Home / ComeDonChisciotte / HAITI: VERSO UNA OCCUPAZIONE UMANITARIA ?

HAITI: VERSO UNA OCCUPAZIONE UMANITARIA ?

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

DI ROLPHE PAPILLON

Il crollo fisico di tutti gli edifici simbolici del potere in Haiti il 12 gennaio 2010, non è che una metafora. In realtà è da tempo che il palazzo nazionale non è più la vera sede del potere esecutivo e che le grandi decisioni politiche si prendono altrove e spesso anche al di fuori delle frontiere haitiane. L’esiguo numero di vittime registrate sotto le macerie del palazzo crollato mostra che lì dentro non c’era molto da fare alle 4,53 del pomeriggio di un paese in crisi (meno di una dozzina di morti contro i 300 dell’ufficio delle Nazioni Unite in Haiti).

Classificata come 146° su 177 nazioni secondo l’UNDP (United Nations Development Programme), la Repubblica di Haiti figura tra i 28 paesi più indigenti del pianeta. Su questa terra dove l’aspettativa di vita è inferiore ai 60 anni, la mortalità infantile supera il 130 per 1000 contro il 15 per 1000 dei vicini cubani, l’80% dei bambini soffre di malnutrizione e il tasso d’analfabetismo supera il 70%. Con queste cifre Haiti batte tutti i record di povertà in America. Dopo parecchi decenni, una ventina di famiglie si spartisce gelosamente e impietosamente l’80% della ricchezza nazionale mentre il popolo si batte ancora per ottenere i diritti elementari come ad esempio il diritto alla salute e alla sicurezza alimentare.Quello che gli animali hanno già conquistato presso i nostri vicini Stati Uniti. In questa situazione già drammatica, il terremoto arriva come il colpo di grazia per la popolazione. Il mondo sembra infine colpito dalla nostra lenta agonia e la solidarietà internazionale si mobilita. Il discorso di Obama così come l’intervento di Kouchner sono stati confortanti, non avendo noi avuto la possibilità di ascoltare il capo di stato haitiano. Nelle prime ore che hanno seguito la catastrofe i dominicani, i messicani, i cubani, i venezuelani e tutti quelli che, per delle ragioni politiche evidenti, non sono stati visti alla televisione erano già sul posto. “La solidarietà è la tenerezza dei popoli”, si dice.

In questo affollamento di intenzioni nobili, i nostri aguzzini di ieri si sono trasformati davanti le telecamere in angeli redentori e volano in nostro soccorso al punto che certi haitiani ci vedono perfino una “chance” grazie alla quale le cose ad Haiti potranno finalmente cambiare.

Nella Storia, diceva Césaire, più importanti dei fatti sono i legami che li uniscono, le legge che li governa e la dialettica che li suscita. Si tratta qui di andare al di là delle immagini fast-food della televisione e delle idee preconcette per capire la complessità dei meccanismi che tendono a mantenere Haiti in questa situazione di povertà assoluta e di smantellarli, approfittando di questo nuovo slancio di solidarietà dei popoli verso gli haitiani, affinché tale slancio non sia votato al fallimento.

La lunga tragedia degli haitiani non è cominciata con la dittatura di Duvalier (1957-1986). Noi facciamo risalire questo pesante fardello molto più indietro, ai circa 3 secoli di schiavitù e ai 200 anni di disprezzo e incomprensione subiti per aver osato essere la prima repubblica nera nel mondo razzista e schiavista del 19° secolo. Come rappresaglia a questa doppia rivoluzione, allo stesso tempo antischiavista e anticolonialista, una umiliazione per la potentissima armata napoleonica, il paese ha dovuto pagare un riscatto colossale alla Francia corrispondente a 150 milioni di franchi d’oro (equivalenti all’incirca al bilancio annuale della Francia dell’epoca).
Durante il 19° secolo, persino la lontana Germania è venuta a reclamare i suoi tributi ed esigere una fortuna a condizioni umilianti. Le loro navi da guerra ripartirono come rapinatori arroganti con il loro bottino di guerra. Noi gettiamo via il denaro, ci dicono i poeti, a fronte alta, l’animo fiero come quando si getta un osso al cane.
Nel 1915, la coesistenza pacifica in una nazione costituita da proprietari di schiavi e un’altra da schiavi ribelli, era inconcepibile. In conformità alla dottrina di Monroe e per impedire che dei nazionalisti come Rosalvo Bobo si impossessassero del potere, gli americani invasero Haiti. Come premessa a questa aggressione, la loro prima azione a Port-au-Prince fu di impossessarsi manu militari il 17 dicembre 1914 della riserva in oro del paese; un atto di banditismo internazionale (all’epoca, gli americani non avevano ancora inventato il concetto di stato canaglia).
L’occidente ha la memoria corta, ci dice Michel-Rolph Trouillot. Come quella di chi scrive la storia, la propria e quella degli altri, la Storia dei popoli è breve. E (noi) fieri della nostra memoria presa a prestito, ci dimentichiamo il ruolo stesso dell’Occidente.

Alla partenza degli americani nel 1934, il pregiudizio razziale dell’era coloniale viene restaurato. Essi hanno personalmente redatto una nuova costituzione per il paese e messo in piedi “le forze armate moderne”. Sono quelle che nel 1957 hanno insediato François Duvalier “uno dei dittatori più deliranti della Storia dell’America Latina, edificatore di quella che lo scrittore Graham Greene chiama una repubblica da incubo”.
Tra il 1957 e il 1986 (gli anni di Duvalier) il debito con l’estero si è moltiplicato di un fattore 17,5 raggiungendo i 750 milioni di dollari nel 1986. Con il gioco degli interessi e delle penalità delle istituzioni finanziarie internazionali, ha raggiunto la somma astronomica di 1884 milioni di dollari nel 2008, secondo il CADTM (Comitato per l’Annullamento del Debito del Terzo Mondo).
L’embrione dello stato moderno haitiano è stato costantemente e coscienziosamente distrutto dai nostri regimi autoritari, è un’evidenza. Ma, nel fare un bilancio, siamo obbligati a constatare che il dramma haitiano trova delle ragioni ancor più evidenti nell’aiuto internazionale inadatto, spesso incompetente e corrotto che in più impone scelte economiche e politiche al paese.

Le Nazioni Unite, solo per citare un esempio visibile, giustificano la loro presenza ad Haiti con la necessità di vincere la cosiddetta insicurezza anche se il paese presenta un tasso di criminalità inferiore a quello del Brasile (paese capofila della MINUSTAH, Missione di Stabilizzazione delle Nazioni Unite ad Haiti), inferiore a quello della Giamaica, della Repubblica Dominicana e della maggioranza dei paesi vicini. Il 3 novembre 2007, 111 soldati dell’ONU sono stati rimpatriati nei loro paesi dopo che un rapporto di inchiesta dei servizi di controllo interni alle Nazioni Unite (OIOS) aveva stabilito che le accuse di sfruttamento sessuale che li riguardavano erano fondate. Questi militari avrebbero ottenuto dei favori sessuali in cambio di denaro, da parte di ragazze minorenni. Avevate parlato di sicurezza?
In 6 anni di presenza ONU ad Haiti, nessuna struttura seria è stata messa in atto e la speranza di un domani migliore non trova alcuna giustificazione se non nei loro discorsi di autolegittimazione e di autosoddisfazione arroganti e menzogneri.

All’indomani della catastrofe del 12 gennaio 2010, la MINUSTAH non ha mobilitato verso la capitale disperata nessuna delle sue truppe che sono in maggioranza dislocate sulle spiagge della provincia. Nella stessa Port-au-Prince, durante le prime dolorose 72 ore subito dopo il sisma, non ho visto nessun poliziotto o soldato della MINUSTAH all’opera. Sono rimasti con le braccia incrociate mentre in questa corsa contro la morte bisognava velocemente scavare e salvare vite umane. Questa occupazione travestita da missione umanitaria non costa meno di 600 milioni di dollari all’anno. Si può facilmente immaginare quanti ospedali, scuole, strade e acquedotti si potrebbero fare con un tale budget se noi, haitiani, avessimo il potere di sostituire questi “esperti internazionali” e questi generali con ingegneri e medici.

Contrariamente a una opinione generalmente accettata, in materia di corruzione, di progetti insensati e di dirottamento di fondi, gli haitiani non sono che dei pessimi apprendisti. La maggioranza di questi prestigiosi organismi internazionali sono nostri maestri e le lezioni sono dolorosamente care.

Se una soluzione haitiana alla crisi non viene messa in atto, il futuro di Haiti rischia di giocarsi nei prossimi giorni, fuori da Haiti e contro gli interessi degli haitiani invece che di venire stabilito con e per noi. Questa soluzione consiste innanzitutto nell’assicurarsi che le forze internazionali rispettino i propri limiti di intervento. Anche nella disperazione, la sovranità nazionale non è negoziabile.

Il massiccio aiuto internazionale dovrà essere sottomesso ad una leadership haitiana responsabile, che debba render conto ai donatori ed essere punibile davanti alla legge. L’aiuto dovrà essere adattato e rispondere ai bisogni e alle domande locali. Gli haitiani devono poter decidere se hanno bisogno di 12000 marines US o di 12000 medici e soccorritori all’indomani di un terremoto. A metà strada tra i paesi di Monroe e il Sudamerica che si definisce ormai bolivariano, il paese può ritrovarsi ancora una volta in mezzo ai conflitti geostrategici e la catastrofe haitiana rischia di servire alle potenze «amiche» di Haiti e alle loro dubbie ambizioni.

La carità, anche se disinteressata e generosa spesso causa degli effetti perversi. Gli haitiani non devono perdere di vista il fatto che a lungo termine, l’aiuto ci deve «aiutare a superare l’aiuto».

L’aiuto umanitario, se è serio e onesto questa volta, deve cominciare dall’annullamento incondizionato del debito di Haiti. Si tratta di mettere la parola fine alla spirale infernale dell’indebitamento e di arrivare a stabilire dei modelli di sviluppo sociale giusti ed ecologicamente durevoli (CADMT, Comitato per l’Annullamento del Debito del Terzo Mondo). Certe costrizioni imposte al popolo haitiano dalle istituzioni finanziarie internazionali nella loro implacabile logica del profitto nel lungo termine fanno tanti danni quanti quelli di un terremoto di magnitudo 7.3. Bisogna considerare il ritiro dei piani criminali di aggiustamento strutturale che consistono tra l’altro nel rendere lo stato ancora più vulnerabile e aprono la porta alle società transnazionali private. O ancora, abolire l’accordo di partenariato economico (APE) imposto dall’Unione Europea ad Haiti nel 2008 che instaura tra l’altro la totale liberalizzazione dei movimenti di capitale e delle merci. Insomma, ci assicurino che tutti questi biglietti promessi, se si concretizzano per una volta, non siano dei biglietti andata e ritorno.
Allora, infine, si potrà cominciare a parlare di ricostruzione. La prima cosa che bisognerà forse cominciare a ricostruire è l’immagine del paese che ci si accanisce a distruggere facendolo passare per un paese violento, oltre ad altre redditizie leggende. Non è con simili immagini false che attireremo dei turisti o degli investitori.
Avete mai visto un paese che si sviluppa grazie all’aiuto umanitario?

Inoltre, se questa catastrofe ci insegna qualcosa è senza dubbio la necessità di decentralizzare il paese. Cominciamo a decentralizzare l’aiuto perché le province non toccate direttamente dal sisma ne hanno subito comunque le conseguenze. I donatori stranieri di buona volontà devono identificare e stabilire un ponte con le istituzioni locali e le organizzazioni di base che, prima della crisi, si interessavano già alle sorti di Haiti e hanno già dimostrato serietà ed efficacia sul campo, al fine di sostenerli nei loro sforzi di sviluppo in completa dignità.

In caso contrario, tutto porta a credere che in dieci anni, le gigantesche somme di danaro che stanno per essere raccolte saranno disperse invano, tra corruzione locale ed internazionale, progetti inutili e salari degli «esperti internazionali». Verremo allora incolpati di nuovo, noi haitiani, per la nostra «incompetenza».

Rolphe Papillon ( Giornalista, ex sindaco di Corail)
20.02.2010

Traduzione a cura di LUCOLI

Articolo originale non reperibile on line

Pubblicato da Davide

  • Tao

    Dopo gli aiuti di emergenza, è noto, viene la ricostruzione, ovvero più o meno grandi affari che fanno gola a tutti. Altrettanto ovvio che la ricostruzione si accompagni a pressioni politiche ed economiche, ovvero a ingerenze che si inquadrano nella tela di ragno degli equilibri mondiali: qualcosa di simile a ciò che un tempo si chiamava imperialismo. Ma forse non ci si è ancora abbastanza occupati del ruolo che gli interventi umanitari dettati – giustamente – dall’emozione hanno sul «dopo», di come cioè sia proprio sull’emergenza che si pongono le basi per strategie di ampio respiro.
    È da qui, come suggerisce Benois Challand riferendosi alla Palestina, che «si promuove e si esclude» attraverso un processo che è spesso di depoliticizzazione del ricevente e di massima politicizzazione del donatore. Di più: in un mondo multipolare dove tutto si tiene e tutto si collega, chi ha la pretesa di tirare le fila non si limita a «subire» le emergenze ma le trasforma in un suo strumento di potere, le «reinventa».

    È la differenza che intercorre tra il farsi cogliere impreparati da un evento inatteso o aspettare con pazienza che esso arrivi. Insomma, è lecito oggi ipotizzare che in una politica estera che voglia essere assertiva non si può prescindere dalla gestione delle emergenze umanitarie. Un’infinita letteratura ruota da anni intorno al tema del significato e delle conseguenze del salvataggio di paesi in difficoltà economica attraverso doni, aiuti allo sviluppo o prestiti. Si è arrivati, come nel caso dell’economista zambiana Dambisa Moyo, a chiedere la soppressione pura e semplice degli aiuti perché dannosi al paese ricevente. Di fronte a terremoti o inondazioni sarebbe assurdo giungere alle stesse conclusioni. Ma parafrasando Von Clausewitz, si potrebbe dire che gli aiuti, in «tutte» le loro forme, sono la politica condotta con altri mezzi. E giustamente su queste pagine alcuni giorni fa Roberto Ciccarelli ricordava che le battaglie campali sono un retaggio del passato, sostituito dalle azioni umanitarie e da varie forme di prevenzione dei conflitti.

    La risposta data allo tsunami del dicembre 2004 è spesso vista come un esempio di disastro umanitario ben gestito dalla comunità intenzionale. Anche per la vastità e diversità delle aree e delle popolazioni colpite, non ci sono state serie ricadute imperialistiche. Sul piano politico forse la maggiore conseguenza è stato lo spegnersi della guerra civile ad Aceh (Indonesia). Opposto il caso della Birmania (inondazioni del 2008 con 100mila morti e 2,5 milioni di senza tetto), dove l’ingerenza è stata esplicita, perfino voluta, e orchestrata da una superpotenza in cerca di influenza nell’area. Il tentativo Usa di mettere in difficoltà la giunta militare sfruttando l’emergenza è fallito e solo lentamente – con gravi conseguenze sul piano umano – si è messa in moto una macchina degli aiuti, che in silenzio ha saputo convivere col sistema politico.

    Ma la stessa emergenza è un concetto che nel contesto della politica internazionale, non ha contorni precisi, sia nelle cause sia nella dimensione. Non proprio una novità se si pensa all’Etiopia di Menghistu e alle carestie semipermanenti che la dilaniavano. Oggi a rompere gli schemi possono bastare i casi della Palestina nelle fasi più acute dell’Intifada o del Sudafrica in lotta con l’Aids.

    Lo stesso rapporto tra guerra guerreggiata e ricostruzione è cambiato, come Iraq e Afghanistan mostrano chiaramente. Non c’è più la divisione logica e temporale tipo Seconda guerra mondiale e Piano Marshall, ma una sovrapposizione di piani che fa dell’invio di soldati un sostegno agli aiuti, in attesa che indefiniti (e per lo più fallimentari) programmi di State building rendano il paese in questione autosufficiente almeno sotto l’aspetto della sicurezza.

    Un’attesa che è particolarmente lunga negli «stati falliti». Se in questo contesto aiutare significa innanzitutto creare una autorità, è evidente che l’intervento non può non risultare invasivo. Ed è appunto quanto accade ad Haiti, paese piccolissimo territorialmente, incapace già prima del terremoto di reggersi sulle proprie gambe, situato nel cortile di casa degli Stati Uniti. Qui il terremoto non è stato né provocato né voluto da Obama. Ma non è un caso che dopo anni di profilo basso (meglio non indagare su chi abbia voluto la fine del coriaceo presidente Aristide) gli Usa si prendano carico di Haiti, non volendo lasciare nulla di intentato, dalle basi in Colombia a cambi di presidente in Honduras, per «ristabilire l’ordine» in America Latina.

    Fabio Tana
    Fonte: http://www.ilmanifesto.it
    21.02-2010

  • pietroancona

    Può darsi che hanno programmato di usare Haiti per le scorie radioattive delle centrali nucleari che si accingono a fabbricare.

    Gli USA sono talmente disonesti che hanno amputato braccia e gambe che si sarebbero potuto salvare per non spendere troppi soldi per gli haitiani feriti.