Home / ComeDonChisciotte / GRILLO SURREALE IN SICILIA

GRILLO SURREALE IN SICILIA

DI SALVATORE MERLO
ilfoglio.it


Racconto dal vivo dell’uomo fattosi tonno per arrivare all’isola dalla Calabria, e dei suoi comizi ma sopra tutto dell’accoglienza sulfurea, equivoca, spettacolare, festosa, sapiente e barocca dei siciliani

Modica. A Ragusa, appena sotto il sagrato del duomo, incrocio una donna piccola piccola e scura scura: “Lo vuoi? Tieni”; mi ritrovo all’improvviso tra le mani un santino elettorale, si vota il 28 ottobre, c’è scritto: Giovanni Occhipinti, “siciliano orgoglioso di esserlo”, lo piego e lo metto in tasca. Giro l’angolo, risalgo il corso Italia verso via Roma e incontro di nuovo la stessa donna piccola piccola e scura scura, adesso ha fermato un uomo che sembra conoscerla, parlano, anche lui riceve il volantino elettorale: “E’ mio cugino, lo voti?”. Intanto Beppe Grillo attraversa a passo di corsa il centro di Vittoria, un paesone dal quale più che altro si emigra, e al suo passaggio gli anziani, piantati sulla porta di casa, finalmente hanno qualcosa da guardare. Di preferenza tacciono con l’aria torbida di chi aspetta solo di andare a letto, se parlano è in dialetto, se gridano è “minchia”: “Minchia, talìa chissu ca curri!”. E dunque è uno spettacolo mirabile Grillo in Sicilia, e i siciliani si divertono un mondo, nelle piazze pienissime sono tutti a fare “sì” con la testa mentre il comico genovese gli dice che “non c’avete i treni ma avete ventiseimila guardie forestali”, “siete passati da Pitagora a Micciché” (Pitagora era calabrese), e l’impressione è strana perché la politica è, sì, spettacolo, ma qui in Sicilia è pure qualcos’altro. “Io non voto, a che mi serve? Un lavoro ce l’ho già”, mi dice Giovanni, mentre in macchina ci avviciniamo alla piazza dove sta per iniziare il comizio di Grillo a Ragusa, c’è già moltissima gente.

Giovanni è operaio nelle rotative del quotidiano la Sicilia, ha una quarantina d’anni e un figlio di venti che fa il meccanico, mi racconta di un suo parente che è stato appena assunto a tempo determinato “per la promessa di cento voti”. Gli dico che la sinistra questo sistema lo usa un po’ meno, lui mi guarda come se fossi un cretino: “Ah, sì?”. Qui i politici vorrebbero voli gratis per i siciliani, benzina a metà prezzo, quote siciliane ovunque si possa bagnare il becco, bagnarsi ’u pizzu. “Invece Beppe Grillo gli spiega che il problema è l’energia rinnovabile”, dice Andrea Tidona, l’attore di Modica diventato famoso per aver interpretato Giovanni Falcone in televisione: lui da attore considera Grillo “una forza”, ma da siculo crede che il suo collega sia “un babbasuni qualsiasi”, cioè uno sprovveduto che pensa di saperla lunga. A un certo punto in piazza Libertà, a Ragusa, Grillo pronuncia queste parole: “Si parla tanto della mafia, ma la mafia noi la quotiamo in Borsa e la distruggiamo con la Consob”. Rido anche io. Ridiamo tutti.

Per la strada lo osservano divertiti e appena possono lo baciano, lo fotografano, lo filmano con il telefonino, lo tirano, donne e uomini, vecchi e ragazzi: a Modica gli offrono la granita al cioccolato, “Beppe vieni qua”, gli danno pacche sulle spalle, mentre una donna, né giovane né vecchia, ma grossa come tutta la Sicilia, vorrebbe tenerselo lì ancora un po’ e lo prende per la gola, lo tenta: a casa c’è la pasta della domenica, col sugo. “Sei tutti noi, Beppe”; a Misterbianco lo invitano sul balcone di casa a guardare l’Etna che neanche si vede, ma lui dice “che meraviglia”, e così anche Grillo finisce pure lui a sicilianeggiare, acrobata dell’esagerazione nella terra di Polifemo, del barocco e dei terremoti: è venuto a stupire e manipolare, ma viene continuamente manipolato da un popolo disilluso che si diverte di lui, il forestiero goffo e magico che ha attraversato a nuoto lo Stretto di Messina come un tonno e che ai siciliani, che non sono tonni ma forse sono lupi, adesso vorrebbe spiegare che “la libertà è Internet”. E c’è qualcosa di ricorrente in questa storia, perché i siciliani si divertivano anche con Vittorio Sgarbi che a un certo punto era diventato sindaco di Salemi, e pure lui voleva fare la rivoluzione “creativa” in una terra dove la disgrazia è il prolungamento della normalità. “Da noi c’è una diffusa disponibilità al surreale”, dice Tino Vittorio, che insegna Storia all’Università di Catania: “Siamo melenzane confuse”.

La democrazia di massa in Sicilia è sempre stata anche avanspettacolo, e Grillo rappresenta quasi un fenomeno di continuità con il passato, “niente di nuovo”, dice il professor Vittorio. D’altra parte tutti ricordano quel cavaliere Ferrini di Catania che si inventò showman a TeleSud e con coerenza divenne uomo di potere politico: al comizio gridava “concittadini! Se io ‘sarei’ eletto…” e al segretario che gli mormorava “fossi, cavaliere, fossi”, rispondeva urlando: “Ma quali fossi, sicuru è!”.

Risate, pernacchie, ma pure tanti voti. Ecco, appunto, ma poi qualcuno in Sicilia lo vota sul serio Grillo? I sondaggi dicono di sì, ma da queste parti c’è pure un vecchio proverbio: “Pigghia munnizza d’u tuo munnizzaru e se non ce l’hai accattala”. E il concetto di munnizzaru si allarga alla Sicilia intera, per restringersi idealmente alla propria città, e sublimarsi infine nella propria parentela o clientela (“è mio cugino, che fai lo voti?”), insomma Grillo è simpatico, e i siciliani lo hanno visto pure in televisione, ma è un alieno genovese che non promette niente di buono, mentre la gente qui ha una predisposizione antropologica, atavica, per le cose concrete, tangibili.

Con Andrea Tidona guardiamo lo spettacolo di Grillo, e a un certo punto l’attore di Modica dice che “la cosa più divertente è quando Grillo spiega ai siciliani che vuole creare lavoro con la raccolta differenziata. Ma te lo immagini? Ovvio che non lo prendono sul serio”. A un certo punto Grillo dice: “Siete un popolo senza identità. Siete una regione autonoma, ma senza autonomia. Siete una regione, ma siete una nazione. Siete ricchi, ma siete poveri. Chi cazzo siete?”. E Tidona, quasi con pietà: “Ma come fa a dire che i siciliani non sanno chi sono? Lo sanno fin troppo bene chi sono, stanno in una melassa dalla quale non vogliono scuotersi, ed è per questo che ora ridono, ridono persino di Grillo, perché tutto questo lui invece non lo capisce. Non ci sono liberatori della Sicilia, non credo nemmeno che i siciliani vogliano liberarsi da alcun che”. Malgrado sulla Sicilia ci siano proverbi, incantamenti culturali e frasi celebri che sembrano scritte per Grillo, come per altri più o meno apocrifi liberatori, “la Sicilia è la chiave di tutto”, diceva Goethe, e ancora “tutta l’Italia è nulla se non vi aggiungo la Sicilia”.

Il farmacista, Lacoste e Rayban, gli va incontro e quasi lo abbraccia, lo placca per la strada: “Io sono il farmacista”, gli sorride. Grillo a quel punto, per un attimo, non sa che dire, e fa la prima battuta che non fa ridere da quando ha messo piede a Messina: “Mica vendi farmaci scaduti anche tu?”. E il farmacista, con un gesto della mano a indicare la piccola folla che intanto comincia a formarsi gli sorride: “Ma non vedi come me li curo tutti”. I negozianti abbandonano le botteghe e gli si fanno intorno, è una faticosa giornata di caldo, il comizio e la cassata, l’umido, la polvere che si infila dappertutto, e poi lo speciale calore dei siciliani, quel tentativo di prenderti la mano e di portarsela alla bocca, in Sicilia il baciamano è una strana cultura, persino per salutare si dice “baciamo le mani”.

Una donna anziana e un po’ spelacchiata lo agguanta con energia e gli stampa pure lei un bacio, ma sulla guancia, “beddu amore mio”, Grillo è sopraffatto e prova a iniziare un discorso dei suoi, lì per lì, ricorre al repertorio consumato negli ultimi giorni, sera per sera, piazza per piazza: “Avete visto Totò Cuffaro? E’ uscito di galera e sembrava un figurino, sembrava uscito da una clinica svizzera. A Fiorito per farlo dimagrire invece gli devono dare l’ergastolo. Non avete più bisogno di questa gente, non avete più bisogno di essere rappresentati.

Ora c’è la rete”. Quelli un po’ lo ascoltano, c’è chi ride, i più annuiscono, poi una donna dai lunghi capelli neri gli dice: “Sì, sì, ma facciamoci una foto”. In posa. Click. Così mentre Gianfranco Micciché viene fotografato a Santa Caterina Villarmosa, in provincia di Caltanissetta, sconsolato di fronte a una piazza vuota e a qualche contestatore, il vitalismo di Grillo stravolge l’autunno della politica siciliana (o forse è il vitalismo della Sicilia a stravolgere l’autunno di Grillo).

Difficile dire quanti lo voteranno per davvero, ma ai comizi la gente fa la calca, gli uni sugli altri per avere il loro pezzo di “Beppuzzo”, che gli parla di energie alternative mentre loro hanno bisogno del pane, che taglia a nuoto lo Stretto di Messina, che attraversa il centro storico dei paesini a passo di corsa e che, bizzarro come quel tale che aveva inventato un’ora che dura mezz’ora, spiega ai siciliani che “la vera rivoluzione è stare connessi”.

Salvatore Merlo
Fonte: www.ilfoglio.it
Link: http://www.ilfoglio.it/soloqui/15354
16.10.2012

Pubblicato da Davide

  • gabbersky

    l’autore di questo articolo e il foglio devono sperare in una cosa sola..
    Che il m5s consegua dei risultati veramente scadenti altrimenti farà una figura veramente di merda.. più di quanto faccia Ferrara in televisione

  • karson

    Ma presentati tu (mi rivolgo all’autore dell’articolo) in Sicilia no, visto che la conosci così bene sicuramente saprai anche come risolvere i suoi problemi… oppure digli tu ai Siciliani quali sono i politici che devono votare, oppure fai come quei bambini che dicono: io lo so come si fa ma non ve lo dico?

  • anacrona

    Il Merlo sfarfalla … Pitagora era di Siracusa che pare sia in Sicilia … E qui mi taccio senno lo estinguo 😉

  • dellacosta

    un articolo del foglio su Grillo non poteva che essere su questo tono..

  • totalrec

    Di Siracusa????
    Io sapevo che era di Samo, poi fondatore di Crotone.
    Ogni giorno se ne scopre una nuova…

  • gabbersky

    forse cercando su wikipedia si sarà confuso con pitagora lo scultore quello di reggio 😀

  • siletti86

    Non mi sono mai considerato grillino, in quanto ho sempre avuto le mie profonde perplessità sul M5S! Ma dopo aver guardato venerdì sera “l’Ultima Parola”, sentendo con le mie orecchie ciò che hanno detto il “supermanager” (nonchè politico ex-comunista) Chicco Testa e l’economista “monetarista-ultraliberoscambista” Michele Boldrin (i quali si sono dichiarati senza se e senza ma non solo a favore del liberismo più sfrenato ma anche fortemente anti-democratici) ed avendo tristemente constatato che una larga parte del pubblico presente applaudiva a queste dichiarazioni (cosa che, dopo gli “sfaceli sociali” di questi ultimi mesi, non mi aspettavo proprio), mi sono dovuto ricredere sull’esistenza del M5S quale appunto ultima spiaggia se non della democrazia, almeno del coinvolgimento popolare! Che dire quindi!? FORZA GRILLO!!!!!!!!

  • DICKENS77

    Questo articolo tratta i la sicilia come se fosse abitata da scimmie antropologiche ai primi albori della civilità umana , una popolazione appena in grado di soddisfare i propri bisogni primari tra cui certamente non può rientrare una consapevole scelta politica, dei bonaccioni.. dei fessacchiotti insomma. VERGOGNA!! chi cavolo credi di essere!!!
    Spero con tutto il cuore che Grillo prenda più voti di PD, PDL, UDC e LEGA messi assieme così vediamo se all’ articolista passa la voglia di scrivere con ironica sufficienza di una delle terre più belle d’ Europa abitata da persone magnifiche….. e non parla un Siciliano!!

  • nuvolenelcielo

    E’ un bell’articolo. Più letterario che politico. Comunque le critiche Grillo se le merita, stiamo ancora aspettando un programma economico… – altrimenti il M5S è il montismo dalla faccia pulita, è inutile distinguersi per le persone e per l’onestà, se poi si fanno le stesse cose degli altri…

  • gabbersky

    un programma economico c’è, anche se a differenza del pd udc non include la svendita dell’italia, se ti riferisci al debito italiano non esiste una soluzione da mettere in un programma..

  • nuvolenelcielo

    sul blog c’è un link sul programma economico, mi sembra una parodia di un programma… – certo che esiste una soluzione sul debito e sul sistema monetario, perché non dovrebbe esistere? e sanno anche loro che il primo passo è uscire dall’euro, ma se la fanno sotto a portare avanti seriamente la cosa, si fermano a qualche frecciatina. è tutto lì. [è inutile impegnarsi a curare i brufoli di uno che ha un tumore].

  • gabbersky

    se ti sembra una parodia dimmi di specifico cosa.. è fatto per punti non buoni propositi come quello di Sel o di Renzi..
    Non fare disinformazione è solo sinonimo di ignoranza, la dichiarazione di grillo è stata: bisogna far decidere i cittadini se uscire dalla MONETA UNICA (nn dall’euro non dire puttanate), lui asseconderà la volonta dei cittadini l’originalità del m5s sta in questo lui nn decide un cazzo

  • nuvolenelcielo

    quale sarebbe la differenza tra uscire dall’euro e uscire dalla moneta unica? questa è bella. io comunque non parlo più di politica da tempo, ogni tanto faccio qualche intervento così…, non mi interessa approfondire visto che viene insultato per qualsiasi cosa. è degradante parlare sia con i 5 stelle come te che con tutti gli altri. buon divertimento a essere onesti e senza un soldo in tasca – io me ne frego.

  • nuvolenelcielo

    un ultima chicca – COPIATO E INCOLLATO DAL programma M5Monti…. ops, M5Stelle:
    “Riduzione del debito pubblico con forti interventi sui costi dello Stato con il taglio degli sprechi e con l’introduzione di nuove tecnologie per consentire al cittadino l’accesso alle informazioni e ai servizi senza bisogno di intermediari”
    E’ l’unico riferimento alla crisi economica nel programma economico del M5S… Magari proporre di tagliare la colazione aiuterebbe, lo renderebbe più credibile, è uno spreco secondo me. Io non la faccio mai la colazione.

  • giosby

    Mio caro Estintore, quello di Siracusa era Archimede! Tra te il giornalista e Grillo la coppa dell’ignoranza non si sa chi la vince…

  • Tashtego

    E bravo il merlo parlante… per insultare e screditare Grillo ha insultato e screditato la Sicilia intera e la sua gente. Bisogna ricordare al merlo parlante che se la Sicilia è in queste condizioni è perchè vi è stata reintrodotta (e insediata al governo) la mafia dagli amici sionisti del giornale per cui lavora? E che questa mafia ricambia facendo diventare la Sicilia una portaerei Usraeliana…

    E quindi un Siciliano non saprebbe distinguere l’importanza delle energie alternative ma solo quella del pane, come un bruto che sente solo il proprio stomaco, e chiuso ad ogni idealismo?

    Ad una argomentazione alta si risponde con parole alte… a questo figuro come si potrebbe rispondere per stare sul suo livello?

    A merlo… prrrr

  • gabbersky

    … cioè se io non conosco un argomento o nn ne parlo.. o magari mi informo prima.. altrimenti farei solo disinformazione.. la differenza è abissale uscire dall’euro nessuno l’ha mai proposto perchè non esiste nell’immaginazione di nessuno.. stare nell’euro ci garantisce scambi commerciali vantaggiosi con gli altri paesi sempre dell’eu, per quanto riguarda uscire dalla moneta unica ci sn scuole di pensiero diverse.. c’è chi dice che sarebbe un fallimento totale, la moneta sarebbe debole nei confronti dell’euro e non potremmo importare nulla.. ma l’altra faccia della moneta è quella che essendo più deboli e quindi avendo la lira un basso valore (svalutazione) saremmo soggetti ad maggiori esportazioni e di conseguenza il valore della lira nel tempo crescerebbe fino a stabilizzarsi..
    come penso sia successo in argentina dopo la bancarotta.. oggi nn paga più debiti e sta emergendo come economia.. quindi la prova di riuscita c’è.. basta organizzare il contraccolpo

  • gabbersky

    gli oppositori di grillo rispondono tutti nello stesso modo.. nessuno HA UNA SOLUZIONE o meglio udc e pd vogliono svendere il patrimonio nazionale.. bella soluzione di cazzo.. m5s vuole ridurre i costi e gli prechi.. vuoi che ti faccia un esempio??
    pagare 60 milioni a km di alta velocità contro i 12-15 di francia e spagna non ti sembra un guadagno? secondo te i soldi in più dove sn andati a finire? questo tipo di spese va avanti da 20 anni mandando a casa l’attuale classe politica ci salverebbe dal fallimento a mio avviso ma staremo a vedere..
    cmq se tu preferisci svendere il patrimonio nazionale vota chi vuoi

  • Aironeblu

    Esatto!
    È nato nell’isola di Samo e poi si è trasferito nella colonia di Crotone dove ha fondaro la celbere scuola pitagorica. Crotone in ogni casoaveva fertili scambi culturali con le altre città della Magna Grecia, come Siracusa.

  • Aironeblu

    Articolo veramente stupido, che per denigrare Grillo in maniera non troppo evidente, deforma e insulta l’intera Sicilia con i suoi cittadini con i vecchi stereotipi della coppola e della lupara. Merlo, visto che ti piace il folklore siciliano, è meglio che parli “quando pisciano le galline”…..

  • ProjectCivilization

    L’autore ‘e’ veramente il desolante ritratto dell’Italiani fuso . Andiamo avanti . Quelli di noi che hanno propulsione .

  • Jor-el

    Il solito autorazzismo italiota. Vergognoso.

  • castigo

    gabbersky:

    cioè se io non conosco un argomento o nn ne parlo.. o magari mi informo prima.. altrimenti farei solo disinformazione.. la differenza è abissale uscire dall’euro nessuno l’ha mai proposto perchè non esiste nell’immaginazione di nessuno.. stare nell’euro ci garantisce scambi commerciali vantaggiosi con gli altri paesi sempre dell’eu,

    questi due grafici dovrebbero farti riflettere sulle cose che conosci e su quelle che non conosci.
    poi decidi tu di cosa parlare…..

    Image Hosted by ImageShack.us

    P.S. indovina in che anno è stato adottato l’euro??

  • bstrnt

    Meno male che l’autore di questo articolo ha fatto sfoggio della sua cultura in contrapposizione a quella di Grillo: “peccato che Pitagora sia calabrese …?!?!”
    Sicuro?
    Effettivamente che c’entra Pitagora con la Sicilia o con la Calabria (nato a Samos – Grecia e morto a Metaponto – Basilicata), forse era Archimede quello citato da Grillo?

  • gabbersky

    dopo un attenta analisi dei grafici mi chiedo cosa tu voglia dimostrare?

  • ProjectCivilization

    La montagna da scalare in fretta e’ altissima , ma M5S ha GIA prodotto una crescita nella coscenza Democratica .Insistiamo .

  • ProjectCivilization

    Pero’ Archimede era di Paperopoli .

  • gabbersky

    avendo sottolineato “stare nell’euro ci garantisce scambi commerciali vantaggiosi con gli altri paesi sempre dell’eu”

    suppongo che tu mi voglia smentire sulla mia dichiarazione che far parte dell’aria euro abbia portato grandi vantaggi… (a parte il fatto che questi 2 grafici buttati così senza dati specifici non volgiono dire nulla.. che è il saldo commerciale? noccioline? bò)
    cmq da quando è stato adottato nel 1993 il mercato unico, gli scambi europei sono forse raddoppiati se nn di più, senza contare che senza le frontiere e i dazi doganali le esportazioni sono state facilitate.. anche se aimè in italia negli ultimi anni le importazioni sono maggiori delle esportazioni e questo rende negativa la bilancia commerciale… ma questo è un fattore che dipende da noi e non dall’europa.. senza contare l’emergere della cina e india..
    cmq attendo tue risposte su cosa volevi dimostrare con questi grafici

  • Giovina

    Ma esiste ancora il giornalista vero? Quello che da’ le notizie? Senza fare il super Fede o lo scrittore di narrativa con contenuti zero?
    E perche’ la battutina su Goethe e’ meno grave di tutta la sua restante superficialita’ seppur con tutta la puntaggiatura al suo posto, la grammatica giusta e lo stile di scrittore di best seller?

  • mincuo

    Cosa vuoi che voglia dimostrare, secondo te? Che con l’EUR hai avuto un disastro e accumulato deficit con l’estero e prima no. E questi sarebbero quelli “connessi”. Colti anche “cos’è ‘sta bilancia!!!”. A posto.

  • gabbersky

    tralasciando che parlo con fonti e studi universitari… ma tu sarai così colto da sapere che debito accumulato,unione europea, moneta unica non centrano un cazzo con il debito…
    e se sapessi leggere magari guarderesti anche il grafico che mi da ragione con l’entrata in vigore dell’unione commerciale NEL 1993 le esportazioni sono più che raddoppiate
    CAZZO GUARDA IL GRAFICO se dopo le cose sn andate a puttane non è colpa dell’europa ma della corruzione politica.. non a caso dopo la seconda guerra mondiale la corruzione di bettino craxi ha aumentato già di un bel pò il debito pubblico, con il palleggio di destra e sinistra fino ad oggi siamo nelle attuali condizioni.. quando si parla lo si fa con esperienze o dati alla mano altrimenti si rischia di fare figuracce da ignoranti..

  • mincuo

    Nel )2 siamo usciti dallo SME e abbiamo svalutato, idiota

  • mincuo

    92

  • gabbersky

    non so di che stai parlando…
    Nel )2 siamo usciti dallo SME e abbiamo svalutato, idiota?

  • mincuo

    SIAMO USCITI DALLO SME cioè dall’ECU che era una specie di EUR e abbiamo SVALUTATO LA LIRA per quello l’export ha ripreso fiato subito. Mentre prima andava rotoli la bilancia di c/a esattamente COME DOPO L’EUR. UGUALE.

  • gabbersky

    vabè quindi l’abolizione delle dogane e dei dazi e gli accordi commerciali non hanno significato nulla? ma poi stavo parlando all’inizio della differenza tra uscire dall’euro e uscire dalla moneta unica.. se vai a guardare ho detto la stessa cosa sulla svalutazione come ipotesi di uscita dalla moneta, quel leso mi linka un grafico dal nulla.. ancora non ho poteri divinatori.. NON ANCORA

  • mincuo

    L’EUR è la causa di tutti gli squilibri dei PIIGS, debito pubblico compreso, no “a coruzzzioone” e quella è la causa principale, da cui derivano tutte le altre, e la somma di tutti i deficit dei PIIGS corrisponde al surplus Tedesco. No dogane e dazi. Non deve avervi parlato molto Grillo di queste cose.

  • nigel

    La desolazione e l’assenza assoluta di speranza dell’articolo di Merlo, insultanti per i Siciliani, sembrano innalzare la statura dell’uomo “fattosi tonno” a livelli incommensurabilmente superiori a quelli dell’uomo “fattosi pachiderma”. Vai Grillo!!

  • mincuo

    Quel povero Cristo di Castigo ha anche perso tempo a mettere due grafici che più chiari di così non si può, poveretto. Stavi dentro ECU a picco, sei uscito da quella gabbia nel 92 e ti sei ripreso subito, hai iniziato poi la tua marcia MORTALE verso l’EUR nel 98 e hai cominciato a calare, sei entrato e da lì hai un disastro progressivo. Poi ha messo surplus TEdesco per far vedere chi ha avuto i vantaggi “commerciali”
    Non era difficile. Ma lui pensava a un livello umano, si vede.

  • gabbersky

    fonti economiche che supportano la tua tesi?

  • mincuo

    Ma di che parli prendi un IMF un WB qualunque, ma di che parli?

  • gabbersky

    ma di che parli tu… prendi un IMF? al mercato quanto sta al kilo?
    cioè l’italiano serve a qualcosa sfruttalo
    parli del fondo monetario? Prendi un IMF non ha un significato.. te lo ripeto poteri divinatori non li ho.. non ancora

  • mincuo

    Ma lo riesci a leggere un grafico? Non sono TESI, sono DATI. Lo vedi che sei passato da +40mld di surplus a -60mld e manca lì il 2011 e il provvisorio 2012. Fanno -100 tra andare e venire per 12 anni. Ho detto prendi IMF perchè lì trovi anche le previsioni. Che sono peggio. Invece di fare lo sbruffone che tanto si capisce lo stesso che non sai nemmeno di che parli, studia qualcosa. Anche qui guarda, che è divulgativo: LINKl

  • mincuo

    LINK [goofynomics.blogspot.it]

  • BaronCorvo
  • gabbersky

    e cosa ti porta a dire che il surplus tedesco è dovuto dall’aumento del debito dei pigs?

  • mincuo

    Vabbè va là Gabbersky, se pensi che stia qui con uno del genere. Fatti le somme deigli altri deficit dei PIIGS. Se no fatti aiutare, se non sei in gardo, cosa anche probabile.

  • Iacopo67

    Gabersky, hanno ragione Castigo e Mincuo, se ti interessa capire meglio la questione vai al blog di Alberto Bagnai (Goofynomics), lui lo spiega abbastanza bene e in modo comprensibile.

    http://goofynomics.blogspot.it/2012/10/istruzioni-per-luso-20.html

    Leggi “I salvataggi che non ci salveranno” ma poi anche gli altri articoli consigliati, sempre se ti interessa..

  • Iacopo67

    Gabbersky, vai al link che ti ha indicato Mincuo e esplora i vari articoli, uno che dovrebbe interessarti è “I salvataggi che non ci salveranno”.

  • Iacopo67

    E “La locomotiva d’europa e le locomotive della Germania”

  • gabbersky

    ho capito cosa volevi dire, ma rimango sempre dell’idea che la colpa del debito sia dovuto alla corruzione/inefficenza della classe politica attuale

  • paulo

    Chiaro esempio di articolo spazzatura, si vede che il M5S fa paura.

  • Georgejefferson

    Appunto,e’un’idea,un atto di fede.Difatti Il Beppe parla di quello al 90%…non vuol dire questo corruzione evasione uguale bello.Vuol dire che ci sono cose che non sapete,non ve le spiegano…il grosso dei simpatizzanti m5s non sa nulla di queste cose,con tutto il rispetto.Quando l’onesto consigliere comunale vorra’sistemare i marciapiedi del suo paese,arrivera il tecnico a dirgli che non ci sono i soldi,se cerchera’una causa facile si autoconvincera della solita corruzione evasione..se tolto l’atto di fede lo spirito critico vorra invece indagare piu a fondo,arrivera all’euro,che tu ci creda o no..la corruzione evasione sprechi esistono da 50 anni o piu,non sono giusti e vanno combattuti,ma i problemi che arrivano a centinaia di migliaia di licenziamenti hanno altra natura,e si parte dal 1981,anno del divorzio Bc/tesoro.Le fonti te le hanno date..nonostante i mali da te citati l’italia era il quarto paese piu ricco del mondo…risparmio privato tra i piu alti del mondo..l’Iri degli anni 60/70 il settimo agglomerato industriale al mondo che attirava analisti curiosi da tutto il mondo e tanto altro.

  • Iacopo67

    Corruzione, inefficienza, e poi Craxi, ecco perchè c’è il debito…
    Mezze verità, per nascondere le vere questioni.
    Che sono monetarie.

    Gabbersky, dai un’occhiata a questo articolo, se ne hai voglia:

    http://www.disinformazione.it/ragioni_del_debito.htm

  • ProjectCivilization

    Nel corso della mia vita , il giornalista che da le motizie non e’ mai esistito . Se vogliamo crearlo , contattatemi .

  • Cataldo

    Anzi, quando Pitagora a Crotone ha provato a cominciato a fare politica, per di più coinvolgendo anche le donne, lo hanno quasi ammazzato, comunque è stato esiliato con i suoi accoliti 🙂 è una citazione doppiamente sbagliata, forse porta anche sfiga.

  • Cataldo

    Pitagora non ha fondato Crotone, al suo arrivo la città era prospera e si poteva permettere di importare cervelli, per arricchire il suo patrimonio. La scuola pitagorica era un centro di potere anche politico, e fu travolta dagli scontri politici seguiti alla fase di espansione delle polis della magna grecia.

  • gigiotto

    Salvatore Merlo anche oggi ha portato a casa la pagnotta, Che volete, tiene famiglia.

  • siciliano82

    ma che razza di ignoranza…..che ci crediate ono io non ho mai salutato con”baciamo le mani” e mai nessuno mi ha salutato cosi…ma questo articolo è scritto per denigrare grillo o i siciliani?

  • Giovanni_D

    Ho visto anch’io quella trasmissione e sono perfettamente d’accordo: Forza Grillo – Per quanto abbia dei punti interrogativi da chiarire sarà sempre meglio di quanto abbiamo avuto fino ad ora in Italia.

  • RicBo

    Un articolo razzista e vergognoso, purtroppo specchio della deriva di questo blog.

  • antsr

    Pitagora, a detta di storici crotonesi come di tanti altri non è esistito come persona a differenza di Archimede di Siracusa.

  • Truman

    @RicBo: intanto mi diverte il Merlo che è costretto a parlare di Grillo e si arrampica sugli specchi per parlarne male, ma in definitiva gli fa pubblicità.
    Poi su quello che chiami razzismo dovresti darti una calmata, almeno in questo caso. La Sicilia ha una forte identità culturale, anche legata al fatto che è una grande isola, ed è corretto domandarsi che presa possono avere alcuni argomenti nell’ambiente siciliano. Solo che Merlo dimentica che Grillo invita i siciliani a votare i loro compaesani, cercando di scegliere i migliori. E in Sicilia ci sono certamente menti notevoli.

  • castigo

    gabbersky :

    dopo un attenta analisi dei grafici mi chiedo cosa tu voglia dimostrare?

    semplice: che sei un ignorante in materia, e che non dovresti parlare di cose che non conosci.
    quando eravamo con la lira le cose andavano benissimo, quando siamo entrati nell’euro ci hanno fatto un culo a capannina.
    e l’unica che ci ha guadagnato pesantemente in europa è stata la germania, non per nulla ci hanno fatto entrare nell’euro nonostante sapessero perfettamente che i nostri conti NON erano in ordine.
    ma a loro interessava farci fuori economicamente….. e con l’euro ci sono riusciti.
    studia ed informati, freguggin, così eviti di berciare inutilmente di quanto l’euro ci sia stato utile……

    P.S. a supporto di quanto sopra, beccati quest’altro grafico….. sempre se sei in grado di leggerlo 😉

    Image Hosted by ImageShack.us

  • castigo

    ecco lascia perdere che è inutile.
    oltre tutto uno che ti dice: che è il saldo commerciale? noccioline? bò e che subito dopo aggiunge: tralasciando che parlo con fonti e studi universitari… , beh, allora capisci subito che non ci sono speranze per l’italia, abbiamo una classe di “universitari” che spara minchiate a nastro, analfabeti di ritorno che non capiscono quello che leggono, ritardati che si menano per 11 miliardari che tirano calci ad un pallone, ecco, l’italia è cotta e servita…… per la gioia di quelli che potranno comprarsela per quattro soldi.

  • siletti86

    Sì sono d’accordo!