non è un deterrente…….

Potrebbe anche trattarsi di uno scherzo.

Ma potrebbe anche non esserlo.

Abbiamo il dovere/diritto di essere informati “ufficialmente” su tale evento, o mi sbaglio?

Ritengo che persone competenti, in grado di poter effettuare i necessari controlli sia politici che diplomatici riguardo questa notizia (anche lo stesso Ministero degli Interni della Repubblica Italiana) dovrebbero occuparsi della cosa, verificare e, se la notizia venisse dimostrata certa, provata e documentata, finire col premiare i bravi giornalisti, oppure, nel caso non fosse vera, denunciarli per diffusione di notizie false e tendenziose atte a diffondere confusione e paura nella popolazione.

Le bombe, anche quelle mediatiche, vanno disinnescate.

Dobbiamo assumerci tutti la responsabilità di trasformarci in cittadini artificieri.

A domanda non posta, rispondo in anticipo: “trattandosi di un’ovvia bufala, parlandone, non si corre il rischio di partecipare attivamente alla sua diffusione diventandone complici?” No.

Il terrorismo lo si combatte applicando codici di allerta mediatica, spingendo verso un aumento della soglia dell’attenzione accompagnata da adeguata denuncia preventiva: non bisogna credere a tutto ciò che si legge in rete. E’ un reato etico: si chiama superficialità.

Il terrorismo non è soltanto kamikaze, teste mozzate e proclami.

In tempi come i nostri, è soprattutto mediatico.

Ed è di questo che, a naso (per istinto e non per informazioni ricevute) si tratta: un’azione mediatica terroristica che pone il nostro Paese al centro della vicenda.

Non mi piace affatto.

Discutiamone, non è il caso d far finta di niente.

Sergio Di Cori Modigliani

Fonte: www.libero-pensiero.net

Link: http://www.libero-pensiero.net/guerra-nucleare-ancora-sul-vero-e-sul-falso-nel-web-no-al-terrorismo-mediatico/

3.06.2015

14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gert_dal_Pozzo
Gert_dal_Pozzo
6 Giugno 2015 11:14

E che ne discutiamo a fare, signor Modigliani? Lei ha giá dato una risposta: é una notizia poco affidabile e se fosse vera dovrebbero documentarlo controlli politici e diplomatici, sugellati da premi ai giornalisti.

Cosa altro dire?

Eshin
Eshin
6 Giugno 2015 11:36
Possible Tactical Nuclear Strike (Neutron Bomb) in Yemen?A Note on the Mother of All Bombs (MOAB) and Tactical Nuclear Weapons by Michel Chossudovsky

https://www.youtube.com/watch?v=Vu8GDJzyKx4

La fonte originale era
http://www.veteranstoday.com/2015/05/29/how-israel-was-busted-nuking-yemen/

Report by Jeff Smith is a nuclear physicist and former IAEA inspector.)

Eleirbag
Eleirbag
6 Giugno 2015 12:09

http://english.pravda.ru/news/hotspots/29-05-2015/130785-nuclear-0/

La Pravda conferma l’utilizzo di ordigni nucleari tattici. Questa come ti sembra come fonte?
TitusI
TitusI
6 Giugno 2015 12:10

Un momento, andiamo con ordine:

Il video è vero o falso?

SE il video è vero possiamo dire che è scoppiata una bomba di qualche tipo.

Dove?

Se il video è vero a me quella sembra San’A, ma non sono riuscito ad individuare il luogo esatto. Qualcuno mi aiuta?

Cosa sappiamo della bomba?
1) NON è una bomba NUCLEARE (in senso classico) ne TANTOMENO al NEUTRONE.

Ma: E’ una bomba normale, "Convenzionale"? IMHO…NO.

Per maggiori info su quella bomba  guardatevi il video del Prof Del Giudice in coda al post in questo link. [bit.ly]

Eleirbag
Eleirbag
6 Giugno 2015 12:11

http://english.pravda.ru/news/hotspots/29-05-2015/130785-nuclear-0/

Mi sembra una visione troppo naif del mondo la sua. Lei parte dal presupposto che esista la buona volontà da parte dei governi occidentali. Sente parlare spesso dell’aggressione dell’Arabia Saudita ai danni dello Yemen nei tg?
permaflex
permaflex
6 Giugno 2015 13:02

Il video più vecchio data al 21 maggio ed è americano

http://www.veteranstoday.com/2015/05/21/358343/ [www.veteranstoday.com]

safedenza ne riporta il link quindi sembrerebbe l’origine sia veteranstoday,la ripresa
è parecchio traballante,nei giorni seguenti altri video della (sembra) stessa esplosione
ripresa da altre angolazione che mostrano meglio l’evento

youtube.com/watch?v=pVgPKxYVxb0

youtube.com/watch?v=OTE_Eshm2xw

youtube.com/watch?v=Vu8GDJzyKx4

La notizia è rimbalzata sul sito pravda.ru e non è invece apparsa su RT e su
PressTv,almeno fino ad un paio di giorni fà

A titolo di confronto questo è il video dell’esplosione di un piccolo ordigno nucleare
tattico della potenza di 10 tonellate di TNT

https://www.youtube.com/watch?v=eiM-RzPHyGs&feature=youtu.be&t=3m34s

oriundo2006
oriundo2006
6 Giugno 2015 15:45

Sono d’accordo: a chi facciamo fare le indagini ? Ai servizi italiani, noti per le loro capacità e la loro oggettività ? Che dopo decenni non sono stati capaci di venire a capo di alcuno dei misteri italiani stragisti ? E se fosse davvero una bomba sporca, lei sign. Modigliani pensa che la notizia verrebbe diffusa dalla nostra stampa e TV, notoriamente baluardi della corretta informazione ? E che i nostri politici non telefonerebbero subito alle autorità del Paese colpevole per monetizzare il silenzio ? Lo farebbero, lo farebbero…Dunque solo all’estero possono farci sapere se e come. Ma Snowden è ‘anatra zoppa’ adesso…

giannis
giannis
6 Giugno 2015 15:51

la terza guerra mondiale non servirebbe per far ripartire l economia ma per resettare questa merda di umanita’ inutile

vaturu
vaturu
6 Giugno 2015 15:52

Salve  sono Vaturu Erriu il responsabile di Sa Defenza Come si può ben leggere nel disclaimer in fondo alla pagina , vi sono anche le email a cui si può scrivere per poter avere delucidazioni, è nostra buona norma riportare sempre l’origine delle notizie pubblicate , che da quel che leggo non è stata ne vista ne riportata.  l’origine degli articoli risalgono al blog dei Veterani americani, che di armamenti penso se ne intendono.  http://www.veteranstoday.com/2015/05/21/358343/ Dispiace notare la superficialità con cui si riporta il nome di Paola , una cara amica e poetessa , che null’altro ha fatto se non dare il senso del nostro blog nel frontespizio laterale , che noi per onore della sua presenza abbiamo riportato nel riquadro , sempre per dare kla fonte delle cose che appaiono nel nostro blog.  E vi si dice in bilingue : SA DEFENZA [sadefenza.blogspot.com] – Fueddus po una resisténtzia ativa. Is feras arestis, ma fintzas cussas masedas, pigant is fillus in buca po ddus amparai portendiddus in logu seguru candu funt in perìgulu, e tambeni est cun sa buca chi cumbatint po ddus difendi apustis. Fintzas poi s òminis sa buca – logu de su fueddu – est, in cobertàntzia, logu… Leggi tutto »

LAZZARETTI
LAZZARETTI
6 Giugno 2015 17:30

Ma Sergio Cori di Modigliani, non e’ quello di origini palestinesi?

Datemi lumi.
haward
haward
6 Giugno 2015 23:21

Non è battezzato, non festeggia la Domenica e non potrebbe mangiare carne di maiale

fabKL
fabKL
7 Giugno 2015 4:10

Forse il Modiglini poteva fare una telefonatina all’Ambasciata dello Yemen in Italia. Non avrebbero alcun interesse a nascondere la cosa…

Fedeledellacroce
Fedeledellacroce
7 Giugno 2015 15:23

Allora o é un infedele, oppure un giudeo!!!

Tao
Tao
15 Giugno 2015 7:56

Israele e gli “ordigni nucleari mediatici”. Degli attacchi israeliani con bombe al neutrone sullo Yemen ne parla anche Famiglia Cristiana con un articolo del 13/06/2015 intitolato “ Nel golfo venti di guerra nucleari [www.famigliacristiana.it]”. Il signor Sergio Di Cori Modigliani, prima di sparare sentenze dovrebbe informarsi. Da mesi sto seguendo le vicende dello Yemen [umbvrei.blogspot.com], pubblicando vari articoli miei o di terzi ed appoggiando iniziative umanitarie contro i bombardamenti dell’Arabia Saudita a danno di civili inermi, soprattutto donne, bambini ed anziani. Recentemente ho pubblicato sul mio blog una notizia (sia in italiano [umbvrei.blogspot.com], che in spagnolo [umbvrei.blogspot.com]) che segnalava Israele come responsabile di aver lanciato un ordigno nucleare sullo Yemen. Entrambi gli articoli sono ripresi da altri siti, di cui cito la fonte, autore e link, come è mia abitudine quando riprendo articoli di terzi. Io firmo ogni testo che scrivo con il mio nome e cognome paterno, però sono stato definito a freddo dal raffinato Sergio+Di+Cori+Modigliani come un “anonimo professore, certo Attilio Folliero”. L’illustre Sergio dai tre cognomi, si lancia in spericolate acrobazie per screditare e denigrare. Con foga mi segnala come fonte prima e originaria – spalleggiato da un “poetessa Sarda“, del sito Sa Defenza [sadefenza.blogspot.it] (1) che deride ottusamente… Leggi tutto »