Home / ComeDonChisciotte / GRECIA: SEMPRE MENO PETROLIO, SEMPRE PIU’ VIOLENZA

GRECIA: SEMPRE MENO PETROLIO, SEMPRE PIU’ VIOLENZA

FONTE: VITA NEL PETROLITICO (BLOG)

Perchè parlo spesso della Grecia? Perchè era ed è il paese europeo più dipendente dal petrolio per la propria sopravvivenza economica, e sociale*. Nella lista l’Italia non sta tanto meglio, ma siamo un paese più grande, quindi come fossimo un gran grattacielo la nostra è una demolizione progressiva, mentre per la Grecia la casa di paglia è venuta giù al primo soffio del lupo. Quel che è accaduto ed accade da quelle parti dal 2007 in poi ha alte probabilità di verificarsi altrove.Le squadre di picchiatori sostituiscono sempre più la polizia che non ha i mezzi per controllare tutto. I tribunali vanno a rilento, allora ci si fa giustizia chiamando i neo-fascisti.

Una volta si minacciavano i cattivi bambini dicendo loro “se continui a non obbedire chiamo l’Uomo Nero che ti mangia”. In Grecia, ieri, si è passato un altro limite della decenza: dopo una discussione animata contro un professore, quest’ultimo ha seriamente minacciato** gli studenti stranieri in questo modo 

Continuate? Io chiamo Alba Dorata a farvi picchiare

(sopra, recente foto della “polizia politica” di Alba Dorata: i colpi delle mazze sono attutiti dalle bandiere greche, gentilmente e premurosamente).

La notizia non esiste ne’ su siti italiani, ne’ francesi, non dobbiamo turbare i mercati.
Mi chiedo: sarà meglio farsi picchiare e poi gettare a mare da Alba Dorata o era meglio una volta, quando si correva al massimo il rischio di farsi rapire e mangiare dall’Uomo Nero?

Fonte: http://petrolitico.blogspot.it
Link: http://petrolitico.blogspot.it/2012/10/grecia-alba-dorata-sempre-piu-forte.html
20.10.2012

*link: Dipendenza dal petrolio in Europa, da “Strategic energy review 2”, http://europe.theoildrum.com/node/7001 

Pubblicato da Davide

  • totalrec

    In Grecia, ieri, si è passato un altro limite della decenza: dopo una discussione animata contro un professore, quest’ultimo ha seriamente minacciato** gli studenti stranieri in questo modo
    “Continuate? Io chiamo Alba Dorata a farvi picchiare”

    Mi date il numero di Alba Dorata, per favore?
    Sapete se organizza anche visite scolastiche internazionali?
    (GF)

  • Ercole

    crisi greca, padroni uniti , lavoratori divisi ,a quando L,ALBA DELLA RIVOLUZIONE…….

  • Tanita

    Notate come rallenta l’interesse? La violenza si é fatta quotidiana, non chiama piú l’attenzione, é il nuovo modus vivendi…

  • misunderestimated

    Appunto, a quando?

  • ilsanto

    La rivoluzione è una cosa orribile che non sai come finisce e spesso dopo immani sofferenze e lutti si scopre di essere solo stati manovrati e i tuoi ideali traditi così passi da una oligarchia ad un’altra e non ti restano lacrime per piangere sulla stupidità umana.
    E poi scusa ma che obbiettivo ti prefiggi ? il comunismo ? dico guarda i voti credi di avere i numeri x una rivoluzione popolare ? o pensi che basti l’elite ? dai abbiamo già dato.

  • ilsanto

    Quello che succede è che con la globalizzazione i paesi “Ricchi” vedono distrutta la loro industria dalla concorrenza dei prodotti fatti in Cina.
    Quindi chiudono le fabbriche e cresce la disoccupazione, non solo ma gli investimenti vanno li per costruire le fabbriche che ci stanno affamando e arricchiscono le multinazionali ( vedi la Apple che nuota negli utili fabbricando i prodotti in Cina alla Foxcon dove si suicidano per le condizioni di sfruttamento disumano ).
    Ora succede che tra i paesi “Ricchi” ci si scanna per chi mangia l’osso sempre più spolpato dalla Cina e dai paesi OPEC che ci strangolano col petrolio arrivato a 150 $ al barile ( 158 litri ) come il lambrusco.
    Così tra USA, Giappone, Germania, Portogallo, Spagna, Grecia indovina chi salta il pasto ???

  • ilsanto

    OPS dimenticavo, c’è una soluzione semplicissima, chiudere con la globalizzazione, mettere dazi sulle importazioni Cinesi così che convenga produrre in EUROPA, gli investimenti resterebbero qui, di più rientrerebbero in patria, ripartirebbe la produzione si riassumerebbero gli operai e impiegati ripartirebbero i consumi si ripristinerebbe la concorrenzialità delle imprese locali ridimensionando lo strapotere delle multinazionali e della finanza e magari con meno potere e danaro ci guadagnerebbe pure la democrazia.

  • misunderestimated

    Ancora un articolo su Goldie Hawn dai taurini colli, eccheppardepalle!!!!

  • Ercole

    dipende da quanto tempo impiegheranno ,per liberarsi dal riformismo e dal nazionalismo ,per una ripresa della lotta di classe.

  • Ercole

    hai le idee confuse , aspetta ancora un poco quando la crisi affamera anche te ,ti ricrederai sul concetto del socialismo e sulla necessita di un processo rivoluzionario.se poi a te stanno a cuore le sorti del capitalismo ,e un problema tuo.a ciascuno il suo.

  • misunderestimated

    Lotta di classe? Prima occorre convincere circa 3 miliardi di poveri che il modello a cui aspirano è sbagliato e moralmente ingiusto, poi possiamo pure parlare di “ripresa” (e che è, un incontro di boxe?!?!) della lotta di classe.

  • misunderestimated

    Si fotta pure il capitalismo, ci sono tanti modi per fotterlo senza troppi sventolii di bandiere rosse e internazionali socialiste, società multirazziali e piani di sviluppo programmato. Islanda docet.

  • antiUsrael

    Shhhhhh!! se lo facciamo notare siamo paranoici…ahahahhahah!!
    e loro però sono come minimo dalla parte degli usurai della troika…

  • Ercole

    ma i poveri gia lo sanno che il capitalismo e sbagliato , se non ci fossero gli eserciti a difenderlo ,di cui le borghesie si dotano, per difendere i loro privilegi e il loro potere ,e qui che si gioca la partita…

  • Ercole

    evviva l,islanda hanno realizzato il socialismo e non lo dicono a nessuno,hanno paura che il mondo si infuochi,o lo prendano come esempio,i borghesi di tutto il pianeta hanno smesso di dormire ….