Home / ComeDonChisciotte / IL MONDO NEL PALMO DELLE LORO MANI: BILDERBERG 2005

IL MONDO NEL PALMO DELLE LORO MANI: BILDERBERG 2005

DI DANIEL ESTULIN

Il meeting annuale segreto del gruppo Bilderberg determina molte delle linee guida e degli sviluppi delle notizie di cui leggerete nei mesi a venire. Ma i media dell’Establishment lo oscurano completamente. A parte una mezza dozzina di membri della stampa di alto livello votati alla segretezza, ben pochi hanno mai sentito nominare il segreto ed esclusivo gruppo chiamato I Bilderbergers.
Tutti i membri dell’informazione di massa, sempre pronti a celebrare i loro successi investigativi, si sono dimostrati stranamente riluttanti a sollevare il velo d’ombra che nascondeva un evento di portata maggiore: il meeting annuale e segreto del gruppo Bilderberg, che riuniva i più potenti finanzieri, industriali e politici del mondo intero.

Il 2005 è stato un anno pessimo per il Bilderberg e il suo futuro si annuncia cupo. Gli sforzi erculei adottati per mantenere segreto il loro incontro a Rottach-Egern sono falliti miseramente. L’affanno del Bilderberg è rivolto alla gloria del mondo libero – e alla speranza di ridurre ulteriormente il numero di detentori di potere all’alba del nuovo millennio.

Una certezza è che, nonostante il Gruppo Bilderberg abbia perso un po’ del lustro passato, l’organizzazione degli incontri avviene in tale segretezza da far sembrare la massoneria un gruppo di gioco. Lo staff dell’hotel viene fotografato e sottoposto a speciali procedure di accesso. Dal portiere al direttore, gli impiegati sono avvertiti (sotto la minaccia di non lavorare mai piu’ nel Paese) riguardo alle conseguenze dell’eventuale rivelazione alla stampa di ogni dettaglio concernente gli ospiti.

I media nazionali ed internazionali sono i benvenuti solo quando sia stato prestato giuramento di silenzio, e gli editori sono considerati responsabili nel caso in cui un loro giornalista ‘inavvertitamente’ riporti quanto sta succedendo.

Mentre Clinton, Blair, Chirac, Berlusconi, e compagnia si riunivano al summit G8 dei piu’ importanti leader mondiali democraticamente eletti, erano accompagnati da massicci ranghi dei mass media. In forte contrasto con ciò, l’andirivieni al Bilderberg avviene sotto la copertura di un virtuale blackout pubblicitario.

Nel meeting di quest’anno saranno intavolate varie discussioni, dal decidere come il mondo debba comportarsi nell’ambito delle relazioni tra Europa e America, o nella polveriera mediorientale, o nella guerra in Iraq; dall’economia globale all’evitare una guerra in Iran, ed il consenso che raggiungeranno; tutti questi argomenti e le decisioni relative influenzeranno il corso della civiltà occidentale e il futuro dell’intero pianeta. Questo meeting si svolge a porte chiuse, in totale segretezza, protetto da una falange di guardie armate.

Cosa c’era nell’agenda del Bilderberg 2005?

Dopo tre anni di aperta ostilità e tensione tra i Bilderberger Europei, Britannici e Americani causate dalla guerra in Iraq, un’aura di totale congenialità è tornata tra loro. I Bilderberger hanno riaffermato e restano uniti nel perseguire il loro obiettivo di lungo termine, ovvero il rafforzamento del ruolo dell’ONU nella regolazione dei conflitti e delle relazioni globali.

Tuttavia, è importante comprendere che gli Americani non sono più i “falchi”, tanto quanto i Bilderberger Europei non sono piu’ le “colombe”. Gli Europei hanno supportato l’invasione irachena del 1991 da parte del padre del Presidente George W. Bush, celebrando, con le parole di un illustre membro del Bilderberg, la fine della “Sindrome Americana del Vietnam”. Gli Europei hanno anche sostenuto l’invasione della Yugoslavia ad opera dell’ex Presidente Bill Clinton, coinvolgendo la NATO nelle operazioni.

Un soggetto molto discusso nel 2005 a Rottach-Egern è stato il concetto dell’imposizione di una tassa diretta a favore delle Nazioni Unite sulla popolazione mondiale, attraverso la tassazione diretta del petrolio al pozzo. Questo, di fatto, segna un precedente: se la proposta sarà attuata, sarà la prima volta che un’agenzia non governativa, leggi le Nazioni Unite, beneficerà direttamente di una tassa a carico dei cittadini delle nazioni libere e delle nazioni schiavizzate.

La proposta dei Bilderberger prevede di cominciare con una piccola imposizione iniziale dell’ONU, che il consumatore medio difficilmente noterà. Jim Tucker, del legalmente tartassato quotidiano Spotlight, anni fa scrisse che “stabilire il principio in base al quale l’ONU potrà tassare direttamente i cittadini del mondo e’ importante per il Bilderberg. Rappresenta un altro passo da gigante verso il governo mondiale. I Bilderberger sanno che promuovere pubblicamente una tassa ONU a carico della popolazione di tutta la terra risulterebbe oltraggioso, ma sono pazienti; prima proposero, anni fa, una tassa diretta mondiale, e ora celebrano che questa sia argomento di pubblica discussione con poca attenzione e preoccupazione della massa.

IL Bilderberg vuole l’ “armonizzazione delle tasse” cosicché Paesi dall’elevata tassazione possano competere con Paesi a tassazione inferiore – inclusi gli Stati Uniti – per gli investimenti di capitali stranieri. L’armonizzazione verrebbe perseguita con l’innalzamento delle tasse negli Stati Uniti e in altri Paesi, in modo che Nazioni socialiste come la Svezia, dove il livello delle tasse raggiunge il 58%, siano competitive.

Organizzazioni Non Governative (ONG)

C’è poi l’ascesa delle Organizzazioni Non Governative, uno sviluppo che l’ex Presidente Bill Clinton (il giorno dopo la sua discussione a Rottach-Egern) definisce “una delle cose più importanti accadute dalla caduta del muro di Berlino in poi”. Ironicamente, la dichiarazione di Clinton è stata ripresa dal Wall Street Journal, un quotidiano sempre rappresentato ai meeting del Bilderberg da Robert L. Bartley, vicepresidente, e Paul Gilgot, editore di pagina.

I Bilderberger hanno vigorosamente dibattuto sul dare, per la prima volta, ai non-eletti e autodesignati attivisti ambientalisti una posizione di autorità governativa sulle decisioni dell’agenzia che controlla l’uso dell’atmosfera, dello spazio, degli oceani e, per tutti gli scopi pratici, della biodiversità. Questo invito alla “società civile” a partecipare nel governo globale e’ descritta come espansione della democrazia.

Secondo fonti all’interno del Bilderberg, lo status di ONG sarà ancor di più ampliato in futuro. L’attività delle ONG includerà agitazioni a livello locale, lobbismo a livello nazionale, la produzione di studi che giustifichino la tassazione globale attraverso le organizzazioni ONU come ad esempio Global Plan, uno dei progetti pilota del Bilderberg per oltre un decennio. La strategia di avanzamento dell’agenda di governo globale include specificamente programmi di discredito ai danni di individui e organizzazioni che generano “pressione politica interna” o “azione popolare” che non sostengono la nuova etica globale. L’obiettivo ultimo, secondo la fonte, è la soppressione della democrazia.

Il Programma Ambientale delle Nazioni Unite, insieme agli altri trattati sull’ambiente sotto la sua giurisdizione, sarebbe infine governato da un corpo speciale di attivisti ambientalisti, scelti esclusivamente fra quelli appartenenti alle ONG accreditate dai delegati dell’Assemblea Generale, che a loro volta sono designati dal Presidente degli Stati Uniti, il quale a sua volta è sotto il controllo della leadership formata dal triumvirato Rockfeller-CFR -Bilderberg.

Questo nuovo meccanismo provvederebbe alla creazione di una via diretta tra le ONG locali “sul campo” affiliate alle ONG nazionali ed internazionali e i piu’ alti livelli di governo globale. Ad esempio: la Greater Yellowstone Coalition, un gruppo di ONG affiliate, ha recentemente promosso una petizione al World Heritage Committee dell’UNESCO chiedendo il suo intervento a proposito dei piani di una compagnia privata per la creazione di una miniera d’oro su un terreno privato vicino al Parco di Yellowstone. Il Comitato dell’UNESCO è intervenuto, inserendo immediatamente Yellowstone nella lista dei “Siti di Patrimonio Mondiale in Pericolo”. Secondo la Convenzione del Patrimonio Mondiale, gli Stati Uniti sono in dovere di difendere il Parco, anche al di là dei confini del Parco stesso e, se necessario, su terreni privati.

Le idee discusse, se sviluppate, porteranno i popoli del mondo a vivere in un vicinato o quartiere globale, gestito da una burocrazia globale, sotto la diretta autorità di un esiguo numero di individui designati, e vigilato da migliaia di altri individui, pagati da ONG accreditate, sostenitori di un sistema di valori che per molte persone è incredibile ed inaccettabile.

Elezioni in Gran Bretagna

I Bilderberger stanno celebrando il risultato voluto, ovvero il ritorno al 10 di Downing Street di un Tony Blair decisamente ridimensionato e con una maggioranza parlamentare notevolmente ridotta. I Bilderberger Europei sono ancora arrabbiati con Blair per il suo supporto alla guerra americana in Iraq; riescono così ad impartirgli una utile lezione di politica internazionale, considerando che rimane comunque di gran lunga il candidato ideale per la persecuzione del cammino verso l’integrazione Europea rispetto al candidato conservatore rivale, Michael Howard.

Agenda Neoconservativa

Ben rappresentata al meeting era la fazione detta dei “Neoconservatori” – coloro i quali decisero che la sicurezza di Israele dovesse essere prioritaria rispetto alla sicurezza degli Stati Uniti e che dovesse essere centrale in ogni decisione di politica estera Statunitense.

All’interno dei Neoconservatori emerge la figura della supposta spia Israeliana Richard Perle, che fu sotto inchiesta dell’FBI per spionaggio a favore di Israele. Perle ha giocato un ruolo critico nello spingere gli Stati Uniti alla guerra contro l’Iraq. Fu costretto a dimettersi dal Policy Board di Difesa del Pentagono il 27 Marzo 2003, dopo che si seppe che Perle aveva informato la Goldman Sachs International, regolare partecipante alle riunioni del Bilderberg, su come poteva trarre profitto dalla guerra in Iraq.

Un altro esponente neoconservatore presente era Micheal A. Ledeen, un “intellettuale degli intellettuali”. Ledeen lavora per l’American Enterprise Institute, un think-tank fondato nel 1943 al quale Richard Perle e’ stato associato a lungo. L’AEI e il Brookings Institute dirigono il Centro Congiunto per gli Studi Regolatori (JCRS) con lo scopo di mantenere legislatori e regolamentatori “affidabili nelle loro decisioni fornendo loro analisi obiettive dei programmi regolatori esistenti e delle nuove proposte di regolamentazione”. Il JCRS preme per l’analisi delle regolamentazioni da un punto di vista di costi-beneficio, che ben corrisponde al fine ultimo dell’AEI (e del Bilderberg) della deregolamentazione.

Questi Neoconservatori sono stati raggiunti al Bilderberg quest’anno da un nugolo di altri ex decisori di politiche e pubblicisti di primo livello, noti per la loro simpatia nei confronti di Israele. Tra di loro, l’ex ufficiale del Dipartimento di Stato Richard N. Haas, presidente del Consiglio sulle Relazioni Estere; l’ex Assistente Segretario di Stato e “padre” dell’accordo di Dayton Richard Holbrooke; Dennis Ross del Washington Institute for Near East Policy, un’estensione dell’America Israel Public Affairs Committee (AIPAC) e del JINSA (Jewish Institute for National Security Affairs); infine, il nuovo presidente della Banca Mondiale, Paul Wolfowitz, di fresca nomina.

Dennis Ross, Richard N. Perle e compagnia hanno intenzione di “trasferire” – traduzione: sottoporre a pulizia etnica – dalla striscia di Gaza il maggior numero di Palestinesi possibile. “Israele avrebbe dovuto approfittare della repressione delle dimostrazioni in Cina, quando l’attenzione mondiale era rivolta da quella parte, per attuare espulsioni di massa degli Arabi dai Territori”, disse il Primo Ministro Netanyahu agli studenti dell’Università di Bar-Ilan nel 1989. I residenti della Comunità Europea possono essere completamente all’oscuro delle intenzioni dei Sionisti nei riguardi dei Palestinesi, ma in Israele la pulizia etnica è un argomento di discussione molto popolare. Il 50% o forse più degli Israeliani pensa che la pulizia etnica sia una buona idea. Questo viene da una Nazione che in teoria ricorda l’Olocausto; la finzione a volte è decisamente più strana della realtà.

Energia

Un Bilderberger Americano ha espresso la sua preoccupazione riguardo al prezzo del petrolio costantemente in rialzo. Un petroliere partecipante al meeting ha sottolineato che non vi e’ possibilità di crescita senza energia e che, secondo tutti gli indicatori, le riserve di energia planetaria si stanno esaurendo molto piu’ in fretta di quanto anticipato dai leader mondiali.
Secondo le fonti, i Bilderberger stimano che le riserve di petrolio estraibile, agli attuali livelli di sviluppo economico e demografico, si esauriranno fra al massimo 35 anni. Ciononostante, uno dei rappresentanti del cartello del petrolio ha ricordato come si debbano considerare nell’equazione l’esplosione demografica e la crescita economica di Paesi come la Cina e l’India, con la conseguente crescita di domanda per il petrolio. Sotto le condizioni riviste, apparentemente ci sarebbe petrolio a sufficienza solo per altri 20 anni. Niente petrolio sancirebbe la fine del sistema finanziario mondiale. Tutto cio’ e’ stato gia’ riportato e confermato dal Wall Street Journal e dal Financial Times, due periodici regolarmente presenti alle annuali riunioni del Bilderberg.

In conclusione, c’e’ da aspettarsi un’importante svolta nell’economia mondiale nei prossimi due anni, poiche’ i Bilderberger cercheranno di salvaguardare le restanti riserve di petrolio togliendo denaro dalle mani delle persone. In una recessione, o peggio, una depressione, la popolazione verrà forzata a ridurre drasticamente le proprie abitudini di consumo, assicurando cosi’ una fornitura piu’ durevole di petrolio ai ricchi del mondo nell’attesa che questi decidano il da farsi.

Durante il cocktail pomeridiano, i Bilderberger Europei facevano notare come non ci sia alternativa plausibile all’energia proveniente dagli idrocarburi. Un Americano dichiarava che attualmente il mondo consuma tra i 4 e i 6 barili di petrolio per ogni nuovo barile trovato, e che le possibilità di una nuova scoperta rivoluzionaria in campo energetico sono, al meglio, ridotte.

Qualcuno ha chiesto una stima delle riserve di petrolio convenzionale accessibili, e l’ammontare è stato calcolato in un trilione di barili, approssimativamente. Come nota di interesse accessoria, si segnala che il pianeta consuma un miliardo di barili ogni 11.5 giorni.

Un altro Bilderberger ha chiesto notizie riguardo l’idrogeno come alternativa al petrolio. Il Governo Statunitense ha ufficialmente dichiarato, in tono scuro, che l’idrogeno come salvezza dalla imminente crisi energetica mondiale e’ pura fantasia.

Questo conferma una dichiarazione pubblica fatta nel 2003 dall’HIS, la piu’ famosa agenzia di catalogazione e scoperta delle riserve di petrolio, che per la prima volta dagli anni ’20 non ha registrato alcuna scoperta di pozzi di petrolio eccedente i 500 milioni di barili.

L’industria petrolifera alla riunione del Bilderberg del 2005 era rappresentata da John Browne, Direttore Esecutivo della BP; da John Kerr, direttore della Royal Dutch Shell; da Peter D. Sutherland, chairman della BP e da Jeroen van der Veer, chairman del Committee of Managing Directors della Royal Dutch Shell.

Bisogna ricordare che nel 2003 il gigante petrolifero Royal Dutch Shell ha annunciato di aver sovrastimato le proprie riserve nell’ordine del 20%. La Regina Beatrice d’Olanda, principale azionista della Royal Dutch Shell è membro effettivo del Bilderberg. Suo padre, il Principe Bernhard, e’ stato uno dei fondatori del gruppo nel 1954. Il Los Angeles Times riporto’ che “per le industrie petrolifere, le riserve ammontano a niente più che il valore della compagnia”. Infatti, la Shell ha ridotto le sue stime di riserva non una, ma tre volte, causando le dimissioni del suo co-Direttore. A Rottach-Egern nel maggio 2005, i capi esecutivi delle industrie hanno tentato di trovare un modo di tenere segreta al grande pubblico la notizia della diminuzione delle riserve petrolifere. Se si venisse a sapere, il valore delle azioni delle compagnie interessate diminuirebbe tanto da distruggere i mercati finanziari, portando al collasso dell’economia mondiale.

Referendum sulla Costituzione Europea in Francia

Il primo giorno della riunione segreta del Bilderberg è stato dominato dalla discussione sul Referendum per la costituzione Europea in Francia e sulle capacità di persuasione di Chirac nel convincere la Francia a votare si il 29 maggio. Un voto per il si, secondo fonti interne al Bilderberg, metterebbe Tony Blair sotto forte pressione nell’accelerare il processo di integrazione Britannica al Nuovo Ordine del Mondo attraverso il referendum popolare previsto per il 2006. Matthias Nass si chiedeva se un voto contrario della Francia avrebbe creato le condizioni per un tumulto politico a livello europeo e oscurare i 6 mesi di presidenza UE della Gran Bretagna che inizieranno il 1° luglio.

I Bilderberger si augurano che Blair e Chirac, la cui animosità è divenuta di pubblico dominio in più di un’occasione, lavorino insieme per mutuo beneficio e sopravvivenza politica. Un altro Bilderberger Europeo aggiungeva che entrambi i leader devono gettarsi alle spalle tutte le dispute passate su argomenti come l’Iraq, la liberalizzazione dell’economia e il futuro del budget che l’Inghilterra riceve dall’EU, e lavorare per una completa integrazione europea, che si potrebbe disintegrare se il sovente “testardo e ostinato popolo Francese” non farà la cosa giusta. Ovvero rinunciare volontariamente alla propria indipendenza per il “bene superiore” di un Super Stato Federale europeo.

Un Bilderberger tedesco ha detto che il voto a favore del si in Francia e’ in pericolo a causa “della dislocazione del lavoro all’estero. Il lavoro in Francia e Germania sta andando verso l’Asia e l’Ucraina” [per approfittare del lavoro a basso costo]. L’Ucraina è una delle ex nazioni sovietiche che sono state ammesse a fare parte dell’Unione Europea, portando così i membri a 25 unità. Un politico tedesco si chiedeva come avrebbe fatto Tony Blair a convincere i Britannici ad abbracciare la Costituzione europea se a causa della dislocazione del lavoro, Francia e Germania soffrono di una disoccupazione del 10% mentre l’Inghilterra economicamente sta facendo bene.

Criminali USA

Una legge Statunitense, chiamata Logan Act, stabilisce esplicitamente che è contro la legge per ufficiali federali partecipare a riunioni segrete con cittadini privati allo scopo di sviluppare politiche pubbliche. Nonostante al Bilderberg 2005 fossero assenti alcuni dei suoi luminari, come l’ufficiale di Dipartimento di stato John Bolton che stava testimoniando di fronte al Comitato Relazioni Estere del Senato, il governo Americano era ben rappresentato a Rottach-Egern da Alan Hubbard, assistente del Presidente per la politica economica e Direttore del National Economic Council; c’era James Wolfensohn, Presidente uscente della Banca Mondiale e c’era Paul Wolfowitz, Segretario di Stato, ideologo della guerra in Iraq e Presidente entrante della Banca Mondiale. Partecipando al meeting Bilderberg queste persone hanno infranto leggi federali degli Stati Uniti d’America.

Auna Telecomunicaciones

Al cocktail serale di sabato 7 maggio svoltosi al lussuoso Dorint Sofitel Seehotel Uberfahrt, Rottach-Egern, Monaco di Baviera, alcune persone presenti in compagnia della Regina Beatrice d’Olanda e di Donald Graham, Chief Executive Officer del Washington Post, stavano discutendo la prossima vendita del gigante di telecomunicazioni spagnolo Auna.

Auna fornisce servizi di telefonia fissa, un network di comunicazione cellulare e un sistema televisivo via cavo, oltre ad essere provider di servizi Internet. Uno tra i Bilderberger familiare con la questione [in base alla descrizione fisica della nostra fonte si pensa Henry Kravis] ha detto che la rete cellulare di Auna poteva valere qualcosa come 10 miliardi di Euro, inclusi i debiti, mentre un altro Bilderberger, un uomo alto con calvizie incipiente, aggiungeva che l’attivo realizzato si aggira intorno ai 2.6 miliardi di Euro. Fonti vicine ai Bilderberger affermano che la Kohlberg Kravis Roberts & Co, ditta privata di investimenti sarebbe interessata a rilevare l’intera Auna. Un’abbondanza di crediti a basso costo e tassi di interesse piuttosto bassi hanno fatto di Auna un obiettivo appetibile per gli investitori privati.

Kohlberg Kravis Roberts & Co era rappresentata al Bilderberg dal suo miliardario luminare Henry Kravis e da sua moglie, la canadese Marie Josee Kravis, membro anziano dell’Istituto neoconservatore Hudson.

In conclusione, aspettatevi sostegno e copertura favorevole per il Kohlberg Kravis Roberts & Co da parte del Gruppo Prisa il cui Consigliere Delegato Juan Luis Cebrian partecipa immancabilmente alle riunioni del Bilderberg. Nel caso Kravis fallisse nel fare un’offerta competitiva, aspettatevi la stessa favorevole copertura da parte del Goldman Sachs Group, che annovera tra le sue fila Martin Taylor, Segretario Generale Onorario del Bilderberg, e Peter Sutherland, chairman di Goldman Sachs e della Commissione Trilaterale in Europa.

Nel passato, rivelare cosa succedeva nelle riunioni del Bilderberg ha avuto come risultato il prevedere – mesi prima della stampa più diffusa – eventi come l’invasione USA dell’Iraq, aumenti delle tasse, e la caduta di Margaret Thatcher dal seggio di Primo Ministro Inglese.

Confronto Indonesia-Malesia

Lo scontro militare e politico tra queste due Nazioni per il controllo della ricca regione petrolifera del Mare di Sulawesi (entrambe rivendicano la zona come appartenente alle propri acque territoriali) e’ stato uno degli argomenti di discussione piu’ animati tra i Bilderberger Americani e quelli Europei durante un cocktail pomeridiano. Un Bilderberger Americano levando il suo sigaro suggeriva di usare le Nazioni unite per “instaurare una politica di pace” tra le due Nazioni. Di fatto, i Bilderberger tutti concordavano che un conflitto del genere avrebbe potuto fornire una scusa per installare nell’area i “Peacekeepers” delle Nazioni Unite assicurandosi così il controllo ultimo sullo sfruttamento del tesoro della regione, un’incontaminata riserva petrolifera.

Cina

I Bilderberger Americani ed Europei, nel realizzare che uno dei bisogni più urgenti e’ quello di espandere i mercati in via di sviluppo al fine di sostenere l’illusione di uno sviluppo infinito, si sono trovati d’accordo nel nominare Pascal Lamy, socialista francese e fanatico sostenitore di un Super Stato Europeo, come prossimo Presidente del WTO. Sarà ricordato che Washington aveva dato sostegno condizionato alla nomina di Lamy in cambio del sostegno Europeo della candidatura di Paul Wolfowitz alla Banca Mondiale.

Secondo fonti interne al Bilderberg, Lamy è stato scelto per guidare il sistema di commercio globale attraverso un periodo di crescente sentimento protezionistico in Nazioni ricche come Francia e Germania, entrambe sofferenti di un alto tasso di disoccupazione e avverse all’aumento forzato della domanda di economie emergenti. Gli Stati del Terzo Mondo, ad esempio, stanno insistendo affinche’ vengano tagliati i sussidi agricoli nell’ UE e negli USA. Il progetto liberista del WTO e’ risultato in uno scontro infruttuoso sia a Seattle nel 1999 che a Cancun nel 2003.

I Bilderberger si sono segretamente accordati sulla necessità di forzare i Paesi poveri ad entrare in un mercato globalizzato di beni a basso costo, mentre simultaneamente i poveri dovranno essere costretti a diventare consumatori. L’attuale spaccatura con la Cina e’ un buon esempio, poiché i cinesi hanno invaso i mercati occidentali con beni a basso costo, tra cui i tessili, facendo precipitare i prezzi. In cambio, i Bilderberger sono entrati in un mercato emergente ma maturo e sensibile alla superiorità del know how occidentale. Altre nazioni in via di sviluppo stanno lentamente conquistando potere d’acquisto, ed il mondo industrializzato sta guadagnando un punto d’appoggio nelle loro economie domestiche spingendoli a esportazioni a basso prezzo.

Uno non puo’ fare a meno di chiedersi: quando gli organizzatori del Bilderberg, David Rockefeller, Henry Kissinger, la Regina Beatrice e il resto di loro, avranno completato il loro progetto di accumulamento di ogni bene e servizio nelle loro mani.. poi cosa faranno?

La tavola numero 79 Disastri di Guerra di Francisco Goya mostra la bella vergine della Libertà sdraiata supina, il petto esposto. Figure spettrali danzano sopra il suo corpo, mentre dei monaci scavano la sua fossa. La verità è morta. Murio’ la verdad. Che alternativa c’è? Preavvertito, significa prearmato. Non troveremo mai le risposte giuste se non possiamo fare le domande giuste.

Fonte: www.onlinejournal.com
Link:http://www.onlinejournal.com
/Special_Reports/052405Estulin/052405estulin.html
24.05.05

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di UNABONZER

VEDI ANCHE:IL MONDO NEL PALMO DELLE LORO MANI: BILDERBERG 2005 PARTE SECONDA

LISTA DEI PARTECIPANTI

Pubblicato da Davide