Il vaiolo sarà la prossima “fuga dal laboratorio”?

 

Dr. Joseph Mercola – 1 dicembre 2021

 

“Dovreste avere paura della prossima ‘fuga dal laboratorio'”. Così riportava un titolo del New York Times del 23 novembre 2021 (1). E potrebbero avere ragione. Nelle ultime settimane le insinuazioni che alludono a una potenziale epidemia di vaiolo sono circolate nelle notizie, mentre sono emerse ulteriori prove che la Covid-19 sia il risultato di una fuga dal laboratorio (2). Come riportato dal New York Times (3):

“Il National Emerging Infectious Diseases Laboratories … nel South End di Boston … ha una delle più grandi collezioni di laboratori di Livello di Biosicurezza 3 e 4 nel mondo. Questo tipo di strutture è il luogo in cui si svolge la ricerca sugli agenti patogeni più pericolosi del pianeta.

Virus Ebola, Lassa, Marburg: Tutti sono designati per il lavoro di livello 4 dal National Institutes of Health, il che significa che sono entrambi trasmissibili e altamente patogeni, con pochi (o nessun) trattamenti per coloro che ne vengono infettati…

Nel 2015, il NIH aveva affidato ad una società di consulenza chiamata Gryphon Scientific l’incarico effettuare una valutazione del rischio (4) di alcuni tipi di ricerca nei laboratori statunitensi. Il risultato, rilasciato nell’aprile 2016, è stato un rapporto di mille pagine che ha concluso, tra le altre cose, che gli esperimenti per migliorare la trasmissibilità dei coronavirus in un laboratorio potrebbero aumentare “significativamente” la possibilità di una pandemia “a causa di un incidente di laboratorio”.

 

Le domande sulla sicurezza abbondano

Mentre il rapporto Gryphon (5) ha concluso che il rischio che un agente patogeno con potenziale pandemico (PPP) causi una pandemia globale è basso, l’autore principale del rapporto, Rocco Casagrande, un ex ispettore di armi delle Nazioni Unite, ha detto al New York Times che la lista delle incertezze è lunga. In effetti, non sappiamo molto di niente. Per esempio, non sappiamo (6)

  • La frequenza con cui avvengono gli incidenti di laboratorio
  • Quanto spesso gli incidenti di laboratorio si traducono in esposizioni
  • I fattori sottostanti che permettono incidenti ed esposizioni
  • Quali caratteristiche potrebbero essere più efficaci per mitigare gli incidenti (come formazione aggiuntiva, attrezzature di contenimento aggiuntive o controlli tecnici)
  • Risposte a domande di base come la dinamica dei fluidi di una fuoriuscita (cioè, cosa succede quando una fiala cade e si frantuma? Come vengono dispersi gli agenti patogeni in diversi tipi di incidenti?)

Tutte queste carenze significano che non sappiamo nemmeno in cosa dovremmo investire per rendere più sicura la ricerca sui prodotti fitosanitari. Suggerisce anche che la conclusione del rapporto è più un’ipotesi che una valutazione definitiva del rischio. Presumono che il rischio pandemico sia basso, ma potrebbe non esserlo, dato che stanno facendo una serie di supposizioni che potrebbero o meno essere accurate nel mondo reale.

 

La segretezza è parte del problema

Una ragione per questa mancanza di comprensione è che molti laboratori di biosicurezza non sono tenuti ad essere trasparenti su ciò che accade all’interno delle loro mura. Casagrande li paragona a “una grande scatola nera”. Come notato dal NYT (7):

“… l’aspetto più preoccupante dei biolaboratori ad alto contenimento è che, considerati nel loro insieme, possono essere sicuri solo come il peggior laboratorio tra loro: una violazione o un guasto in uno di essi potrebbe metterci tutti in pericolo”. (la velocità di una flotta è la velocità della nave più lenta, N.d.T.)

È logico quindi che un modo per ridurre il rischio di un’altra pandemia causata dall’uomo è quello di chiedere piena trasparenza (naturalmente, la strategia più efficace sarebbe quella di vietare del tutto la ricerca PPP, in tutto il mondo, ma a parte questa possibilità, la trasparenza e la revisione indipendente sarebbero almeno un passo nella giusta direzione).

È sorprendente che non abbiamo nemmeno una lista completa di tutti i laboratori di biosicurezza di livello 4 (BSL4). Le stime suggeriscono che ce ne sono 59 in funzione in tutto il mondo, ma “non c’è un database internazionale ufficiale che tenga traccia dei laboratori e nessun obbligo per i governi di riconoscerne l’esistenza – pubblicamente o all’Organizzazione Mondiale della Sanità“, scrive il NYT (8).

 

Tre tipi di rischi

Come spiegato dal NYT, i rischi associati a questi BSL possono essere suddivisi in tre categorie principali:

  1. Bioincolumità – Assicurarsi, attraverso la formazione e le tecnologie di contenimento, che i lavoratori non siano esposti a patogeni pericolosi
  2. Biosicurezza – Assicurarsi che gli agenti patogeni pericolosi non vengano rubati o usati impropriamente per scopi nefasti
  3. Cyberbiosecurity: assicurarsi che i dati, come i dati genomici virali, non vengano manomessi a distanza

Il fallimento in una o più di queste aree può avere conseguenze devastanti, e tali fallimenti possono verificarsi sia intenzionalmente che accidentalmente. Oltre a questi, c’è il pericolo più imprevedibile di tutti, cioè l’errore umano.

È possibile mettere in atto tutte le salvaguardie tecnologiche, ma l’elemento umano può ancora annullarne alcune o tutte. E, secondo Casagrande, l’errore umano è 100 volte più probabile che causi un incidente che qualsiasi tipo di guasto meccanico.

 

Vaiolo – La prossima minaccia?

Come notato dal Times, ci sono solo due laboratori BSL4 nel mondo che detengono il “variola virus”, il virus che causa il vaiolo, un’infezione altamente infettiva e mortale che è stata dichiarata completamente eradicata nel 1980. Uno è il laboratorio BSL4 del Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti ad Atlanta; l’altro è il laboratorio BSL4 del Vector Institute a Koltsovo, Russia (9).

Il virus originale del vaiolo aveva un tasso di mortalità di circa il 30% e gli Stati Uniti hanno interrotto la vaccinazione di routine contro di esso nel 1972. L’ultimo focolaio conosciuto negli Stati Uniti si è sviluppato nel 1947 (10).

Una delle ultime morti conosciute per vaiolo avvenne nel 1978. Una fotografa medica britannica contrasse l’infezione in una scuola di medicina a Birmingham, dove lavorava. L’università aveva un laboratorio di ricerca sul vaiolo legato all’OMS che, secondo un’indagine, non soddisfaceva le linee guida fondamentali stabilite dal Dangerous Pathogens Advisory Group.

‘OMS aveva ordinato la chiusura del laboratorio, ma quattro mesi prima della chiusura prevista, la fotografa, Janet Parker, è stata esposta. Si crede che sia entrata in contatto con il virus “mentre faceva telefonate da un ufficio in disuso vicino alla sua camera oscura. Questo ufficio era collegato alla stanza del vaiolo degli animali di Bedson sotto un condotto di servizio, con accesso al condotto su ogni piano fornito da pannelli di ispezione“, riporta The Desert Review (11).

“Già il 4 novembre 2021 Bill Gates, durante una riunione di Policy Exchange sulle future pandemie, aveva avvertito preventivamente di possibili attacchi terroristici con il vaiolo. Secondo Gates, la minaccia del bioterrorismo è probabilmente molto più grande di quella di un’epidemia naturale.”

Ma non c’è nulla che impedisca la creazione di una versione sintetica o modificata del virus, che potrebbe essere ancora peggio. Come ci si potrebbe aspettare, Gates sta esortando i governi a spendere miliardi di dollari per prepararsi a un tale evento, e gran parte di questo investimento andrebbe, ovviamente, a società e organizzazioni da cui lui trae direttamente profitto.

 

Il CDC è pronto con il vaccino contro il vaiolo

È interessante notare che il giorno prima che Gates facesse questi commenti, il Comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) ha esaminato due documenti che presentavano un nuovo vaccino vivo attenuato contro il vaiolo chiamato JYNNEOS ((noto anche come Imvamune o Imvanex (13)). Come riportato da Precision Vaccinations (14):

“Prodotto da Bavarian Nordic, JYNNEOS è stato inizialmente approvato nel 2019 dalla U.S. Food and Drug Administration (FDA) ed è indicato per la prevenzione del vaiolo [umano] e del vaiolo delle scimmie negli adulti di 18 anni e più, definibili ad alto rischio di infezione da vaiolo [umano] o vaiolo delle scimmie.

JYNNEOS è l’unico vaccino contro il vaiolo [umano] non replicante approvato dalla FDA e l’unico vaccino contro il vaiolo delle scimmie approvato dalla FDA per uso non militare. Brett Petersen, M.D., MPH, ha presentato la nuova proposta di “guida clinica” per l’uso di JYNNEOS rispetto a un vecchio vaccino antivaioloso, ACAM2000, che l’ACIP raccomanda attualmente.

Molte persone con controindicazioni alla vaccinazione con ACAM2000 (ad esempio, dermatite atopica, condizioni di immuno-compromissione, allattamento o gravidanza) possono essere vaccinate con JYNNEOS …

Attualmente, il vaccino contro il vaiolo non è raccomandato per il grande pubblico negli Stati Uniti in quanto il vaiolo è stato eradicato … Tuttavia, i funzionari sanitari statunitensi sono pronti a utilizzare un vaccino se ci fosse un focolaio di vaiolo, dice il CDC”.

 

Fiale di vaiolo trovate nel laboratorio Merck

L’attenzione sul vaccino contro il vaiolo è sospettosamente tempestiva, poiché il 15 novembre 2021 sono state trovate, in una struttura Merck in Pennsylvania, cinque fiale etichettate “vaiolo”. C’erano anche 10 fiale etichettate “vaccinia”, un virus che appartiene alla famiglia dei poxvirus (15) (16).

Le fiale sono state scoperte da un lavoratore del laboratorio mentre puliva un congelatore. La struttura Merck conduce ricerche sui vaccini ma, come già detto, solo due strutture al mondo sono autorizzate a conservare il virus mortale del vaiolo. La Merck non è una di queste.

In pochi giorni, è stato ampiamente riportato che le cinque fiale erano “etichettate in modo errato” e non contenevano, di fatto, il virus del vaiolo (variola). Contenevano tutte il virus vaccinia, che è usato nel vaccino contro il vaiolo (17). Tutte le fiale erano intatte, e il lavoratore indossava maschera e guanti. Sulla base di questo, si presume che il lavoratore non sia stato esposto e che non ci sia stato alcun rilascio virale.

Questa non è la prima volta che fiale con agenti patogeni potenzialmente letali vengono trovate in luoghi dove non dovrebbero essere. Nel 2014, fiale di vetro vecchie di 60 anni contenenti vaiolo liofilizzato sono state trovate in giro in un vecchio magazzino della struttura NIH a Bethesda, nel Maryland (18).

Nel 2019, nel laboratorio di Koltsovo, in Russia, si è verificata un’espolosione che ha mandato in ospedale un lavoratore. Secondo le notizie, le scorte di PPP non sono state colpite. Tuttavia, questo dimostra che bisogna prendere in considerazione ogni eventualità. Tutto può succedere. Ci sono un milione di modi in cui qualcosa può andare storto.

 

Operazione Dark Winter

Poi, naturalmente, abbiamo l’Operazione Dark Winter (19), un’esercitazione pandemica che simulava un attacco terroristico intenzionale con vaiolo negli Stati Uniti. Questa esercitazione da tavolo ha avuto luogo nel 2001 e, come l’Event 201 del 2019 (che prevedeva un’epidemia di coronavirus), è stata ospitata dalla Johns Hopkins e finanziata dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Per inciso, in un discorso del novembre 2020 sulla necessità delle misure pandemiche in corso, il presidente eletto Biden avvertì che ci saremmo trovati di fronte ad un “inverno molto buio” (20), una dichiarazione che molti trovarono sia curiosa che minacciosa.

 

Segni e sintomi del vaiolo

Come detto, il vaiolo ha un tasso di letalità di circa il 30% ed è altamente contagioso. Durante il 20° secolo, si stima che in tutto il mondo 300 milioni di persone abbiano perso la vita a causa del virus del vaiolo. Il periodo di incubazione è tra i sette e i 14 giorni. I sintomi iniziali includono febbre alta, mal di testa, mal di schiena e vomito. Questo è poi seguito da un’eruzione cutanea in tutto il corpo. L’eruzione cutanea spesso emerge prima nella bocca, nella gola e nella lingua, e poi si diffonde al viso, alle braccia, al torso e alle gambe.

È durante la fase dell’eruzione che il paziente è più contagioso. L’eruzione progredisce poi in pustole piene di pus che formano croste e cadono per circa 10 giorni. Coloro che sopravvivono all’infezione possono rimanere con cicatrici permanenti. È stata riportata anche la cecità.

Nel 2009, gli scienziati del CDC hanno riferito di aver finalmente identificato il meccanismo che rende il vaiolo così letale. Attaccando la proteina legante l’interferone, una molecola prodotta dal nostro corpo che blocca la replicazione virale, il virus finisce per paralizzare il sistema immunitario. Come riportato da Science Daily (21):

“I ricercatori … hanno dimostrato che le cellule infettate con il “variola” … hanno prodotto una proteina che blocca una vasta gamma di interferoni umani, che sono molecole prodotte dal nostro sistema immunitario destinate a fermare la replicazione virale”.

Il virus è noto per diffondersi attraverso il contatto diretto e oggetti condivisi come lenzuola, asciugamani e vestiti, così come le particelle respiratorie. La vaccinazione con il vaccino a virus vivo, ACAM2000, lascerà infetti fino a quando la lesione nel sito di iniezione non si sarà cicatrizzata e sarà caduta, lasciando una cicatrice delle dimensioni di un centimetro. Bisogna fare attenzione a proteggere il sito di iniezione da altre parti del corpo e da altre persone.

 

Guerra biologica e tirannia globale

Dal primo trimestre del 2020, abbiamo già avuto un assaggio di ciò che il Grande Reset significherà per la salute pubblica. Si basa fondamentalmente sulla premessa che viviamo in uno stato di biosicurezza, dove “parti interessate” non elette decidono cosa è meglio per noi – anche se ci uccide.

È innegabile che le contromisure per la Covid hanno portato molta più distruzione di quanta ne abbia effettivamente portata il virus, e queste contromisure continuano a distruggere vite e uccidere persone inutilmente, tutto con la scusa di tenerci “al sicuro” dalle malattie.

Gli ospedali di tutti gli Stati Uniti hanno ricevuto istruzioni di usare i trattamenti Covid più letali che si possano immaginare, e i medici che disapplicano questa direttiva e fanno davvero ciò che è meglio per i loro pazienti vengono minacciati di revoca della licenza professionale. Il solo fatto di parlare di trattamenti Covid efficaci, per un medio equivale a mettersi un bersaglio sulla schiena.

In tutti i paesi, alla gente viene detto che i vaccini anti-Covid sono l’unico modo per andare avanti, e i passaporti vaccinali – una volta derisi come una paranoica teoria di cospirazione – vengono attuati. Chi ha preso queste decisioni? Nessuno ammette la vera fonte di queste decisioni, ma possiamo essere sicuri che provengono da un direzione centrale, gestita da persone che nessuno ha mai eletto con il proprio voto.

In tutto il mondo, si sta giocando una partita mentale contorta, in cui i leader mondiali ci stanno dicendo che i passaporti vaccinali sono il nostro “biglietto per la libertà”, ignorando completamente il fatto che la nostra libertà non è, e non può essere, basata sulle nostre scelte mediche.

Che le contromisure per le malattie che vediamo attualmente per la Covid-19 non finiranno con la Covid-19 è chiaro. Un’epidemia di vaiolo sarà la prossima? La presa di potere totalitaria chiaramente non sta andando così bene come speravano; conseguentemente, non è irragionevole sospettare che vogliano gettare qualcos’altro nel calderone – anche se è solo per far salire la paura al livello successivo.

 

Link: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2021/12/01/smallpox-next-lab-leak.aspx?ui=59ed2e7639939da92ff0e3fd8a4becd1e38e467e8312fec7760fac1ab9753aaf&sd=20210422&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1HL&cid=20211201_HL2&mid=DM1055808&rid=1338161930

Nota: per scelta anti-censura da parte dell’Autore, l’articolo rimane visibile sul suo sito solo per 48 ore. Sia l’articolo che eventuali video sono comunque disponibili a chi ne faccia richiesta al Dr. Mercola o a ComeDonChisciotte.

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

blank
Notifica di
49 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
49
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x