IL COLLASSO DEL PIANETA

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

blank

E’ ormai impressionante constatare quanto i nostri modelli di produzione e consumo procurino quotidianamente danni, per lo più irreparabili, al pianeta che abitiamo. Sotto il rullo compressore del cosiddetto sviluppo che avanza per mezzo dell’incitamento al consumo e dell’ “insidia” di una bassa crescita economica ci è finito il mondo intero.
L’ambiente è considerato al di fuori della sfera degli scambi commerciali,
per cui nessun meccanismo di controllo si oppone alla sua distruzione.
La concorrenza porta i Paesi ricchi a sfruttare la natura senza nessun controllo, e quelli poveri a esaurire le risorse non rinnovabili in una spirale suicida.

Noi occidentali stiamo dilapidando il patrimonio naturale più rapidamente di quanto si possa rigenerare. L'”impronta” di un americano medio è doppia di quella di un europeo e ben sette volte quella di un asiatico o di un africano.

Consumiamo il 20% in più delle risorse naturali che il nostro Pianeta può produrre, mentre le popolazioni delle specie animali sono diminuite in media del 40% tra il 1970 e il 2000: del 30% le specie terrestri e marine, del 50% quelle d’acqua dolce.

Tutto ciò è la conseguenza diretta della crescente domanda umana di risorse alimentari, di energia e acqua. In particolare lo sfruttamento delle risorse energetiche e’ aumentato di circa il 700% tra 1961 e 2001.

Sono queste le principali conclusioni cui giunge il Living Planet Report 2004, il rapporto che viene pubblicato ogni due anni con l’obiettivo di “misurare” l’impatto della presenza umana sulla Terra.

Il pianeta insomma sta collassando, e invece di lavorare a un’alternativa
che eviti l’esaurirsi delle risorse naturali, si continua
irresponsabilmente a ragionare su palliativi che prendono più che mai impropriamente il nome di “sviluppo
sostenibile”, sofisma dietro il quale si nasconde “una guerra
economica contro gli uomini e degli uomini contro la natura”.

Davide
Comedonchisciotte.net
18.11.04

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix