Home / ComeDonChisciotte / I CINESI GRANDI CREDITORI D'EUROPA. COMPRATI BOND PER 630 MILIARDI

I CINESI GRANDI CREDITORI D'EUROPA. COMPRATI BOND PER 630 MILIARDI

DI MARCO DEL CORONA E GIUSEPPE SARCINA
corriere.it

I prestiti di Pechino ad Atene, Dublino e Lisbona e gli investimenti strategici

Il sorpasso è vicino. Nel grande portafoglio cinese presto saranno custoditi più bond europei che titoli di Stato americani. Ieri il vicepremier cinese Li Keqiang era ancora sulla via del ritorno a Pechino con le borse gonfie di contratti tedeschi e spagnoli, che ecco arrivare una dichiarazione del vicepresidente della Banca Popolare cinese, Gang Yi. «L’euro e i mercati finanziari europei sono una parte importante del sistema finanziario globale e sono stati, sono e saranno uno dei settori di investimento più importanti per le riserve cinesi in valuta estera» . I bond del Dragone Negli ultimi giorni sulla stampa internazionale e tra gli economisti sono girati parecchi numeri. C’è chi ha tenuto una sorta di contabilità doppia, incrociando affari e politica. Esemplare, da questo punto di vista, l’accordo su due voci, siglato martedì 4 gennaio a Madrid da Li Keqiang e dal primo ministro José Luis Rodriguez Zapatero.

Da una parte intese commerciali per un controvalore di 7,3 miliardi di euro; dall’altra l’impegno di Pechino a sottoscrivere titoli di Stato spagnoli per circa 6 miliardi di euro (secondo quanto rivelato dal quotidiano «El País» ). Ma è solo l’ultimo passaggio. Da settimane a Lisbona non si fa che parlare di un soccorso cinese a sostegno della traballante finanza pubblica portoghese. E nei mesi scorsi l’intervento di Pechino ha sicuramente dato una mano a tenere in piedi la Grecia. E subito dopo l’Irlanda. Certo, le mosse degli investitori cinesi diventano visibili solo quando c’è burrasca sui mercati. Ma sarebbe fuorviante pensare che a Pechino interessino solo i titoli europei più scalcagnati (o se si preferisce i «junk bond» della finanza mondiale).

Qualche tempo fa, sulla stampa internazionale («Financial Times» , «La Tribune» ) sono circolate stime che, dopo aver visto all’opera Li Keqiang, assumono un significato più profondo. Lo stock del debito pubblico europeo in mani cinesi oggi sarebbe pari a circa 630 miliardi di euro, vale a dire circa 819 miliardi di dollari. Il dato sull’esposizione americana, invece, è ufficiale: nell’ottobre 2010 Pechino (riserve dirette più il patrimonio dei fondi sovrani controllati dal governo) possedeva titoli statunitensi per un valore di 910 miliardi di dollari. Ora, i segnali che arrivano, ormai da mesi, dal grande Paese orientale sono inequivocabili. Vendere bond americani e comprare altro. Anche (non solo) titoli di Stato europei.

I numeri (oltre che la logica) dicono che nel portafoglio del Dragone cominciano a essere rappresentate tutte le emissioni disponibili, compresi quindi i buoni del Tesoro della Repubblica federale tedesca o della Repubblica francese.

Un euro per la Merkel

Attenzione, però, ai diversi angoli di osservazione. Visto da Pechino questo lavoro di «conversione» riguarda solo una parte della liquidità cinese, che rimane in parte prevalente parcheggiata in dollari. Come spiega al «Corriere» l’economista Wang Yuanlong, già capo dell’Ufficio ricerche dalla Bank of China e oggi esperto del centro studi Tianda: «Non saranno mai cifre enormi. Quello di Pechino è un gesto che darà comunque fiducia all’economia europea. Un’ipotetica scomparsa della moneta comune sarebbe contro gli interessi cinesi. Significherebbe tornare al dollaro come unica moneta di riferimento, mentre il presidente Hu Jintao ripete che Pechino punta a una riforma del sistema monetario globale. Dunque sostenere l’euro e l’Europa è nel triplice interesse della Cina, dell’Unione Europea e della comunità internazionale» . Una rappresentazione plastica di questo «triplice interesse» si è vista venerdì scorso a Berlino, dove Li Keqiang è stato vezzeggiato dai leader delle più importanti multinazionali tedesche (e quindi europee): Volkswagen, Daimler Benz, Siemens, Basf, Bayer, Deutsche Bank (firmati protocolli commerciali per 8,7 miliardi di euro).

La Germania ha più bisogno dei mercati, che dei soldi cinesi. Ma per la cancelliera Angela Merkel la «spugna orientale» può diventare decisiva per prosciugare il debito di vari Paesi dell’Unione Europea che sta mettendo a rischio la stabilità dell’euro.

La mappa degli affari

Il dividendo economico incassato dal governo cinese sarà molto alto e probabilmente porterà ad avvicinare i flussi di capitali industriali in entrata e in uscita. Secondo le cifre fornite dal viceministro Xu Xianping gli investimenti diretti dell’Europa in Cina, alla fine del 2009, erano pari a 6,8 miliardi di euro. Il flusso inverso (dalla Cina verso l’Europa), invece, si fermava a quota 6,8 miliardi di dollari, un decimo, con 1.400 imprese cinesi, precisa Xu Xianping, «che danno lavoro a circa 15 mila dipendenti locali» .

Uno studio dell’istituto britannico Chatham House segnala che il 50%delle risorse cinesi prende la strada di Gran Bretagna e Germania (l’Italia assorbe una quota pari al 4%). Ma da tempo Pechino sta allargando il compasso e ora è molto difficile tenere il conto delle ultime iniziative. La più clamorosa (forse): l’affare Volvo. La casa automobilistica svedese è stata ceduta dalla Ford al prezzo di 1,8 miliardi di dollari alla cinese Geely, guidata dall’imprenditore Li Shufu. In Svizzera c’è stata l’acquisizione della Addax Petroleum Corporation da parte del gruppo petrolifero Sinopec per 7,2 miliardi di dollari (nel 2009). In Grecia la Cosco, il più grande gruppo di trasporto marittimo cinese e fra i più grandi al mondo, sta costruendo un terminal per navi transoceaniche al Pireo, il porto di Atene. In Irlanda dovrebbe essere approvato il piano per insediare un distretto manifatturiero cinese nel centro del Paese (ad Athlone, investimento di 50 milioni di euro).
Simile il progetto di un parco industriale formato da piccole e medie imprese orientali a Chateauroux, cento chilometri a sud di Parigi. Mezza Bulgaria, dalla strade alle telecomunicazioni, dovrebbe essere sistemata dalle multinazionali di Pechino, come la Huawei. In Italia, infine, Cina non significa solo il tessile «low cost» di Prato, i centri massaggi di Milano o le bancarelle dei mercati rionali. Società cinesi sono già leader nel solare, aumentano il loro peso specifico nella farmaceutica, nella cantieristica in altri settori con discreto contenuto tecnologico.

La Quianjiang ha comprato le moto di Benelli; la Haier i frigoriferi di Meneghetti (in provincia di Padova) e poi si è insediata nel distretto di Varese; la Zoomlion ha rilevato la Cifa (macchine utensili per l’edilizia). Si potrebbe continuare per ore, basterebbe riferire del pellegrinaggio all’Expo di Shanghai intrapreso da tutti i governi europei (dal Belgio alla Romania), in cerca di investimenti cinesi da riportare a casa. L’esclusiva di Pechino Ancora una volta, però, è utile guardare lo scenario con gli occhi di Pechino. Con la sua economia avanzata e fortemente integrata sull’intero continente, l’Europa è certo un teatro privilegiato dell’espansione cinese, ma in un contesto allargato a tutto il mondo, Mare Artico compreso. Non è un caso se tra le dieci operazioni cinesi all’estero nel 2010 (acquisizioni o fusioni) solo due siano europee: la Volvo appunto (quarta in classifica per importanza), preceduta dalla conquista dell’australiana Arrow Energy a opera dell’alleanza tra PetroChina e l’olandese Shell, per 3,1 miliardi di dollari. Al primo posto della lista, compilata dall’agenzia ufficiale «Xinhua» , figura l’acquisizione di un’unità brasiliana della madrilena Repsol da parte del colosso petrolifero pubblico Sinopec (7 miliardi di dollari), al secondo posto l’acquisto di quote dell’argentina Bridas (energia).

Come dire: attenzione adesso a non immaginare un asse preferenziale Unione Europea Cina. È un errore che hanno già fatto gli americani nel 2008. Pechino parla e, soprattutto, fa affari con tutti.

Marco Del Corona e Giuseppe Sarcina
Fonte: www.corriere.it
9.01.2011

Pubblicato da Davide

  • nettuno

    Sarà un bene o un male che lo stock del debito pubblico europeo vada in mani cinesi?
    Per me è presto per saperlo. Nel breve termine si rallente la crisi dell’Euro e questo è positivo..

  • amensa

    il male , purtroppo è che CI SIA tutto questo debito, oggi finanziato non si sa bene da chi, domani in parte dai cinesi.
    un debito è sempre e comunque un asservimento. e non è detto che i cinesi, come padroni, siano meglio. il grave è non sapere, oggi, esattamente in mano a chi è, tutto questo debito.

  • Iacopo67

    Per quello che so per ora, quest’europa è stata una gran fregatura, una fregatura che permette agli industriali e alle banche tedesche di far ciccia ai danni degli altri stati dell’euro. Le economie più deboli dell’euro vengono costrette a stare in piedi indebitandosi, finchè gli sarà possibile. Quando i tedeschi ci si saranno puliti per benino il c–o con queste economie deboli, poi se le toglierà di torno con un tiro di sciacquone. Col risultato che quei tedeschi, con tutta sta tresca, ci si saranno arricchiti, mentre gli altri si ritroveranno nella m—a fino al collo, pieni di debiti ( non importa molto se con l’FMI, i Cinesi o chi altro ) e con intromissioni di stranieri nella propria economia.

  • anacrona

    Visto a 360° l’acquisto di titoli europei da parte dei cinesi è una manna dato che siamo nei guai per l’allegra finanza creativa degli intraprendenti usa e uk … anche se sarebbe certo meglio essere a credito piuttosto che a debito. Comunque quando sei nell’acqua fino al collo non guardi troppo al colore di chi ti getta un salvagente.

  • amensa

    sempre che la schiavitù che ti imporrà non sia peggio di un veloce annegamento !!!

  • spartan3000_it

    Onde evitare errori e squilibri che stanno manifestando tutt’ora tutto il loro potenziale dirompente sarebbe opportuno prestare attenzione nel contesto dell’economia globale all’equilibrio delle bilancie commerciali dei rispettivi territori. Ben venga il sollievo per l’euro dalle riserve cinesi ma non e’ sostenibile a lungo termine che un territorio abbia lungamente una bilancia commerciale squilibrata con l’esterno. Nell’interesse di tutti.

  • Rossa_primavera

    Altro che diffidenza verso il colosso cinese cari Del Corona e Sarcina,
    l’Italia deve sfruttare la locomotiva cinese per farsi trainare fuori dalla
    crisi:col prodotto interno lordo che viaggia a tassi di crescita sostenuti
    di anno in anno,ben presto crescera’ anche la domanda interna di beni
    e servizi del popolo cinese che pare abbia qualcosa come 200 milioni
    di ricchi.Per un paese come il nostro che vive esportando prodotti di
    qualita’ e sul turismo un’opportunita’ immensa da non lasciarsi assoluta-
    mente sfuggire,infatti gli imprenditori piu’ lungimiranti,tipo quelli del
    settore vinicolo,hanno gia’ cominciato ad esportare rilevanti quantita’
    di merce nel vastissimo territorio di Pechino e i risultati sono per ora
    MOLTO INCORAGGIANTI.

  • Iacopo67

    Penso che hai centrato il vero problema.
    Noi qua in questa europa abbiamo un sistema di regole perverse che finchè rimangono così come sono, ci portano inevitabilmente a una progressiva demonetizzazione dell’economia, ( in parte proprio per il bilancio commerciale in negativo ) il che ci costringe poi di conseguenza a indebitarci sempre più.
    La vera soluzione a tutto ciò non è adattarsi ai debiti continuando a implorare soldi a destra e a manca, ma mettersi in condizione di non doverne più fare di debiti, combattendo il sistema di regole perverse in cui siamo caduti.