Home / ComeDonChisciotte / IL TG5 DIRETTO DA PHILIP DICK

IL TG5 DIRETTO DA PHILIP DICK

DI MCSILVAN

Per restare a galla, all’informazione non resta che la rappresentazione del lutto, l’esibizione del cadavere, il feticismo del luogo del delitto.
Ieri sera ho consultato, a cavallo delle otto, il televideo e il telegiornale di canale 5. Prima la lettura delle pagine di mediavideo poi l’ascolto dei titoli di testa. Questi ultimi, tra funerali, cerimonie di commemorazione funebre e richiami giornalistici ai delitti davano l’idea che all’informazione mainstream, per restare a galla, non resti che la rappresentazione del lutto, l’esibizione del cadavere, il feticismo dei luoghi di delitto. Una entropia bella e buona per l’infosfera ufficiale e un contributo alla liquidazione del concetto di opinione pubblica non sul piano della filosofia politica o della sociologia della comunicazione (che se ne contendono il primato interpretativo) ma su quello del puro avanspettacolo mortifero.
Stamani ho aperto i giornali a colazione e ho trovato i titoli, anzi i titoloni, sulla richiesta di condanna al presidente del consiglio compresa l’interdizione ai pubblici uffici che, trattandosi di un capo del governo, un qualche rilievo dovrebbe pure avercelo.

Mi sono messo a cercare di capire l’ora in cui è stata pronunciata la requisitoria del pubblico ministero e ho realizzato che tutto era successo nel pomeriggio.
Sono quindi tornato sul televideo di canale 5 per vedere come avessero impaginato la notizia. Niente, non c’era assolutamente niente ed erano le nove del mattino del giorno dopo.

Credo a questo punto che le dispute sulla direzione del tg5 siano un diversivo per nascondere il fatto che Philip Dick si è insiedato sulla poltrona di direttore. Il tg di canale 5 è infatti una ucronia informativa là dove per ucronia si intende un mondo, un tempo e uno spazio paralleli costruiti a partire da qualche fatto accaduto da qualche parte nel mondo convenzionale. Sempre stamani leggo che Fedele Confalonieri dichiara al Corriere della Sera “i media devono essere sempre indipendenti”. Forse intendeva indipendenti dalla realtà.

McSilvan
Fonte: http://www.rekombinant.org/
13.11.04

Pubblicato da Davide