Home / ComeDonChisciotte / I DERIVATI E LA RIVOLTA DI GRECIA

I DERIVATI E LA RIVOLTA DI GRECIA

DI FRANCESCO CASELLI
Comedonchisciotte

I contratti Derivati sono una scadente e velleitaria imitazione dei contratti assicurativi,
stipulati pero’ in ambiente finanziario e sprovvisti di Riserve appositamente
accantonate a sostenere il rischio “pseudo-assicurativo” apparentemente assunto.
Essi in genere si instaurano tra una Societa’ Finanziaria ALFA, venditrice di
copertura “assicurativa”, ed una Societa’ Finanziaria BETA, acquirente di detta garanzia.

La societa’ BETA ha, per esempio, intenzione di comprare Titoli di Stato della Grecia.
Per garantirsi dal rischio di perdervi denaro, nel caso tale nazione nei prossimi anni
mancasse di effettuare i pagamenti, si rivolge alla collega societa’ Finanziaria ALFA.
La societa’ ALFA fa valutare da esperti il rischio globale di inadempimento della Grecia.
Dopo di che dichiara alla societa’ BETA cliente che oggi 09 dicembre 2008 il prezzo
di questa specie di “assicurazione finanziaria” ammonta $ 247 l’anno per ogni 10 mila $
assicurati. Siccome l’investimento e’, poniamo, 650 mila $, cioe’ 65 volte maggiore,
la rata annuale ammontera’ a 247 $ x 65 = 16.055 $ Presso di essa societa’ ALFA, pertanto, la societa’ BETA sottoscrive un contratto
della durata, poniamo, pari a 5 anni, impegnandosi a pagare una rata annuale per 5
anni di seguito.

Con tale spesa la societa’ BETA puo’ ritenere di poter procedere contemporaneamente
all’acquisto dei Titoli di Stato di Grecia per 650 mila $, con la convinzione di aver una
certa qual protezione dal rischio di perdere il Capitale investito.

In realta’ non e’ affatto cosi’. La sottoscrizione di detto contratto e’ niente piu’ che
una “scommessa finanziaria” tra due Societa’ viziate, sino a qualche mese fa, dalla vita
troppo facile, parassitaria, a carico di disinformati e fiduciosi investitori, non protetti
affatto dalle Autorita’ devolute al controllo delle transazioni finanziarie. In Italia
come in Svizzera, in Gran Bretagna come in Usa: ovunque.

Infatti quel contratto non e’ stabile, fissato per sempre, una volta per tutte, negli
importi. La valutazione del rischio puo’ cambiare praticamente ogni giorno, e
cosi’ il valore del contratto nelle mani delle due societa’ che lo hanno sottoscritto.
Esso assomiglia, pertanto, di piu’ ad un titolo azionario, con la possibilita’ di
oscillazioni di valore rapidissime e di notevole importo. Inoltre, pur
“giocando a scommettere” con i soldi dei propri investitori in senso stretto, ma
anche con quelli della comunita’ nazionale in senso lato, la transazione nella
maggioranza dei casi e’ ignota alle Autorita’ di controllo. Essa non avviene
nell’ambito di un Mercato Regolato. Essa rappresenta una questione “privata”
tra i vertici delle due Societa’, mettendo a rischio i soldi degli ignari Depositanti,
pero’ !

Una Societa’ guadagnera’ a danno dell’altra, che perdera’ nel confronto specifico,
ma sono i loro rispettivi Investitori e Depositanti che saranno veramente e sempre
perdenti, perche’ a loro e’ riconosciuto un solo ruolo: rimetterci sempre.

Infatti esse Societa’ riporteranno quel contratto nei loro libri contabili, con dati
alterati rispetto al vero, favoriti in cio’ dalla opacita’ della transazione, avvenuta in
assenza di ogni controllo da parte di terzi, e dalla variabilita’ nel tempo del valore
del contratto medesimo. Esso viene valutato in contabilita’ ufficiale come fosse
un “assett”, un bene, un valore, come fosse denaro, una massa enorme, irreale,
inesistente di denaro. Lo scopo vero di quel contratto, infatti, e’ molto di piu’ la
creazione di denaro fittizio, a beneficio, sia pure in diversa misura, di entrambe
le societa’ finanziarie, che non una asserita e pretestuosa pseudo-assicurazione
finanziaria.

La nullita’, la speciosita’, la natura truffaldina dei contratti Derivati e’ sostenuta,
tra i tanti, anche dal Politologo ed Economista statunitense Lyndon LaRouche Jr.
Egli da anni conduce una battaglia per il puro e semplice annullamento di tutti
i contratti Derivati, che invece le Finanziarie e le Banche di tutto il mondo si
ostinano a ritenere provvisti di un grande e non ignorabile valore finanziario.
Quel preteso valore e’ costituito al 100% di USURA e di creazione
FALSARIA DI DENARO.

Il ministro della Economia Giulio Tremonti e’ un altro studioso, che dichiaratamente
conosce, apprezza e segue la produzione scientifica di L. LaRouche Jr.
Anche il nostro ministro si e’ espresso da molti mesi per la cancellazione dei Derivati,
come maniera per liberare l’Economia mondiale da un incubo. Egli, tuttavia, denuncia
il problema ai propri Concittadini e al Mondo in maniera sibillina, oracolare, come
riservata ad iniziati. Forse per timore della reazione di Finanziarie e di Banche.
In effetti va riconosciuto a suo merito che tra i Politici della zona Euro egli e’ uno
dei pochi che si sia esposto. Tra i Politici della Sinistra italiana, poi, assolutamente
nessuno ! Tuttavia il parlare chiaro ai Concittadini e’ la premessa obbligatoria perche’
essi comprendano ed entrino con il loro peso, specie se uniti, nella questione.
In gergo calcistico si direbbe “entrare a piedi uniti sull’avversario”. Purtroppo il
Premier Silvio afferma da anni che “gli Italiani hanno la maturita’ di dodicenni”.
Forse il suo Ministro della Economia accetti la valutazione. Essa puo’ essere
condivisa in relazione ad una parte dello Elettorato, ma e’ un errore marchiano
estenderla a tutti gli Elettori. Senza considerare che e’ compito preciso della
Dirigenza Politica di una nazione elevare, e non abbassare, il livello di conoscenze
dei Cittadini. Il ministro Tremonti, pertanto, si e’ qualificato come una guida
efficace solo a meta’ per la nostra nazione. La circostanza che solleva il morale e’
che egli, tuttavia, sia pure con i citati limiti, fa una figura da Grande della Politica
rispetto ai Colleghi di tutta Europa, compresi quelli delle nazioni erroneamente
considerate dagli Italiani piu’ blasonate della nostra, e con la puzza al naso.
In conclusione un mezzo Ministro rispetto alla nullita’ dei Ministri europei.

Se LaRouche, Tremonti e gli altri Studiosi fossero ascoltati, probabilmente
la Rivolta di Grecia finirebbe, e la Rivolta di Italia non continuerebbe.
Difatti questa appare aver gia’ avuto inizio, sia pure in maniera non violenta,
e per i medesimi motivi di Usura e conseguente taglio di Fondi che in Grecia.
Stiamo evidentemente riferendoci alle manifestazioni di novembre per i tagli
nella Scuola, come anche alla morte dell’alunno “perche’ in Italia non si
provvede piu’ alla manutenzione degli immobili scolastici”, come in lodevole
completa sincerita’ ha apertamente dichiarato il Commissario Bertolaso.
Per la Scuola appare particolarmente terribile il taglio di Fondi nelle
elementari del Meridione, con le classi portate a 30 alunni cadauna e la
eliminazione dell’orario pomeridiano. Che pero’ rimane se i genitori si
assoggettano al pagamento di varie centinaia di Euro mensili per ogni figlio.
Sicche’, in un ambiente sociale spesso degradato, i bambini, che potevano
rimanere al sicuro ed accuditi da personale insegnante sino alle 17:00,
vengono buttati in strada alle 12:30, ove rimarranno sino a sera.

I Finanzieri ed i Banchieri, in realta’, probabilmente tra se’ pensano che
effettivamente negli ultimi anni hanno esagerato alquanto con l’Usura.
Tuttavia, follemente avidi quali sono, probabilmente ritengono e scommettono
pure che basta resistere ed anche questa volta, sia pure con grande rischio e
fatica, riusciranno a passarla liscia, a far accettare anche questo loro enorme
passo falso ai Cittadini-Investitori. Se questi ultimi, pero’, si soffermeranno
ad esaminare gli importi in questione, potranno convenire che condonare ai
Finanzieri questi importi e’ pressocche’ impossibile.

Consideriamo, come termine di paragone, che il PIL degli Usa ammonta a
circa 14 Trilioni di $, ossia 14 mila miliardi di $. Ebbene i Derivati, finto
denaro, circolanti nel mondo, sconosciuti a quasi tutti, ammontano a circa
100 anni di produzione totale negli Usa. SI ! Avete capito bene !
Circa 1.400 Trilioni di dollari !
E’ proprio questa “Bomba atomica finanziaria dei Derivati” che ha iniziato
a scoppiare, approssimativamente il 25 luglio 2007, portando casualmente
con se’ all’attenzione mondiale la questione della punta dell’iceberg, di
entita’ decisamente ridotta a paragone. E cioe’ quella dei mutui concessi
in Usa a clienti finanziariamente inadatti all’impegno di comprare casa.
Una questione minore, utilizzata a meraviglia per distrarre il mondo dal
problema vero.

Dobbiamo alla cortesia della Banca Bespoke la figura 01 seguente, che
indica le quotazioni attuali dei Derivati per le Nazioni. E piu’ precisamente
i Derivati del tipo CDS (Credit Default Swap), ampiamente diffusi.

Dicitura in alto: “Valutazione del rischio di inadempienza per nazioni, per il
tramite dei prezzi dei CDS”.

Dicitura in basso: “Costo per anno, per assicurare un importo debitorio di
10 mila Dollari, per la durata di 5 anni”

Nella figura 01, aggiornata al 07 dicembre 2008, la colonna di destra e’
l’importo della rata al 01 gennaio 2008.
La colonna seconda da destra indica la variazione percentuale dello
importo della rata negli ultimi 30 giorni.
La colonna terza da destra indica l’importo della rata al 07 novembre 2008.
La colonna quarta da destra indica l’importo della rata al 07 dicembre 2008.

Le nazioni sono indicate con un rischio crescente dal basso verso l’alto.
Quindi Germania, Giappone e Francia, cioe’ quelle in fondo alla lista,
sono le piu’ solide ! Eppure possiamo constatare che anche tali
“prime della classe” sono significativamente peggiorate in 11 mesi.
L’ accelerazione del peggioramento e’ in effetti preoccupante per quasi
tutte le nazioni.

Ora possiamo cominciare ad approfondire la situazione dell’Italia,
della Grecia, ecc.

L’Italia si troverebbe, per fortuna, nel terzo inferiore della lista.
Negli ultimi 30 giorni sarebbe piuttosto sensibilmente peggiorata.
A partire dal 01 gennaio 2008 il rischio si sarebbe moltiplicato per 9,
ma rimarrebbe ben lontano da quello delle nazioni al top della lista.
Ossia Argentina, Venezuela, Islanda, ecc.

La Grecia si troverebbe a meta’ della lista. Dall’inizio dell’anno il
rischio si sarebbe moltiplicato per 12. Negli ultimi 30 giorni sarebbe
raddoppiato.

Invitiamo, tuttavia, ad assumere con beneficio di inventario questi
dati, che invece nel mondo Finanziario mondiale costituiscono quasi
articoli di fede. Le truffe falsarie ed usuraie di cui sopra sarebbero
precipuamente una invenzione del mondo finanziario anglosassone,
alla cui guida siede la City di Londra. La City si considererebbe il
ponte di comando di un Impero Inglese, di cui essa pervicacemente
non accetterebbe la fine. La figura, in particolare, consente la
presenza letteralmente abusiva nella parte bassa di UK
(United Kingdom) ed Usa. Accostare la solidita’ finanziaria di UK
ed Usa a nazioni effettivamente solide e serie come Germania e
Giappone appare una ulteriore truffa. Le prime due nazioni sono
l’emblema del Parassitismo Finanziario, e quindi, in questi tempi,
sono alla disperazione, sinora piuttosto ben mimetizzata. Ben diverse
le ultime due, che vivono di Produzione Industriale di molto elevata
Qualita’. Parassiti contro Produttori.

Una contesa che esiste, tale e quale, e del tutto irrisolta, pure nella
nostra nazione. Questo “Apocalisse Finanziario”, o forse vero e
proprio “Apocalisse” e basta, potrebbe fornire un violento impulso
al cambiamento in tali questioni irrisolte in Italia da decenni, anzi
recentemente del tutto peggiorate.

In buona sostanza la Tabella va intesa, almeno in parte, anche nel
senso del “Politicamente corretto”. Affermazione del tutto
plausibile, se si accetta che alla base del Sistema Finanziario Globale
sussistano Truffa ed Usura. Se una nazione e’ invisa alle due citate
Potenze dominanti nel mondo finanziario, e’ probabile si trovi nella
lista piu’ in alto di quanto meriti. Un esempio sarebbero la Russia
al 4° posto e la Cina al 24°, entrambe titolari di enormi eccedenze –
soprattutto la Cina – di valuta in Dollari, e quindi dirette creditrici
degli Usa, abusivamente allogato nella parte bassa della figura.

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

Non facciamoci prendere dal panico !
Ricordiamoci almeno che questa situazione drammatica e’ pur sempre
la conseguenza SOLO di una TRUFFA, una dolorosa, maligna,
incredibile truffa !!
Solamente la diffusione della Verita’ la puo’ debellare.

Per i Credenti, inoltre, la Verita’ equivale a Cristo. Infatti leggiamo nel
Vangelo di Giovanni, cap. 14, verso 6: “Io sono la via, la VERITA’, la vita.”

Francesco Caselli
Fonte: www.comedonchisciotte.org
9.12.08

Pubblicato da Davide

  • idea3online

    Complimenti!

  • Zandaer

    Davvero complimenti, mi è piaciuto tanto.

  • gionetic

    Finalmente un articolo che spiega le cose per benino e permette di capire qualcosa anche ai poveri ignoranti come me…

  • lino-rossi

    ottimo

  • sisifo

    Questo articolo merita più di un plauso per la chiarezza con cui tratta l’argomento.
    A questo punto non resta che diffondelo il più possibile.

    Ciao e grazie