Home / ComeDonChisciotte / I MILLE MILIARDI DELLA FINANZA ISLAMICA

I MILLE MILIARDI DELLA FINANZA ISLAMICA

DI CECILIA ZECCHINELLI
corriere.it

Le aree Malaysia e Golfo Persico sono le due regioni più attive finanziariamente Semplicità Uno dei cardini è la scelta di transazioni chiare: un caso Madoff è più difficileBanche musulmane solo sfiorate dalla crisi E il giro d’ affari di Londra supera la Turchia

Sukùk, takàful, ma anche ribà: solo qualche anno fa erano parole arcane, gergo per pochi iniziati al di fuori del mondo islamico e dei suoi affari. Oggi, a scorrere le pagine economiche dei grandi quotidiani occidentali, si incontrano sempre più spesso. Perché sono termini basilari per orientarsi nel grande mare della finanza islamica. Nata a Dubai solo nel 1975, ora vicina a un giro d’ affari di mille miliardi di dollari, la moderna industria del denaro coranicamente corretta è in rapida e inarrestabile crescita ovunque. In Malaysia e nel Golfo, le due regioni musulmane più attive finanziariamente, ma non solo. Le performance in tempo di crisi superiori a quelle del nostro sistema spingono infatti molti istituti occidentali a buttarsi nel business, come già fece la pioniera Citibank nel 1996I suoi aspetti etici attirano perfino chi musulmano non è, ad esempio nel mondo cattolico. Numerosi governi di Paesi non musulmani si stanno muovendo, a partire dalla Gran Bretagna. Al recente e affollatissimo Sukùk Summit di Londra dedicato ai «bond islamici», la responsabile del Tesoro britannico per il settore, Sarah McCarthy-Fry, ha ribadito l’ intenzione di fare della City il «centro mondiale» della finanza islamica. «Questo mercato offre enormi opportunità a lungo termine e noi vogliamo coglierle», ha detto, aggiungendo che presto verranno modificate alcune normative per garantire un ulteriore sviluppo. Lo stesso stanno facendo (o hanno già fatto) Francia, Svizzera, Hong Kong e molti Paesi africani. L’ Italia prima o poi ne seguirà l’ esempio. «La finanza islamica conta ancora solo per l’ 1% del mercato globale, ma sta sviluppandosi massicciamente: in ognuno degli ultimi quattro anni ha registrato una crescita tra il 15 e il 20% e i risultati dei primi mesi 2009 indicano che la performance dei vari istituti, oltre 300 in 75 Paesi, sono in media superiori a quelli della finanza classica. E se qualcuno ha invece registrato problemi seri o perfino gravi, questo è dovuto all’ impatto del calo generale di liquidità e dell’ immobiliare, non al core-business», dice Nasser Saidi, ex ministro dell’ Economia e vicegovernatore della banca centrale del Libano, oggi chief economist del Dubai International Financial Centre, l’ importante zona franca finanziaria dell’ emirato e centro principale per i sukùk. «Le obbligazioni islamiche, sempre destinate a finanziare progetti reali, sono il segmento in maggior crescita – continua Saidi -. Nonostante il rallentamento generale prevedo che nel 2009 le nuove emissioni toccheranno i 27 miliardi di dollari, in gran parte lanciate da governi della regione. Anche vari Stati in Occidente sono intenzionati a seguirne l’ esempio. Consiglio alla Repubblica italiana di considerare un’ emissione di sukùk in euro o dirham per finanziare infrastrutture: sarebbe certo ben accolta nel Golfo».

Se altri economisti ritengono troppo ottimistiche le previsioni di Saidi sul 2009, dato il forte rallentamento del mercato manifestatosi dal 2008, la ripresa per tutti è però già iniziata. «Nel secondo trimestre le emissioni di sukùk sono scese del 35% su base annua ma dai tre mesi precedenti sono aumentate del 164% -, nota Aafaq Khan, capo della finanza islamica alla Standard Chartered -. Nel secondo semestre andrà ancora meglio». Sono vari i motivi del recente boom del settore. «Soprattutto il crescere della popolazione musulmana in Usa e in Europa, che dopo l’ 11 settembre si è molto spostata sulle “sue” banche così come ha fatto quella dei Paesi islamici. E poi il disastro partito dai subprime», spiega Malik Sarwar, amministratore delegato della società di consulenza Sarwar Wealth Advisors di New York. Che aggiunge: «L’ Occidente dovrebbe imparare i tre principi base che ci hanno salvato dalla débacle. Il primo è il concetto “kiss”, keep it simple stupid, ovvero transazioni semplici e chiare: il caso Madoff mostra che molti affidano il denaro a gestori senza sapere in quali prodotti intricati e oscuri finisca. Il secondo è la fiducia: in Occidente le banche stanno licenziando e invece il servizio ai clienti è il punto cruciale, ancor più in tempi difficili. Il terzo è la responsabilità sociale degli investimenti: ovvero il divieto ad esempio di creare denaro dal denaro, senza beni tangibili sottostanti, e quindi l’ esclusione di strumenti speculativi come i derivati, ma anche gli hedge fund, tutti ad alto rischio». Dai critici, esterni o interni al sistema, si segnalano carenze e vari ostacoli da superare.

Riguardo alla gamma di prodotti (da ampliare), alle spese per i clienti finali (da ridurre), alle differenze effettive con la finanza occidentale (da accentuare al di là dei termini). Ma soprattutto riguardo agli standard. Se la Malaysia ne ha adottati di nazionali insieme a un sistema di rating, altrove basta la fatwa di almeno tre esperti per rendere lecito un prodotto finanziario. «Finora gli istituti si sono regolati individualmente, senza molta attenzione al rischio sistemico o agli aspetti macroeconomici – ammette Ahmad Mohammad Ali, presidente della Islamic Development Bank, il colosso multinazionale con sede a Gedda -. Ma ci serve la visione d’ insieme, sapere chi è collegato a cosa». Sulla questione sono in corso difficili negoziati tra gli addetti al lavoro dei vari Paesi, divisi da interpretazioni più o meno rigide dell’ Islam. Ma una volta superato l’ ostacolo («anche gli eurobond all’ inizio non avevano veri standard», dice Saidi), si prevede che il settore conoscerà un ulteriore sviluppo. Forse non sarà vero che «la finanza islamica salverà l’ economia globale», come qualche economista occidentale ha (provocatoriamente?) predetto. Ma è certo che il mercato del denaro in nome del Corano è uscito dalla nicchia degli specialisti e non vi tornerà.

Cecilia Zecchinelli
Fonte: http://archiviostorico.corriere.it/
Link: http://archiviostorico.corriere.it/2009/luglio/24/mille_miliardi_della_finanza_islamica_co_9_090724019.shtml
24.07.2009

VEDI ANCHE: L’ECONOMIA GLOBALE SARA’ SALVATA DALLA FINANZA ISLAMICA

CROLLO NEI MERCATI STATUNITENSI: UNA PROSPETTIVA ISLAMICA

LE BANCHE DI ALLAH

Pubblicato da Davide

  • gelsomino

    ALLAH AKBAR !

  • ROE

    Anche la finanza isalmica è fatta da moneta corso legale priva di valore reale ed al posto degli interessi i prestiti islamici (i cosiddetti prestiti graziosi) prevedono premi assicurativi ed altri oneri per un totale pari agli interessi richiesti dalle altre banche.
    L’unica soluzione è Dhana (www.dhana.org).

  • Gariznator

    http://news2000.libero.it/editoriali/ede92.html

    é una bufala, una truffa… Per cortesia si evitino pubblicità a cose così meschine…

  • redme

    ..anche la chiesa cattolica prevedeva qualcosa di simile …poi Calvino e ancora fino allo IOR e compagnia bella…una vecchia trovata per circuitare soldi nuovi..

  • LucaV

    Oh mio Dio, ma quale Dhana! Ho letto la pagina di presentazione inviatami da un amico su comedonchisciotte.
    Mi chiedo: Quando leggete capite o prendete tutto come oro colato???? ORO COLATO poi…pessima similitudine!
    Magari si potesse parlare di oro colato!

    IL DHANA è UNA TRUFFA.
    IL DHANA SE VENISSE APPLICATO, A PARTE LA TRUFFA, PORTEREBBE ALLA REPUBBLICA DELLA TERRA (GOVERNO MONDIALE?) E MONETA GLOBALE. DICESI DITTATURA.

  • ROE

    Dhana non è una truffa ma l’unica soluzione per iniziare a ridistribuire equamente la ricchezza. Ma, come tutte le soluzion concrete, deve essere studiata per essere capita e per superare i pregiudizi costruiti da chi vuole lasciare le cose come stanno.