Interrogazione nel Regno Unito sulla mortalità del Covid

scenarieconomici.it

di Leoniero Dertona

Il membro del parlamento britannico Steve Baker fa una semplice interrogazione scritta al Dipartimento inglese per la salute e la sicurezza sociale. Una domanda banale. “Per chiedere al segretario di stato per la salute e la sicurezza sociale quale sia la fatalità da covid-19 stimata dal suo dipartimento”.

Eccovi al risposta del ministero , per la penna di Jo Chrichill, sottosegretario alla salute per la prevenzione:

“Al 15 luglio, il gruppo di modellizzazione della sanità inglese, con l’assistenza della MRC Biostats Unit, stima che la mortalità complessiva per l’infezione sia approssimativamente dello 0,096%”

0,096% è tanto? È poco? Vediamo altri dati.

I CDC (centers for desease prevention) degli Stati Uniti ci forniscono. I dati dell’influenza 2018-19:

“Il CDC stima che l’influenza sia stata associata a oltre 35,5 milioni di casi, oltre 16,5 milioni di visite mediche, 490.600 ricoveri e 34.200 decessi durante la stagione influenzale 2018-2019. Questo onere era simile all’onere stimato durante la stagione influenzale 2012-2013”

34.200 decessi su 35.500.000 casi danno una percentuale dello 0,096%.

Faccio notare che i dati sono ufficiali, forniti dagli enti ufficiali inglese e statunitense, con il link alla pagina ufficiale.

Lascio che i lettori traggano, come sempre, le proprie personali valutazioni.

Fonte: https://scenarieconomici.it/interrogazione-nel-regno-unito-sulla-mortalita-del-covid-e-la-riposta/

Pubblicato il 15.09.2021

blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x