I nostri soldi sprecati per mascherine inutilizzabili

Comprate all'inizio della pandemia, ora giacciono inutilizzate poichè prive di certificazione e per smaltirle, ovviamente, certamente pagheremo ancora.

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Come ripota un articolo di Tgcom24, da inizio pandemia migliaia di tonnellate di mascherine sono conservate in magazzini, giacendo lì inutilizzate poichè prive di certificazioni o composte di materiali oramai scaduti. Sul loro stoccaggio la Struttura Commissariale straordinaria creata ad hoc per l’emergenza Covid, oggi sotto il comando del Generale Figliuolo, paga ancora oltre un milione di euro al mese…e io pago direbbe qualcuno!

Avviandosi al termine del suo mandato, nelle ultime settimane Figliuolo ha firmato una serie di determine e l’ultima riguarda proprio l'”accumulo ingente” di mascherine prive di certificazione europea. Secondo la ricostruzione del Generale, nella prima fase della pandemia, data l’impossibilità di reperire sul mercato le mascherine chirurgiche, il Commissario Arcuri dovette reperire in fretta almeno 218 milioni di mascherine di “comunità”, ossia prive di certificazioni e meno efficaci di quelle chirurgiche. Ad oggi, spiega nella determina, tali dispositivi “non sono mai stati richiesti, né dalle regioni, né dagli altri enti convenzionati” e “oggi non trovano più nessuna possibilità di impiego”.

Pensate ci sono così tante mascherine inutilizzate nei magazzini di tutta Italia, che il loro conteggio non è a numero ma a peso. Si stima infatti che ci siano circa 2.500 tonnellate di mascherine inutili, custodite in diversi depositi gestiti da Sda tra il Nord e il Centro.

Alcune di esse saranno distrutte, probabilmente bruciate, mentre per altre c’è ancora una piccola speranza che qualche compratore si faccia avanti, magari interessato a riciclarne il materiale per altre destinazioni. A procedere allo smaltimento, dopo la vittoria del bando, sarà la società “supergreen”A2A, ad un costo di quasi 700 mila euro…e io pago nuovamente!

La prossima volta che vi diranno che il padiglione di un ospedale deve essere chiuso perchè non ci sono soldi, o il numero degli autobus in città viene ridotto perchè non è possibile aggiustarli una volta rotti, ecco pensate a quanti dei nostri soldi ha buttato lo Stato italiano per queste mascherine inutili.

Massimo A. Cascone, 15.03.2022

Fonte: https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/covid-mascherine-senza-certificazioni-e-inutilizzabili-quasi-700mila-euro-per-distruggerle_47365091-202202k.shtml

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x