Home / ComeDonChisciotte / IL CRIMINE ORGANIZZATO, LA SPINA DORSALE DEL NUOVO ORDINE MONDIALE

IL CRIMINE ORGANIZZATO, LA SPINA DORSALE DEL NUOVO ORDINE MONDIALE

DI KONSTANTIN GOORDEEV
strategic-culture.org

Negli ultimi dodici anni, dall’aggressione della NATO all’ex-Yugoslavia, non è la prima volta che siamo testimoni di un intervento internazionale che ha come obbiettivo uno stato sovrano, sotto l’egida nelle Nazioni Unite e con le parole d’ordine ‘democrazia’ e ‘diritti umani’. Il controllo del caos non è una strategia recente e le leggi internazionali sono oramai defunte da lungo tempo. Nel marzo del 1999, la NATO bombardò Belgrado, Pristina e altre città della ex-Jugoslavia, il paese che per primo ha sperimentato i test del nuovo corso degli eventi durante gli anni ’90.

In effetti, il concetto di caos dei sistemi dinamici è vecchio di circa quarant’ anni.
Deriva dagli studi matematici, ma è poi trapelato persino negli scritti di Z. Brzezinski che videro la luce del giugno negli anni ’70 e definirono la direzione da intraprendere per la costruzione del nuovo ordine mondiale per i decenni a venire.Le motivazioni pragmatiche costituiscono la struttura delle applicazioni della teoria del caso, all’interno dei sistemi deterministici in almeno il 90% dei casi, anche non considerando il fatto che questa è in realtà una reincarnazione della strategia del divide et impera, che ha lo scopo di minare la sovranità nazionale, di prendere il controllo delle risorse naturali (in primo luogo, quelle energetiche ma anche le competenze tecnologiche) dei paesi indipendenti, e di dare supporto agli architetti del nuovo ordine mondiale per rafforzare le loro posizioni, usando il potenziale delle regioni poste sotto il loro controllo.

Le quattro missioni NATO di ‘peace-keeping’ nel periodo di tempio iniziato nel 1999, quelle in Jugoslavia, Afghanistan, Iraq e Libia, ci forniscono abbastanza materiale per comprendere cosa hanno in comune queste offensive nei termini delle implicazioni politiche internazionali.

Per prima cosa, tutte le campagne simili hanno lo scopo di dare alla NATO il controllo sui territori e sulle risorse naturali, con l’appoggio dello schieramento dei media. Le vittime delle aggressioni sono demonizzate e ritratte come nemici della civilizzazione e dell’umanità mentre, al contrario, le aggressioni sono spacciate all’opinione pubblica – la cui stretta visuale è limitata dagli schermi televisivi e dai monitor dei computer – come atti di giustizia.

In secondo luogo, le provocazioni dei gruppi estremisti o separatisti e quella dei cartelli della droga aiutano a costruire le basi della narrazione per le campagne di propaganda. La connessione tra il crimine organizzato legato al traffico degli stupefacenti e le aggressioni della NATO può sembrare paradossale, ma molti dei paesi che sono stati vittima di attacchi da parte della NATO sono tutti attraversati da importanti rotte di smercio, o sono conosciuti per essere tra le centrali di traffico della droga. Ad esempio, l’Afghanistan e l’ Iraq erano annoverati tra i maggiori produttori al mondo di hashish, marijuana e eroina, e il Kosovo albanese come entità etnica esisteva in larga parte grazie a un enorme clan mafioso, il cui leader H. Thaci, un ‘signore della droga’ convertitosi in primo ministro di uno stato che si è auto-proclamato, era la figura-chiave nel business degli stupefacenti in Europa.

Mappa delle rotte-chiave nel traffico mondiale degli stupefacenti

La connessione tra i presunti combattenti per la libertà etnico-religiosa e i membri dei cartelli della droga, anche se spesso si tratta delle stesse persone, è un segreto di Pulcinella. V. Ivanov, il capo dell’agenzia per il contrasto alla droga in Russia, ha sottolineato, durante un incontro con i media avuto a Roma il 2 marzo del 2011, che oltre a minare la salute e l’ordine pubblico, il traffico di droga contribuisce anche alla destabilizzazione politica e comporta quindi una tutta una serie di conseguenze alle rispettive società. Ha anche aggiunto che ci sono informazioni sul fatto che il traffico di droga sia la causa principale di proliferazione del crimine organizzato e di rivolta in Nigeria, Costa d’Avorio, Algeria, Tunisia, Libia e Egitto.

Seguendo V. Ivanov, la recente rivoluzione, in alcuni dei summenzionati paesi, si deve di fatto attribuire al crimine organizzato legato agli stupefacenti. In terzo luogo, la tendenza va nella direzione di costruire giustificazioni ai miti diffusi dai media, e i servizi di intelligence, strumenti della governance globale, pubblicano con prontezza relazioni di supporto per l’attacco ai regimi non allineati. Dopo di che, i paesi intenzionati a sostenere il nuovo ordine mondiale – confidando nella loro assoluta superiorità militare e quindi senza alcun rischio – sono liberi di devastare le infrastrutture militari e civili dei paesi-vittima. Nel processo, la conta delle morti dei civili supera di molto quella dei membri dei gruppi criminali, che fanno mostra di sé quali combattenti per la libertà. In quarto luogo, i paesi costretti a capitolare diventano quasi sempre preda dei ‘cartelli’ del traffico della droga. I rappresentanti dei trafficanti e dei gruppi separatisti, che fin dall’inizio scatenano la tensione, o le persone legate a gruppi di pressione esteri vengono così supportati nei paesi sconfitti per imporre nuovi standard apparentemente democratici, dove poi ricopriranno incarichi nella burocrazia post-bellica in modo che le loro risorse tecnologiche e naturali vengano così cedute alle corporation multinazionali. Le popolazioni degli stati in precedenza sovrani si trovano privati di tutte le fonti di sviluppo socioeconomico e si convertono in materiale umano pronto per essere usato dalle mafie. Con la supervisione della NATO, i paesi prendono le sembianze di stati in mano ai gangster, dove la popolazione è divisa tra scagnozzi dei gruppi criminali e servi, vittime e schiavi della criminalità organizzata.

La situazione nei regimi instaurati dalla NATO, con leader fantoccio, guerre di mafia oltre al totale disprezzo dei diritti umani, è simile a quelle già vista nelle colonie. Diffondendo una versione edulcorata, i media hanno comunque fornito una vasta testimonianza a riguardo: le forze USA hanno, secondo quanto riferito, umiliato gli iracheni e gli afgani, i velivoli NATO hanno deliberatamente bombardato i villaggi locali nelle zone di combattimento, i prigionieri hanno dovuto affrontare molestie sessuali e il centro diretto da Thaci per l’estrazione forzata degli organi da mettere in vendita in Europa e negli USA è stato realizzato nel mezzo dell’Europa stessa.
Questi processi aiutano gli architetti del nuovo ordine mondiale nell’accumulare valore e a mettere in atto i programmi di riduzione della popolazione, ma questi scopi sono ancora marginali alle loro strategie. Ovviamente, la reale priorità è quella di allargare le zone soggette al ‘controllo del caos’ per coinvolgere tutto il mondo globalizzato. Nel lungo termine, questo caos dovrebbe condurre a una ridistribuzione del mondo in linea con un modello socioeconomico dalla concezione astratta.

Le rivoluzioni che hanno sconvolto il Nord Africa e il Medio Oriente nel gennaio-marzo del 2011 dovevano avere lo scopo di creare una cintura di caos perenne che si spandesse dall’Afghanistan al Marocco (per il momento, la Libia, che mette resistenza all’aggressione della NATO, e l’Iran, un paese che non svenderà la propria sovranità nazionale, stanno contrastando la realizzazione del piano). In aggiunta a questi manifesti obbiettivi geopolitici, quali la formazione di una testa di ponte strategica dalla quale l’intera Eurasia e il Nord Africa avranno la pistola puntata così come la formazione di un monopolio per la formazione dei prezzi dell’energia, capace di provocare arbitrariamente o di far cessare crisi globali, il proposito di questo disegno geopolitico era quello di disseminare il caos, principalmente nei paesi europei, indirizzando verso di loro un sempre maggiore flusso di migranti e di droga.

E’ improbabile che la miscela risultante raggiungerà una concentrazione esplosiva nel futuro prossimo, ma le tensioni etniche che stanno montando in Germania e in Francia e le sue conseguenze socioeconomiche promettono già un collasso generalizzato. Senza ombra di dubbio, l’ora del regolamento dei conti nella vecchia Europa arriverà un giorno o l’altro, anche se, al momento, gli architetti si stanno preoccupando di paesi più vulnerabili, quali la Siria, l’Iran e il Venezuela. L’Iran è il primo obbiettivo scelto per essere il candidato di rivolte preventive guidate dal caos, essendo anche lo stato che ha osato esprimere la propria opposizione alla politica israeliana, oltre ad costituire un’interruzione nella zona soggetta al crimine che si estende dall’Afghanistan al Marocco e a combattere in modo deciso il traffico di stupefacenti.

In Iran, una guerra con i propositi dell’esportazione della democrazia è imminente.

La ragione in parte risiede nel fatto che le recenti rivoluzioni nel mondo arabo hanno lasciato Teheran a corto di alleati e hanno rafforzato la posizione di Israele, ma va anche considerato che la guerra contro l’Iran nel mondo virtuale è già stata scatenata e, nei piani della NATO, questo paese è il prossimo della lista dopo la Libia (o dopo Libia e Siria).

La domanda finale è: come il banditismo si può evolvere nella colonna portante del presente geopolitico e come può il crimine organizzato, con i suoi gruppi armati, emergere come lo strumento preminente del nuovo ordine mondiale? La risposta è semplice: la misinterpretazione di un modello preso a prestito dai matematici, e applicato con successo come fondamento per una valutazione socioeconomica, è servito a trasformare una parte dell’umanità in un’organizzazione diffusa che è strutturalmente analoga alla mafia tradizionale. Le similitudini nella struttura stessa fanno da contraltare alla comunanza di forme, principi, metodi e algoritmi. Le implicazioni per il mondo intero non sono difficili da comprendere.

Konstantin Goordeev
Fonte: www.strategic-culture.org
Link: http://www.strategic-culture.org/news/2011/03/26/organized-crime-as-the-new-world-orders-backbone.html
26.03.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da Davide

  • bstrnt

    Articolo decisamente perfetto. Messe in luce tutte le aberranti sfaccettature dei serial killer che si nascondono sotto l’acronimo NATO.

    A quando un po’ di dignità per i cittadini europei governati da quisling e criminali?

    Non si è ancora capito dove vanno a parare questi assassini?

    Emarginare gli USA, la loro quinta colonna in Europa, estromettere la NATO dall’Europa ricacciando le basi americane entro i loro confini é il minimo per iniziare politiche di collaborazione con i paesi asiatici e africani.

    La democrazia la si esporta con l’esempio, non con le bombe e i successivi atti di rapina e violenza; ma se l’esempio è quello che scaturisce con l’aggressione alla Libia, allora viene da augurarsi che in breve tempo qualche altra potenza a livello mondiale venga a ridimensionare con le buone o le cattive questa squallida, laida commistione di post-nazisti definita genericamente come occidente.

  • RicBo

    Cercare un filo conduttore tra le rivolte in maghreb e medio oriente oggi e la disgregazione dei balcani ieri e trovarlo nei traffici di droga mi sembra uno svilimento delle ribellioni che almeno in Tunisia, Egitto e Siria sono davvero di popolo. Sono due episodi storici diversi sotto tutti i punti di vista dei quali la NATO (cioé il braccio armato dell’imperialismo occidentale) e i trafficanti di droga hanno di certo approfittato alla grande ma tutto questo articolo mi sembra una forzatura.

  • Truman

    Una nota di servizio: ho messo prima il nome (Konstantin ) e poi il cognome (Goordeev) nella versione italiana, in accordo alle convenzioni italiane. Nella versione inglese il cognome è messo per primo, ma è in maiuscolo. In russo la sequenza dovrebbe essere nome, patronimico, cognome.

  • Iacopo67

    L’ho letto con interesse.
    Non ho mai capito bene perchè le guerre in Iraq, Afghanistan, Pakistan, durino così a lungo, e questo articolo sembra aiutare a capire la cosa;
    forse l’opposizione che gli USA incontrano da quelle parti è così radicata che limitarsi a metter su un governo di burattini non sarebbe sufficiente, l’unico modo per tenere quelle zone in condizione di non nuocere è di provocarne un caos totale e un forte impoverimento, così quei popoli saranno sempre più disorganizzati, impotenti e innocui, sebbene ancora più pieni di odio verso gli USA.