Home / ComeDonChisciotte / IL THL FINLANDESE RACCOMANDA LA SOSPENSIONE DELLE VACCINAZIONI CONTRO L'H1N1

IL THL FINLANDESE RACCOMANDA LA SOSPENSIONE DELLE VACCINAZIONI CONTRO L'H1N1

FONTE: YLE.FI

L’Istituto Nazionale per la Salute e il Welfare (THL, in finlandese Terveyden ja Hyvinvoinnin Laitos) ha raccomandato che le vaccinazioni contro il virus dell’influenza suina H1N1 attraverso la somministrazione del Pandemrix vengano sospese. Il vaccino non potrà essere usato fino a che non verrà verificata l’esistenza di una correlazione con l’aumento del numero di casi di narcolessia nel paese.

Il THL afferma che la raccomandazione è una misura cautelativa. Al momento, sottolinea, nel paese non c’è alcuna epidemia di influenza suina che richieda una campagna vaccinale urgente contro il virus.
“Sono state rilevate indicazioni di un nesso temporale tra le vaccinazioni e alcuni casi di narcolessia, ma non è stato stabilita alcuna correlazione vera e propria. Considerando anche le informazioni che circolano a livello internazionale, una connessione sembrerebbe improbabile”, ha dichiarato la dottoressa Hanna Nohynek, ricercatrice presso il THL.

È possibile ammettere eccezioni all’indicazione del THL, se necessario. Ad esempio, il vaccino potrebbe essere somministrato a chi debba viaggiare verso un’area che stia subendo un’epidemia di influenza suina.

Gli esperti a raccolta

Se necessario, una decisione definitiva su scala nazionale per quanto riguarda il programma di vaccinazioni contro l’influenza suina verrà preso dal Ministro degli Affari Sociali e della Salute. Tale decisione sarà presa se i casi riportati di narcolessia verranno associati al vaccino in maniera inconfutabile.

Il gruppo che coordina le investigazioni sui casi osservati deve incontrarsi martedì prossimo (31 agosto 2010, ndt) per effettuare una valutazione complessiva della situazione. Questo gruppo comprende esperti provenienti dal THL, dal Ministero degli Affari Sociali e della Salute, dall’Agenzia Nazionale per i Medicinali e da Valvira, l’Autorità di Supervisione Nazionale per il Benessere e la Salute, nonché i rappresentanti delle autorità provinciali.

Stando a quanto afferma il THL, l’aumento del numero di casi di narcolessia potrebbe essere stato causato dal virus influenzale, dal vaccino, dall’interazione di un’infezione con il vaccino, o da qualche altro fattore. È un fatto risaputo che le infezioni possano causare narcolessia.

Al THL sono stati segnalati 15 casi di narcolessia, sei dei quali sono più facilmente associabili al vaccino che a qualunque altra causa. Le ricerche preliminari sulla correlazione tra il vaccino e gli altri casi dureranno svariati mesi. In Finlandia vengono diagnosticati fino a 50 casi di narcolessia all’anno e circa una decina tra i bambini.

Nel mondo, almeno 90 milioni di persone in oltre 20 paesi sono state vaccinate con il Pandemrix. Ad ogni modo, fino ad ora, un possibile legame tra il vaccino contro l’influenza suina ed episodi di narcolessia è stato riportato soltanto in Finlandia e in Svezia.

Fonte: www.yle.fi/
Link: http://www.yle.fi/uutiset/news/2010/08/thl_recommends_suspension_of_h1n1_vaccinations_1926808.html
24.08.2010

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org dai ELISA NICHELLI

Pubblicato da elisa

  • ottavino

    Ecco. Questi sono quelli che si occupano di noi, il gregge.

  • lucamartinelli

    non so come sia potuto accadere ma il popolo italico non si è fatto fregare questa volta. Sappiamo che non si è fatto vaccinare quasi nessuno. Speriamo che vada avanti cosi’.

  • wld

    Ho fatto un’intervista in un ospedale della Lombardia (il più importante), ho intervistato medici ed infermieri e personale di servizio di un reparto molto importante, solo una persona su dieci del personale di servizio si è fatta vaccinare, dei medici ed infermieri, circa venti persone a rotazione, solo una infermiera si è fatta vaccinare, ma nessun medico. L’informazione è arrivata anche se con molte difficoltà, ma ha avuto una grande influenza il Ministro della sanità Polacco, le critiche volte alle case farmaceutiche dai giornali Polacchi sono arrivati a noi con i media, di internet non certo con la televisione Italiana che ha taciuto, e sponsorizzato con Topo Gigio i vari accorgimenti da tenere come igiene, ma nulla sulla tossicità dei prodotti pagati a milioni di €uri ancora giacenti nei magazzini ospedalieri. Comunque vedo che non desistono il livello della presunta pandemia è ancora a livello 6, questo la dice molto lunga sulla sanità mondiale (tramite le case farmaceutiche) che fa affari con gli stati privandoli della sovranità sanitaria, solo per far cassa.

  • kingsize

    Non sono una sorpresa i casi di narcolessia della Finlandia. I vaccini contro l’influenza sono i più tossici tra quelli in commercio: “A differenza degli altri vaccini, la quota percentuale di reazioni gravi segnalate è più alta (26%) e più vicina alle segnalazioni da farmaci che non da vaccini”
    (FARMACVIGILANZA, Segnalazioni di sospette reazioni avverse a vaccini: i dati della Rete Nazionale di Farmacovigilanza, BIF XIV N. 1, 2007, pg 17-21). E tra gli eventi avversi, come dimostrano le segnalazioni italiane sul vaccino H1N1, i più frequenti sono quelli a carico del sistema nervoso centrale e periferico (34,2%) (Report settimanale e cumulativo delle segnalazioni di sospette reazioni avverse ricevute -Fonte AIFA). La causa è semplice, anche se professori e scienziati non riescono o non vogliono vederla:essa risiede nelle caratteristiche fondamentali dell’emagglutinina e della neuraminidasi, due proteine del virus influenzale contenute nel vaccino che, in modo innaturale, somministriamo intramuscolo. L’emoagglutinina, entrata in circolo, si lega all’acido sialico che sporge all’esterno della membrana cellulare, legato ai gangliosidi; la neuraminidasi stacca, invece, l’acido sialico e consente al virus di entrare ed uscire dalla cellula infettata. Il tessuto più ricco di gangliosidi è il sistema nervoso che è quindi molto recettivo al virus. Distrutte le molecole di acido sialico, i gangliosidi cambiano nella loro struttura e l’organismo li vede come estranei formando anticorpi contro di loro. Le cellule interessate sono così più o meno bloccate nella loro funzione. Nella sindrome di Guillain-Barrè, sicuramente correlata al vaccino influenzale, sono stati trovati anticorpi contro i gangliosidi. Anche la narcolessia si ritiene dovuta ad una reazione autoimmune. Con tale teoria, che per me è una certezza, si spiega perchè il vaccino per l’influenza è il più tossico: l’acido sialico si trova in tutte le cellule dell’organismo.