IL MODELLO ARGENTINA, PERCHE’ NO ?

DI MAURIZIO BLONDET

“L’Italia farà la fine dell’Argentina”, continuano a minacciarci i santoni della City dalle colonne del Financial Times.
Già: che fine ha fatto l’Argentina?
Ecco la verità: oggi la sua economia cresce del 9 % annuo, come la Cina.
E precisamente perché ha smesso di prendere le medicine prescritte dai santoni della finanza di Londra e dal loro poliziotto mondiale, il Fondo Monetario Internazionale.
Nel 2001, come 400 mila italiani sanno a loro spese, l’Argentina ha dichiarato fallimento sul suo debito sovrano, insomma ha smesso di pagare i creditori.
“Nessuno farà più prestiti al Paese”, tuonò allora la City di Londra.
Sì, sono stati anni duri per gli argentini.
Ma oggi, come ammette lo stesso Financial Times, banchieri e investitori internazionali fanno la fila per accaparrarsi i primi buoni del Tesoro che l’Argentina ha emesso dal 2001 per il mercato estero. Mezzo miliardo di dollari, a cui farà seguire un altro mezzo miliardo.“I banchieri internazionali chiamano e dicono: per favore, per favore, emettete altra carta”, racconta Walter Molano, un analista finanziario di Buenos Aires.
Chissà che interessi salati dovrà pagare l’Argentina su questo nuovo debito, direte voi. Macché: paga lo 0,30-0,50 % più del normale.
E ciò, solo perché non può piazzare i suoi titoli direttamente all’estero, perché rischierebbe il sequestro degli attivi su richiesta dei creditori che non hanno accettato la ristrutturazione dell’anno scorso, e che reclamano ancora 20 miliardi di dollari.
Ma chi ha invece accettato la ristrutturazione, ha di che rallegrarsi.
Siccome l’Argentina cresce, come sì è detto, del 9% annuo, i “warrant” accettati da questi creditori – che sono legati alla crescita del prodotto interno lordo del Paese – hanno raddoppiato il loro valore da novembre ad oggi.
E per l’Argentina, questi “warrant” sono una manna.
Infatti sono, più che BOT, delle azioni: pagano gli interessi solo quando l’economia cresce più del 4,2 % l’anno.
Ciò significa che proteggono il Paese dalle recessioni, perché in quel caso il peso del debito diminuisce.
Com’è giusto.
Ma la recessione non è in programma: l’Argentina vanta oggi un avanzo commerciale (esporta a tutto spiano) e persino un bilancio pubblico in attivo.
Il successo argentino deve insegnare qualcosa a noi italiani, minacciati dai poteri forti di “sbatterci fuori dall’euro”.
Come l’Italia con l’euro, l’Argentina deve le sue disgrazie al fatto di essersi agganciata, negli anni ‘90, a una moneta forte e su cui non aveva sovranità, il dollaro.
Era il primo consiglio del Fondo Monetario: per garantire gli investitori esteri (speculatori) che la divisa argentina non avrebbe perso valore.

Per mantenere l’aggancio al dollaro, l‘Argentina ha dovuto accettare tutte le “ricette di risanamento” imposte dal FMI nell’interesse dei creditori: tagli alla spesa pubblica, anche a quella necessaria (strade, scuole, ospedali), “finanziarie straordinarie” (ossia supertassazioni alla Prodi), austerità, tiro della cinghia.
Rigore e austerità spietati hanno gelato l’economia argentina, come l’euro ha gelato la nostra.
Fino al giorno in cui l’Argentina non ce l’ha fatto più, ed è ricorsa all’estrema prerogativa degli Stati sovrani: dichiarare bancarotta. Per gli argentini comuni, sono stati mesi durissimi.
Fuga di capitali, disoccupazione, miseria.
Ma intanto, liberato il collo dal peso schiacciante di quella macina da mulino che era il debito, il Paese cominciava a tornare a galla.
Ad investire risorse, anziché nel pagare i creditori stranieri, nel proprio sviluppo interno. Nelle infrattrutture soprattutto, che sono i pilastri del futuro benessere.
Ed oggi, sono i finanziari ad implorare l’Argentina risanata di indebitarsi un po’, per far lucrare anche loro del suo benessere.

Questa storia è istruttiva per noi.
Specie dal momento che Prodi ha scelto, come ministro dell’economia, Tommaso Padoa Schioppa. Se non avesse altri difetti, questo personaggio ammanicatissimo coi poteri forti ne ha uno capitale: è lui l’inventore dell’euro.
Costui farà di tutto per mantenerci questa macina da mulino legata al collo, nell’interesse dei creditori mondiali: austerità, tagli, supertasse, finanziarie astronomiche; e vendite di gioielli nazionali agli speculatori della City.
Con la scusa di renderci “competitivi” nel “mercato globale”, come ci ripete da vent’anni.
Perché Padoa Schioppa è intellettualmente in ritardo di vent’anni.
Ormai tutta l’America Latina è in ripresa, perché ha rifiutato le medicine del FMI e le ricette del liberismo globale.
E sul New York Times, l’economista Thomas Palley si domanda: “la globalizzazione sta per fallire?”.

I globalizzatori hanno una paura matta che la loro giostra finanziaria mondiale finisca in un crack imminente. Per questo ci minacciano: non uscite dal sistema, altrimenti “fate la fine dell’Argentina”.
Oggi, siamo noi che possiamo minacciarli: se non la piantate, facciamo come l’Argentina.
Torniamo sovrani a casa nostra.

Maurizio Blondet
Fonte: http://www.effedieffe.com
Link: http://www.effedieffe.com/rx.php?id=1104%20&chiave=argentina
22.04.06

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Zret
Zret
24 Aprile 2006 12:21

bisogna, però, superare la logica perversa del debito e dell’usura… Dicono che in Argentina nei cieli… Beati loro.

illupodeicieli
illupodeicieli
25 Aprile 2006 4:02

purtroppo nè giornali nè tv nè altri media spiegano,in modo chiaro, che cosa sia il debito pubblico, a quanto ammonta, chi lo deve pagare e come e , mi sia permesso, in quante rate.
all’ordine del giorno ci sono altre cose, lo si legge sui giornali o in rete, al televideo, lo si ascolta alla radio: tutto tranne il benessere della nazione. non si parla di lavoro ma di eventuali (e sicuri) sacrifici e privazioni per restare nell’euro e per non essere estromessi dal mercato.
si parla di persone autorevoli che occuperanno le poltrone di ministri, di quelle cose si parla, di come prendere il sole e a quali ore è meglio esporsi pure.
come sempre non si parla delle cose che contano per la maggior parte dei cittadini italiani.

carlo
carlo
25 Aprile 2006 5:20

Va bene che in Italia 1 famiglia su 5 è povera, e loro sì avrebbero bisogno di guadagnare.

Però quando leggo questo tipo di commenti non posso fare a meno di pensare ad un altro problema: la sostenibilità della crescita. Un miglioramento delle condizioni economiche generali si traduce in un aumento dei consumi.

In Italia, dove consumo significa avere minimo 2 cellulari a testa e far circolare 32 milioni di automobili, con il loro corollario di morte, inquinamento e schiavitù nel processo produttivo, beh, sinceramente, sono contentento che gli Italiani non arrivino a fine mese!

remo
remo
25 Aprile 2006 14:11

questa è la logica dei Malthusiani che vorrebbero ammazzare gli esseri umani per diminuirne il numero, credendo (facendo finta solamente) che questo sia un grande male…ovviamente ammazzerebbero gli altri, mai se stessi, gli illuminati, i salvatori del mondo…(se si ammazzassero apporterebbero un beneficio immenso all’intera umanità)

Tao
Tao
25 Aprile 2006 21:45

L’aspirina del Fondo Le ricette del Fondo monetario sembrano buone per tutte le stagioni . Ma hanno fatto affondare l’Argentina e metterebbero a rischio anche l’economia italiana Alessandro Leipold (occhialini da studioso e abbigliamento da economista) non è un nome conosciuto dal grande pubblico, ma è lo stesso una persona importante: è il responsabile del Fondo monetario internazionale per l’Italia. Domenica Leipold ha mandato un massaggio chiaro al governo Prodi: “servono misure per risanare i conti pubblici e rilanciare la crescita”. Poi ha aggiunto: “i mercati attendono un segnale: prima si fanno le cose, meglio è”. Per il bene dell’Italia, Prodi non deve assolutamente dargli retta. Per un paio di buoni motivi. Il primo è che il Fondo (ma vale anche la Banca mondiale) è un organismo screditato che negli ultimi anni ha fatto un mare di guai. In vari paesi asiatici, in Brasile, ma soprattutto in Argentina dove il Fmi andrebbe processato assieme a Menem e a Domingo Cavallo. La ricetta del fondo è come l’Aspirina: buona per tutte le occasioni, anche se le situazioni economiche non sono mai uguali. Da Washington chiedono sempre e comunque privatizzazioni, tagli al welfare state, flessibilità del lavoro e ovviamente, moderazione salariale. Solo… Leggi tutto »