Home / ComeDonChisciotte / IL PATTO (SUICIDA) PER L’EURO

IL PATTO (SUICIDA) PER L’EURO

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Aggiornamento Il Più Grande Crimine 16

Il
24/25 Marzo scorso il Consiglio Europeo ha approvato la proposta della
Commissione Europea per un Patto per
l’Euro
, la cosa più scellerata finora voluta da coloro che sono decisi a
rovinare milioni di vite umane per l’interesse di pochi. Ecco i punti decisi:


La Commissione
Europea sarà al centro di ogni controllo sull’applicazione delle seguenti decisioni
da parte dei governi dell’Eurozona.


La Grecia
completi pienamente e velocemente il programma di privatizzazioni da 50
miliardi di euro che le è richiesto.


La
competitività sarà giudicata sulla base degli aggiustamenti dei salari e della
produttività, sarà monitorato il costo del lavoro. Si afferma che l’aumento del
reddito di lunga durata può erodere la competitività. In sintesi: meno paghe e
lavorare di più.


Sul costo del
lavoro: rivedere i meccanismi di contrattazione salariale a livello centrale,
riconsiderare gli aumenti legati al costo della vita, non permettere agli
stipendi pubblici di minare la competitività degli stipendi nel settore
privato.


Sulla
occupazione: promuovere la “Flessicurezza” (!!), flessibilità e sicurezza dell’impiego,
come dire di aumentare le vendite di auto e migliorare la respirabilità
dell’aria.


Le pensioni si
dovranno calcolare sulla base della loro sostenibilità da deficit, cioè: il
deficit dello Stato sarà giudicato in base a quanto esso spende per pensioni,
sanità e ammortizzatori sociali, e non, guarda caso, per le spese militari, per
le parcelle alle megabanche che mediano sulle privatizzazioni, per il salvataggio
dei banchieri con soldi pubblici, o per gli sgravi fiscali per i ricchi.


Le pensioni future
andranno calcolate in base all’aspettativa di vita del lavoratore,
indipendentemente dal tipo di lavoro. No comment.


E, GRAN
FINALE, gli Stati aderenti dovranno passare leggi in Parlamento per dichiarare illegale il deficit di bilancio
che supera il 3% del PIL come stabilito dal micidiale Patto di Stabilità,
quello che sta distruggendo l’Europa. Cioè: la spesa a deficit dello Stato,
unico mezzo legittimo nello Stato per arricchire i cittadini creando piena
occupazione e pieno Stato Sociale (spiegato ne Il Più Grande Crimine), sarà un reato
punibile per legge. Cioè ancora: essere Stato sarà reato.


La quasi
totalità di queste misure furono suggerite alla Commissione dalla lobby
industriale e finanziaria Business Europe prima che giungessero l’11 di Marzo
2011 ai capi di Stato e di governo dell’Eurozona.

Con questo vi lascio, e
chiudo la mia presenza di giornalista in questo sito e altrove in Italia. Non
rispondo a mail di lettori.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=223
26.04.2011

Pubblicato da Davide

  • victorserge

    mi scusi signor barnard, se lei si ritira come faremo a sapere le notizie?
    non sono d’accordo con la sua decisione.

  • lucamartinelli

    il nostro Barnard ha sempre avuto un carattere tutto suo. Magari torna.

  • victorserge

    ma che ne pensi del suo articolo?

  • illupodeicieli

    Hai ragione,come pure chi ha scritto il primo commento. Da tempo alcuni siti come quello di Blondet (che in principio quando gli chiesi se potevo riportare nel mio blog alcuni suoi articoli, mi disse “diffonda, diffonda pure”) sono diventati a pagamento, per cui risulta difficile disporre, in tempo rapido, di alcune notizie che,come quelle sull’Unione Europea, sono importanti. In ogni caso è libero di scegliere : ricordiamoci che disse che alcuni cambiamenti sono da impostare e avviare pur sapendo che non ne vedremo i frutti.Penso che lui ritenga di “aver fatto la sua parte” e che ora spetti ad altri fare la propria. Sul discorso stipendi alcuni si sono adattati a ricevere paghe basse, intorno agli 800 euro mensili, ma so di altri che ,dalla Sardegna, sono in partenza e non si tratta di tunisini o immigrati di passaggio, ma di persone che con gli 800 euro non riescono a realizzarsi. Solo che non sono persone che possono fermarsi e ascoltare o leggere le notizie di Barnard o cercarsi delle informazioni, così da capire perchè ricevono 800 euro, fino a quando dovranno ricevere una paga che non gli dà speranza per il futuro,che cosa si può fare e dove occorre agire perchè ci sia un cambiamento rapido e reale. Chi,come mi pare ha detto anche Barnard, e come io recito da quando nel 2004 ho aperto il blog, è reso schiavo dal lavoro ,chi deve pensare a come far quadrare i conti, non ha la mente sgombra per poter ragionare: è logico che sia preda di notizie create ad arte per canalizzare la rabbia (sempre che ci sia) verso un bersaglio che ,come sempre non è quello da colpire o che copre altri bersagli. Chi se la sente farà la sua parte con o senza Barnard,sposandone le idee o con idee proprie: il punto è che spesso si è soli ed è difficile. Ho inutilmente da anni chiesto un concorso di idee per fare qualcosa ma è stato inutile. Forse occorre fermarsi e pensare dato che la fretta è cattiva consigliera.

  • irtimood

    Non è la rpima volta che Barnard fa “l’offeso” e minaccia di mollare tutto… poi dopo un pò sbollisce e riprende…

    Data anche la sua vicenda personale si può comprendere la sua frustrazioneed il suo atteggiamento, quindi personalmente lo ringrazio per ciò che ha scritto e fatto finora, per quanto non condivida tutto al 100%.

    Per quanto riguarda il cambiamento, anche gli USA se la vedono brutta: L’abbandono del dollaro: una prospettiva possibile? [www.forexinfo.it]

    Semplicemente il mondo sta cambiando, mosso certo anche da certi gruppi di potere, ma non so se si possa teorizzare un controllo così totale…. la realtà è estremamente complessa e non alla portata di tutti. Sono sicuro che la gran parte dei politici e degli economisti che appoggiano e promuovono il patto di stabilità lo fanno in buona fede, semplicemente sono stati educati a vedere le cose in un certo modo.

  • MauroV

    Spero che Barnard capisca quanto è importante l’attività che svolge ogni giorno, come giornalista, come attivista, come divulgatore, come uomo.

    “Abbiamo” ancora bisogno di svegliarci da un lungo sonno…

    P.S. Al di là del Barnard come importante fonte d’informazione, non smetterò mai di ripertelo, ho imparato da Barnard soprattutto a ragionare con la mia testa. E’ un esempio!
    Credo che anche di questo Barnard la gente abbia ancora molto bisogno!

  • fix

    Barnard ha perfettamente ragione

    E’ da una vita che in tutti i siti mondiali dedicati alla comprensione della societa’ e della politica,
    mettono in chiara mostra le condizioni di come vanno le cose e a come sono assoggettate.
    Anziche’ creare una coscenza di movimento e di interesse reale, il tutto,
    rimane frullato come poltiglia improduttiva e incomprensibile, al punto che,
    piu’ se ne sa’ e meno ci si capisce. Si e’ praticamente in un girone infernale della demenza.

    Il nostro sistema nazionale, europeo, americano e mondiale, e’ praticamente e totalmente,
    regolarizzato solamente in una direzione, dove sussistono le classi affaristiche e politiche che determinano il tutto,
    usando la forza moneta e il sociale, con ogni mezzo, dalle leggi, alla finanza, e alle guerre.
    L’ ottica, non e’ piu’ cosa si fa’ o si deve fare per un vivere consono per la sopravvivenza,
    ma e’ la sopravvivenza di chi puo’ e comanda e ci lavora con le possibilita’ che si chiamano ricchezza.

    Questo meccanismo, unica filosofia e realta’, e’ talmente insinuato nel tutto, che come un virus informatico fatto da specialisti super,
    non fara’ altro che arrivare e definire lo scopo per cui e’ stato progettato.
    E c’e’ da scommeterci, che il 99% di chi giostra le cose, nemmeno se ne rende conto del risultato finale.

    L’ unica carta che l’ uomo moderno occidentale di ogni continente dovra’ giocarsi per forza di cose,
    e’ la sua liberazione, data da crisi e da impoverimento, da caos e da guerre,
    dove con le proprie mani, dara’ inizio all’ ultima rivoluzione umana,
    quella della guerra fra stati, e quella della guerra civile contro ogni sistema nazionale.

    Visto che non se ne cava un ragno da un buco, e che determinando una malattia,
    ci si beve sopra un bicchiere di vino e inebriati si continua a mangiare avariato,
    Barnard ha tirato le sue conclusioni: siamo arrivati all’ osso senza possibilita’ di ritorno.
    Meglio lasciar perdere, che tanto e’ fiato sprecato, la comprensione non e’ piu’ una qualita’ sociale umana e meno che meno di chi ( illuminato ) del dirigere il rimanente del mondo, ha in se’.

    E’ il tempo della calma prima della tempesta.
    Immobili, prima che di forza, e di disperazione, non si smaltellera’ questo mondo con le nude e crude mani.

    Ciao Paolo. Cavati dalle rogne, e vivi sereno, che e’ l’ unica cosa che ti e’ lecita e di dovere.

  • Faulken

    Se andar via serve a te per star bene nessuno può dir nulla, altrimenti non mi sembra una grande trovata visto tutto il lavoro che hai già fatto. Ad un certo punto bisogna dare una forma al proprio lavoro affinché abbia un senso, per te e per gli altri. Tu che forma gli stai dando ?

  • mikaela

    in Italia.

    Per me significa solo che non scrivera’ piu’ in italiano e se non vogliamo festeggiare il
    xx anniversario dell’Euro
    e’ meglio cosi’.

  • andreapound

    Volevo solo dire a Paolo che è un vero giornalista, credo che hai aperto gli occhi a molti di noi. so che non ti piacciono questo genere di commenti, per questo la chiudo qua; comunque spero che ti prenderai solo una pausa per rimettere a posto le cose, e che alla fine ritornerai a scrivere. ciao!

  • RicBo

    Non bisogna disperare. Il Patto per l’euro è pieno di buchi da cui uno Stato che avesse voglia di recuperare la sua sovranità può uscire, anche se con fatica. Le sanzioni previste sono di attuazione molto dubbia ed il tutto è frutto di compromessi complicati, così che la sua messa in opera sarà lentissima e basta un granello per inceppare il meccanismo stritolatore. Basta volerlo, e uno Stato può ancora fare a meno del Patto. Ma per questo abbiamo bisogno di giornalisti come Barnard che ci danno la vera informazione che contribuisce ad aprire gli occhi dei cittadini europei, non i dispacci della finta controinformazione, per questo lamento molto la sua decisione di mollare.

  • andreapound

    purtroppo, anche secondo me, come dice il buon paolo, non c’è più niente da fare…

  • backtime

    Credo che Barnard, con l’ultima affermazione ci abbia voluto dire più di qualcosa stavolta e chi ha da comprendere comprenderà che si stanno chiudendo i “giochi” dopo di che, chi è dentro è dentro (e saranno c@##i amari per chi rimane) e chi è fuori è fuori.

    L’unico appunto che al massimo gli si può fare, è: caro Barnard, io credo che tu sapevi già dai primordi della storia come andava a finire, se pensavi che bastasse agli Italiani prospettare notizie, avresti dovuto ameno infarcirne qualcuna di sport, purtroppo gli Italiani si incazzano solo per questo argomento, il portafoglio vuoto mantiene la speranza per chi vive di solo quella, ma le notizie quelle vere, quelle che dovrebbero fare incazzare tutti come quella appena rimessa, come vedi, è rimasto impresso solo le ultime righe nella mente di (quasi) tutti, infatti i commenti che mi precedono, sono tutti volti alcuni con tono scandalizzato e chi meno, al fatto che Barnard scelga di pagare il dazio su questa terra, basta che non sia la terra europea.

    Ti dirò caro Barnard, che se non sopravvivessi con i soldi che guadagno e ne avessi dapparte, mi defilerei volentieri anche io, anche perché quanto hai lasciato scritto è bello sostanzioso; per chi non ha capito stanno mettendo il tappo, e chi rimarrà vittima dello scoppio lascerà vita e capitali, solo chi rimarrà in piedi potrà raccogliere tutto e riderà beato vedendo i sopravvissuti andare per cocci, perché solo i cocci saranno rimasti.

    A Pa’ fatti sentire almeno dove andrai, anche per solo sapere qualche dritta… che co’ ‘sto mondo di “storti” ci vuole.

  • Firenze137

    La sete di verità e di giustizia che caratterizza gli scritti di Paolo B. non è un interruttore che si spegne e si accende. E quindi sono contento che anche se non scriverà più esso rimarrà acceso. Lo dico perchè nel mio piccolo anzi nel mio piccolissimo anch’io cerco, nel mio entourage (famiglia amici), la verità dei fatti e delle situazioni e non so perchè lo faccio, ma la cosa va avanti da sola.

    Purtroppo viviamo fra gente a cui non gliene po’ frega’ de meno, e questo non fa piacere perchè sta nella natura umana, la soddisfazione e la gratificazione per aver fatto bene il proprio lavoro. Dovrebbe essere tale soddisfazione primariamente e sopratutto interiore; ma è ovvio che quando il lavoro fatto bene è quello per cui campi e che ti da da vivere, non ci si può accontentare solo di quella interiore.

    Io mi posso permettere personalmente la sola soddisfazione interiore di scrivere le mie menate, perchè ringraziando Dio se la gente la legge o non le legge, non cambia il mio bilancio familiare. Ritengo che informare e scrivere un articolo non sia solo vendere un prodotto, un servizio, una mercanzia, ma abbia anche degli aspetti che vanno al di là.

    Però mentre lo scrivo mi rendo conto che io stesso e la maggioranza di noi ragioniamo solo in termini pecuniari: dare/avere …entrate/uscite. Senza renderci conto che questo aspetto del dare/avere è tanto più importante e cruciale nella vita, quanto più è usato come mezzo distorto e corrotto per avvelenarci tutti.

    E’ un po’ come se io fossi costretto ad andare in auto consapevole ( ma con una certa dose di incoscienza..magari non sento neppure più l’odore..) che una parte dei gas di scarico entrano nell’abitacolo perchè tutte le auto sono fatte così. Se voglio andare a Roma in auto li respiro, so che li respiro, ma vado in auto senza farci troppo caso. Anzi l’auto la devo usare a tutti i costi perchè tutti fanno così e tutte le auto sono così!

    Paolo ha deciso di non parlarci dei veleni che respiriamo e di chi decide giorno dopo giorno di avvelenarci. Tanto ormai nessuno di noi si metterebbe a protestare contro un “sistema” di trasporto così “ben fatto ” perchè tanto ormai si va avanti così.

    Si arriva sempre e comunque allo stesso punto, e cioè che le reazioni del “paziente” – il popolo.. la massa… noi – sono nulle.

    E come mai accade questo ? Dobbiamo davvero credere nel destino ?

    E qui vi cito una notizia ( che potrebbe essere anche una delle varie bufale e/o storielle su Internet) che vi sarebbero nel mondo una quarantina di scuole dove si allevano e si preparano “esperti” – al servizio delle élite del Potere – per il controllo delle menti a distanza. Non vi so dire di più e dubito molto di una cosa del genere.

    Ma al solito pernsando ad Andreotti.. Ciao!

  • cris79

    Che i giochi si stanno chiudendo, non serve nessun messaggio subliminale. Può fare quello che vuole la BCE o il consiglio europeo. Tagliare, aumentare la flessibilità sul lavoro e massacrare lo stato sociale, ma il massimo che otterrà sarà solo rimandare in là il patatrac del debito enorme e impagabile che sono afflitti tutti gli stati. Signori, chi volete che lo paghi il debito enorme che si è creato? È una favola.
    In questo momento storico è più facile che crolli la moneta unica, altro che colpo di stato della BCE. Quando cominceranno a fallire Grecia, Portogallo, Irlanda, Spagna e … Italia in scia cosa volete che succeda? Un paese come la Germania dirà: “Amici belli, il debito e vostro e ve lo pagate voi!” e tanti saluti.
    é inevitabile che qualcuno si defilerà. Vedrete che anche l’unione e la libera circolazione traballeranno.

  • paulo

    Che io sappia nessun patto europeo ha mai funzionato. Paolo, ma dove vai? Non disperare: tra poco tutto crolla e si dovrà ricominciare da capo. Ci serve un giornalista vero!

  • lillo

    E’ triste ,e’ veramente triste constatare che gli uomini non appartenenti a nessuna mafia o parrocchia vengono censurati e si ritirano …..Lei ha spiegato come le destre economiche hanno deviato la storia del mondo in pochi decenni , un risultato formidabile conseguito da uomini fortissimamente motivati a raggiungere il potere;e ha anche spiegato come gli antagonisti al sistema siano in realtà innoqui come una zanzara, masse di attivisti della tastiera dediti alle canne e alle birre ,in delirio di fronte ad ambigui divi dell’antisistema a loro volta preda del loro ego maniacale.Certo che viene voglia di non scrivere più niente e andare via!Probabilmente la vera motivazione che spinge la maggioranza degli uomini ad agire ,anche quelli che dicono di lottare contro la guerra o la fame del mondo ecc ,è il vantaggio personale ,raro trovare chi ,come lei ,non porta maschere e non agisce per secondi fini , e non intendo adularla o dichiararmi suo fan dicendo questo ,mi creda.Chiudo questo mio inutile e banale commento citando un certo filosofo di Francoforte ,il quale sosteneva che questo è il peggiore dei mondi possibili ,pechè se fosse peggio non potrebbe esistere ,ma ormai anche questa soglia ,par di capire, sta per essere superata. Con stima

  • mikaela

    Sicuramente per Paolo e’ una scelta sofferta ma sono altrettanto sicura che sara’ piu’ utile come divulgatore all’estero che in Italia.
    Credo che la spinta alla ribellione e l’abbattimento della schiavitu’ imposta dalla comunita’ europea possa avvenire fuori dall’Italia dove la gente sapra’ ribellarsi se verra’ informata.
    Spero di non sbagliarmi perche’ un giornalista serio come Barnard non puo’ rimanere a guardar.

  • Earth

    Adesso le cose si faranno serie, ora non si scherza piu’. Buona fortuna.

    Peccato che non mi hai mai risposto alla domanda, come si fa a continuare a voler fare del bene agli altri rimettendoci il proprio di bene, quando gli altri vogliono il tuo male. Tutti sanno che c’e’ qualcosa che non va ma nessuno va veramente in cerca della risposta e tantomeno far qualcosa.
    Secondo te ne vale la pena diventare martire, anche se il tuo piano dovesse fallire? Se si, perche’?

  • Earth

    E non fraintendermi, perche’ lo so che le cose che scrivi sono di una catastroficita’ mai vista prima, ma perche’ devi rimetterci tu, perche’ tu!?

  • Albert_Wesker

    Caro Barnard come sempre hai ragione ma sei un piagnucolone

  • ventosa

    La corrente sembra portare l’acqua al mare. Ormai siamo stati divisi e controllati abbastanza,a tutti i livelli della piramide, da poter permettere ogni tipo di iniziativa senza correre grossi rischi di intromissione.
    Al momento non riesco a vedere nessuna soluzione e, purtroppo, nei prossimi anni il popolino ignaro conoscerà lacrime e sangue.
    Paolo, dire che le scelte vanno rispettate è una delle frasi più stronze che io conosca: le scelte so’ scelte, punto e basta ed ognuno di noi ne paga le conseguenze o ne gode dei benefici.
    Se quello che decidi è giusto per te, fai bene. Ciao.

  • Andy86

    fermo restando che le questioni lavoro e pensione sono agghiaccianti, sinceramente non vedo nulla di male nel dichiarare illegale un deficit troppo alto a patto che, in particolari casi (ad esempio sotto congiuntura economica), sia possibile spendere come misura anticiclica: il risparmio, e quindi il non indebitarsi, dovrebbe essere insito nel comportamento umano (e politico), non si possono/dovrebbero spendere più risorse di quelle che si hanno

    su barnard avete detto già tutto voi, non avrei altro da aggiungere, se non che ha comunque ragione

  • Alef

    Se lascia per cercare altri che iniziano a vedere chiaramente quello che sta accadendo, fa l’unica cosa che sia possibile fare oggi.

  • bstrnt

    “Sono sicuro che la gran parte dei politici e degli economisti che appoggiano e promuovono il patto di stabilità lo fanno in buona fede, semplicemente sono stati educati a vedere le cose in un certo modo.”

    Anch’io sono sicuro che i polli, in buona fede, pensano che la macchina che fornisce loro il becchime funzionerà per sempre!

    Peccato che i loro petti e le loro cosce siano già prenotati dall’ipermercato poco distante.

  • Faulken

    .Barnard ha chiuso l’attività sul sito.

  • ventosa

    “il risparmio, e quindi il non indebitarsi, dovrebbe essere insito nel comportamento umano (e politico), non si possono/dovrebbero spendere più risorse di quelle che si hanno”. Troppo tardi…

  • andreapound
  • boemo66

    Io non so se Paolo avrà intenzioni un giorno di “arricchirci” ancora culturalmente con i suoi articoli, ma so una cosa per certo: che devo ringraziarlo! Uno come lui avrebbe avuto da dare ancora molto alla gente, conoscenza, informazione, chiarezza, e molto altro ancora. Se ha deciso così è una sua scelta, forse anche dettata dalla “fatica” mentale e fisica di un percorso tortuoso, incasinato e non semplice da far comprendere. I suoi trattati, le sue interviste, i suoi dibattiti con il pubblico in giro per l’Italia, forse lo hanno davvero sfiancato. Non tanto per la fatica di ripetere le stesse cose e di viaggiare, ma sicuramente per la totale assenza di “reazione” da parte delle persone. Credo sia il punto cardine di questo suo abbandono definitivo(?) dalle scene. Parliamoci chiaro: cercare di far capire ad un asino di essere un asino è praticamente impossibile. Ora, partendo dal presupposto che Barnard ha DATO TUTTO per una corretta ma rischiosa informazione, forse oggi si trova anche in difficoltà economiche. La causa con Gabbanelli e C. non credo sia giovata a una suo sereno percorso di “informatore”. Io non so se le serate erano rimborsate o meno, la manutenzione di un sito e comunque la vita che va avanti, ha bisogno di danaro. Signori miei possiamo permetterci l’ardire di credere che questo uomo potrebbe essere davvero in grosse difficoltà? Uno come Paolo credo possa arrendersi solo quando davvero i globuli bianchi sono terminati.

  • martiusmarcus

    per poco non me lo perdevo… mi ero ripromesso di non leggere più roba di barnard… per fortuna che ci ho dato un’occhiata, se no mi sarei perso l’ennesimo abbandono dalle scene del grande ammaliatore… dio, fai che non sia vero!

  • LeoneVerde

    Non lo fai solo per gli altri, lo fai prima di tutto per te stesso. Lo fai perché è GIUSTO. Perchè la vita di un essere umano ha bisogno di LIBERTA’ DIGNITA’ GIUSTIZIA AMORE quanto di acqua e cibo. Se sei fra quelle persone che non può assolutamente stare senza, farai di tutto per procurartele. Ed è proprio in questo “fare di tutto” che si inserisce anche il rischio di morirci. Ma la morte è il destino di ognuno di noi. Di ogni singolo essere umano, che sia forte o debole, bastardo o altruista, prima o poi ci ritroviamo tutti lì, a dormire sulla collina. La vita è letale di per sè.

    La vera domanda è: come vale la pena vivere questo breve tempo?

    Chiara

  • Earth

    Nella tua risposta dai per scontato che io non sia una persona di successo e quindi mi mancano tutte quelle cose.
    Se io ho gia’ tutte quelle cose, perche’ dovrei dartele pure a te (alla massa) e rinunciare a quello che ho io? Perche’ tu (massa) non ci riuscite da soli a risolvere questo problema che dovrei aiutarvi io?
    Cio’ che e’ giusto dipende da persona a persona, la natura e’ crudele, e’ da dove deriviamo noi, ma e’ giusto che ci siano animali che ne mangiano altri? meglio non prendere il discorso di cio’ che e’ giusto va, troppo lungo

  • Earth

    Ma soprattutto, dovrei rinunciare a tutto quello che ho e poi sentirmi deriso dalla gente senza un minimo di riconoscenza, come e’ accaduto a barnard. Perche’ dovrei farlo?

  • nuvolenelcielo

    Spero proprio che sia vero che tu chiuda la tua presenza su internet !!, e che non sia il solito annuncio roboante da eroe vittimista che hai già fatto più volte. Di gente che arriva DIECI FOTTUTI ANNI IN RITARDO a scoprire (parte delle) cose che quei cospiratori idioti di internet sanno da fine anni 90… – per esempio la natura e lo scopo dell’Euro e dell’Unione Europea -, e che si crede e si atteggia come l’oracolo di Delfi + Einstein, non ce n’è proprio bisogno. Supereroe monco addio.

  • LeoneVerde

    ma cosa c’entra il successo???? Cosa???? Soprattutto quando si parla di valori! Perchè è di quello che parlavo, non “cose”…
    Il Giusto non dipende da persona a persona! Ma stiamo scherzando???
    Torna nella natura da cui “deriviamo”…la civiltà è un’altra cosa ed è basata sul Diritto.
    Ciao

  • MauroV

    Non riesco proprio a capire questi toni e questo linguaggio verso un giornalista che ha lavorato con immane fatica e lavora ancora oggi per tutti.
    Per me è masochismo!
    Ricorda che: una cosa è sapere le cose, un’altra è fare giornalismo (cioè informazioni, documenti e prove).

  • rasna-zal

    I “cospiratori idioti” dalla fine degli anni 90 (?) sanno e soprattutto dicono, tutto ed il contrario di tutto, rigorosamente senza citazione di acuna fonte attendibile.

    “Supereroe monco” sicuramente è una definizione che può anche accostarsi a Barnard e potrebbe anche non essere un offesa…


    Il problema sono, appunto, i cospiratori acefali o comunque lobotomizzati dalle infinite cazzate che trovano in rete, che possono permettersi di insultare la professionalità e la coerenza di Barnard, mentre stanno aspettano il 2012 per fare “nano-nano” a qualche grigio che è nascosto dietro l’alluminio, che spandono gli americani filo-ufo-sionisti attraverso le loro chemtrails, modulate ad hoc dal sistema Haarp che in relatà oltre a nascontere i vari extraterrestri, serve anche per disegnare dei bei ologrammi in cielo di nervute ceppe di minchia, che vi sbattono sulla testa e consentono alle elites di controllare le vostre menti… potrei continuare all’infinito, tra verità reali e/o presunte, opinioni fondate e/o farneticazioni, condite di fantasy, senza lo straccio di una fonte.


    Ma sto togliendo spazio ai veri eroi di internet, quelli che ci illumineranno ora che Barnard se ne va, quelli che ci diranno loro adesso “cosa”, vero Suppaman?

  • Earth

    Mi dispiace che non sai rispondere e si vede che sei in difficolta’

    “Perchè la vita di un essere umano ha bisogno di LIBERTA’ DIGNITA’ GIUSTIZIA AMORE”

    La dignita’ la si ha con un lavoro, che ti permette di fare quello che vuoi, se sei in cima alla scala sociale, ovvero persona di successo, non devi dare conto a nessuno.
    Amore, non dipende dai soldi ma dal tipo di persona che tu sia, un barbone puo’ ricevere amore a differenza di un superricco, questo non e’ un diritto, ovviamente e’ piu’ facile ricevere amore quando sei alto in scala sociale, perche’ hai piu’ liberta’.
    Liberta’, l’unica cosa che da’ liberta’ sono i soldi, chi li ha non deve preoccuparsene
    Questi VALORI, si possono avere tutti arrivando in alto nella scala sociale, quindi devi ripartire da capo.
    Infine c’e’ la giustizia e ripeto e’ una cosa molto relativa. Chi e’ razzista vorrebbe che i neri siano degli schiavi, evolutivamente i nostri avi “bianchi” hanno dovuto subire pene derivate dalle intemperie, hanno utilizzato il cervello e risolto i problemi, cosa che i neri invece non hanno mai dovuto fare, quindi per loro e’ giusto che sia cosi’, che ci siamo evoluti in modo differente e quindi superiori. Personalmente preferisco che ci sia meno sofferenza possibile, ma non c’e’ scritto da nessuna parte che sia giusto cosi’, inoltre le leggi cambiano da stato a stato, questa e’ la prova che la giustizia cambia da persona a persona (o se vogliamo, da cultura a cultura).

    “la civiltà è un’altra cosa ed è basata sul Diritto. “

    Il diritto non esiste, e’ una invenzione degli esseri umani e come tale in questo periodo sta scomparendo, non so se te ne sei accorta, ma chi e’ in alto nella scala sociale i suoi diritti li ha sempre avuti dal capo tribu’ al re per finire al proprietario delle corporation e sono sempre loro a indicare quali sono, per gli altri.

    Ti ho spiegato cosa c’entra il successo. Mi meraviglio che l’abbia anche dovuto fare.

    Quindi ripeto, chi ha gia’ tutto questo, perche’ dovrebbe rinunciarvi, per aiutare chi non riesce ad ottenere queste cose?
    A presto.

  • andreapound

    ma che caxxo state a dì??? mha…

  • cris79

    …ahhaaaaaa

    Non ho parole, veramente per commentare questi momenti drammatici 🙂
    Se ogni persona al mondo che riceve delle critiche e obbiezioni a un proprio articolo dovrebbe fare come Barnard, la scrittura terminerebbe di esistere 🙂
    Abbiate pazienza, non si può fare sempre come i bambini; “Mi criticate ed io allora non scrivo più”.
    Poi il concetto che lui si sacrifichi per noi. Che ne sa lui dei sacrifici che fanno gli altri, per pretendere di mettersi sopra di tutti. Non è personale contro Barnard, intendiamoci, ma il vizio di troppi giornalisti, intellettuali che si credono la voce di dio, e guai a contrariarli.
    Io dico che continui a scrivere, e non prenda le critiche come un fatto personale, ma come riflessione e spunto per migliorarsi e CONFRONTARSI.
    Aggiungo, scrive: “ LE SCONFITTE ESISTONO VANNO ACCETTATE.”. Grandissima cazzata! Mi spiace, umanamente che prende delle obbiezioni come un fallimento. I fallimenti non esistono Paolo. Quando s’inizia qualcosa, si raggiunge sempre un obiettivo! Il più delle volte non si raggiunge quello sperato ma questo succede a tutti.
    Il primo obiettivo l’hai raggiunto. Discutiamo dei problemi che poni. Ti pare poco?
    La parola “sconfitta” è tale quando noi decidiamo di esserlo. Devi solo trovare un’altra strada per arrivare. La vita è fatta di tentativi.

  • Notturno

    Sottoscrivo appieno!

    E’ stupefacente come ci sia sempre qualcuno prontissimo a infierire su chi ha tanto meritato e ora si trova in difficoltà.

    Gente così è l’ennesiima prova che battersi in favore degli altri è la più amara delle esperienze.

    Gli italiani sono sempre pronti a correre in soccorso del vincitore.

    Se, poi, tutto questo viene fatto da chi vanta, come unico contributo, la diffusione di storie sul 2012, le scie chimiche, i cristalli tergi-nebbia, Nibiru e la Conoscenza degli Antichi, allora amarezza e disgusto tracimano.

  • mikaela

    Barnard gave his skin to bring us truthful information, but he undervalued the huge quantity of swine that are fucking night and day to proliferate in order to defend their pigsty.

    They ate his skin, not his soul.
    Bye M.
    Ps.Do not worry, we can see a good horse only in the long run.

  • mikaela

    Barnard gave his skin to bring us truthful information, but he undervalued the huge quantity of swine that are fucking night and day to proliferate in order to defend their pigsty.

    They ate his skin, not his soul.
    Be prepared, he did not go on vacation.
    Bye M.

  • mikaela

    @ x.x.x. per ragioni personali Vi rispondo qui

    Barnard dice

    “Con questo vi lascio, e chiudo la mia presenza di giornalista in questo sito e altrove in Italia. Non rispondo a mail di lettori.”

    Io ho letto solo quello che ha scritto.
    Barnard, ha detto che non scrivera’ piu’ qui in Italia, e lo conferma la sua Web chiusa.
    Pero’ come ha ripetuto piu’ volte l’unica cosa che sa fare e’ scrivere, quindi spero che in futuro scrivera’ in inglese.
    Cosa,dove e quando non ho la minima idea,sono un lettore quanto voi ma nel frattempo studiamo l’inglese cosi’ possiamo consultare anche altre fonti per capire meglio Il piu’ Grande Crimine e tutto quello che ha scritto sino ad ora perche’ se sperate di leggere qualche cosa dai paladini italiani e’ pura illusione, Ciao

  • rasna-zal

    Parli di “CONFRONTARSI”, se non che inizi il tuo intervento con una risata denigratoria: questo è confrontarsi secondo te?


    Parli di Barnard che “prende le obbiezioni come un fallimento”; tu parli con OBBIETTIVA lucidità quando ti rivolgi ad un giornalista di 53 anni, cha ha una preparazione formidabile, e lo paragoni ad un bambino capriccioso?

    Gli ripeteresti queste stesse parole in faccia sapendo di dover poi addure si delle obbiezioni, ma ovviamente intelligenti, allora?? Lo faresti?


    Non sono le obbiezioni misere o intelligenti che motivano le scelte di Barnard, è la gente come te, quella in cui vede il suo fallimento!


    Vedi, che ci vuoi fare… anche per uno che non sa far altro che rallegrarsi della sua uscita di scena, anche in quello Barnard ci aveva investito tempo, lavoro e speranze.


    Ovvio che “LE SCONFITTE ESISTONO E VANNO ACCETTATE!”.

  • Earth

    ” “Mi criticate ed io allora non scrivo più”. “

    infatti non e’ stato il motivo di questa volta, la gente, voi elite di comedonchisciotte, siete ingrata, uno da la vita per nobili principi, per poi sentirsi trattato di merda cosi’ soprattutto da persone che TEORICAMENTE cercano una soluzione per cambiare il sistema, poi praticamente nessuno fa niente e quindi un bel vaffanculo non glie lo leva nessuno, tradito con sbeffeggiamenti dal suo stesso gruppo di anticonformisti.

    “Che ne sa lui dei sacrifici che fanno gli altri, per pretendere di mettersi sopra di tutti.”
    Ancora con sta cosa? Una volta barnard disse che quelli di cdc erano un’elite, ma io da sti commenti poveri di logica (il tuo ma anche gli altri) capisco che se questa e’ l’elite, allora la vittoria non e’ mai stata un’opportunita’ realistica.
    Ribadisco che lui non ce l’ha con chi ha combattuto VERAMENTE il sistema, non teoricamente scribacchiando in giro, barnard scribacchia e’ vero ma lui ci ha rimesso, chi altro di voi scribacchiando ci ha rimesso qualcosa? Smettetela. Massimo rispetto per chiunque abbia combattuto il sistema e ci ha rimesso. Infine sai come si fa a sapere i sacrifici che fanno gli altri? DAL FATTO CHE IL SISTEMA NON E’ CAMBIATO. Se tutti avessero fatto sacrifici, non ci sarebbe stato il motivo di un articolo del genere.

    “spunto per migliorarsi e CONFRONTARSI. “
    E si abbiamo tutto sto tempo per migliorarci e confrontarci, ma si dai facciamo salotto, mentre il vero potere ci sfonda il culo e annienta diritti di giorno in giorno. Parla parla, intanto chi fa i fatti, c’e’.

    “I fallimenti non esistono Paolo. Quando s’inizia qualcosa, si raggiunge sempre un obiettivo! Il più delle volte non si raggiunge quello sperato ma questo succede a tutti.”
    Sto iniziando a pensare che non tu non sappia l’italiano. Se io mi pongo un obiettivo e non lo raggiungo ho fallito, che poi raggiungo obiettivi secondari non ha importanza ho sempre fallito, qualsiasi gioco esistente se non superi la missione ti scrive hai fallito. Poi sarai anche migliorato, ma se non migliori in tempi adeguati muori di vecchiaia.

    “Il primo obiettivo l’hai raggiunto. Discutiamo dei problemi che poni. Ti pare poco?”
    Si, il tempo e’ scaduto. E poi, quando si viene a sapere una cosa del genere ci vanno anni di discussione? Se uno ti ruba il portafoglio, l’altro ti dice guarda che ti ha rubato il portafoglio, con tanto di fatti alla mano, tu stai con l’amico a discutere o cerchi di riprenderti il portafoglio? Surreale.

    La parola “sconfitta” è tale quando noi decidiamo di esserlo.
    Bada bene che in certe situazioni sono gli altri a deciderlo per te.

    Il vostro comportamento mi ha fatto cambiare radicalmente, barnard rimarra dalla parte dei deboli, io sinceramente da oggi mi schiero dalla parte del vero potere, almeno loro quando fai qualcosa di buono ti danno la ricompensa, voi soltanto merda in faccia, incapaci di capire, nessuno si immagina le sofferenze di barnard? Ci sono persone che soffrono di manie di persecuzione e vanno curate con tecniche specifiche, vanno curate perche’ soffrono meglio specificarlo, oramai non do’ piu’ niente per scontato, invece per chi come barnard che lo e’ davvero, perseguito, chissenefrega, problemi suoi, lo ha scelto lui, NON PUO’ PRETENDERE UN AIUTO, lui non sa quello che fanno gli altri! E’ solo uno tra i tanti, stai zitto e subisci! Si peccato che l’aveva fatto anche per fare un bene a te, a tua moglie/marito e ai tuoi figli.

    Seriamente, mi schiero dalla parte del vero potere, ho finalmente compreso il loro senso di giustizia.

  • Andy86

    beh, in un inesistente mondo ideale… 🙂

  • andreapound

    ok, grazie… comunque un grande saluto e ringraziamento a Paolo Barnard, grande giornalista!! quelli che lo criticano senza sapere di che cosa stanno parlando si meritano gente come travaglio, perché in fondo il vero potere è mr. berlusconi… ridicoli!!

  • mikaela

    Se non c’e’ riuscito a farlo capire Barnard non ci riuscira’ piu’ nessuno.
    Mi spiego,io credo che se avessimo avuto un governo forte, nel momento delle decisioni drastiche, con una forte pressione dei cittadini Berlusconi poteva anche uscire dall’Europa, invece vedo che tutte le battagli fatte da tutti i suoi oppositori si sono fatte solo per destabilizzare e far cadere il governo per rimpiazzarlo e da quello che ho letto questi sono anche peggio di lui.

    Quando Barnard scrive che Grillo, Travaglio, Di Pietro, Santoro stanno sciupando l’energia di tanti ragazzi per problemi di secondo grado ha ragione da vendere perche’, i problemi urlati da Grillo & C. comunque si sarebbero risolti piano piano dopo l’uscita da quella associazione a delinquere che hanno creato contro di noi europei.

  • cris79

    “infatti non e’ stato il motivo di questa volta, la gente, voi elite di comedonchisciotte, siete ingrata, uno da la vita per nobili principi, per poi sentirsi trattato di merda cosi’ soprattutto da persone che TEORICAMENTE cercano una soluzione per cambiare il sistema, poi praticamente nessuno fa niente e quindi un bel vaffanculo non glie lo leva nessuno, tradito con sbeffeggiamenti dal suo stesso gruppo di anticonformisti.”

    Io non faccio parte di nessuna di elite per quanto mi riguarda, e non lo critico per prenderlo per il c###o, ma perché penso che in alcune cose toppa clamorosamente a MIO modo di vedere le cose.

    “Barnard scribacchia e’ vero ma lui ci ha rimesso, chi altro di voi scribacchiando ci ha rimesso qualcosa? Smettetela. Massimo rispetto per chiunque abbia combattuto il sistema e ci ha rimesso. Infine sai come si fa a sapere i sacrifici che fanno gli altri? DAL FATTO CHE IL SISTEMA NON E’ CAMBIATO. Se tutti avessero fatto sacrifici, non ci sarebbe stato il motivo di un articolo del genere.”

    Certo, invece il milione di posti di lavoro persi in questi anni secondo le cifre ufficiali, aggiungi altri 2- 3 di milioni di persone che lavorano due o tre mesi l’anno usati come pezze e buttati in una strada senza niente per cui vivere e nessun ammortizzatore sociale. Ne vogliamo parlare? Quelli non esistono, certo non sono della fiat o Alitalia, per i sindacati non esistono neanche quelle persone.
    Chi ci ha rimesso di più? Questi fantasmi senza alcuna tutela e aiuto o Barnard?
    Cosa ne sai tu della mia vita privata, se ho subito e pagato per avere contestato qualcosa, e non essermi girato dall’altra parte per omertà o convenienza?

    “E si abbiamo tutto sto tempo per migliorarci e confrontarci, ma si dai facciamo salotto, mentre il vero potere ci sfonda il culo e annienta diritti di giorno in giorno. Parla parla, intanto chi fa i fatti, c’e’.”

    Che cosa vuoi che ti dica, che dobbiamo impugnare i fucili e iniziare una guerra? Per favore. Le cose si possono risolvere solo educando la gente a essere più civile e cercare di informarli il più possibile. Il problema di questi tempi e che le persone non sanno più scegliere. Si affidano completamente a ciò che i media gli dicono, La sfida e lì.

    “Sto iniziando a pensare che non tu non sappia l’italiano. Se io mi pongo un obiettivo e non lo raggiungo ho fallito, che poi raggiungo obiettivi secondari non ha importanza ho sempre fallito, qualsiasi gioco esistente se non superi la missione ti scrive hai fallito. Poi sarai anche migliorato, ma se non migliori in tempi adeguati muori di vecchiaia.”

    Questo è l’approccio di chi nella vita perderà sempre. Questa non è un gioco, è la vita. Tutti i campioni o personaggi importanti della storia non sono diventati vincenti o di successo per grazia divina, Ma hanno provato, riprovato, subendo un mucchio di sconfitte e umiliazioni, ma non si sono mai arresi fino a quando non hanno trovano il modo per arrivare all’obiettivo.

  • Earth

    ” ma perché penso che in alcune cose toppa clamorosamente a MIO modo di vedere le cose.”

    Sei d’accordo o no che la gente si deve dare una mossa? Se la risposta e’ si, allora o non hai capito l’articolo o sei rimasto prevenuto nei confronti di barnard, perche’ infatti questo NON E’ IL PUNTO DEL DISCORSO.

    “Chi ci ha rimesso di più? Questi fantasmi senza alcuna tutela e aiuto o Barnard?”

    Ma perche’, queste persone hanno lottato insieme ad fino ad oltranza con tutti i mezzi dissponibili senza mai cedere al contentino? Non mi sembra mica. Ci ha rimesso di piu’ barnard, lui ha lottato ad oltranza con tutti i mezzi disponibili.

    “Cosa ne sai tu della mia vita privata, se ho subito e pagato per avere contestato qualcosa, e non essermi girato dall’altra parte per omertà o convenienza?”

    Ma poi non ho mai capito questa cosa del sentirsi offesi quando uno ha gia’ dato il suo. Si sente puzza di coda di paglia bruciata da attraverso il pc.

    “Le cose si possono risolvere solo educando la gente a essere più civile e cercare di informarli il più possibile.”

    Ahahahahaahhaahahahaha! FAIL
    Non si riesce a far cambiare idea a un amico con tanto di prove, figurati agli estranei.


    Questo è l’approccio di chi nella vita perderà sempre. Questa non è un gioco, è la vita. Tutti i campioni o personaggi importanti della storia non sono diventati vincenti o di successo per grazia divina, Ma hanno provato, riprovato, subendo un mucchio di sconfitte e umiliazioni, ma non si sono mai arresi fino a quando non hanno trovano il modo per arrivare all’obiettivo. ”

    Mi dispiace ma io non ho mai perso in vita mia, e’ accaduto una sola volta ed e’ stata contro me stesso, quindi non fa testo.
    Provare e riprovare, non riesci a buttare giu’ a testate una porta d’acciaio nemmeno dopo un secolo, e’ stupido, bisogna avere l’intelligenza di sapere quali strumenti si hanno a disposizione e una previsione di cosa puoi ricavarci. Dopo 10 anni di prova e riprova con scarsi risultati si puo’ dichiarare sconfitta, prima di morire di vecchiaia. Barnard non e’ un cretino che ha provato per 2 giorni prima di dichiararsi sconfitto.

    Mi sembri un po’ tardo.

    Comunque sia, evviva il vero potere! Mai, mai e poi mai mi schiererei contro di esso per aiutare 7 miliardi di persone, sapendo che in mezzo c’e’ anche solo una persona come te che godrebbe dei miei sacrifici.

  • cris79

    “Mi dispiace ma io non ho mai perso in vita mia”

    “Mi sembri un po’ tardo.”

    “Comunque sia, evviva il vero potere! Mai, mai e poi mai mi schiererei contro di esso per aiutare 7 miliardi di persone, sapendo che in mezzo c’e’ anche solo una persona come te che godrebbe dei miei sacrifici.”

    :-))

    La madre degli ignoranti è sempre in cinta e per di più non abortisce mai.

    Addio

  • andreapound

    “in cinta” si scrive così “incinta”. ragazzi le parole sono importantiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!! ahahahaha

  • cris79

    ooooooops!! :-))

  • MicheleMorini

    Se sono gli eroi a tracciare le mete e l’umanita’ non e’ certo fatta di eroi , le guerre non le vincono i “manipoli di eroi ” ma gli eserciti di uomini .

  • MicheleMorini

    La terza guerra mondiale sarà la guerra dell’informazione.

    Se vogliamo combatterla questa è una “guerra” in cui non servono a niente i muscoli, questa è pura e semplice guerra psicologica!

    Orwell docet

  • MicheleMorini

    Bellissime parole!

  • MicheleMorini

    studiare l’inglese è un ottima idea, entrare in contatto con la MIINIERA di informazioni “anglofone” della anglo-web-sfera è qualcosa di..NECESSARIO

  • Oiggamad

    L’oligarchia era già del tutto compiuta. Ora è anche apertamente dichiarata. E’ inutile che si lamentino, poi, che qualcuno gli voglia infilare una bomba nel culo.