Israele, dopo il passaporto sanitario verso l’obbligo vaccinale per lavorare

databaseitalia.it

Il ministro della Sanità israeliano ha confermato che il paese ha in programma di impedire alle persone non vaccinate di svolgere determinati lavori, ma non è riuscito a elaborare quali potrebbero essere, aggiungendo che chiunque venga sorpreso a falsificare i certificati della vaccinazione sarà incarcerato.

“Presto ci saranno lavori in cui, per poter lavorare, i lavoratori dovranno essere vaccinati o sottoporsi a un test Covid-19 ogni 48 ore”, ha detto giovedì il ministro della Salute Yuli Edelstein.

Affiancato da alti funzionari del Ministero della Salute, Edelstein non ha spiegato da quali lavori le persone sarebbero escluse, ma ha esortato tutti a vaccinarsi per aiutare a riportare la vita a “quasi normale”.

“[I] vaccinati e quelle persone che hanno avuto il virus potranno andare in palestre, concerti, hotel, sinagoghe da domenica” , ha affermato il ministro, mentre discuteva dell’impatto del sistema israeliano di ‘green pass’ che entrerà in vigore il 21 febbraio.

Il pass, che verrà concesso a chi ha preso il vaccino e a chi si sta riprendendo dal Covid-19, consentirà a molti israeliani di usufruire di un rollback delle restrizioni Covid-19 che entrerà in vigore anche domenica.

Edelstein ha affermato che le autorità avevano già confiscato una serie di falsi documenti di vaccinazione e hanno avvertito che chiunque fosse trovato a falsificare i certificati avrebbe dovuto affrontare il carcere.

Israele è leader mondiale nelle vaccinazioni, con quasi sette milioni di vaccini somministrati, l’equivalente di 79 dosi per 100 persone.

Fonte: https://www.databaseitalia.it/israele-dopo-il-passaporto-sanitario-verso-lobbligo-vaccinale-per-lavorare/

Pubblicato il 18.02.2021