Home / ComeDonChisciotte / GUADALAJARA

GUADALAJARA

DI CARLO BERTANI
carlobertani.blogspot.com

Mai ci saremmo attesi una notizia di questo genere: tre operatori umanitari italiani, arrestati dalle forze armate afgane con la collaborazione della forza ISAF, della quale fanno parte anche militari italiani!
La notizia, in sé, si smonta come un gelato sull’asfalto d’Agosto: come molti avranno notato, all’ingresso degli ospedali di Emergency c’è sempre la scritta: “No weapons”.
Significa, semplicemente, che chiunque chieda aiuto per essere curato negli ospedali di Emergency deve depositare le armi prima d’entrare. Non è difficile immaginare che, una stanza vicina all’ingresso della struttura ospedaliera, sia adibita proprio a “deposito” per chi porta con sé delle armi: dunque, l’accusa d’aver trovato armi, è un segreto di Pulcinella.
Chi conosce l’Afghanistan sa benissimo che – anche prima delle varie guerre che hanno insanguinato il Paese negli ultimi decenni – era abitudine degli afgani girare armati.

Nella foto: gli operatori umanitari italiani arrestati
Oggi, quell’avvertenza significa semplicemente che, negli ospedali di Emergency, tutti vengono curati senza guardare da quale parte combattano: lo ha spiegato più volte – a chiare lettere – lo stesso Gino Strada.
Ma, al ministro (minuscolo) Frattini, non sta bene che ci siano italiani che curano i taliban, ossia chi combatte nel proprio Paese (è bene ricordarlo) contro truppe occupanti: che, poi, queste truppe siano “portatrici di libertà”, è una liberissima opinione del ministro Frattini. Non appoggiata né condivisa da milioni d’italiani, i quali si chiedono perché, un Paese che non riesce nemmeno a fornire un dignitoso assegno di disoccupazione per chi perde il lavoro, debba spendere due milioni di euro il giorno per quella che appare sempre di più un’operazione coloniale.
Inoltre, è comune opinione della comunità internazionale – e, scusate se è poco, della Convenzione di Ginevra – che tutti gli attori di una, ahimé, tristissima guerra abbiano il diritto di ricevere cure se feriti. Oppure, il ministro Frattini preferisce che “non siano fatti prigionieri”?

La colpa di Emergency, non giriamoci attorno, è solo quella d’esistere: sconvolgente la dichiarazione di Frattini, nella quale precisa che Emergency è una “struttura non legata alla cooperazione”[1] . Quali sono le “strutture cooperanti”, solo quelle legate al carro di Bertolaso, le quali hanno la loro bella corte di magnaccia e puttane?
La verità è che stanno preparando una bella offensiva per “ripulire” – bello il gergo militare, vero? – la provincia di Helmand, e lo faranno con il solito andirivieni di cacciabombardieri che sganceranno bombe al napalm, al fosforo, a frammentazione…sulla testa della gente. Quando tutti – vecchi, donne e bambini compresi – saranno diventati cadaveri, diverranno tutti “Talebani” e saranno diligentemente conteggiati nei database della forza ISAF.
E’ grazie a questa strategia che la forza ISAF è riuscita a consegnare ai Taliban il 97% del territorio afgano: facendoli, semplicemente, incazzare come delle iene. V’invito a leggere la precisa documentazione sul sito di Barbara/Cloro: il collegamento è in nota[2] .

Nel palinsesto del “reality” afgano, il nemico deve sempre avere le parvenze di un brutale mujaiddin pronto a colpirvi ovunque, fin nella vostra casetta in Brianza. Dovete percepirlo come un nemico, un brutale assassino, un demonio che vi costa due milioni il giorno tener distante.
Perché il giochetto riesca, però, bisogna che nessuno vada a filmare e fotografare case in rovina, povere braccia di bambini che emergono dalle macerie, corpi dilaniati, carne macinata sulle polverose vie afgane: il sogno/inganno deve essere totale, come da anni tutto ciò che viene raccontato in Italia è.

Invece, quelli di Emergency – al quale sono orgoglioso d’affidare il mio 5 per mille, signor Frattini – non si limitano a curare le ferite della guerra ma pretendono di fare di più: di mostrare chi quelle ferite le procura. Se riportassimo a casa i nostri soldati – così non arriverebbero più bare a Ciampino – cosa ci perderemmo? Forse il bracciale dello schiavo, asservito al marcescente impero americano?
Questo è il dilemma che Emergency portava e porta non nelle nostre case – siete bravi a controllare con i vostri servi tutte le emittenti televisive – bensì su Internet, unico luogo che ancora può fregiarsi dell’emblema della libertà.
Noi, milioni di italiani, siamo orgogliosi e riconoscenti ad Emergency, ci affratelliamo a chi cerca di lenire le sofferenze della guerra e, allo stesso tempo, cerca di combatterne la cause e di mostrarne gli effetti.
Lo fa con armi semplici: medicinali, bisturi e telecamere. Queste ultime sono quelle che v’infastidiscono.

Perciò, ministro Frattini, scelga la parte dalla quale stare – come a Guadalajara, tanto tempo fa, italiani contro italiani – perché noi ci saremo ancora, ma questa volta con le nostre armi senza colpi, senza violenza, senza napalm né cacciabombardieri ma indistruttibili, perché portatrici del siero della verità. E s’informi su chi vinse quella battaglia.

Carlo Bertani
Fonte: http://carlobertani.blogspot.com
Link: http://carlobertani.blogspot.com/2010/04/guadalajara.html
12.03.2010

[1] Vedi: http://www.liquida.it/notizie/2010/04/10/8883360/helmand-emergency-gino-strada/
[2] Vedi: http://www.cloroalclero.com/?p=3921

Articolo liberamente riproducibile nella sua interezza, ovvia la citazione della fonte

VEDI ANCHE: GLI OCCHI “SCOMODI” DI GINO STRADA

Pubblicato da Davide

  • Tao

    CHI ARRESTA EMERGENCY ?

    DI GIULIETTO CHIESA
    megachipdue.info

    In una farsa senza capo né coda i servizi segreti afghani hanno arrestato ieri tre medici dell’ospedale di Emergency, insieme a sei operatori afghani che stavano lavorando a Lashkarga, nella provincia di Helmand (là dov’è in corso la più vasta offensiva della Nato e americana dall’inizio del conflitto in Afghanistan).

    Solo spioni sprovveduti e prezzolati, al servizio della potenza occupante o dei manutengoli che esercitano – si fa per dire – il potere a Kabul , possono fingere di credere che l’accusa contro gli arrestati abbia una qualche parvenda di verità.
    Avrebbero complottato – pensate un pò prima di incazzarvi – per “assassinare” il governatore locale Gulab Mangal.
    Ma di questo non vale nemmeno la pena di parlare.
    Importa invece parlare di come ha reagito il ministro degli esteri Frattini, di fronte all’arresto di tre cittadini italiani (che egli ha il dovere istituzionale di proteggere).
    Due dichiarazioni, una più irresponsabile dell’altra. Eccole: “”I tre arrestati non fanno parte della cooperazione italiana”. Come dire ai servi di Karzai: fate pure, non sono dei nostri.
    E, infatti Emergency non ha mai fatto parte delle schiere di collaboratori del regime di Kabul, tant’è che non ha mai preso un centesimo dal governo italiano, che quel regime inqualificabile sostiene.
    Seconda dichiarazione, se possibile peggiore della prima: “il governo italiano conferma la sua linea di assoluto rigore contro qualsiasi attività di sostegno diretto o indiretto al terrorismo in Afghanitstan, così come altrove”. Come dire: questi sono sospetti di sostenere il terrorismo, quindi procedete pure tranquillamente.
    Avviso ai naviganti italiani fuori dalle frontiere italiane. Con un ministro come questo, varcata la frontiera, siete in balia di chi vi prende e vi sbatte in galera, a prescindere.
    Che la guerra afghana fosse sporca lo sapevamo. Sporca come la coscienza del ministro Frattini.

    Giulietto Chiesa
    Fonte: http://www.megachipdue.info
    Link: http://www.megachipdue.info/component/content/article/27-stella-polare/3466-chi-arresta-emergency.html br>
    11.04.2010

  • Eli

    Io sto con Emergency. Raccolta firme sul sito www. emergency.it

  • Tonguessy

    Anche quest’anno darò il mio 8 per mille ad Emergency. E gradirei dargli il 7% che si merita a Frattini….

  • buran

    “Guadalajara no es Abisina…”

  • Erwin

    La farsa della “guerra tra vincitori”,in onda dal 1945!
    La parte capitalistica-liberale che finge la guerra alla parte capitalistico-comunista!

  • Cippala

    ragazzi mandiamo in default sto paese di bastardi?Non se ne può più.

  • AlbertoConti

    Il confronto tra la difesa che fanno in USA dei criminali veri, pescati con le mani insanguinate, e la “presa di distanza” dai criminali finti e inventati, fatta da quest’italia di ricchi banditi moralmente pezzenti, è a dir poco vomitevole. Prenderli a calci nel culo, loro e chi li votano, sarebbe solo carità cristiana.

  • lucamartinelli

    purtroppo dobbiamo tenerci un ministro degli esteri assolutamente asservito agli interessi criminali Yankee. E’ asservito pure a quelli ancora piu’ criminali Israeliani, ma questo lo posso capire visto che il nostro eroe è di religione ebraica.

  • gladiator

    “come a Guadalajara”

    Bertani i bolscevichi vinsero una battaglia e non la guerra !
    Ti auguro di vincere 100 battaglie ma di perdere la guerra e sparire una buona volta dalla faccia della terra …

  • nautilus55

    Quello che dici è vero, ma nella vera guerra (quella mondiale) fu il fascismo a sparire dalla faccia della terra.

  • gladiator

    Bertani solo n Africa ci sarebbero da aprire 10 mila sanatori per casi piu urgenti ma il nostro Strada che si becca l 8 x mille non ci va , e perchè ?
    chi lo cacherebbe se andasse in Africa poi ?
    Tu non potresti fare piu il profeta della cause morte e nessuno ti leggerebbe . ma si vergogni !

  • lucamartinelli

    non riesco a capire con chi ce l’hai e perche’. facciamo un po’ d’ordine, perche’ l’onesta’ intellettuale deve stare al primo posto. Intanto è il 5 x 1000 e non l’8. Poi cosa vuol dire che si “becca” il 5 x 1000? E’ forse un reato? La donazione è volontaria, mi sembra. Il sottoscritto dona da anni. Se non vuoi che lo faccia, dimmelo, ma dimmi anche perche’. E ora viene il bello. La tua disinformazione è incredibile. Sappi che Emergency in Africa C’E’!!!! In Sudan funziona da 2 anni il centro cardiochirurgico che serve un bacino di utenza di circa 200 milioni di persone. Caro Gladiatore, abbassi la spada e ci faccia capire il perche’ del suo astio. Grazie mille.

  • nautilus55

    Non m’offendo se mi chiami Bertani, stai certo, bsognerebbe chiedersi cosa ne pensa l’autore. Alalà, alalà, piqquarà, trallallà, menalà, caccalà, pirolà…

  • lucamartinelli

    sarebbe una gioia. il problema è: come? la mia modesta proposta non è stata accettata. (si trattava della proposta di ritirare i nostri risparmi dalle banche, per far crollare il sistema in 48 ore.)

  • AlbertoConti

    E in Sierra Leone? Il paese dei diamanti insanguinati, che finiscono come pegno d’amore eterno nelle “migliori” famiglie nostre? Un mio carissimo amico c’è stato più volte come chirurgo di Emergency, e ha salvato un mare di bambini vittime della soda caustica ingerita, con cui la mamma normalmente ci fa il sapone, perchè troppo povera per comprarsi una saponetta. Prima di parlare a vanvera almeno conta fino a dieci click in più.

  • AlbertoConti

    Ovviamente il consiglio era rivolto a gladiator.

  • lucamartinelli

    é il trucco meglio riuscito da parte dei padroni: il teatrino di una finta rivalita’ per convincere il popolo bue a schierarsi. Ha funzionato benissimo. Non possiamo negare che gli “illuminati” hanno veramente una raffinatezza intellettiva notevole. o forse no, visto che il loro potere si basa sulla disinformazione e sulle menzogna. saluti

  • lucamartinelli

    si, è vero. sapevo dell’ospedale in Sierra Leone. Ma non volevo che il nostro Gladiatore ricevesse troppi imput tutti insieme. sai, il cervello puo’ cortocircuitare per molto meno. dalla convinzione che Emergency non è in Africa a scoprire che non solo c’è, ma ha ospedali in due paesi……

  • lucamartinelli

    certamente, avevo capito.

  • astabada

    Per chi non lo conoscesse segnalo questo [www.informationclearinghouse.info] interessante articolo sulla storia dell’Helmand prima delle (ultime) guerre.

    A quanto pare le mire americane sulla regione non sono nuove…

    Cheers,

    astabada

  • Nellibus1985

    Una Vergogna senza fine. Ottimo Carlo Bertani.

  • maumau1

    questo serva da lezione per quelli che credono che il governo Berlusconi si opponga a nato e USA solo perchè fa affari con Putin,perchè di affari si tratta e non solo quelli del petrolio dell’ENI(di cui Berlusconi ha un discreto pacchetto azionario)ma a Mediaset(media- set set è il dio del male che in cambio di sacrifici da ricchezza e potere e chi può negare che Berlusconi abbia ricevuto ricchezza e potere grazie alla tv ossia a media-set..che gli ha permesso di scendere in politica distorcere la realtà e crearne una parallela da inviare in tutte le case italiane,più demoniaco di questo cosa c’è!)
    è stata appaltata buona parte dell’intera torta pubblicitaria russa..
    ecco che quindi ogni tanto Putin gli chiede di mostrare fedeltà ed allora lui mette il giubotto con simbolo della Russia..ma poi si piega anche con gli USA e va ad Israele e dire che si fa bene a bombardare gaza e l’iran per difendersi..

    La classica commedia all’italiana ,gli USA si sono già stancati e fra poco si stancheranno anche i russi..

    Che Frattini prenda le distanze da Emergency è ovvio essendo una spina nel fianco..

    tocca capire ora se la Nato l’ha fatto per colpire Emergency(che certo da fastidio)oppure per colpire l’Italia visto che costoro non vanno molto per il sottile..e certi distinguo tutti italici non li fanno..
    magari per loro colpire Emergency significa colpire l’Italia poco gli importa de poi fanno un favore a Berlusconi ..

    ma glielo faranno veramente?
    Per me no…per me è l’ennesimo ricatto all’Italia a fare di più a distaccarsi dal doppiogiochismo con USA e Russia..ora che la la Russia sta usando la mano pesante con tutti gl istati dove gli USA avevano preso potere con le rivoluzioni colorate..

    Penso che se colpiscono Emergency e lo stato come frattini non fanno nulla..siccome Emergency gode da sempre di grando supporto popolare ecco che il governo italiano ne risentirà e pure parecchio..altroche favore..
    non appena quei 4 coglioni che stanno al governo lo capiranno vedrete che si daranno da fare per pagare o fare pressioni per liberarli..
    toccherà capire cosa chiederanno in cambio gli USA.

    Sicuramente una presa di posizione chiara del governo Berlusconi che ad ISraele dice una cosa poi il giorno dopo unico presidente del consiglio invitato da Gheddafi dice l’esatto contrario..soprattutto sull’Iran..

    ciao

  • maumau1

    che poi siano innocenti quei 3 e che la Nato stia applicando la stessa prassi teorizzata e messa in pratica a fine 800 da Leopoldo II di Belgio,ossia per cacciare i civili da terre ricche di materie prime (come era il Congo o come è l’Afghanistan)bisogna per prima rendere sconveniente per loro abitarci…

    ecco che siccome gli USA vogliono appropriarsi dei terreni per la coltivazione dell’oppio(di cui il paese produce il 90% del mondo) ecco che devono far sloggiare non tanto i talebani(che cmq controllano la produzione)ma appunti gli abitanti stessi..
    ecco che quindi c’è necessita di bombardare i civili…e poi impedirgli di curarsi
    e bloccarli a check point in modo che si renda molto sconveniente non emigrare volontariamente da li…

    alla fine quei territori sarebbero occupati ed i militari nato altro non farebbero che presidiare i campi di produzione dell’Oppio che dopo il petrolio è il secondo fatturato al mondo (per di più esentasse)basta ricordare che l’intera mafia ‘ndrangheta e Camorra sa soli cone il traffico di droga realizzano centinaia di miliardi di euro e ne gestiscono solo una piccola parte della droga maondiale..
    solo si confini del messico si produce e smercia droga per 10miliardi di dollari l’anno..
    anche li gli USA stanno prendendo possesso hanno mandato migliaia di soldati è c’è una lotta feroce tra narcos che non vogliono cedere il guadagno da coltivazione e vendita della droga è gli stati uniti che ormai manda le’sercito per impadronirsi dei ”giacimenti” di droga cosi’ come ha fatto in Colombia.

    La droga frutta doppiamente rispetto al petrolio in quanto è tutto in nero..
    mentre sul petroliosi pagano le tasse..
    quindi è più conveniente possedere ”giacimenti” di droga..
    Inoltre con le droghe si addormentano le masse che cosi’ rimbambite a tutto pensano tranne ce a ribellarsi..

    In USA la droga è tollerata e se ne fa un uso massiccio ed i media non la condannano..invece l’alcool viene condannato pesantemente e chiunque trasmissione o film lascia passare un messaggio non negativo sull’alcool riceve puntualmente proteste e dencunce quando non class action..

    in motivo è semplice ,il 90% dei consumatori di alcool sono uomini
    e per gli uomini(diversamente che per le donne)l’alcool viene consumato spessissimo in compagnia come fenomeno sociale(tranne per l’alcolizzato che lo usa sempre anche da solo) l’alcool abbassa i livelli di timidezza e quidi aumenta comunicatività e contatti sociali(a basse dosi) e quindi lo stare insieme(se non diventa anch’esso una droga o un vizio)
    e questo è negativo per chi coltrolla il potere e le masse perchè a loro interessa che le persone si isolino ecco perchè la tv ,in parte anche internet(quando diventa una droga) ecco perchè le droghe in USA non vengono condannate come l’alcool ,perchè chi si droga si estranea dal mondo si isola non comunica..

    quindi ilcontrollo della droga ha due valenze importantissime da una parte un lucro enorme(secondo solo a quello del petrolio)
    dall’altro un mezzo potentissimo per ilcontrollo delle masse.

    ciao

  • francescafederici

    Io stò con Emergency,invito tutti a firmare e a far firmare l’appello sul sito,non ci stò con le falsità su Emergency!!!Firmate firmate firmate:

  • radisol

    Il pragone con GUADALAJARA francamente mi convince poco … e finisce per far perdere senso all’articolo per il resto, per quanto mi riguarda, del tutto condivisibile …

    A Guadalajara si scontrarono fascisti ed antifascisti italiani durante la guerra civile di Spagna …. non risulta che nel commando ISAF che ha rapito i dipendenti di Emergency ci fossero militari italiani … e soprattutto, a differenza che in Spagna nel 1936. non mi risulta vi sia una guerra civile tra Emergency e il governo italiano … a meno che proprio il rapimento dei collaboratori di Strada sia l’inizio di una guerra, del tutto unilaterale, dichiarata dalla Nato ad Emergency ….

    Ma insomma il paragone di Bertani, con tanto di titolo ad esso ispirato, mi pare assai fuorviante ….

    Anche perchè effettivamente a Guadalajara vinsero gli antifascisti … ma poi quella guerra civile, purtroppo, la vinse la parte opposta ….

  • buran

    Perchè il Sudan dov’è, in Oceania?

  • fusillo

    credo che la notizia in tutto questo tourbillon sia sinceramente un’ altra:
    frattini è il politico più impresentabile e mediocre degli ultimi 150 anni.
    ovviamente sempre dopo capezzone.
    ubi maior minor cessat.

  • CarloBertani

    Vorrei ringraziare i commentatori e chiarire qualche punto.

    La scelta del titolo ha solo valore simbolico e non, ovviamente, storico. Di conseguenza, ogni excursus storico è fuori luogo: questo non è un articolo sulla Guerra di Spagna. Perché è simbolico?

    Poiché non è possibile ammettere che Frattini non sapesse nulla: oppure, ci sono in giro degli ingenui, i quali credono che una cosa del genere sia fatta dal debole governo Karzai all’oscuro del governo italiano? Anche se non c’erano soldati italiani nell’ospedale (sarebbero stati fessi a farlo), la sostanza non muta: italiani favorevoli a quella guerra che lasciano arrestare altri italiani contrari, i quali – per giunta – sono là per compiti umanitari.

    C’è chi afferma che Emergency fa politica: perché, non può farlo? Possono essere contrari alla guerra afgana, diretta dagli americani e pagata col sangue anche degli italiani?

    Se così non fosse, dovremmo concludere che nessuno ha più il diritto di dire la sua sulle guerre, che nessuno può mostrare la fotografia di un eccidio. E’ questo che si vuole?

    Grazie e saluti a tutti

    Carlo Bertani

  • fusillo

    “La politica è l’arte di impedire alla gente di occuparsi delle questioni che la riguardano.”
    Paul Valery.
    Se l’ opinione pubblica non si interessa non può avere una “opinione”.
    Scrivere e leggere sono sempre un ottimo esercizio.
    Oggi viviamo nel tempo della velocità senza relazioni, se abroghiamo il pensiero…….saremo sepolti dai batteri.

  • Tao

    EMERGENZA EMERGENCY

    DI PINO CABRAS
    megachipdue.info

    L’arresto del personale di Emergency in Afghanistan – ottenuto con il passepartout della guerra al terrorismo – elimina ancora un altro ostacolo al grande bagno di sangue nel vicino e medio oriente. I servizi segreti di varie latitudini aumentano la pressione sulle voci che discordano dallo schema voluto da Bush e continuato da Obama. In questo schema il peso dell’intelligence nella macchina investigativa è enorme, e sempre pronto a servire e integrarsi nella macchina bellica degli occupanti.

    L’attività investigativa è profondamente manipolata. È notizia di questi giorni che centinaia di prigionieri di Guantanamo erano innocenti, che l’intelligence lo sapeva, i vertici dell’amministrazione USA lo sapevano, eppure non facevano niente di niente per portarli via dal gulag caraibico: le piste false non dovevano essere smontate, pena il crollo di tutta l’impalcatura ideologica della guerra, che aveva bisogno di rappresentare i corpi di interi eserciti di terroristi.
    Oppositori, insorgenti, e perfino persone ignare, ricevevano l’indelebile marchio del “terrorista”, il ceffo demoniaco da combattere in condizioni eccezionali: con nuove leggi, con un nuovo apparato giuridico che rigettava unilateralmente persino il diritto di guerra tradizionale.
    v

    Fondamentale in tutto ciò è stata un’opera di intossicazione dei media. Apparati dotati di enormi mezzi hanno inserito nel circuito dell’informazione una grande mole di notizie false.

    Oggi le vittime dirette sono gli operatori dell’organizzazione fondata da Gino Strada. Anni di impegno concreto di Emergency per salvare vite umane e testimoniare il fallimento della guerra rischiano di essere devastati da questa ampia operazione in cui ogni notizia di fonte ufficiale è pateticamente sospetta. La regia dell’operazione ha provato persino a negare il coinvolgimento delle forze della NATO, ma i video l’hanno smentita in poche ore. La presenza diretta delle forze occupanti consente ogni inquinamento, ogni falsa traccia, ogni ritrovamento fasullo d’armi in stile G8 di Genova.

    E ora, i media ripetono pappagallescamente l’imbeccata del giornale di Murdoch «Sunday Times» sugli italiani che «hanno confessato». Notizia ricavata da «fonti ufficiali afghane», ossia dai funzionari di uno Stato fallito al servizio degli invasori. Lo stesso tipo di funzionari che aveva tenuto in prigione per mesi Ramatullah Anefi, il mediatore della liberazione di Daniele Mastrogiacomo, con la falsa accusa di essere il mandante del sequestro e di averlo incontrato diverse volte durante la sua prigionia.

    Non fatevi distrarre da Frattini, Gasparri, e qualche giornalista leccapiedi. Possiamo esporci nella previsione più sensata che si possa fare: la notizia della “confessione” potrà ridursi al massimo al fatto che gli operatori avranno ammesso di conoscere esponenti dei combattenti taliban, cioè una cosa normalissima per chi voglia attivare un’azione di soccorso medico sul territorio in modo non schierato, quel che Emergency pratica fin dall’inizio.

    È scandaloso vedere però che l’imprinting mediatico sulle prime pagine è quello dell’«hanno confessato». Facce di italiani puliti e coraggiosi vengono così lordate vergognosamente da ipotesi complottistiche inverosimili, timbrate da cancellerie paranoiche. Il ministro Frattini fa la sua parte per intimidire Strada con un «qui non si parla di politica» da ufficetto anni trenta.

    Bisogna invece con forza parlare di politica e denunciare ORA le stragi e i massacri, a questo punto chiaramente pianificati, che ci saranno DOMANI.

    Perché, o uno crede a Frattini, che ha steso tappeti rossi davanti ai bugiardi che hanno massacrato Iraq e Afghanistan, oppure crede a Gino Strada, che ha denunciato le bugie di guerra nelle strutture che ora Frattini manda allo sbaraglio, mentre cuciva come poteva il 40% delle vittime di quelle bugie: i bambini.

    Il 5 per mille a Emergency è una prima risposta forte che tutti possiamo dare proprio in queste settimane.

    Pino Cabras
    Fonte: http://www.megachipdue.info
    Link: http://www.megachipdue.info/tematiche/guerra-e-verita/3473-emergenza-emergency.html
    12.04.2010

  • sentinella

    basta con questa guerra schifosa! Dobbiamo organizzare una protesta che faccia sentire la voce di chi non è d’accordo oltre che sul fatto che si spendono uno-due milioni di euro al giorno pagati con le nostre tasse per portare una guerra ad un paese che non ci ha aggredito in totale spregio di quella costituzione che dichiara “l’Italia ripudia la guerra”.
    E’ osceno chiamarla Missione di Pace e non c’è da stupirsi se Frattini fa la parte del gobbo di corte. Frattini non rappresenta il popolo italiano, e non lo rappresenta neanche la sua classe politica. Se si facesse un referendum sulla missione in Afganistan la gente voterebbe tutta quanta a favore del ritiro delle nostre truppe.
    Per quello che conta tutta la mia olidarietà ad Emergency e a Gino Strada.

  • fusillo

    …….che vuoi farci…..
    perchè la guerra illegale in iraq?
    e milosevic?
    perchè lui è andato all’ aja e saddam impiccato in iraq?
    in occidente oramai la massa delle popolazioni si beve qualsiasi cosa.
    se si sono bevuti l’ 11 settembre figurati cosa sono tre medici “terroristi”……
    siamo una civiltà finita.

  • Tao

    La meschinità del ministro degli esteri Franco Frattini di gettarsi su un articolo del Times che sembrava offrire una inaspettata e gradita occasione di calunnia contro Emergency, e i balbettamenti successivi sulla “cattiva informazione” quando si è capito che il Times aveva fatto riportato notizie false, sono uno dei tanti episodi del crescente impudritimento delle istituzioni del nostro paese. Tradizionalmente i ministri degli esteri, persino in un paese come l’Italia, cercano di tenersi fuori dalle beghe di casa. In genere sono al corrente che su di loro incombe un obbligo di decoro che investe l’immagine di tutto il paese. Ma non Franco Frattini.

    Questo ministro degli esteri, che non crede neanche ai testi delle intercettazioni quando si tratta delle malefatte del suo boss riportate dalla stampa, al primo apparire delle falsità di Times, invece di mettersi in contatto con l’ambasciatore italiano in Afghanistan, che aveva parlato poco prima con i tre italiani in arresto, e chiedergli conto della stranezza di questa “confessione” rispetto a quanto risultava alle nostre autorità diplomatiche a seguito dei contatti precedenti, ha preferito dare ascolto ai suoi istinti di calunniatore e parlare di “vergogna per l’Italia”, trincerandosi dietro la formula vile “se è vero che…”. Se si tratta di Emergency Frattini preferisce i microfoni e i taccuini dei giornalisti, piuttosto che quei canali diplomatici che nessuno meglio di lui è in posizione di percorrere.

    Io da tempo, come cittadino italiano, ho persino smesso di avere vergogna di essere governato da questa gente. Questi sono al di sotto della vergogna.

    Gianluca Bifolchi
    Fonte: http://subecumene.wordpress.com
    Link: http://subecumene.wordpress.com/2010/04/12/franco-frattini/
    14.04.2010

  • fusillo

    concordo con te parecchie cose però…..come pensi di poter creare un movimento di opinione con tutti i pecoroni che si incontrano?
    quanti anni sono passati da tangentopoli?
    nel frattempo cosa è cambiato?
    io penso che….. è vero che il pesce puzza sempre dalla testa , ma se uno la sente non se lo mangia……

  • Tonguessy

    Minor cesso, a essere pignoli

  • lucamartinelli

    che Frattini sia impresentabile è vero. il problema è politico. Frattini è di religione ebraica, il che non significherebbe nulla. ma per un ministro della repubblica si pone il problema della fedelta’. Frattini appena nominato si è recato 2 volte nel giro di un mese in Israele. Cosa è andato a fare? Non ha reso conto ai cittadini. Ma da che parte sta? se informasse il Mossad, come è dovere di ogni ebreo sarebbe gravissimo. questo è un problema che ci rigueda. Che sia sempre stato amico e sodale di Berlusconi ha poca importanza di fronte a questi fatti.

  • lucamartinelli

    che Frattini sia impresentabile è vero. il problema è politico. Frattini è di religione ebraica, il che non significherebbe nulla. ma per un ministro della repubblica si pone il problema della fedelta’. Frattini appena nominato si è recato 2 volte nel giro di un mese in Israele. Cosa è andato a fare? Non ha reso conto ai cittadini. Ma da che parte sta? se informasse il Mossad, come è dovere di ogni ebreo sarebbe gravissimo. questo è un problema che ci riguarda. Che sia sempre stato amico e sodale di Berlusconi ha poca importanza di fronte a questi fatti.

  • lucamartinelli

    l’hanno gia’ fatto in piu’ di 100.000, in poche ore. molto bene. facciamoci sentire

  • Kiddo

    Io l’ho gia’ fatto da diversi anni.

  • lucamartinelli

    ben fatto. ora dovrebbero farlo tutti gli altri. possibile che non si capisca che sarebbe una rivoluzione vittoriosa e senza spargimento di sangue?

  • Eli

    Un militare italiano, volontario in Afghanistan, ha chiesto di rientrare dopo quindici giorni di missione. Motivo: lui aveva creduto veramente di andare ad “aiutare il popolo afghano”, invece lo avevano messo a fare la guardia… ai campi di papaveri da oppio. CHE COSA FANNO VERAMENTE I MILITARI ITALIANI IN AFGHANISTAN?