Home / ComeDonChisciotte / In piazza a S. GIOVANNI sì, ma…

In piazza a S. GIOVANNI sì, ma…

” Io non me la prendo più con Berlusconi.

Da zelante piduista, tessera 1816, è stato messo lì apposta a far il lavoro e l’ha fatto egregiamente ! non c’è proprio niente da dire

Me la prendo con chi avrebbe dovuto impedire questo scempio DA SUBITO dal primo vagito di Forza Italia

Non l’hanno fatto. Perché ? Non avevano intuito il pericolo? E come può essere possibile visto che una grandissima parte degli italiani – senza essere al corrente delle segrete cose ma solo usando un po’ di buon senso – già nel ’94 aveva annusato “il fieto del miccio” ?!

Non lo hanno fatto neanche dopo quando erano al governo ed era possibile neutralizzarlo almeno sul conflitto d’interessi

Non lo fanno nemmeno adesso continuando a dividersi su inconcepibili “personalismi” indegni di una classe politica che avrebbe dovuto essere figlia di chi in un solo anno , dal ’46 al 47, è stata capace di mettersi d’accordo su temi di grandissima difficoltà, superando con enorme senso di responsabilità le diversità di vedute e riuscendo a scrivere la nostra Costituzione (che appare quasi “miracolosa” osservandone oggi la lungimiranza..)
Dov’è finito quello “spirito” ?
Soggetto a critiche, se volete, ma non al punto da poterci far accettare la sostituzione di un Calamandrei, un Ruini, un Lussu, un Moro, un Pertini addirittura con un Gasparri, un Bondi, un Castelli, UN BERLUSCONI da un lato e con il massimo dello “statista” Massimo D’Alema da un altro

Perchè se è vero che da una parte siamo governati da una banda di delinquenti è anche vero che dall’altra siamo nelle mani di politici incapaci a difendere il paese dalle scorribande di questi lanzichenecchi

“Incapaci ” come minimo ! Per non dire di peggio, per non dire irresponsabili e perchè no ? (mi si rafforza il dubbio..) forse anche doppiogiochisti.

In quale altro paese – non dico europeo, per carità ! – ma solo minimamte “civile e progredito” la classe politica potrebbe permettersi frasi come questa di Borghezio a proposito di Bossi :«Presto torna, lo vogliamo di nuovo sul palco, quello che tra poco gli fa un culo così ai politici bastardi che vogliono farci ingoiare la faccenda dei Turchi» senza che nessuno – dico nessuno – se ne meravigli più di tanto ?

In quale altro paese “l’opposizione” sarebbe ostaggio di un Mastella o di un Bertinotti che non si capisce a che gioco stia giocando ?

In quale altro paese un forte partito di sinistra si massacrerebbe nel suo stesso interno – come fanno i nostri DS – per questioni di lana caprina che nascondo squallide questioni di leadership ( “società civile” sì, “società civile” no ) in un momento così drammatico per l’Italia ?

In quale altro paese l’opposizione cercherebbe di far tacere l’UNICO giornale d’opposizione che è ancora rimasto in piedi?
Tutti abbiamo visto cosa sia successo a Furio Colombo per aver “osato stupirsi” che rappresentanti di base della nostra sinistra rabbrividiscano all’uso della parola “regime”, l’unico adatto a definire questo sciagurato governo in carica.

Dunque ben venga la manifestazione . Ma che serva a ricordare A CHI SI E’ ASSUNTO IL COMPITO DI RAPPRESENTARE IN PARLAMENTO una gran parte dei cittadini, che noi italiani – per quanto fessi – non meritiamo una fine ingloriosa e indecorosa come quella a cui stiamo andando incontro e che ci sta procurando il disprezzo a livello internazionale

fonte http://suzanne.splinder.com

Pubblicato da Truman