Home / ComeDonChisciotte / IRAK: TERRORISMO FALSO E SCOPI VERI

IRAK: TERRORISMO FALSO E SCOPI VERI

IL MIGLIORE AMICO DELLA COALIZIONE E’ IL TERRORISMO FALSAMENTE ATTRIBUITO AGLI ALTRI

Recentemente la polizia irachena ha catturato due terroristi che avevano una automobile piena di esplosivi. Vi sorprenderebbe sapere che si trattava di appartenenti alle Forze Speciali Inglesi ?

MATT HUTAFF

La storia sembra sorprendente, quasi fantastica.

Un’automobile che corre nella periferia di una città assediata apre il fuoco contro un posto di controllo della polizia, uccidendo un poliziotto. La polizia la insegue e alla fine cattura gli occupanti, scoprendo che la macchina era piena di esplosivi, destinati sicuramente a qualche azione terroristica. Come se non bastasse ecco che, dopo che i colpevoli erano stati messi in prigione, arrivano i loro amici per liberarli, i quali non esistano ad abbattere le mura della prigione e a dare fuoco a tutto. Nella confusione che ne è segue fuggono anche altri 150 prigionieri.

Incredibile, non è vero? Eppure questa storia è vera, ed è accaduta a Bassora, nella parte sud. A seguito di quanto è successo sono scoppiate altre violenze… ma non per le ragioni che possiamo pensare.

Il fatto è che gli occupanti della macchina carica di esplosivo non erano membri di un gruppo terroristico, no, si trattava di componenti delle Forze Speciali Inglesi. I loro soccorritori? Soldati inglesi a bordo dei loro carri armati.

Proprio così. Due soldati inglesi, travestiti da arabi, nel tentativo di sfuggire all’ arresto, hanno ucciso un poliziotto iracheno. Quando poi la gente di Bassora si è rifiutata, a buon diritto, di restituire i responsabili agli inglesi, questi ultimi, per “mandato” della Coalizione, hanno inviato i propri uomini a liberali con la forza, facendo fuggire così anche altri 100 e più prigionieri.

Ma non dovremmo conquistare i cuori e le anime degli iracheni?

Purtroppo questa storia non è molto sorprendente. Dopo gli innumerevoli racconti sull’uso del napalm e della tortura contro degli innocenti civili, e gli abusi quotidiani denunciati dagli osservatori contro gli americani, il comportamento inglese sembrerebbe perfettamente ragionevole.

Così ci troviamo di fronte a un caso lampante di una potenza straniera che cerca di mettere su un attentato terroristico. Per quale motiva gli inglesi si sarebbero travestiti da arabi se non per far ricadere la colpa su di loro? Per quale motivo avrebbero caricato una macchina con dell’esplosivo se non per utilizzarlo in qualche attentato? L’Irak sta precipitando verso la guerra civile, e questa operazione serviva soltanto ad accelerare le cose, causando qualche strage per poi incolpare i propri nemici. Niente di più, niente di meno. La prova consiste nel fatto che l’esercito inglese ha messo su un’operazione militare per recuperare i suoi componenti, anziché fare ricorso ai consueti canali diplomatici.

Si tratta di metodi estremi che mettono in luce la necessità della segretezza.

Recentemente ci sono stati numerosi attentati a Bagdad. Ma chi sono i veri responsabili? L’unico beneficio tangibile che ne deriva è la giustificazione per la Coalizione di rimanere in Irak per ripristinare l’ordine. Chi ne trae guadagno? Certamente non gli iracheni. Questi sono già convinti che molti attentati siano stati perpetrati dagli americani per rinfocolare una guerra di religione. Dopo aver saputo di questo incidente, non sono troppo incline a non essere d’accordo.

Malgrado questa operazione sotto copertura sia stata scoperta, ho paura che possa essere ugualmente usata dalla catena dei mezzi di informazione per incitare ulteriormente alla violenza nel Medio Oriente. A giudicare come sono state presentate le cose i miei timori sembrano giustificati.

Numerosi articoli hanno già girato la frittata affermando che “delle aggressive milizie Sciite” hanno attaccato degli innocenti soldati inglesi che cercavano semplicemente di liberare i loro compagni tenuti prigionieri da alcuni fanatici religiosi. Una foto che accompagna l’articolo mostra un veicolo in fiamme con la didascalia che i veicoli sono stati attaccati durante “un tentativo di liberare dei soldati arrestati”, che ‘probabilmente’ erano in abiti civili. Il comportamento criminale di tutta la storia era tenuto accuratamente nascosto. Dell’esplosivo non se ne è nemmeno parlato, e i due soldati che hanno provocato tutto l’affare, sono diventati delle vittime di un paese instabile che loro stavano difendendo.

Comicamente tutta la storia ha già trovato il suo capro espiatorio sulla testa dell’Iran. Perché quando in guerra, con i propri atti terroristici, si combinano guai quale migliore via d’uscita che di incolpare un nemico senza anima, che odia la libertà, e che presto si desidera invadere? In un certo senso, provo quasi ammirazione per la faccia tosta degli ufficiali che sono capaci di sostenere che i tumulti di Bassora non hanno niente a che fare con i finti attentati arabi terroristici e invece tutto con i legami religiosi tenuti con un paese straniero. Si tratta proprio di una bugia sfacciata che va contro ogni minima logica e ragionevolezza.

“Gli Iraniani stanno bene attenti a non farsi prendere.” E’ stato l’affermazione di un esponente inglese, quando la Gran Bretagna ha minacciato di portare l’Iran davanti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per delle sanzioni. Peccato che invece gli Inglesi non siano altrettanto attenti. In caso contrario forse potrebbero portare a compimento le loro missioni segrete senza sembrare troppo dei perfetti idioti!

Allora bisogna stare attenti a non commettere errori. Tutte le conseguenze violente di questo incidente ricadono interamente sulle spalle dell’esercito inglese e delle sue forze speciali. Invece di dirigere le fiamme della loro propaganda contro un paese che non riusciranno mai a conquistare, forse gli inglesi farebbero meglio a smetterla di cercare di intimidire gli iracheni con la paura e le torture e cercare piuttosto di mettere a fuoco i propri errori per andarsene dal Medio oriente.

Si tratta di azioni imbarazzanti e senza scusanti, che tuttavia ci dovrebbero fare riflettere. Se un paese come la Gran Bretagna è disposto a commettere degli atti terroristici, che tipo di operazioni nascoste pensate siano disposti a commettere gli Stati Uniti d’America?

Se credete che gli USA non si permetterebbero mai di far saltare in aria degli innocenti al solo scopo di raggiungere i propri obiettivi, pensateci un attimo. Pensate a questo incidente come primo punto di riferimento.

Matt Hutaff
Fonte: www.thesimon.com
Link:Http://www.thesimon.com/magazine
/articles/canon_fodder/0961_fake_terrorism_coalition_best_friend.html

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da VICHI

VEDI ANCHE: IL FILO NERO TERRORISTA DA GROUND ZERO A BASRA (e il silenzio dei giornali di sinistra italiani)

Pubblicato da Vichi genio

  • michele300

    le autobombe messe dagli inglesi e americani??

    lo penso da SEMPRE..

    basta ragionare un attimo..

    per non parlare di zarqawi/gargamella..

    in recente video:
    “guerra totale agli sciiti..!!”

    capito?
    i nemici non sono gli occupanti..

    sono gli sciiti..!!

    e qui da noi ci sono gonzi che credono
    a tutta questa fiction..

    è quello che mi fa più inkazzare..

  • Zret

    Come volevasi dimostrare. Ha ragione il lettore: miliardi di babbei credono alle bugie dei potenti. Questo ci fa …

  • Bastiani

    Ragazzi, tutto questo non vi ricorda qualcosa ?
    le stragi degli anni 70/80 in Italia.
    La strategia della tensione ? ma mi faccia il piacere…..
    Teoremi, bugie e videotapes.
    Dopo tutti questi anni e innumerevoli processi
    cosa si sa di certo ? Nulla.
    una cosa sola è chiara….
    ….ciò che è STATO è STATO….

    Angelo Bastiani