IL PD VERSO IL SUICIDIO

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI MARCELLO FOA
Il Cuore del Mondo

Se il Pd fosse un partito serio, in questi giorni avrebbe:

a) cacciato o comunque neutralizzato Bersani per cumulo di sconfitte

b) messo Vendola alle corde, considerato che oggi, comunque, non è più decisivo e che alle prossime elezioni il Sel rischia di finire come l’Italia dei Valori.

c) varato un governissimo delle riforme (elettorali ma non solo) con il Pdl e affidato a una figura super partes.

d) puntato con decisione su Renzi per candidarsi a governare tra 18-24 mesi dopo nuove elezioni.

Invece si sta comportando come il Pdl di qualche mese fa. I ruoli sembrano essersi invertiti: il centrodestra ha una rotta e non se ne discosta, non alimenta polemiche sterili, cerca di essere moderato e così facendo guadagna consensi.

Il Pd, invece, è in preda a una crisi esistenziale. Infatti:

a) La maggioranza del Pd vuole l’accordo con il Pdl, ma Bersani tentenna ed è ostaggio dell’ala radicale del partito e dei vendoliani

b) Gli estremisti del Pd sono convinti che la linea dura permetterà loro di rubare la scena (e domani molti voti) a Grillo e dimostrano, ancora una volta, di non aver capito nulla perchè la ragioni del successo del Movimento 5 Stelle sono molto più articolate e vanno oltre la dicotomia destra-sinistra. Se si andasse a votare a breve il voto di protesta confluirebbe ancora una volta su Grillo o su altri movimenti, non certo sul Pd.

c) Le accuse lanciate dai renziani all’establishment del partito sulle primarie a Roma (“avete reclutato i rom”) sono devastanti per l’immagine e proiettano l’impressione di un partito inaffidabile, litigioso, in preda a un’evidente crisi di nervi. Casta, casta pura, della peggior specie. Altro che rinnovamento!

d) Renzi si spazientisce, cerca di rafforzare il suo ruolo e se continuerà a non essere ascoltato tra non molto potrebbe davvero uscire e fondare un nuovo partito progressista molto moderato, ponendosi come alternativa contemporaneamente sia a un Pd moribondo che al Pdl quando Berlusconi avrà deciso di lasciare sul serio la politica.

Lasciate che il Pd sbagli anche sul presidente della Repubblica e il suicidio è servito.

Marcello Foa
Fonte: http://blog.ilgiornale.it
Link: http://blog.ilgiornale.it/foa/2013/04/08/il-pd-verso-il-suicidio/
8.04.2013

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
28 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
28
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x