Home / ComeDonChisciotte / IL CONTROLLO MENTALE, LA CIBERNETICA E L'IMPIANTO DI MICROCHIP

IL CONTROLLO MENTALE, LA CIBERNETICA E L'IMPIANTO DI MICROCHIP


DI GREG SZYMANSKY

Esiste la tecnologia per creare un Nuovo Ordine Mondiale totalitario e vi sono piani sinistri per farne uso su soggetti pubblici ignari con la copertura degli uomini politici USA.

Siete preparati all’eliminazione totale della privacy e alla robotizzazione dell’umanità, nonché all’esame di ogni pensiero che vi passi per la testa?
Siete pronti a vivere in un mondo in cui ogni neonato viene micro-chippato? E, infine, siete pronti ad avere ogni vostro movimento, tracciato registrato e posto nel data base del Grande Fratello?
Per quanto sembri impossibile, ci sono piani bene avviati per controllare ogni mossa e ogni pensiero della popolazione americana non appena il Nuovo Ordine Mondiale ponga fine al periodo di prolungata violenza, una fase di assunzione del controllo che il paese sta ora sperimentando.
E poiché nei compiacenti media USA si trova pochissimo, è stata una storia apparsa nel giornale Spekula, Finlandese, a raccontare agli americani quanto prossimi siamo ad entra re nel totalitario Nuovo Ordine Mondiale.

Secondo l’articolo Finlandese, distribuito a medici e studenti in medicina, si sta esaurendo il tempo a disposizione per poter cambiare la direzione della medicina militare e della tecnologia di controllo mentale, e assicurare il futuro della libertà umana.
“La tecnologia per creare un Nuovo Ordine Mondiale esiste di già”, dice il dott. Rauni-Leena Luukanen-Kilde, già officiale medico in capo finlandese. “Sistemi di comunicazione neurologica nascosti sono in funzione per annullare il pensiero indipendente e controllare l’attività sociale e politica a vantaggio degli egoistici interessi militari e privati.”
“Quando le nostre funzioni cerebrali saranno già state connesse ai supercomputers tramite impianti radio e microchips, sarà troppo tardi per p rotestare. Questa minaccia può essere sconfitta solo educando il pubblico, utilizzando la letteratura disponibile sulla biotelemetria e gli scambi d’informazione nei congressi internazionali.”

Nel suo articolo, intitolato Microchip Implants, Mind Control, and Cybernetics, il dott. Kilde afferma che gli USA sono il principale responsabile dell’uso segreto di strumentazione e armamenti elettronici, dicendo che “una ragione per cui questa tecnologia è rimasta un segreto di stato risiede nel diffuso prestigio del Manuale di Statistica Diagnostica IV psichiatrico stilato dalla statunitense. American Psychiatric Association (APA) e stampato in 18 lingue.”

“Senza dubbio gli psichiatri assoldati dalle agenzie di intelligence USA hanno contribuito alla stesura e alla revisione di questo manuale. Vera “bibbia” psichiatrica, essa occulta lo sviluppo segreto delle tecnologie di Controllo Mentale (MC) etichettandone alcuni loro effetti come sintomi di schizofrenia paranoide.”
Il dott. Kilde aggiunge che i media hanno mantenuto il riserbo sui veri intenti e propositi che stanno dietro il micro-chipping, affermando che il perfetto cyber-soldato può essere creato con gli stessi equipaggiamenti e armamenti sofisticati che sono stati usati in certe nazioni della NATO fin dagli anni ’80.
Ascoltiamo come il dott. Kilde spiega la sinistra natura che si trova dietro l’uso governativo degli armamenti elettronici come mezzi di controllo politico:
Questa tecnologia segreta è stata usata dalle forze militari in alcuni paesi della NATO sin dagli anni ’80 senza che le popolazioni civili e accademiche ne avessero mai sentito parlare. Pertanto, pochissima informazione su questi invasivi sistemi di controllo mentale è disponibile nelle riviste accademiche e professionali.
Il gruppo Signals Intelligence della NSA riesce a monitorare l’informazione dei cervelli umani decodificando i potenziali evocati (3.50HZ , 5 milliwatt) emessi dal cervello.

Sui detenuti usati come cavie, tanto a Gotheborg, Svezia che a Vienna, Austria, sono state trovate evidenti lesioni cerebrali e si è constatata una ridotta circolazione sanguigna e una mancanza di ossigeno nei lobi temporali frontali destri dove gli impianti cerebrali sono usualmente operativi.
Una “cavia” Finlandese è stato soggetta ad atrofia cerebrale e intermittenti attacchi di incoscienza causati da mancanza d’ossigeno.

Le tecniche di controllo mentale possono essere impieg! ate per fini politici. Oggi l’obbiettivo dei controllori mentali è di indurre persone o gruppi bersaglio ad agire contro le proprie convinzioni e interessi. Gli individui zombificati possono perfino essere programmati ad uccidere e dopo non ricordare nulla del loro crimine. Allarmanti esempi di questo fenomeno possono essere trovati negli USA.
Questa guerra silenziosa viene condotta contro civili e soldati ignari da parte di agenzie militari e di intelligence. Dal 1980, la stimolazione elettronica del cervello (ESB) è stata usata in segreto per controllare persone bersagliate senza esserne informate e senza consenso. Tutti i trattati internazionali sui diritti umani proibiscono la manipolazione non consensuale degli esseri umani anche se prigionieri, per non parlare delle popolazioni civili.

Il bersagliamento delle funzioni cerebrali con campi e raggi elettromagnetici (da elicotteri e aeroplani, satelliti, camion parcheggiati, case di vicini, centri telefonici, dispositivi elettrici, telefoni cellulari, TV, radio, ecc.) fa parte del grande problema della radiazione che dovrebbe essere dibattuto nei contesti governativi democraticamente eletti.
Oltre al Controllo Mentale elettronico, sono stati sviluppati anche metodi chimici. Farmaci psicotropi e diversi gas da inalare che influenzano negativamente la funzione cerebrale possono essere introdotti nei condotti d’aria o negli acque! dotti. Anche alcuni batteri e virus sono stati utilizzati in questa maniera in diverse nazioni.

A proposito dei piani per microchippare i neonati, il dott. Kilde ha detto che gli USA si stanno muovendo in questa direzione “in segretezza.” Ha aggiunto che in Svezia, il primo ministro Olof Palme nel 1973 diede il permesso per mettere gli impianti sui detenuti, e l’ex direttore generale di Data Inspection, Jan Freese, rivelò che malati curati a casa furono oggetto di impianto a metà degli anni ’80. La tecnologia è descritta nel documento 1972:47, Statens Officiella Utradninger (SOU).
“Gli esseri umani con l’impianto possono essere seguiti dappertutto. Le loro funzioni cerebrali possono essere controllate remotamente dai supercomputers e anche alterate mediante la variazione delle frequenze,” ha affermato il dott. Kilde.
“Come cavie per gli esperimenti segreti sono stati usati detenuti, soldati, pazienti psichiatrici, bambini handicappati, persone sordomute, omosessuali, donne single, anziani, scolari, e ogni gruppo di persone considerato “marginale” dagli sperimentatori dell’elite. I report pubblicati sulle esperienze dei detenuti nel penitenziario dello Utah State Prison, per esempio, scuotono la coscienza.

“Gli odierni microchips si attivano tramite onde radio a bassa frequenza che li bersagliano. Con l’aiuto dei satelliti, l’individuo impiantato può essere seguito ovunque sul globo. Questa tecnica è una di quelle che sono state testate nella guerra in Iraq, dice il dott. Carl Sanders, colui che inventò l’intelligence-manned interface (IMI) biotico, che viene iniettato nelle persone. (A suo tempo, nella guerra del Vietnam, ai soldati veniva iniettato il Rambo chip, progettato per aumentare il flusso di adrenalina nel sangue.) I supercomputers da 20-miliardi-bit/secondo presso la NSA (National Security Agency) possono ora “vedere e udire” quello che sperimentano i soldati sul campo di battaglia con un sistema di monitoring remoto (RMS).

“Quando un microchip di 5-micromillimetri (il diametro di un capello è di 50 micromillimetri) viene posto sul nervo ottico dell’occhio, riesce a tracciare i neuro-impulsi del cervello che rappresenta le esperienze, gli odori, la vista, e la voce della persona impiantata. Appena trasferiti e memorizzati in un computer, questi neuro-impulsi possono essere inviati indietro al cervello della persona tramite il microchip per essere rivissuti. Usando un RMS, un operatore di computer sul campo può inviare messaggi elettromagnetici (codificati in segnali) al sistema nervoso, influenzando il comportamento del bersaglio. Con l’RMS, si possono indurre allucinazioni visive e sonore in persone del tutto sane.

“Ogni pensiero, reazione, suono, e osservazione visiva determina un certo potenziale neurologico (spike) e configurazioni nel cervello e i suoi campi elettromagnetici, che possono ora essere decodificati in pensieri, visioni e voci. La stimolazione elettromagnetica può pertanto alterare le onde cerebrali di una persona e influenzarne l’attività muscolare, generando crampi muscolari dolorosi vissuti come tortura.”

Versione originale

Greg Szymanski
Fonte: http://www.arcticbeacon.com/
Link: http://www.arcticbeacon.com/11-May-2006.html
11.05.2006

Versione italiana

Fonte: http://www.disinformazione.it
Link: http://www.disinformazione.it/microchip_sui_neonati.htm

Tradotto da STEFANO PRAVATO per www.disinformazione.it

Titolo originale: “L’impianto di Microchip in ogni neonato in USA e Europa è in atto, secondo l’ex Ufficiale Medico in Capo Finlandese”

Pubblicato da Davide

7 Commenti

  1. un tempo nei laboratori si sperimentava la droga perfetta, una droga in grado di controllare le masse senza produrre danni troppo gravi al fisico. Aldous Huxley riportava questa strategia nei suoi romanzi. Oggi tutto questo non serve più. L’elettronica ha fornito il mezzo perfetto per il controllo mentale, per la dittatura perfetta.
    Come 2000 anni fa veniva già annunciato, senza un marchio sulla mano destra o sulla fronte nessuno avrebbe potuto vendere o comprare. In USA si sperimentano su volontari chip impiantati sulla mano destra che funzionano come scanner per pagamenti collegati a conti bancari. Carte prepagate impiantate. I chip sulla fronte interagiscono con il cervello per il controllo mentale. Il famoso dottor Warwick apre porte e finestre col chip che si è messo sulla fronte, semplicemente tramite il proprio pensiero che viene trasformato in onde radio che comunicano coi chip inseriti sulla porta o sulla finestra. Cosa impedisce il procedimento inverso? Onde radio inviate da un’antenna esterna al chip che vengono trasformate in impulsi elettrici per il cervello. Nulla….

    La dittatura perfetta is on the way!

    Remo

  2. Se solo B 16, invece di insistere con quisquilie come la famiglia, si occupasse seriamente di temi come questi, le scie chimiche, gli autoattentati…! Se non lo fa, le ipotesi sono due: o è un pavido o è complice. In entrambi i casi merita il nostro disprezzo.

  3. Siccome anche Gesù si interessava della famiglia non vedo perchè non dovrebbe farlo il papa, a meno che tu non voglia disprezzare anche Gesù. In questo caso saresti figlio del disprezzo e dunque destinato ad una vita infelice.
    Il problema del chip è un problema scientifico e politico. Ed è su questa base che va risolto.

  4. Posto alcuni indirizzi interessanti sull’argomento “microchip”. (Copiare gli indirizzi col copia incolla).

    http://www.ufomachine.org/abductions.htm
    (impianti sottocutanei e cerebrali alieni – cioè presenza evidenziata da radiografie di piccoli oggetti a contatto dell’ipofisi; gli impianti dei militari invece sono più grezzi, più grandi e sempre sottocutanei o vicini alla superficie del corpo)
    http://freeforumzone.leonardo.it/viewmessaggi.aspx?f=22838&idd=2705
    (articolo sul secolo decimo nono del 24 aprile: viva il microchip!)
    http://impattoalieno.altervista.org/articoli/scheletro_articolo.php?art=tecnologia_08.htm
    (Paolo Dorigo, prigioniero politico in Italia, vittima degli impianti, nel suo caso probabilmente di origine militare. Non si esclude l’utilizzo del suo caso per screditare l’ipotesi aliena attraverso una raffinata regia: “vedete? gli alieni non esistono perchè l’impianto che ha è terrestre!”.A.

  5. Che c’entrano i Messia con la Chiesa?!?
    Saluti.

  6. Ciao Avles, li ho già letti, ma li farò leggere ad amici e conoscenti. Grazie infinite.

  7. Certo, la prospettiva e’ inquietante…
    Ma sara’ tutto vero? Non voglio insinuare nulla, solo non amo le verita’ distorte a furor di popolo.
    Ad esempio, a proposito del professor Warwick, non c’e’ nessuna trasmissione di pensiero… Sono semplici onde radio:

    *What did your first chip implant do? When did it take place?

    “For the first experimental chip implant, back in August 1998, the implant merely sent a signal to the computer in the department here in Reading, which identified me. So the computer was programmed to open doors, switch on lights etc. depending where I was.”

    Tratto dal sito ufficiale del Dottor Kevin Warwick.
    http://www.kevinwarwick.com/index.asp

    Cerchiamo di non abboccare come pesci alle prime tesi che ci fanno comodo.