Home / ComeDonChisciotte / I LEGAMI DI ASSANGE CON LA RIVISTA ECONOMIST, CONTROLLATA DAI ROTSCHILD

I LEGAMI DI ASSANGE CON LA RIVISTA ECONOMIST, CONTROLLATA DAI ROTSCHILD

DI JANE BURGERMEISTER
birdflu666.wordpress.com

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange ha ricevuto un premio dalla rivista “Economist”, una pubblicazione finanziaria controllata dalla famiglia bancaria Rothschild, ed è anche intervenuto in un video dell’ “Economist”, suscitando domande sul conflitto di interessi. Assange ha predetto che un assalto agli sportelli potrebbe essere scatenata dalle fughe di informazioni bancarie ma non fa cenno al fatto che questo sfocerebbe nel derubare milioni di persone a causa del metodo di funzionamento del sistema bancario di riserva frazionaria, e a beneficiare le banche.

È vero che un assalto false flag agli sportelli gonfiato dai media bancari e realizzato da un agente dei Rothschild verrebbe organizzato per derubare milioni e per mettere in pratica delle leggi di emergenza?

Julian Assange, il fondatore di Wikileaks che intende diffondere documenti bancari che smonteranno “una o due” delle principali banche secondo Forbes, ha ricevuto un premio dall’Economist, una rivista di proprietà dell’Economist Group, metà del quale è posseduto dal Financial Times, consociata della Pearson PLC. Un gruppo di azionisti indipendenti, compresi molti membri dello staff e della famiglia bancaria inglese Rothschild.

Kurt Nimmo scrive che l’Economist è di proprietà dei membri della famiglia Rothschild. È gestito dall’Economist Group, un noto fronte della CIA

http://www.infowars.com/rothschild-and-cia-publications-attack-constitution-worshipers/

La blogger greca Vicky Chrysou ha scoperto che Assange ha vinto un Economist Censorship Index Award nel 2008.

http://vickytoxotis.blogspot.com/2010/11/wikileaks-wikileaks.html

Gli stretti legami di Assange con la pubblicazione finanziaria leader a livello mondiale, che ha regolarmente fornito informazioni errate sull’eurozona e sui bailout bancari, vengono sottolineate dal video di una recente intervista da lui tenuta con la rivista Economist.

http://www.youtube.com/watch?v=E_HPLHIBTtA&feature=player_embedded

Non solo Assange ha ricevuto premi dalle pubblicazioni finanziarie della famiglia bancaria Rothschild; ha anche ricevuto un premio da Amnesty International, che lavora a stretto contatto con l’ONU, a sua volta associato al FMI, la Banca Mondiale che beneficia politicamente e finanziariamente dei giganteschi debiti nazionali accollati dalle banche ai paesi con l’aiuto di politici servili.

Le ultime Wikileaks di Assange sono state molto pubblicizzate dai media principali di tutto il mondo come grande discussione diplomatica e fattore destabilizzante, malgrado il fatto che si tratti in gran parte di futili pettegolezzi ed informazioni che sono in linea con gli obiettivi della rivista The Globalist.

Se Assange fosse un vero attivista, non verrebbe seguito dai media principali, per non parlare dei titoli di ogni giorno su ogni ben conosciuta pubblicazione dei media mainstream. Il presunto nascondino tra Assange ed il governo degli Stati Uniti e anche l’Interpol viene recitato sul palco dei media mondiali quando è risaputo che il governo degli Stati Uniti e l’Interpol possono arrestare praticamente chiunque quando vogliono date le loro immense risorse.

Anche l’Economist ed il Financial Times erano tra i media mainstream che hanno regolarmente gonfiato la pandemia dell’influenza suina ed il bisogno di vaccinazioni nello scorso aprile, mentre nascondevano le informazioni sull’incidente per cui la Baxter ha contaminato 72 chili di vaccino per l’influenza stagionale con il virus dell’aviaria nei suoi laboratori di biosicurezza di livello 3 – praticamente impedendo un incidente – e così ha quasi scatenato un’epidemia globale di influenza aviaria.

Questo gruppo di media ha anche fornito costantemente delle informazioni errate sull’attuale crisi finanziaria e su come è stata architettata dalle banche per derubare le persone, usando il sistema bancario di riserva frazionaria.

Il professore dell’Università di Economia di Vienna Franz Hormann ha recentemente spiegato come “le banche creano soldi dal nulla” in un modello di frode in un’intervista al Der Standard. Hormann ha inoltre affermato che l’attuale teoria economica è “propaganda politica”. Ma l’Economist Group ed il FMI declamano continuamente questa propaganda per il beneficio delle banche.

Una corsa agli sportelli potrebbe sfociare in una perdita del denaro, dei risparmi, delle buste paga della gente, portando così alla rovina milioni di persone – ma questo è quello che Assange vuole, in quanto questo è ciò che succederà, dal momento che chiunque con delle nozioni base di economia sa. Il sistema bancario di riserva frazionaria significa che il denaro o il capitale delle persone messo in banca non ha bisogno di essere sul loro conto: il capitale può essere spalmato su tutte le attività bancarie, rinchiuso in obbligazioni ed azioni. I governi hanno garanzie veramente limitate per i depositi.

Quindi se i banchieri possono architettare una corsa agli sportelli, sarà la gente normale ad essere derubata ancora una volta. Assange procede con la propaganda per cui le banche hanno dei capitali e non cifre di riserva frazionaria.

C’è da aspettarsi che i media aziendali gonfino le fughe di dati bancari di Assange e pubblicizzino il disastro e così aiutino le banche a giustificare la chiusura dei battenti ed allo stesso tempo a rovinare milioni se non miliardi di persone in un crollo devastante come quello del 1931.

I media hanno trasformato la lieve influenza suina in una pandemia e possono anche trasformare pochi prelievi in più in una corsa agli sportelli finché non ci diamo una mossa e chiediamo che i servizi finanziari esaminino tutti i prelievi.

Dato che l’euro si sta sgretolando più velocemente del previsto, i bancari vogliono disperatamente istituire una qualche forma di legge di emergenza o di legge marziale ed una corsa agli sportelli false flag iniziata dal loro agente Assange e gonfiata dai media si adatterebbe perfettamente ai loro piani.

Le sue azioni irresponsabili che potrebbero ridurre l’economia mondiale in una Pearl Harbour finanziaria — anche il 7 dicembre, la data fissata per un altro irresponsabile assalto agli sportelli — sono certamente quelle di un agente che lavora per le banche e che potrebbe addirittura essere agli ordini diretti dei Rothschild visto il suo stretto legame con l’Economist. Il suo compito è distruggere il sistema finanziario prima che l’eurozona si frammenti, permettendo potenzialmente ai paesi di ripristinare le loro valute e riacquistare la loro sovranità.

Il suo gigantesco crimine finanziario è anche destinato a screditare i media alternativi ed i giornalisti investigativi e fornire così l’opportunità per chiudere i siti web e reindirizzare la gente ai media tradizionali.

Inoltre, le accuse infamanti di stupro sono state progettate per screditare i giornalisti investigativi agli occhi del pubblico.

Aiutate la diffusione di questa notizia: un assalto agli sportelli false flag pubblicizzato dai media viene pianificato da un agente dei Rothschild e porterà alla rapina di milioni di persone. Fate in modo che i regolatori finanziari e la polizia analizzino tutte le transizioni finanziarie e fermino le banche dal dichiararsi artificialmente fallite, derubando in tal modo i clienti.

Jane Burgermeister
Fonte: http://birdflu666.wordpress.comI

Link: http://birdflu666.wordpress.com/2010/12/01/wikileaks-founder-julian-assange-has-close-links-to-the-economist-controlled-by-the-rothschild-banking-family/

2.12.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ROBERTA PAPALEO

Pubblicato da Davide

  • AlbaKan
    E mica finisce qui…
    Daniel Estulin ha scoperto molto altro su WIKILEAKS E ASSANGE [www.vocidallastrada.com]
  • kenoby

    … che le illazioni contenute in questo articolo, erano del tenore di quelle sulla tossicità del vaccino contro l’influenza suina che secondo alcune fonti, avrebbe avuto lo scopo di decimare la popolazione mondiale… poi arrivo alla fine e chi vedo come autore??? La Burgermeister!!! La stessa giornalista fantascientificoinvestigativa!!
    Sono sicuro che Assange è pilotato, sono sicuro che la suina è stata un bluf e una truffa bene architettata (e che i vaccini siano immondizia chimica), ma sono anche sicuro che la Burgermeister è (come diciamo a bologna) una gran ciocapiatti. Auguri Jane, magari stavolta ci azzecchi.

  • alinaf

    E altri dicono altro e altro ancora……….
    http://www.stampalibera.com/?p=19399#more-19399.
    Ciao, Alba !!!!!!!!

  • AlbaKan

    Ciao Alina, è credibile uno che con tutte le sue “fonti segrete” non sa che le torri gemelle NON le hanno tirate giù i terroristi islamici?….Un pò pittoresco non trovi? Credo che basti solo questo per dubitare di Assange…

  • D3M4GNIFICIS

    Sono nuovo…..ma mi chiedo – con dubbio metodico – estullin scrive tante cose che non sono verificabili. Faccio un esempio, estullin scrive:

    “Secondo fonti del KGB, a metà del 1986, Karl Koch disse a diversi dei suoi amici durante una festa di pirati cibernetici, tutti strapieni di alcol e droghe, che gli era stato offerto un accordo difficile da rifiutare e che gli avrebbe risolto i suoi problemi economici. Uno dei presenti a quella riunione- in base agli archivi del KGB- era il fondatore di Wikileaks, Julian Assange. Un altro individuo il cui nome appare negli archivi del KGB è il programmatore Dirk Brezinski, di Berlino Ovest. Rapporti del KGB parlano di Brzezinski come di un genio informatico che lavorava part time per il sistema operativo mainframe di Siemens- BS-2000”

    Ok, grandioso. Ma io finchè non vedo le fonti come posso crederci? Perchè non allega la fonte che ha consultato?

    Come faccio io a crederci se sono che dubita di tutto?

    Illuminatemi

  • kenoby

    tutto cio che non è fornito da prove certe e documentali a mio avviso può anche non essere scritto. Hai ragione.

  • Truman

    Se si parla di un processo in tribunale, bisogna portare prove certe.

    Ma durante le indagini bisogna raccogliere tutti gli indizi possibili, anche le dicerie.

    Se poi infine si cerca di fare informazione, va valutata la fonte. Estulin finora mi è noto per aver fornito informazioni, spesso anche in anticipo, sulle riunioni del Bilderberg, e finora nessuna informazione si è rivelata falsa. Va detto che molte cose scritte da Estulin non potranno mai essere verificate, ma non sono poche le informazioni da lui fornite che in seguito sono state confermate da altre fonti.

    Curiosamente, Estulin ammette di essere stato una spia e questo me lo rende, almeno in parte, credibile. Assange vuol far credere di difendere le libertà dei cittadini e mi suona completamente incredibile.

  • Galileo

    Le informazioni o dis-informazioni, sono informazioni.

    Poi stá a te fartene una idea, confermarle con altre fonti, avere un quadro de la immagine o tirarle nel water.

  • david799

    Scaricatevi i Protocolli dei Savi di Sion e studiateli.

    http://www.juliusevola.it/pdf/protocolli.pdf

  • rasna-zal

    E’ vero che Estulin ha una buona credibilità come giornalista investigativo, altrettanto vera è la tua considerazione.

    Prima, durante e dopo essersi fatti una idea personale su chiunque abbia scritto o detto qualcosa è sempre bene porsi le tue domande. Ciao
  • D3M4GNIFICIS

    Sono l’opera di falsari!!!

  • D3M4GNIFICIS

    Grazie per le risposte….proverò a verificare di persona le informazioni

    Ciao

  • david799

    Ecco il solito pappagallo senza cervello (vi si riconosce dal numero di punti esclamativi).

    Prima leggili, DOPO parla. Se non li hai letti chiudi il becco.

  • D3M4GNIFICIS

    Ma quanto sei offensivo da 1 a 10?Si vede che non sei abituato a “confrontarti”…..

    Dal momento che mi reputo ANCORA una persona rispettosa e sopratutto tu a me “chiudi il becco” non me lo dici, ti rispondo, anche se sarei propenso a mandarti a quel paese.

    I protocolli li ho letti, è angosciante il contenuto…

    Ma ripeto, è stato dimostrato filologicamente che si tratta di un documento di provenienza falsa…..

    Es. Io, falsario, scrivo un libro a mò di autobiografia del premier, e lo intitolo “io berlusconi, vi racconto”. E scrivo che il premier racconta i suoi progetti personali attuabili attraverso l’uso improprio delle istituzioni; e ci scrivo, ad es., che la legge sulle intercettazioni l’ha voluta per restringere effettivamente la possibiltà di essere intercettato (lui o compagnia varia).

    Ora un gruppo di persone dopo l’emanazione della legge, studia gli effetti che questa ha prodotto. Poniamo che abbia per es. bloccato la giustizia, reso impossibile la ricerca della prova nei processi, e garanti di fatto una impunità a tante persone, tra cui lo stesso berlusconi & Co.
    Questa analisi degli “effetti” potrebbe portare qualcuno a dubitare – e forse giustamente – che gli obiettivi del premier non erano quelli proclamati pubblicamente (garantire privacy e cittadino da persecuzioni giudiziarie) ma altri trasversali più sinistri (ossia tutti o qualcuno di quelli realmente prodotti).

    Ma rimane sempre il fatto che non potrò mai affermare che berlusconi abbia DELIBERATAMENTE voluto quella legge per bloccare la giustizia. Posso ipotizzarlo. Non posso escludere che berlusconi credesse veramente di garantire il cittadino anche se poi le cose sono andate diversamente.
    Mentre potrei affermarlo con certezza se mi trovassi dinanzi lo scottante documento “io berlusconi, vi racconto” grazie al quale verrebbero alla luce le vere intenzioni del premier.

    E lo stesso discorso per i protocolli. E’ un falso, non è stato scritto da nessun saggio di sion. Far finta che i protocolli siano autentici, significa rinunciare al dubbio metodico che deve sempre accompagnare chi fa “scienza” (in questo caso sociologico-economico).
    Poi che vi sia una setta ebraica che abbia ordito a tavolino tutto quello che è scritto nei protocolli IO PERSONALMENTE NON LO ESCLUDO. Infatti continuo a ricercare con onestà intellettuale elementi a supporto. E tra questi elementi a supporto non faccio rientrare i protocolli.

    Come dire se tutti utilizzassero il tuo metodo sarebbe facilmente “orientabile” la ragione.

    Rivedi qualcosa.

  • alecale

    caro di3m……. tu non sai cosa é l differenza tra falso e il vero , tanto che ti inganni da solo.
    ciao