Home / ComeDonChisciotte / IL CORPO VIOLATO DELLA SECONDA REPUBBLICA

IL CORPO VIOLATO DELLA SECONDA REPUBBLICA

DI PINO CABRAS
megachipdue.info

«Un uomo in sofferenza psichica ha colpito un’altro uomo in sofferenza psichica che credeva di essere invincibile anche durante i bagni di folla. Tutto qui». Fra migliaia di commenti apparsi su Facebook per parlare del corpo di Silvio Berlusconi violato a Milano mi ha stupito questo. Riesce, paradosso dei tempi, a rassicurare. Ma non sono tempi rassicuranti.

La tempesta perfetta che si addensa intorno alla Seconda Repubblica vede entrare in gioco tutti gli elementi tipici di una crisi politica italiana. È già accaduto nel 1947-48 e anche nel 1992-94, quando invece crollava la Prima Repubblica. E quindi, anche oggi, ecco la mafia, i grandi processi, i riposizionamenti politici, le trame dei settori più opachi degli apparati statali. E poi lo sguardo degli altri paesi. E la partecipazione popolare, che cerca forma e colore mentre – e questo vale per le ultime due crisi – i partiti evaporano. Sullo sfondo incombe la Grande Crisi economica e finanziaria, che comincia a mordere sempre di più e si presenta come una variabile troppo grossa per essere prevedibile. Tutti intervengono, chi con un piano, chi per reazione.

Un pazzo però è un pazzo, e sfugge a tutti i criteri normali. Inserisce una fuga narrativa incomprensibile in mezzo a giochi più grandi e apparentemente razionali.

Pazzo un Pallante che spara a Togliatti, ad esempio.

Non parliamo dell’America che ha visto Oswald tirato in ballo per JFK, Shiran Shiran per RFK e Hinckley per Reagan, tre pazzi manovrati inseriti in dinamiche ben più misteriose, con complicità interne agli apparati di sicurezza.

Potrebbe sempre bastarci la spiegazione in apertura, per leggere pacatamente l’episodio dell’aggressione, ma siamo dentro una di quelle dinamiche del potere che richiedono attenzioni eccezionali. Il tramonto della Seconda Repubblica è una crisi costituzionale di prim’ordine, giocata da protagonisti «del tutto» spregiudicati, in primis lo stesso Berlusconi e tutto il suo apparato, a sua volta capace di confessare impunemente terribili bufale mediatiche per fini politici, come nel caso Feltri-Boffo, ultimo episodio di una lunga serie. È un contesto eccezionale in cui nulla sembra essere come sembra. Non dobbiamo fidarci delle ricostruzioni interessate, non dobbiamo credere ai provocatori, a coloro che vorranno creare assurdi paralleli fra le manifestazioni democratiche e la violenza, fra la critica e l’odio.

«Calma, non perdete la testa» disse Togliatti al risveglio dall’anestesia. Era la preoccupazione di uno dei co-fondatori della nostra democrazia. Si spera che nessuno le perda anche oggi. E la testa, e la democrazia.

Il contesto si sta mostrando subito pericoloso: sento i cani da guardia del PDL che vogliono attribuire la responsabilità della violenza agli avversari in blocco; ma leggo l’immaturità politica di una parte del “popolo viola” in rete che fa cascare le braccia. Converrà loro maturare in fretta.

Seconda Repubblica è un termine impreciso. Ai costituzionalisti non piace, e dal loro punto di vista hanno formalmente ragione. Però spiega tante cose. La Prima Repubblica era un sistema di partiti e al centro stava la DC, all’opposizione il PCI. Crollò durante una “tempesta perfetta”, Tangentopoli. La Seconda Repubblica ha visto un radicale cambiamento del sistema dei partiti e al centro stava il sistema di potere di Silvio Berlusconi, con avversari sempre più deboli e alla fine finti. Ogni pezzo di potere e di contropotere ha definito se stesso in funzione di un accomodamento con questa ingombrante presenza. Ciò che non si accomodava è stato come una polvere che via via si accumulava sotto il tappeto, pronta a sbuffare fuori prima o poi. Questa polvere compone ad esempio i fantasmi del 1992-1994.

La domanda sulle stragi, su chi le volle, chi ne beneficiò e come, non avendo avuto risposte, si ripropone con nuova forza al momento della crisi.

La polvere delle finanze pubbliche è rimasta tanta, perché le caste e le cosche non hanno voluto pagare prezzi, mai. Oggi, da Dubai ad Atene, i prezzi si pagano. Presto si pagheranno anche a Milano e Roma.

Il sistema della comunicazione ha visto rafforzare la presa di Berlusconi con la storica complicità dei gruppi dirigenti del centrosinistra.

L’autorità giudiziaria ha ereditato un enorme patrimonio di credibilità che solo in parte ha bilanciato le enormi tensioni a cui l’ha sottoposta il motore della Seconda Repubblica, tanto che anche lì si insabbiano le inchieste politiche scomode (vedi “Why Not?”), con benedizioni dal Colle e silenzi dal PD.

C’è meno democrazia, meno coscienza del bene comune. Gli interessi sono frantumati e dispersi. C’è un senso di debolezza che sembra lambire tutti i poteri un tempo definiti “forti”. È più debole perfino Cosa Nostra, l’«organizzazione terroristico-mafiosa» di cui parla Spatuzza. Ed essendo più debole reagisce e ricatta, da socio in affari che non si fa mai scaricare, a costo di spargere sangue e veleni. Il ricatto colpisce e terrorizza il cuore della Seconda Repubblica, Silvio. E anche Silvio è più debole, ricattabile, prigioniero di promesse impossibili. Continuerà a farle, e non solo in Italia. Nel momento in cui riposiziona alcune scelte geopolitiche passando per Mosca, trova mille soldati da spedire a Kabul per placare le irritazioni di Washington. Altri leader meno ricattabili non sono stati altrettanto compiacenti. Dove troverà i soldi? Non mi aspetto barricate da PD e Di Pietro, visti i precedenti, ma vedremo. Di certo è un momento pericoloso, per le fughe in avanti.

Il corpo di Silvio farà di tutto per proclamare la sua improfanabilità in ogni aspetto del suo regime personale. Cercherà di rompere l’assedio. In alcuni casi cedendo a ricatti, in altri ricattando i ricattabili.

Chi crede nella democrazia sarà chiamato a organizzare un alternativa politica seria, attenta a non farsi devastare dall’eterna Italia eversiva e gattopardesca, che continuerà a giocare tutte le sue carte.

Pino Cabras
Fonte: www.megachipdue.info
LinK: http://www.megachipdue.info/component/content/article/42-in-evidenza/1473-il-corpo-violato-della-seconda-repubblica.html
14.12.2209

VEDI ANCHE: FUORI POSTA. LA FACCIA INSANGUINATA DI BERLUSCONI

Pubblicato da Davide

  • Affus

    Buongiorno a Tutti ! Compito della Politica non è quello di scrivere regole di convivenza civile,ma regole di GIUSTIZIA,perchè il BENE COMUNE si fonda sulla GIUSTIZIA e non sulle regole di convivenza o spartizione del potere più o meno eque ed ugualitarie , come sono stati bravi finora a fare i nostri cattoliccuzzi sia di destra che di sinistra”

  • radisol

    Qua mi sembra che si stia decisamente esagerando … l’unico dato REALE è una evidentissima defaillance degli addetti alla sicurezza del premier … dai suoi ultraspecializzati body-guards privati allo stesso apparato di sicurezza pubblica …. e non sarebbe la prima volta, vedi il treppiedi di Piazza Navona di qualche anno fa …. è altrettanto vero che quando si cerca il “bagno di folla” – e questa era la precisa intenzione di Berlusconi in Piazza Duomo, rivendicata già da giorni – gli stessi apparati di sicurezza non possono fare miracoli …. questo è quanto, il resto mi sembra francamente delirio …. dalle facce attonite e commosse dei vari berluscones, dalle follie interessate che attribuiscono ovviamente non solo alle opposizioni ( ma esistono veramente ?) ma naturalmente pure ai pm ed alla stampa la “responsabilità morale” dell’accaduto …. alle allucinanti analisi sul “complotto di stato” – addirittura i paralleli con Piazza Fontana 1969 ! – alle tesi deliranti uscite nel commento a caldo di Pietro Ancona – che la redazione di CdC ha ritenuto addirittura di far campeggiare nella home page – e seguite da commenti nel forum ancora più deliranti … roba veramente meritevole dello studio appassionato di qualche psichiatra …. non ritengo invece, pur notoriamente non amando il personaggio, di associarmi al coro che accusa Di Pietro di “irresponsabilità” …. l’ex Pm di Mani Pulite ha detto una cosa banalissima ed incontestabile ….. è Berlusconi a voler creare a tutti i costi un clima da “guerra civile”, clima che considera ( anche se non sempre è andata così) funzionale ai suoi interessi elettorali … i toni del comizietto di ieri sera, davanti peraltro ad una folla di aficionados tuttaltro che oceanica, andavano tutti in quel senso …. ed invece ha incontrato la classica “variabile impazzita” …. e tutto sommato gli è andata anche bene …. poteva sicuramente finire molto peggio …..

  • mirko1313

    “Chi crede nella democrazia sarà chiamato a organizzare un alternativa politica seria, attenta a non farsi devastare dall’eterna Italia eversiva e gattopardesca, che continuerà a giocare tutte le sue carte..”
    Chi crede nella democrazia… Divertente Cabrias, proprio divertente… Perchè quella in cui viviamo è democrazia? Sì, forse nel termine in cui conviene ai nostri governanti, in cui noi non contiamo un cazzo, ma per piacere, fermiaci qui…Semplicemente ridicolo

  • maristaurru

    Comunque la si pensi su quanto è successo una cosa è evidente: il cretinismo di quanti berciano alla marcia su Roma o al dittatore.

    Prima cosa che fa CHIUNQUE avesse idee dirigistiche, è quella di porre attenzione meticolosa ed isterica alla sicurezza.

    Il Italia illustrissimi personaggi copn scorte miliotarizzate, dure e pericolosamente manesche , ne abbiamo avute: Scalfaro che per primo incitò, e ci sono i filmati, la scorta a malmenare un giornalista che gli aveva fatto una domandiba scomoda.

    Abbiano poi assisistito all’indecente spettacolo della scorta, cheseguendo il dictat di d’Alema, prendeva a calci un certo giornalista Salvi di striscia la notizia.

    Fini : la sua scorta ha “avvicinato ” mi sembra dei giornalisti, non proprio amichevolmente, erano troppo insistenti..

    Prodi: era attentissimo e segnalava alle forze dell’ordine chiunque , abbozzasse nei congressi aperti ai giovani per esempio, il sia pur minimo fischio: arrestati in direttissima a quanto pare..

    Smettetela col cretinario e imparate a fare una opposozione meno sgarrupata ed idiota, smettetela furboni di usare la “bassa forza”..

  • eresiarca

    Ma chi la vuole la “democrazia”? Ma va!
    La “Mafia”? Ma lo sanno tutti chi ce l’ha riportata, in pompa magna, in Italia!

  • Tonguessy

    “è Berlusconi a voler creare a tutti i costi un clima da “guerra civile”, clima che considera ( anche se non sempre è andata così) funzionale ai suoi interessi elettorali”.
    Quoto. Resta da dire che Gandhi, MalcomX, Martin Luther King e lo stesso Che furono assassinati per le loro posizioni (molto distanti da quelle del premier). Quindi?

  • okinawa

    Il tizio mi sembra un possibile candidato manchiuriano

  • TizianoS

    La cosa più difficile nell’iniziare questo commento è stato trovare il partito per cui Massimo Tartaglia, l’aggressore di Berlusconi, è, assieme alla famiglia, simpatizzante, mi venivano in mente PDS, DS, invece è DP. Sembra sia un ingegnere elettronico, però squilibrato. C’è a mio avviso una analogia tra un soggetto passato da una laurea in ingegneria ad uno squilibrio mentale, e un partito che, anche nel continuo cambio del proprio nome, non riesce a trovare un equilibrio.

    Il parallelismo che l’autore fa con lo squilibrio mentale di Berlusconi non è a mio parere appropriato. La previsione ragionevole che invece si può fare è che Berlusconi, dopo questa aggressione fisica subita, prenderà ancora più voti.

    Il commento migliore che ho trovato tra quelli che mi precedono è quello di maristarru, che indica le scorte militarizzate e manesche di molti altri personaggi politici, in confronto Berlusconi è un esempio di civiltà.

    Alla fine questo episodio si rivelerà dannoso solo per Di Pietro, Bersani, Fini, Casini, e compagnia cantante.

  • TizianoS

    Evidentemente il nome non vuole entrarmi nella testa: ho scritto DP ma ovviamente volevo scrivere PD.

  • Bubba

    L’autorità giudiziaria ha ereditato un enorme patrimonio di credibilità

    Ma dove? Questa è fantascienza.

  • portierino

    I POTERI FORTI hanno organizzato questo evento.

  • fefochip

    aldilà che il solo parallelo che hai fatto meriterebbe pernacchioni di scherno ti spiego con parole semplici la differenza.

    i personaggi che hai citato erano inseriti in contesti storici e sociali di estrema tensione .
    per fare un esempio ghandi voleva l’indipendenza dell’india dall’inghilterra e non era certo lui che aveva provocato le tensioni esistenti tra gli indiani e gli inglesi lui ha cercato solo di dare gli strumenti agli indiani per combattere i loro colonizzatori.

    berlusconi cerca artificiosamente di introdurre tensioni tra la gente :
    “i comunisti” (ma chi cazzo li ha piu visti e dove sono) “le toghe rosse” (sempre loro eh?)e non vi ricordate “i coglioni” ?
    insomma dividi et impera vecchio come il mondo

    il ragionamento quindi è semplice sei un istigatore della tensioni tra le parti politiche ,fai il “bagno di folla” ti prendono a mazzate …di che cazzo ti lamenti poi?
    è semplicemente ridicolo che poi fai la vittima dicendo frasi del tipo “non mi metteranno paura” , “io continuo per la mia strada” perche non c’è nessuna ideologia dietro berlusconi tranne la sua sola figura.

    quando morirà berlusconi di vecchiaia (se non altro politicamente quanto non ce la farà piu) chi prenderà in mano il carrozzone del pdl?
    su quali basi lo farà? attorno a quali ideali si sono stretti i votanti del pdl? sulla “libertà”? ma fatemi il favore….

  • trotzkij

    ‘…a sua volta capace di confessare impunemente terribili bufale mediatiche per fini politici, come nel caso Feltri-Boffo’

    Ed è per questo che l’omino boffo s’è dimesso, per una bufala che sapeva essere ua bufala? Strabismo de-genere: se vai a puttane sei un mafioso, se tocchi il pisello a qualcuno, sei un alternativo di una trans-minoranza da tutelare…
    Ma per favore.

    ‘L’autorità giudiziaria ha ereditato un enorme patrimonio di credibilità…’

    Sveglia! Il PM Ingroia che frequenta per anni l’ingegnere Aiello, braccio destro di Provenzano, non è propio accreditante, escluso in certi ambienti.

    ‘La domanda sulle stragi, su chi le volle, chi ne beneficiò e come, non avendo avuto risposte, si ripropone con nuova forza al momento della crisi.’

    Già, perchè a non volere fare luce sulle stragi è stato berlusconi, non di certo, ad esempio, Napolitano, quando era ministro degli interni…

    ‘Chi crede nella democrazia sarà chiamato a organizzare un alternativa politica seria, attenta a non farsi devastare dall’eterna Italia eversiva e gattopardesca, che continuerà a giocare tutte le sue carte.’

    Certo, magari sotto altri colori e con l’assistenza di altre ‘foundations’. Ma chi è che gioca tutte le carte? Ad esempio, Dipietro e Genchi straparlano da uomini disperati e fuori controllo. E pensare che questi due gestivano la sicurezza, l’ordine e la giustizia. A guardarli e sentirli oggi vengono i brividi.

  • fefochip

    bah ….

    l’unica cosa che ha senso a mio parere è che la legnata che hanno dato al berluska è frutto della sua politica ormai delirante.

    pensa di essere un leader amato dalle folle e nel suo delirio da protagonista dell’umanità si è dimenticato che lui è diventato berlusconi grazie ai poteri che lo hanno portato fino a li .

    si sente “l’amato dalla folla” e quindi ubriaco da questa certezza è sceso tra la gente.
    è vero la sicurezza doveva proteggerlo ma… siamo sicuri che si può dare la colpa sempre all’ultima ruota del carro?

    berlusconi da candidamente del “coglione” a chi vota per il pd (ve lo ricorderete vero?) e non perde occasione a scagliarsi contro i “comunisti” (questa razza ormai in via di estinzione) .

    si becca una statuetta in faccia?
    ma vi rendete conto che solo perche sta in italia non si è preso una revolverata vero?
    se stava in america da quel di che gli avevano già sparato.

    il tizio che lo ha aggredito non fa parte di nessuna associazione estremista …pare abbia agito da solo …sarà vero non sarà vero?
    io mi porrei un altra domanda : ma secondo voi se berlusconi non avesse avuto tutta quella sicurezza intorno che fine faceva?
    se rifà dei comizi di fronte a una folla sempre piu umiliata e inferocita e poi scende che fine fa?
    gli ha detto fin troppo bene.

    diciamocelo fuori dai denti non è certo berlusconi l’amato dal popolo.

  • egoland

    In ogni modo, questo governo col buio nella mente non si fará perdere l’occasione per utilizzare un po’ di censura preventiva sul web, onde evitare l’istigazione a delinquere (!). Su Facebook è stato creato un profilo di Massimo Tartaglia (evidentemente da qualcun altro) che ieri sera aveva più di 7000 fans. Oggi è giá inaccessibile. Ne resta un altro, intitolato “Uccidiamo Massimo Tartaglia”, molto meno numeroso, ma tuttora esistente. Il mio biasimo è rivolto a tutti coloro che si sono esaltati per questo gesto e hanno applaudito a questo squilibrato come se fosse un eroe. Speriamo di non doverne fare tutti le spese…

  • mantresh

    “Chi crede nella democrazia sarà chiamato a organizzare un alternativa politica seria, attenta a non farsi devastare dall’eterna Italia eversiva e gattopardesca, che continuerà a giocare tutte le sue carte.”

    scusate ma sono forse un po’ sfiduciato..anzi..ho perso già ogni speranza di democrazia da tempo, non esiste più questa parola che adirittura ci concediamo il diritto di espotare!!!!

    in ogni attimo della vita…se guardiamo con attenzione …. possiamo percepire la non democrazia…siamo in un’OLIGARCHIA in cui i diritti vengono concessi alle famiglie ricche e potenti, che hanno sempre vita facile sempre tutto in discesa….
    non mi vorrete dire che questo sistema è basato sul libero mercato!
    solo le grosse organizzazioni corporation gruppi industriali usano i nostri soldi, pubblici e privati a loro piacimento , i politici sono li solo per questo fare in modo che il flusso del denaro raccolto con le tasse ritorni ai grossi imprenditori con appalti ecc.

    ci vuole piu’ di una rivoluzione!

  • Serpico

    Non sono contento del vile gesto fatto nei confronti di Berlusconi……questo lo devo ammettere.
    Devo ammettere anche che questo gesto non c’entra niente con la politica e tantomeno con il “clima d’odio” che si è avuto in questi tempi nei confronti di Berlusconi.

    Sono però indegnato dal fatto che la gente che ha criticato il gesto fatto da Tartaglia e ha gridato subito allo scandalo e/o al linciaggio è la stessa gente che non si indegna quando un Berlusconi o Dell’Utri danno dell’eroe ad un mafioso risaputo come Mangano……………a me questo schifa: l’ipocrisia e il guardare le cose solo da un punto di vista.

    Per la politica : sia PD che PDL sono faccie diverse di una stessa medaglia.
    Fino a quando ci sarà da votare il meno peggio allora il voto sarà sempre inutile.

    saluti

    Serpico

  • Hassan

    Voi berluscones fatte sempre molto ridere, e anche un pò di tenerezza. Vi immagino in questo momento tutti “addolorati” perchè Kim Il Silvio, dopo anni in cui ha fomentato l’odio nella scena politica italiana, ha ricevuto un pò della sua stessa medicina. Il nanetto sta raccogliendo quel che ha seminato, c’è poco altro da dire. Poi l’immagine con la sua faccia tumefatta e sanguinante, e con quel suo sguardo “sorpreso”, era onestamente una goduria da vedere…

  • Hassan

    I Berluscones e le varie scimmie destracce che si stanno addolorando tanto per il loro Ducetto fanno francamente tenerezza, tanto son coglioni. In effetti, più che Berlusconi, la vera parte marcia e putrescente del Berlusconismo sono i suoi seguaci del “popolo”, i vari destracci e destronzi/e che vivono nel culto della personalità del Silvio nazionale. Probabilmente se non fosse per questa diarrea umana che gli va dietro, Berlusconi si comporterebbe lui stesso con più dignità e senso istituzionale. Sono i Berluscones che lo galvanizzano e quindi incitano a essere sempre più spregiudicato nei suoi comportamenti.

  • Altrove

    Mi sento di manifestare la mia quasi totale indifferenza per questo fatto, anche se a dirla tutta una risata (mossa da vecchi risentimenti) mi è scappata. Io la chiamo legge dell’ attrazione, e ci trovo anche un senso ironico simbolista tra l’aggredito e l’oggetto usato. Potrei addirittura azzardare una ipotesi grottesca individuando un messaggio velato attraverso dei simboli: Milano ti volta le spalle. Sono sicuramente facezie e grossolane congetture senza nessun fondamento. La scorta? preferirei darla magari a quelle ragazze che di notte devono attraversare le città da sole. Se hai bisogno di una scorta vuol dire che non sei tanto amato… Per una volta che le botte in faccia le piglia qualche politico e non la gente comune dalle cosiddette scorte solo per aver fatto una domanda… ripeto. chi semina raccoglie (o chi per lui). O facciamo sempre dell’ipocrisia la nostra bandiera?
    E’ come se andassi a casa del mio amico pugile professionista, lo prendo per il culo, lo punzecchio con degli spilli e gli trombo la moglie. Di certo non mi offre il caffè al bar. Voti in più, voti in meno… Ma stiamo ancora ragionando su concetti come libere elezioni in una democrazia??? Mi spiace dirlo ma non siamo nella repubblica delle banane. Probabilmente con la caduta di costantinopoli l’impero romano d’oriente si rivelerà per quello che realmente è: l’impero romano di occidente. Lo so,la storia è diversa e la cronologia errata, ma il significato lo stesso. Vedremo se e come costantinopoli trattava con l’asia. In fin dei conti ha determinato la nascita della storia moderna… Chi vuole capire capisca… Un abbraccio..

  • francescafederici

    complimenti hassan,mi trovi completamente d’accordo.Ricordo che anni fà quando la lega prendeva posizioni becere e razziste ,mi auguravo che potessero governare una città come Milano solo così la gente avrebbe capito la loro incapacità,detto fatto fu eletto Formentini,beh non hanno avuto un’altra occasione.
    Come diceva Indro Montanelli gli italiani devono passare certe cose per crearsi gli anticorpi,che seguano pure certe bugie politiche,tanto poi quando andiamo a fare la spesa,quando vediamo fabbriche che chiudono,quando vediamo casse integrazioni che non vengono pagate,difficile credere che viviamo nel Paese dei balocchi,anche se tutte le reti cercano di farci credere questo.
    Il mio popolo ha bisogno d’impattarsi con la dura realtà per poter reagire,ma per favore non facciamo l’errore di creare martiri!!!!!!!!

  • francescafederici

    ma sai che qualche dubbio viene?hai presente Oswald e John Kenneddy?il colpevole su misura?mah abbiamo letto troppa fantascienza?però dati i tempi e i fatti….un saluto

  • rosacroce

    perfettamente d’accordo

  • rosacroce

    venerdi il GIORNALE HA PUBBLICATO UN BEL ARTICOLO SUL SIGNORAGGIO E LE BANCHE PREIVATE CHE INDEBITANO GLI STATI ALLL’INFINITO
    E PER SEMPRE, e vedi caso domenica ,,,,,,,un avvertimenta al berlusca,

    la PROSSIMA TI UCCIDIAMO.

  • rosacroce

    venerdi il GIORNALE DI BERLUSCONI
    HA PUBBLICATO UN BEL ARTICOLO SUL SIGNORAGGIO E LE BANCHE PRIVATE CHE INDEBITANO GLI STATI ALLL’INFINITO E PER SEMPRE,
    e vedi caso domenica ,,,,,,,
    un avvertimenta al berlusca, la PROSSIMA VOLTA CHE PARLI DEL DENARO FINTO DELLE BANCHE E DEI DEBITI IMPAGABILI ,.,,,,,,,,,,,
    , TI UCCIDIAMO.

    IL BERLUSCA COME KENNEDY,CON BUONA PACE DI CHI NON HA CAPITO NIENTE.
    TREMONTI è CONTRO LE BANCHE E D’ACCORDO CON LA ROUCHE PER LA MONETA DI STATO

  • oldhunter

    Caro Hassan, è proprio questa tua visione del mondo – condivisa purtroppo dalla maggioranza degli umani – quella che perpetua il dolore e la guerra, la divisione e l’odio tra tutti noi. Probabilmente, come me, non approvi Berlusconi e l’élites occulte di cui lui è espressione diretta, come neppure i loro fini e metodi. Probabilmente, come me, desideri la giustizia sociale, la comprensione, la solidarietà tra uomini e popoli, la democrazia partecipativa… e, se è così, pensi davvero che godere delle sofferenze e del dolore di Berlusconi possa aiutarci a giungere a realizzare il nostro nobile ideale? O anche solo ad allontanare dalla scena politica un avversario? Non credi che questa tua “goduria” sia proprio parte e caratteristica di quel mondo che vorresti combattere? Che infine contribuisca solo a mantenere all’infinito divisioni e odi precursori di tragedie?
    Un saluto

  • biancospino

    Caro oldhunter preoccupati di non tirare statuette a nessuno di tuo
    che alle statuette degli altri ci pensa dio.

  • biancospino

    potevi anche scrivere niente del tutto.

  • Iacopo67

    La penso anch’io come Portierino e Rosacroce

  • biancospino

    Mi fa tristezza l’ultima lucida osservazione .

    Quasi quasi mi ….indegna!????

  • biancospino

    No, ci vogliono piu statuette!!!!!

  • Truman

    @Maristaurru: dici “cretinismo di quanti berciano alla marcia su Roma o al dittatore. Prima cosa che fa CHIUNQUE avesse idee dirigistiche, è quella di porre attenzione meticolosa ed isterica alla sicurezza.
    Dimentichi che la storia si ripete, ma ogni volta è più buffonesca. Il 19 aprile 1926 Benito Mussolini fu colpito da un colpo di pistola al naso. Credeva di poter circolare impunemente in mezzo al popolo italiano. A furia di raccontare balle cominciava a crederci anche lui. E fu punito per questo.

    Dovrebbe essere evidente che colui che organizzò la marcia su Roma non seppe porre sufficiente attenzione alla sicurezza.

    Il ducetto di oggi ha fatto lo stesso errore ed il risultato è stato ancor più ridicolo.

  • Truman

    A oggi non posso escludere l’ipotesi. Se hai dettagli forniscili.

  • lucamartinelli

    mi sembra un po’ pochino per degli “illuminati” e per delle “menti raffinate”. credo che quando sale la tensione i primi a cadere in comportamenti eccessivi sono gli psicolabili. poi quelli esasperati non dal clima politico ma dalle difficolta’ della crisi. ma perche’ vi preoccupate per una statuetta che ha reso il sanguinante piduista come gesu’ cristo? vedremo come usera’ abilmente l’immagine sacra di chi da’ la vita per il popolo. l’aveva dichiarato che scendeva in campo non per i suoi interessi ma per il bene della nazione e ora diventa un’ icona. e infine ricordiamoci che queste azioni sono ben poco a fronte della violenza di stato di 30 anni fa. siete giovani e non c’eravate. rossi e neri si sprangavano tutti i giorni per strada, banche saltavano per aria, treni, stazioni. ma la loro violenza non cessa mai. provo compassione per i ragazzi ammazzati a bastonate in carcere e per strada. non riesco a provarne per uno che sta contro il popolo.

  • Truman

    Era Marc Bloch, se non sbaglio, a raccontare dei re taumaturghi, della loro capacità di guarire gli ammalati con l’imposizione delle mani. Le dinamiche presenti nei re taumaturghi, o più correttamente nei loro sudditi, si ripresentano sotto le dittature. Esistono persone che non vogliono crescere, degli eterni bambini che hanno sempre bisogno di un padrone.

  • lucamartinelli

    sante parole, le tue. ma che ci vuoi fare? ci sara’ sempre gente che non riesce a capire che la nostra è una finta democrazia. e che non c’è via d’uscita. anzi una via ci sarebbe…….saluti

  • myone

    Berlusconi e’ il frutto della maggioranza degli italiani.
    Se gli italiani nn sanno cosa votano e perche’ lo votano, i risultati diranno cosa.
    Se gli italiani hanno votato LORO, e’ perche0′ il peggio lo volevano far passare.
    Democrazia significa di tutti e di tutto, e si vede che melgio di cosi nell’ insieme non si puo’, essendo la societa’ frutto di se’ stessa.
    Nell’ insieme sembra che, sia tutto perfetto, perche’ per una forza di compensazione e di azioni, cosi si e’ e cosi si rimane.
    IL peggio vuole ritornare, se peggio sara’, spazzera’ via sia il passato che il presente.
    Poi un meglio si spera sempre, ma le cose stanno cosi.
    Quello che fa’ schifo, e’ coe le persone si izzano su una persona, quando tantissime altre hanno fatto peggio.
    Allora penso che da parte di chi c’e’ ora, una lezione vera di fascismo educativo, gli e ne deve dare a una societa’, che dietro l’ apparenza, rimane cafona e campata per aria.
    La politica e’ sempre stata il veleno della cultura dell’ insieme,
    il governare, pro societa’ e rpo nazione, e’ un’ altra cosa.
    Oggi abbiamo un melgio di governo di sempre, con un peggio che chi sostituirebbe questo melgio, se lo dovra’ adossare, e non credo proprio, al miglioramento.
    L’ unica forza che avrebbe l’ opposizione, e’ di prendere i soldi dai piu’ ricchi, tanto per fare il paragone, per fare dell’ italia un ammortizzatore sociale enorme.
    Quando saranno prosciugate casse e numeri,
    saranno loro che inventeranno buchi e numeri, la il problema rimane piu’ di prima.
    Uno stato deve essere stato per lo stato e per la societa’.
    Ma bisogna essere capaci a questo, e ora solo le manovre private del contestato sistema, garantisce questo,
    in caso di opposizione, le risorse sarebbero prosciugate sulle tasse ancora di piu’, impoverendo le persone senza darne garanzia di nulla.
    E’ ora di tirarci su le mutande e di dare meno via la passera a chiunque.
    E agli incesti in casa gli si vengono tagiati i maroni.
    Quindi, se volete fare cose nuove, tolgiete quell’ accozzaglia a partire dalla sinistra, poi al centro, poi a destra, ma ditemi chi mettere e a fare cosa.

    Poi, se la meta’ delgi itlaiani e’ a questo modo:

    «Un uomo in sofferenza psichica ha colpito un’altro uomo in sofferenza psichica
    che credeva di essere invincibile anche durante i bagni di folla. Tutto qui».

    Non solo sono per la chiusura dei siti e dei blog, ma pure per un sano fascismo, dove,
    prima impari a parlare e a chiedere e a spiegarti, poi va a lavorare, cretino.

    Penso a internet, per il 99% pieno di stronzate e inutilita’, e quando si deve usare per dire e spiegare e capire,
    l’ 1% diventa 50% di miseri impediti e sottosviluppati educativi.

    Se vi castrano o ci castrano, e farebbero bene, visto che si parla di perfezione di compensazioni,
    tantissima gente se l’ e’ voluta, e non perche’ dai dello stronzo a uno,
    o del figlio di puttana ad un altro, quando si capisce il perche’ e il per come,
    quando il linguaggio e’ un modo colorito per dire, ma vi chiudono i siti e i blog,
    perche’ nella testa della gente oltre l’ affronto c’e’ solo feccia e vuoto, violenza e inutilita’.
    POi anche questo articolo fa parte dei rimpasti che a miliaia ci sono qui e a giro,
    ma alla fine, rimane il reale, che sono persone incolte e strfottenti, che riempiono internet solo per fare tifi da sottoacculturati,
    e nel sociale, abbiamo un timone che va per conto suo, anche se naviga e ci troviamo sopra,
    e un sociale, che vota, da’ soldi, investe, e avanti sempre.

    Mi viene da ridere, perche’ o c’e’ il pensiero intellettuale e intelligente, che non fa’ levare nemmeno un filo d’aria,
    o c’e’ la caffonaggine del distruggi tutto.
    I piu’, se ne fregano e vanno avanti, tanto, la vita e’ come una partita di pallone, finita una comincia un’ altra, l’ importante e’ che venga domenica.
    E sotto un certo punto di vista, non hanno tutti i torti.

    Poi, si dovrebbe finirla di tirare fuori dalla fogna il passato, rinvangarlo sempre, con banche e questo e ques’ altro e e’ successo e il tizio e il partito ecc ecc
    stiamo con in piedi per terra. non vi rendete conto che non c’e’ nessuno a giro che sappia esaudirvi e farsi vedere?
    Allora il tutto e’ al vento, perche’ quello che conta e’ quello che c’e’, e quello che ci faranno stare chi ci sara’.
    Ma di quello che pensano gli italiani, neri o rossi che siano, violenti e spieganti che siano, nessuno e’ la a rappresentarli.
    Quaindi, anche questo festrante fare politica via web e via vita sociale tempestosa, e’ solo pan per i loro denti,
    quelli che a turno, prendono tutti per il culo e fanno di volta in volta,
    i lor di interessi, e quelli di chi sta’ piu’ in altro di loro.

  • Kiddo

    E se fosse un “inside job”?? In fondo ora puo’ giocare ancora di piu’ a fare la vittima.

    Prendo in prestito alcuni personaggi di Vic:

    Tartaglia:” …allora boss?? ho fatto un buon lavoro ,no??”

    Oscuro Agente Segreto:” IDIOTA!! Ti avevo detto UN UOVO!! non IL DUOMO!!!! e ora chi glielo spiega a Mr.B…..oh povero me…”

  • biancospino

    Attento, che ti cchiudono il ttuo blog!!

  • TizianoS

    I troppi cambiamenti del nome dell’odierno PD è in realtà una metafora della crisi in cui si dibatte tale partito, questa crisi è il nocciolo della situazione attuale, che ovviamente si riflette nel comportamento dei suoi simpatizzanti, sani o labili di mente che siano. Credo che in loro ci sia una enorme frustazione nel vedere che l’Italia può essere governata anche da forze nuove, e da un uomo a suo modo brillante e di successo, che attira nonostante i suoi difetti grandi simpatie popolari. La miserabile fine dell’ultimo governo Prodi, esponente di vecchi schemi, per niente brillante e comunicativo, con un curriculum professionale montato e senza successi reali, questo è stato un vero trauma degli elettori dei DS, oggi PD. Un mio amico, alle ultime elezioni politiche, perse dal successore di Prodi, non è più uscito di casa per un mese, e non è uno psicolabile.

    O.T. – Nelle discussioni alle quali ho assistito ieri e oggi ho trovato che la maggioranza delle persone ha non troppo velatamente gioito per quanto accaduto a Berlusconi, credo che le parole di solidarietà che sta ricevendo da parte dell’opposizione siano in realtà false ed ipocrite.

  • francescafederici

    mi permetto di dissentire il quadro potrebbe essere molto più ampio,la storia insegna.Per chi ha buona memoria ricorda che niente inizia con cose dirompenti,i passi che portano a certe catastrofi sono veramente piccoli,presi da soli non hanno significato,ma tutti insieme diventano una valanga.Questa sera Maroni diceva “niente leggi speciali”,perchè dire questo?Perchè c’è già in atto qualcosa di estremamente forte che non è il ferimento del Presidente del Consiglio,questa è la miccia come non capire?basta un niente! un nulla:In quanto ai rossi e i neri di anni fà,gli estremisti di destra e sinistra hanno già fatto autocritica in merito e hanno capito in quale gioco perverso erano caduti,vogliamo anche noi cadere nello stesso gioco?Vogliamo ancora sbagliare?Un attentato oggi,un ferimento domani,una manifestazione non autorizzata domani etc etc,ma Piazza Fontana e tutto quello che è avvenuto poi non dovrebbe illuminarci!.Non capite che ci stanno volutamente facendo ritornare indietro e a tutti quelli che oggi gioiscono dico solo:complimenti state facendo il loro gioco!Ricordate? “Disapprovo quello che dici,ma ti difenderò fino alla morte affinchè tu possa dirlo”

  • A_M_Z

    incredibilemente, nonostante lei stesso mi abbia più o meno insultato per una piccola battuta, quoto quello che scrive.

    certo che dovrebe riconoscere che c’è del divertimento a prendersi gioco di certe persone; so che non è eticamente giusto ma credo che l’ignoranza non sia una piaga ma sia una risorsa da sfruttare.

    ….che un po’ sintetizza il mondo in cui viviamo.

  • tersite

    La lista dei matti che accoppano le autorità(politiche o religiose) è a dir poco incredibile, irreale, quindi..fate voi! dico solo che a un ora dall’incidente si sapeva piu della vita di tartaglia che di quella del premier, compreso qualche commento dei vicini di casa dello psicopatico!

  • tersite

    Sì anche per me è un(altro) avvertimento..

  • maristaurru

    Vedi c’è una parte di italiani che non spaccherebbe la faccia a nessuno, nemmeno a chi la pensa diversamente e che mai godrebbe del sangue sulla faccia altrui, anzi , nemmeno le bestie gioiscono del sangue, poi c’è una orrenda minoranza di ialianiferoce e tanto più è feroce quanto più è stupida. Loro costituiscono un pericolo, suggestionabili e feroci… roba da tener lontana

  • irtimood

    Mi fa piacere segnalarVi: Come sfasciare la
    testa a un Cavaliere
    [www.guidesuinternet.it]