Home / ComeDonChisciotte / IL TRAFFICO, IL METEO, LO SPORT, E IL CROLLO!

IL TRAFFICO, IL METEO, LO SPORT, E IL CROLLO!

DI DMITRY ORLOV
Cluborlov

Questo blog è rimasto “a riposo” per un paio di settimane (sebbene i commenti continuano ancora a passare sui vecchi posts) perché sono stato occupato nella promozione di RC e nel rilasciare interviste alla radio, mentre contemporaneamente portavo a termine il lavoro sulla barca che è diventata la nostra casa e la preparavo per il rilancio. Da ieri, la barca è in acqua, e mi sembra che le interviste siano tutte conformi ad un unico modello imposto, e così eccomi qua, ancora una volta, pronto a tenervi aggiornati.

È giusto avvertire che nel corso delle prossime settimane, tu potresti andare a lavoro in macchina la mattina, ascoltare la radio, e sentire qualcosa di simile:

“Tra poco avremmo con noi Dmitry Orlov, l’autore di Reinventing Collapse: The Soviet Example and American Prospects [Reinventare il crollo: l’Esempio Sovietico e le Prospettive Americane, N.d.T]”. Dmitry è un “teorico del controllo del picco del petrolio, [in realtà sul retro di copertina dice: Aiuto!] Dmitry, cosa significa, teorico del picco del petrolio?”

“Il picco del petrolio è la teoria che prevedeva con precisione i diversi picchi di produzione di petrolio durante il tempo negli Stati Uniti del 1970, così come nel 2005 potrebbe essersi raggiunto l’apice di tutti i tempi nella produzione tradizionale di petrolio a livello mondiale. Ma permettetemi di iniziare citando un altra teoria: la teoria dell’attrazione gravitazionale. Un professore di fisica che avevo in collegio una volta suggerì che, se noi matricole d’università avessimo qualche dubbio su questa teoria, potevamo provarla saltando da un tavolo e contemporaneamente mantenendo le nostre ginocchia perfettamente dritte, per poi osservare ciò che succede alla nostra spina dorsale. Desidero proporre una simile prova per quanto riguarda il picco del petrolio, ma è ancora più facile: basta continuare a guidare la vostra auto ancora per qualche anno nel modo in cui si è abituati a fare, e osservare ciò che accade al vostro conto corrente bancario “.

“Ma c’è gente che è venuta in questo show a dirmi che abbiamo molte riserve che non possiamo toccare proprio in questo paese a causa delle posizioni estremistiche di alcuni ambientalisti. Non è solo un problema politico? Non si potrebbe risolverlo se solo lo volessimo? “

“Se tutti gli ambientalisti improvvisamente scomparissero dalla faccia della terra, ci sarebbe una tragica perdita di calendari colorati e pieni di immagini di magnifici e maestosi animali … Supponendo che si possa procedere a piena velocità verso l’esplorazione del ANWR in Alaska, nella piattaforma continentale, e in vari altri luoghi promettenti nel continente degli Stati Uniti, allora ci vorrebbero più di 20 anni alle nuove province per entrare in produzione, e alla fine poi non aggiungerebbero più di qualche percentuale del nostro attuale livello di consumi. Nel frattempo, l’esaurimento delle attuali province continuerebbe a seguire il suo corso, peggiorando la situazione. Inoltre, da allora, avremo perso l’accesso alla maggior parte delle nostre importazioni di petrolio, perché anche gli stessi paesi esportatori di petrolio stanno esaurendo le loro risorse, e avranno bisogno di tutto il petrolio rimasto solo per loro stessi. “

“Lei paragona gli Stati Uniti all’Unione Sovietica, ma l’Unione Sovietica non ha fallito a causa del suo passato sistema comunista? Noi abbiamo il libero mercato, siamo in grado di innovare e di risolvere i nostri problemi in modi che loro non saprebbero neanche immaginare!”

“Il sistema di pianificazione centrale in Unione Sovietica era abbastanza inflessibile e inefficiente, e ha causato l’accaparramento e il commercio del mercato nero. Esso stanziava direttamente le risorse per cose come il riscaldamento centrale per l’intero quartiere, i mezzi di trasporto pubblici e i servizi governativi. La psicologia del mercato non aveva niente a che fare con esso: questi sono stati tutti i flussi fisici di energia. Il nostro sistema è certamente migliore in tempi normali, ma quando le risorse chiave diventano scarse, improvvisamente il sistema diventa molto peggio: si stabiliscono prezzi fuori mercato per cose di cui si ha assoluto bisogno per sopravvivere, l’accaparramento e la speculazione diventano la norma, i comuni sono portati al fallimento, mentre le compagnie petrolifere fanno profitti record e non si trova niente di meglio da fare con loro che riacquistare le loro azioni, e così via. “

“Ma ancora, non possiamo innovare il nostro sistema? Stavo acquistando una nuova automobile ieri, e ci sono tutti i tipi di nuove automobili ibride ed elettriche apparse sul mercato … quando c’è una crisi, il sistema del libero mercato risponde, e ci fornisce i prodotti con i quali risolvere il problema! “

“L’idea che il problema delle troppe automobili e della troppa dipendenza dall’automobile possa essere risolto fabbricando più automobili, è assurda. Ciò che rende il problema irrisolvibile è che gli americani sono stati abituati a considerare l’accesso al possesso di una automobile privata come una diritto di nascita, e portarli via l’automobile è consigliabile quanto cercare di toglierli le loro pistole. La cosa più sensata da fare sarebbe quella di vietare la fabbricazione, l’importazione e la vendita di nuovi veicoli, ad eccezione di alcuni specifici veicoli utilizzati per i servizi pubblici, come è stato fatto durante la seconda guerra mondiale. Ma questo problema si risolverà da solo a un certo punto: ci vuole molta energia per costruire una macchina, e le autovetture nuove sono ancora accessibili solo perché i nuovi prezzi del petrolio non si sono ancora diffusi nell’intera economia. “

“Alcune persone sono preoccupate per il calo del dollaro e per quello che la Federal Reserve sta facendo. Che cosa ne pensa delle loro politiche?”

“Stanno facendo degli sforzi immensi per fare apparire affidabili delle istituzioni finanziarie in realtà insolventi dando loro in prestito una gran quantità di dollari nuovi di zecca. Come effetto di tutto ciò, si ha un inseguimento sempre maggiore ai dollari USA in cambio di identiche o minori quantità di beni di consumo primari, come il petrolio e il cibo, provocando l’enorme crescita dei prezzi. Sembra l’inizio dell’iperinflazione. Alla fine, ciò rovinerà la nostra capacità di continuare a erogare prestiti e finanziare il nostro enorme mercato e i deficit di bilancio. Inoltre ci impedirà l’accesso alle importazioni principali, come ad esempio i due terzi del petrolio che utilizziamo, poiché nessuno vorrà continuare a immagazzinare dollari senza più valore. Se questo dovesse accadere, l’economia degli Stati Uniti entrerà in un grave stato di shock.

” Gli economisti si sono improvvisamente ritrovati in un mondo che non sanno più capire. Si sono abituati a pensare all’energia in termini di denaro, e in termini di controllo della crescita economica. Non riescono a cambiare mentalità ed imparare a pensare ai soldi in termini di energia, a guidare un graduale indebolimento dell’economia in modo che fornisca alla popolazione l’essenziale e le eviti inutili sofferenze. Per tutti noi questo significa che dovremmo smetterla di rivolgerci agli economisti per avere delle risposte. Ci vorrebbero troppi corsi di riqualificazione per trasformarli in operatori competenti in questa nuova disciplina. “

“Se fosse mandato a Washington per risolvere questo problema, cosa farebbe?”

“Per favore non mandatemi a Washington: non è il posto ideale per realizzare qualcosa di utile. Gli sforzi politici, centralizzati, hanno la stessa probabilità di successo che aveva la Perestroika di Gorbaciov. Lì, c’era un partito comunista, che ha represso ogni iniziativa privata e l’imprenditorialità. Qui, abbiamo le due facce del capitalismo, che uccide tutte le iniziative pubbliche che toccano le prerogative del capitale privato o del libero mercato. Tutto ciò rende politicamente impossibile qualsiasi buona proposta. La cosa migliore da fare nei confronti dei politici nazionali è quello di ignorarli completamente e aspettare che se ne vadano via. Questo metodo funziona molto bene con i comunisti in Russia. “

“Se la situazione è davvero questa, allora che cosa si può possibilmente sperare di ottenere?”

“Sto cercando di aiutare le persone a prepararsi psicologicamente. Una crisi economica è il momento peggiore possibile per avere un esaurimento nervoso, ma questo è ciò che accade di solito. Se le persone hanno la possibilità di pensarci per tempo, saranno preparate meglio ad affrontare la crisi. Inoltre, si perderà l’accesso a numerosi comfort e comodità a cui si è abituati, e nel caso in cui siano beni necessari, si potrebbe cercare di vivere senza di loro prima del tempo, solo per assicurarsi che si abbia la resistenza e la capacità di sopravvivere. Ma la cosa tragica è che, per prepararsi al crollo, si dovrebbe iniziare a vivere come se tutto fosse già accaduto, e pochissime persone sono disposte a farlo. Si attenderà fino a che non sarà troppo tardi, e poi si aspetterà che qualcuno venga in nostro soccorso.

“Amico, devi essere una vera e propria rottura di scatole alle feste! E’ tutto un castigo e oscurità, non ti sembra?”

“Sì, può sembrare, ma il mio messaggio è in realtà abbastanza ottimista. Quello che voglio è che la gente vada avanti insieme alla consapevolezza che è possibile avere una vita ricca, felice e onorevole anche durante una crisi. Tutto ciò che ci vuole è una certa preparazione e un diverso atteggiamento. Il difficile è iniziare, passare dal volere le cose in grande al lasciarsele dietro le spalle e avere i propri progetti, ma una volta fatti pochi passi in questa direzione, la vita diventa effettivamente più facile, perché ad ogni passo, si guadagna un pò più di pace per la mente.

Dmitry Orlov
Fonte: http://cluborlov.blogspot.com
Link: http://cluborlov.blogspot.com/2008/06/traffic-weather-sports-collapse.html
7.06.08

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MAURIZIO OGGIANU

Pubblicato da Davide