Ilaria Capua: “Con l’arrivo del freddo dobbiamo tornare a vaccinarci”

Per la virologa Ilaria Capua la pandemia è tutt’altro che finita

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Ieri, domenica 20 marzo, durante il programma di La7 In Onda, intervistata da Concita De Gregorio e David Parenzo, la ricercatrice ed ex politica Ilaria Capua ha sferrato un duro colpo alle illusioni degli italiani circa la fine della pandemia.

Secondo la virostar infatti, nonostante le tre dosi di vaccino fin ora inoculate, la nuova variante che si sta diffondendo in questo momento in Asia presto arriverà anche in Europa, e allora sarà necessaria una nuova dose di vaccino.

La nuova variante sta prendendo il sopravvento sulla Omicron originale, è una variante un po’ furbesca, perchè insidiosa. A Hong Kong sta provocando problemi enormi con ricoveri mai visti. […] L’ultima vaccinazione l’abbiamo fatta sei mesi fa e dobbiamo prepararci per ricominciare a tirare su il muro di protezione. La quarta dose esclusa? Per ora, ma siamo all’inizio dell’estate. Dobbiamo dire chiaramente ai cittadini che con l’arrivo del freddo dovremmo tornare a vaccinarci.

Parole che non lasciano spazio all’interpretazione quelle della Capua, che ha sottolineato come la Covid non andrà via ma “si sta solo trasformando in una malattia endemica” (…ma va!) e per questo motivo “dovremo fare un vaccino una volta l’anno per risvegliare l’immunità”.

Toccato inoltre il discorso sul rischio sanitario che rappresentano i rifugiati ucraini:

Le malattie seguono le guerre perché l’igiene diminuisce e si verificano epidemie […] Ora c’è il rischio di una potenziale crisi nella crisi perché gli ucraini hanno tassi di vaccinazione bassi, al 33%. Le persone per forza di cose sono assembrate nei rifugi e possiamo prevedere un contagio molto vivace.

Insomma, se ci fossero ancora dubbi sul sottile collegamento tra la pandemia e la guerra, oramai sono dissipati: il terrore deve essere sempre presente nella popolazione vuoi per il virus vuoi per i missili, se per entrambi meglio ancora!

L’industria farmaceutica e quella bellica gongolano felicemente.

Massimo A. Cascone, 21.03.2022

Fonte: https://www.la7.it/in-onda/video/ilaria-capua-il-covid-non-andra-via-non-possiamo-dimenticarcelo-20-03-2022-429912

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
15 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
15
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x