Home / ComeDonChisciotte / IL POPULISMO MITOLOGICO DI BERLUSCONI E QUELLO VERO DI ORBAN

IL POPULISMO MITOLOGICO DI BERLUSCONI E QUELLO VERO DI ORBAN

FONTE: COMIDAD-ORG

Le crescenti difficoltà politiche in cui si dibatte Berlusconi hanno rilanciato le opinioni di quella parte della “destra antagonista” che si ostina, contro ogni evidenza, ad individuare in lui una sorta di campione dell’anticolonialismo, che non avrebbe esitato a favorire gli accordi dell’ENI con Putin e Gheddafi pur di salvaguardare l’indipendenza economica dell’Italia. L’argomentazione di questi estimatori dell’Uomo di Arcore si basa su un’osservazione iniziale di per sé fondata, e cioè che tutti i suoi avversari risultano avere evidenti legami internazional-coloniali; primo fra tutti Gianfranco Fini, santificato dalla stampa americana e con palesi frequentazioni sioniste. La falsa conseguenza che se ne ricava è che Berlusconi risulterebbe inviso ai poteri forti dell’Occidente, che vorrebbero eliminarlo appunto per il suo anticolonialismo.

Nella foto: il primo ministro ungherese Viktor Orbán e Silvio Berlusconi In realtà, il fatto indiscutibile che Fini sia un amerikano ed un sionista, non implica affatto che non possa esserlo anche il suo attuale nemico Berlusconi. Una pratica comune del colonialismo è infatti quella di mettere in competizione i propri servi, ed è stato lo stesso Berlusconi ad aver manifestato questa gara di servilismo; ciò nel corso del suo viaggio in Israele, mentre intanto Fini era ospite a Washington, dove ha sede non solo il governo USA, ma soprattutto il Fondo Monetario Internazionale. A Gerusalemme Berlusconi lanciò una serie di enfatiche dichiarazioni contro l’ENI, intimando al suo gruppo dirigente di cessare gli investimenti in Iran. Per sostenere questo fervore anti-iraniano del suo Presidente del Consiglio, il ministro degli Esteri, Frattini, arrivò ad inventarsi un attacco di manifestanti contro l’ambasciata italiana di Teheran.

Che sia stato Berlusconi ad avviare gli accordi economici con la Libia e con la Russia, non costituisce una semplice forzatura, è un falso. Uno dei vantaggi di Internet è quello di costituire una sorta di archivio-stampa, e chiunque perciò può darsi la pena di verificare che il riavvicinamento a Gheddafi fu un’iniziativa di Prodi, e che fu sempre Prodi a firmare i primi due contratti con Putin per il gasdotto South Stream. La colpa di Prodi fu probabilmente quella di non esibirsi insieme con Putin in qualche festino osceno, e quindi la vicenda non ebbe quell’attenzione prolungata e morbosa da parte dei media, che hanno invece avuto le orge che Berlusconi, e lo stesso Putin, si sono organizzati nelle occasioni in cui sono stati rispettivamente ospiti l’uno dell’altro.

In una recente intervista rilasciata a “Repubblica Radio-TV”, Prodi, trattando di temi inerenti alla sua missione diplomatica in Africa per conto di organismi internazionali, ha trovato il modo di rivendicare di essere stato proprio lui a riallacciare i rapporti con Gheddafi. Ovviamente nessuno degli intervistatori si è premurato di sottolineare quella affermazione, proprio perché la fiaba ufficiale del “Berlusconi amico di Putin e Gheddafi” non deve essere disturbata. Quindi se c’è qualcuno che ha effettivamente pagato per i suoi rapporti con Putin e Gheddafi, questi è Prodi; anche se si potrebbe dire, con altrettanta attendibilità, che l’ENI riesce comunque a condurre i suoi affari, chiunque sia il Presidente del Consiglio in carica.

Berlusconi, con le sue dichiarazioni in Israele, voleva rassicurare gli ambienti anglo-americani e sionisti circa la propria capacità di rimettere in riga l’ENI, sottolineando così l’inutilità di preferirgli Fini, sul quale il Fondo Monetario Internazionale ha messo gli occhi, poiché questi può vantare dei trascorsi (trascorsi?) di fascista, che gli hanno procurato numerosi legami nelle Forze Armate, tra le quali l’ENI vanta a sua volta parecchi agganci affaristici. Probabilmente, secondo il FMI, solo Fini potrebbe essere capace di convincere gli alti gradi delle Forze Armate a mollare al suo destino il gruppo dirigente dell’ENI. Di fatto né Berlusconi, né Tremonti, hanno dimostrato di saper portare avanti l’obiettivo di una privatizzazione effettiva dell’ENI, trasformandola, come vorrebbe il FMI, da SPA a capitale pubblico in una società mista pubblico/privato, come è già Finmeccanica.

Da quando Berlusconi ha lanciato quelle dichiarazioni in Israele, tutto il suo entourage è stato colpito da una serie di scandali a catena, ed oggi le vittime non si contano più. Risulta difficile ritenere che i legami storici dell’ENI con i servizi segreti non abbiano nulla a che fare con questa pioggia di sciagure. Dopo la ingloriosa caduta del suo ministro delle Attività Produttive, Scajola, Berlusconi è costretto a mantenere l’interim per un ministero che nessuno più si sente di occupare e che, di fatto, nelle mani di Berlusconi, rimane non operativo.
Il punto è che Berlusconi ha palesato negli anni la sua inettitudine personale, la sua dipendenza dalle droghe ed il suo esasperato edonismo, che gli impediscono di perseguire qualsiasi obiettivo. Sono dati che mettono in discussione anche la sua leggenda personale di “imprenditore”, e fanno sorgere il dubbio che, anche come affarista, egli sia stato sempre e soltanto un fantoccio ed un prestanome. La biografia romanzata di Berlusconi ce lo presenta da giovane che si esibisce come cantante sulle navi da crociera. Ma chiunque abbia navigato, ha sperimentato che l’imparare l’Inglese è come bere o affogare, è l’unico modo di sopravvivere in quella situazione. Allora come mai Berlusconi non è mai riuscito a impararlo?
La personalità di Berlusconi presenta quindi le caratteristiche inconfondibili del fantoccio massonico, un personaggio talmente stupido da non accorgersi di essere manovrato, e di costituire il crocevia di interessi affaristici non gestiti da lui.
L’ultimo governo Berlusconi (in effetti un governo Tremonti) ha battuto ogni precedente record in fatto di privatizzazioni e di ossequio servile alle direttive del Fondo Monetario Internazionale; ed il paradosso è che la leggenda mediatica del presunto “populismo” berlusconiano, una volta caduto il tiranno, potrebbe servire da pretesto per una politica ancora più antipopolare dei prossimi governi.

Cosa sia invece una vera politica populista lo sta dimostrando il governo ungherese di Orban, il quale alla fine di luglio ha rotto le trattative con il FMI estromettendolo dall’Ungheria, insieme con la sua marionetta, l’Unione Europea. A distanza di oltre un mese, il destrorso Orban non solo ha resistito ai ricatti delle agenzie americane di rating – che minacciavano di “declassare” l’Ungheria -, ma ha lanciato quelle misure “demagogiche” che Berlusconi non si è mai sognato di adottare: niente tagli ai salari, nessun taglio alla spesa sociale, ma tassazione dei patrimoni delle banche e delle assicurazioni; poi il provvedimento più demagogico di tutti: il taglio del 75% dello stipendio del governatore della Banca Centrale, come a fargli capire chi comanda ora.

L’Ungheria fa parte dell’Unione Europea e della NATO, come l’Italia; è occupata da basi militari statunitensi, come l’Italia; è soggetta alla presenza illegale di aerei militari israeliani, come forse avviene anche in Italia a nostra insaputa. Allora come ha potuto Orban fare ciò che Berlusconi e Tremonti non hanno nemmeno osato pensare?

Qui le tracce diplomatiche indicano una chiara risposta: Orban ha chiesto aiuto e garanzie di protezione alla Russia di Putin. Alla fine del 2009, Orban, all’epoca ancora leader dell’opposizione, è andato a San Pietroburgo a conferire con Putin. La stampa internazionale aveva dapprima dato la notizia dell’incontro, poi un’astuta serie di smentite da parte dell’entourage di Putin aveva convinto tutti che l’incontro non ci fosse mai stato; e invece da allora c’è stata la svolta: da acceso anti-russo che era, Orban è diventato anti-occidentale.

Il 17 maggio ultimo scorso, appena dopo le elezioni vinte da Orban, c’era stata anche una provocazione/intimidazione israeliana, con il sorvolo e l’atterraggio illegale di jet militari israeliani all’aeroporto di Budapest. Gli Israeliani hanno grossi interessi affaristici immobiliari in Ungheria (vedi Newscomidad del 10/6/2010), quindi non hanno agito solo in nome e per conto del FMI, ma anche a difesa dei propri affari; le loro minacce però non sono servite.

Certo, quello di Orban è populismo e non socialismo, dato che si tratta di provvedimenti che piovono dall’alto per intrighi di palazzo, ma intanto il moloc FMI è stato umiliato. La svolta anti-FMI dell’Ungheria non ha avuto molta risonanza sui media, ed Orban è per i più ancora un illustre sconosciuto; probabilmente perché la propaganda ufficiale è stata colta di sorpresa e non ha ancora preso le misure. Comunque è prevedibile che ci venga presentata un’Ungheria in preda ad una deriva neonazista ed antisemita. In realtà la destra in generale, ed il partitino neonazista in particolare, non hanno riportato nessun trionfo elettorale, se si considera che la metà degli elettori ungheresi si è astenuta; e non c’è da sorprendersene, dato che il gruppo dirigente del partito socialista ungherese è diventato una banda di zombi sotto il controllo del FMI.

Se Berlusconi fosse davvero “amico” di Putin, come ci racconta Paolo Guzzanti, avrebbe potuto chiedergli protezione contro il FMI, e perciò non avrebbe dovuto lasciar fare a Tremonti quella manovra finanziaria impopolare e devastante. Ma Putin è per Berlusconi solo un compagno di orge, non un alleato politico. I fantocci non sono in grado di stringere alleanze.

Fonte: www.comidad.org
Link: http://www.comidad.org/dblog/articolo.asp?articolo=369
19.08.2010

Pubblicato da Davide

  • andyconti

    finalmente un articolo di tono differente dagli ultimi usciti, dove Berlusconi e’ stato anche paragonato a Mattei.

  • terzaposizione

    Mi associo, finalmente si riconosce che l’ ENI e’ il vero ministero degli esteri, altro che quel sionista di frattini e il nuovo Mattei di arcore.
    Ma chi e’ libero da tali poteri in Italia? Bossi??

  • lino-rossi

    è corretto, ma resta il fatto che il passaggio sotto le grinfie della banda montezemolo – fini – casini – rutelli – bersani – grillo, sarebbe più devastante della permanenza sotto quelle del buffone; almeno quello sa raccontare barzellette.

  • ventosa

    Scusa, Lino, ma alimentare ancora la politica del meno peggio è esattamente uno dei giochetti che ci hanno installato per formattarci il cervello. Mi piace, anche quando si scade nei termini, vedere che ci si sforza di costruire una coscienza comune che rifiuta “il male” tout court.
    Anche se, nel frattempo, dobbiamo vivere in questa società corrotta e corruttibile, il principio di cui sopra va rifiutato a priori, altrimenti si continua a dar da mangiare alle bestia e diamo a noi stessi l’alibi per continuare a delinquere, anche nelle piccole cose di tutti i giorni.
    Non è demagogia, io al potere del popolo quando raggiunge la massa critica ci credo veramente anche se, dei benefici, forse ne godranno i miei nipoti.
    Saluti.

  • licia

    le argomentazioni mi sembrano un pò farraginose,ma in questo articolo c’è una previsione azzeccatissima quando afferma che

    “Comunque è prevedibile che ci venga presentata un’Ungheria in preda ad una deriva neonazista ed antisemita.”

    un articolo di oggi sull’esplosione del NAZISMO ED ANTISEMITISMO in UNGHERIA.

    http://80.241.231.25/ucei/PDF/2010/2010-08-20/2010082016451551.pdf

  • Skaff

    E anche CDC e’ andato…

  • stefanodandrea

    Finalmente un articolo che fa giustizia delle tesi sostenute da autori che reputo molto lucidi (La Grassa, in particolare) e che tuttavia, a causa dell’odio che hanno maturato nei confronti della sinistra (a ragione; ma l’odio, se non è presto ridotto a disprezzo, implica grave debolezza) sostengono la tesi egregiamente confutata da questo intelligente collettivo di anarchici.
    Giusta anche la distinzione tra populismo e socialismo. Non si tratta di concetti opposti, come credono molti ingenui che accusano Berlusconi di essere populista, se non altro perché lo spazio semantico del termine populismo (a intendere il termine in senso lato) è in grado di oscillare da Berlusconi a Orban a Chavez. Si tratta di termini che designano realtà che possono essere confinanti (Chavez, credo, può essere definito sia populista che socialista).
    In molti hanno da temere più la classica liberaldemocrazia che non il populismo, anche se ancora non se ne sono resi conto

  • GioCo

    Bel tentativo, per altro che non aggiunge niente alle posizioni anti-berluconiane.
    Che sia Prodi ad aver firmato quei contratti è stato detto e strandetto, ma che il nano sia stato incensato per essere “salvatore della patria” non mi pare proprio.
    Men che meno che sia considerato diversamente da quel che é, in evidenza, cioè ladro, cialtrone e bugiardo.
    Ma è anche già stato più volte ribadito che Prodi si è preso un merito non suo per quella firma. Tuttavia sono convinto che voler sapere se “venga prima l’uovo o la gallina” sia una perdita di tempo e costringe a guardare la vicenda da un punto di vista inutile
    Quando invece si tirano fuori queste argomentazioni, si parla apertamente di come B. sia legato a interessi nazionali e quindi sia una espressione più compiacente di quegli interessi di quanto possa esserlo Prodi.
    Furbamente quest’articolo sorvola l’evidenza.
    Certo, anche Totò Riina ha molti interessi nazionali e ci tiene a salvaguardare (a modo suo) la sua Sicilia, ma è di “nazionalisti” di questa “statura morale” che si lagnavano all’ultimo Bildemberg.
    Il motivo per cui la mafia esiste (e resiste) è perchè esistono intrecci tra interessi locali e internazionali che la mantengono in vita. I locali sanno bene che è l’argine minimo tra una condizione totalente disumana una condizione semi-umana, “gli altri” direttamente o indirettamente fanno il possibile per disumanizzare.

  • dana74

    ma quanto gli rorica che sia uno di destra ad aver mandato a fare in …

    l’FMI e tassato le banche.

    La sinistra non l’ha mai fatto e dice di proteggere i popoli.

    Perciò gli si appiccica un’etichetta brutta e cattiva ad Orban cos demonizzando lui si dimentica che tutti gli altri fanno i burattini dell’FMI.

    Brutta bestia l’invidia

  • lino-rossi

    ci mettiamo ad applaudire montezemolo?

  • backtime

    Buono, anzi ottimo e condivisibile articolo di sostanza.

  • Fabriizio

    articolo interessante – almeno per uno come me in fuga astiosa dal centrosinistra …

  • Ricky

    Quoto e sottoscrivo in pieno l’articolo.