Home / ComeDonChisciotte / I CORPI BUNGA BUNGA E LE MERCIFICAZIONI DEL DIO DENARO

I CORPI BUNGA BUNGA E LE MERCIFICAZIONI DEL DIO DENARO

DI GIULIETTO CHIESA
megachip.info

La legge del denaro, quella che “regola” la mercificazione dei corpi e degli esseri umani, è sull’orlo del proprio fallimento. Al di là di ogni contesa giudiziaria, ciò che emerge è un Paese che sta producendo sempre nuova “carne da cannone”. E’ necessario perciò custodire memoria e indignazione per poter preparare la via di uscita da questo orrore.

LA REGINA CATTIVA della favola di Biancaneve oggi direbbe: specchio, specchio delle mie brame, chi è il più ricco del reame? Il bunga bunga è l’estrema propaggine della mercificazione cui tutti siamo stati trascinati a viva forza.

La società umana è da tempo divenuta mero accessorio del sistema economico, anzi, società e mercato sono ormai la stessa cosa. E poiché questo sistema è dominato dal denaro, ecco che ogni individuo, e gli individui tutti insieme, cioè la società, è ora funzione del denaro.
Uomini e donne, donne e uomini, la natura intera, l’acqua, l’aria, sono diventati merce. In certi casi si vede di più, in altri meno. Quando si vede, ovviamene fa schifo, perché noi siamo ancora legati al nostro passato, alla nostra storia, e ce ne accorgiamo. Non tutti, ma tanti. E ce ne offendiamo quando vediamo non solo che c’è chi si vende, neanche per bisogno, ma per consumismo, ma soprattutto quando vediamo che, per molti, questa è già la norma.

Se ci sentiamo offesi è perché, donne e uomini, ancora resistiamo a questa nuova legge che – in tutto l’Occidente – è dogma. Ma dobbiamo sapere che il denaro ha già vinto e piegato a sé la maggioranza dei ricchi del pianeta. E – come vediamo attorno a noi – anche molti che ricchi non sono affatto, vedono e sentono come i ricchi, anche se non lo sanno neppure. E non lo sanno perché non si possono vedere allo specchio. L’unico specchio che vedono è quello della tv e del computer, che però rimandano indietro solo l’immagine di noi che la società dello spettacolo ha prodotto per tutti. Per questo corrono dietro la carota profumata – uomini e donne – che è stata predisposta per loro.

E quando il vecchio maiale che ci sgoverna sarà andato via, ci sarà qualcuno che terrà ben ferma in mano quella carota, che è il denaro sempre a portata di mano, ma mai raggiungibile per i più.

Il fatto è che il denaro potrà essere rovesciato ormai solo dal proprio fallimento. La buona notizia, l’unica che offre il convento, è che questo fallimento è cominciato.

Non è lontano quando lo si vedrà perfino a occhi nudi. E lo si vedrà perché la società dello spettacolo ha anch’essa un limite. E questo limite è la nostra sopravvivenza fisica. In altre parti del mondo lo sentono già questo limite. Noi potremo dilazionarlo ancora un po’, perché siamo più ricchi e possiamo comprarci un respiro in più. Ma quando verrà – anche questo dobbiamo sapere – vi saranno sul terreno da noi, in Occidente, milioni e milioni di inebetiti, rincretiniti, pazzi privi di bussole, incapaci di raccapezzarsi. Saranno pericolosa carne da cannone, e potranno essere scagliati contro di noi.

Noi donne e uomini, siamo offesi per essere stati trasformati in merce dal denaro. Che ci ha rubato bellezza, amore, affetti, solidarietà, che ha invaso il nostro lavoro e il nostro tempo di vita; che ci ha reso più poveri. In tutti i sensi. Noi lo vediamo ancora. La maggioranza non lo vede più. Sono sudditi di una gigantesca colonia senza confini. L’Italia non è peggio del resto. Ci è stato dato in sorte il compito più ingrato di sperimentare l’abiezione più compiutamente degli altri. O, semplicemente, tutto deriva dal fatto che abbiamo conservato un po’ di memoria. Ma non è essenziale.

Essenziale è che ci siamo ancora, che non siamo pochi e che non ce ne andremo. Perché abbiamo un compito: preparare la via d’uscita da questo orrore e dalle convulsioni che produrrà.

Giulietto Chiesa
Fonte: www.megachip.info
Link: http://www.megachip.info/rubriche/34-giulietto-chiesa-cronache-marxziane/5763-i-corpi-bunga-bunga-e-le-mercificazioni-del-dio-denaro.html
6.03.2011

da «La Voce delle Voci», marzo 2011.

Pubblicato da Davide

  • alvise

    Tutte ste ragazze al servizio di berlusconi, personalmente non ci trovo nulla di diverso tra loro ed una bambola gonfiabile, tutte e due senza anima, a meno che berlusconi pensi che andando a letto con lui ci mettano anche l’anima, quelle in carne ed ossa intendo.Certo, una bambola gonfabile non ha calore corporeo, ma lo si può fare, non parla, ma anche su questo si può intervenire, però avrebbe tanti vantaggi, non direbbe con chi è stata, e dove è stata, e costerebbe solo il prezzo di acquisto, quelle vere invece dicono con chi sono state, si fanno intervistare, ed il prezzo aumenta tutte le volte.Sarebbe bene che berlusconi pensasse a questa possibilità, mi sa che al suo fianco ha cattivi consiglieri…..

  • Kazonga

    No, non siamo pochi, anzi: siamo la maggioranza. Ma potremmo essere anche il 99,999%: perderemmo lo stesso, se non emergerà una classe dirigente d’opposizione al sistema in grado di canalizzare e focalizzare tutte queste (immense) energie.

    Il problema è tutto qui: non esiste una classe dirigente, un’avanguardia, un nucleo coordinatore (chiamiamolo come ci pare, il concetto è lo stesso) che possa convogliare tutte queste energie alternative contro il marasma in cui siamo precipitati.

    Se non si sblocca questo punto, avremo davanti altri 50 anni di dittatura del mercato, del capitale, dell’azienda, del denaro, della finanza.

    Garantito al limone.

  • consulfin

    non possiamo aspettare una nuova “classe dirigente”. Anche perché le classi dirigenti si rinnovano molto più lentamente del resto della società. Di solito si è chiamati a fare i dirigenti e chi chiama non vuole certo il rinnovamento. La carta della classe dirigente non si può giocare.

  • sandrez

    esatto…”Il potere tende a corrompere, il potere assoluto corrompe in modo assoluto.”…non aspettiamoci che qualcuno risolva la situazione…chiunque andrà al potere non farà altro che mantenere le cose tali e quali alla fine.

  • RicardoDenner

    Ma un’attrice o un attore che fa pubblicità di un prodotto scadente ..non si vende..?
    E chi va a pulire cessi per qualche euro..non si vende..?

    Chi va a cena da Berlusconi si vende come tutti..
    Cioè…
    I venduti si dividono in venduti e chi critica i venduti..

  • AlbertoConti

    Il denaro è preso come sinonimo di ricchezza materiale, ma non è esattamente così. Il denaro è solo un mezzo per ottenere ricchezza, ed il suo accumulo altro non è che indecisione su quale tipo di ricchezza ottenere in cambio. La degenerazione dello strumento denaro sta proprio in questa confusionme dei ruoli, che porta a confondere la ricchezza con la rendita ed al diabolico concetto che il denaro produce denaro, ovvero la finanziarizzazione dell’economia. E’ una degenerazione evitabile, come lo è la tendenza spontanea alla concentrazione di ricchezza in senso sperequativo. Non bisogna cioè confondere l’oggetto con la perversione che si tende a costruirci intorno, sia all’oggetto stesso che all’uomo che ne interpreta viziosamente i meccanismi intrinseci. Forse è ancora troppo presto per affrontare il concetto di proprietà individuale, che sta alla radice di tanta perversione, per capirne la vera essenza e distillarla dalle incrostazioni ideologiche che la rendono causa di tutti i mali presenti e futuri dell’umanità intera. Occorre aver chiara la meccanica per dominare gli istinti, le passioni, i sentimenti che altrimenti finiscono per costruire una prigione tutto intorno a te. Mi viene in mente una scena che si vede ancora per le strade, di un adulto in auto seduto a fianco del guidatore con in braccio un bimbo, con atteggiamento protettivo. Se solo quell’adulto conoscesse le basi della fisica newtoniana si renderebbe conto automaticamente di comportarsi da delinquente, da omicida colposo, e non resisterebbe un attimo di più in quell’assurda posizione. Ma tant’è, col denaro e la proprietà privata si comportano praticamente tutti nello stesso modo, non sapendo quello che stanno facendo.

  • nettuno

    Donne denaro e puttane stanno sempre in ogni reame. Nessun scandalo oltre al dovuto di scarso decoro: il bunga bunga questo non è il problema per noi occidentali.
    Lo scandalo sta piuttosto nell’informazione totalizzante, che partendo dall’America fino ad arrivare in Europa, si trova in poche mani. E nessuno reclama. I recenti tamburi di guerra contro la libia, sono d’esempio…nessuna voce contraria all’intervento eccetto la Padania..

  • maristaurru

    Ma quante fesserie! Si fesserie ipocrite. Le classi dominanti si son sempre divertite da pazzi, scandali dei balletti rosa, orge, I Kennedy, ma anche i nostri politici con appartementi in super alberghi dove ricevere le amanti.. eh Roma caput mundi e caput della vita notturna..viva le giovani e belle amanti, poi le segretarie ordinavano gli abiti di sartoria, le borsette d’alt moda che costavano quanto uno stipendio medio!!e Forza Italia non era nata e berlusconi era scuola, nemmeno alla Univeristà.. a scuola. E soldi, soldi, soldi, da Mosca, dalla Cia, da questo e da quello.. che bello!! Lo sapevano fare, lo POTEVANO FARE, perchè nessuno avrebbe mai parlato, nemmeno sussurrato, e magri si sapeva anche di peggio .. e magari fuori del Paese nel Belgio ove è Bruxelles se non mi inganno si è seppellito di tutte di più insieme a bimbi torturati.. basta saperlo fare! Basta avere chi ti copre.. E Giulietto Chiesa è un distrattone , se io che son nessuno certe cose le so, possibile lui che conosce il mondo non le abbia mai sapute? Distratto, visto che non le ha mai denunciate, distratto, molto distratto. No Il danaro che corrempe nelle alte sfere ha sempre girato, ed era gente che pagavamo noi, che non ha mai fatto 1 giornata di sano lavoro, sempre per le sacre sale, sempre a calpestar tappetini e stapuntini , a capo chino e a strologare di etica e di morale e di popolo e operai.. in italia rende solo il chiagni e fotti. Berlusconi? Una ottima cartina di tornasole, vi appare corrotto? forse, ma Non lo è nè più nè meno degli altri, non lo sa fare, non è del gruppazzo, non è cafonal chic.. orrore!!! gli piacciono le donne e si fa vedere con le donne, non le fa entrare dalla porta di servizio dell’Hotel mentre lui finge di interessarsi nel salone all’ultima boiata kultural chic .. questo non si fa!!