Il “Green” non ferma i combustibili fossili

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Secondo un report di Energy Information Administration, il portale ufficiale del governo americano sulle statistiche nel campo energetico, la produzione di combustibili fossili in America è aumentata del 2% nel 2021 e si prevede che tale crescita continui anche nel biennio 2022/2023.

Rispetto ai differenti combustibili, il report informa che della produzione totale del 2021, il gas naturale secco rappresentava il 46%, quini la quota maggiore. Il petrolio greggio rappresentava il 30%, il carbone il 15% e i liquidi degli impianti di gas naturale (NGPL) il 9%. Tali percentuali dovrebbero rimanere simili fino al 2023.

Ancora una volta siamo di fronte all’ennesima super cazzola che il potere cerca di venderci. Surriscaldamento globale, cambiamento climatico, lockdown energetico sono tutte formule utilizzate per distrarci, controllarci e, se serve, annichilirci, mentre loro continuano a fare quello che hanno sempre fatto: i loro interessi!

Massimo A. Cascone, 23.01.2022

Fonte: https://www.eia.gov/todayinenergy/detail.php?id=50978

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x