Indagato medico che esentò Franco Trinca

Il fascicolo è stato aperto per l'ipotesi di reato di omicidio colposo

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Il governo italiano, dopo due anni di terrore mediatico tramite il quale è riuscito a piegare una buona parte della popolazione italiana alla narrazione pandemica, rendendola oggetto e complice della sperimentazione vaccinale di massa più grande della storia, ha deciso adesso di tutelare la salute pubblica attuando un clima poliziesco e persecutorio nei confronti dei medici che “in scienza e coscienza” decidono di esentare alcuni dei propri pazienti, dopo valutazioni che devono essere rimesse soltanto alla discrezione di chi si occupa di loro da vicino.

Questo è ciò che in questo momento sta vivendo Pietro Solinas, il medico di base del biologo nutrizionista Franco Trinca, morto all’ospedale di Città di Castello i primi giorni di febbraio. La Procura di Perugia ha infatti qualche giorno fa aperto un fascicolo, per stabilire se l’esenzione vaccinale fosse giustificata o meno, disponendo l’autopsia del cadavere.

“Io ho rilasciato al dottor Trinca una esenzione in scienza e coscienza e lo rifarei senza dubbio. Di certo non ho emesso quel certificato per le sue posizioni nei confronti del vaccino […] Trinca – aggiunge il medico – aveva delle chiare condizioni che potevano portare all’esonero e la sua certificazione è stata accolta anche dall’Istituto superiore di Sanità che l’ha valutata dopo l’apertura del procedimento disciplinare nei suoi confronti da parte dell’ordine dei biologi in quanto non vaccinato. In quel momento la certificazione è stata ritenuta idonea. Lui è mio paziente da tantissimi anni non è venuto da me per avere l’esenzione”.

Il fascicolo è stato aperto per l’ipotesi di reato di omicidio colposo.

Massimo A. Cascone, 21.02.2022

Fonte: https://www.rainews.it/articoli/2022/02/covid-un-indagato-per-la-morte-del-biologo-no-vax-franco-trinca-d531bfb9-51ac-4f46-9704-358a4417720c.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x