GRECIA: INFETTARSI DELIBERATAMENTE IL VIRUS DELL’HIV PER POTER RICEVERE UN SUSSIDIO MENSILE ?

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

FONTE: RUSSIAN.RT.COM

Crisi Europea: aumentato bruscamente in Grecia, il livello di affetti da HIV.

Il tasso di disoccupazione greco rimane uno dei più elevati d’Europa.

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha comunicato che alcuni cittadini del paese greco si sono infettati intenzionalmente con l’HIV, allo scopo di percepire il sussidio di 700 euro dalle autorità erogato dalla Unione Europea.

Successivamente la stessa Organizzazione ha smentito il proprio comunicato e segnalato che non si ha ancora conferma ufficiale di casi di deliberata auto-infezione.
Secondo i computi della Organizzazione Mondiale della Sanità, il numero degli infetti da HIV in Grecia «è cresciuto significativamente». E tra questi, l’OMS segnala che alcuni dei nuovi casi sono probabilmente connessi alla deliberata auto-infezione.

Prova documentale di questo, però non è ancora dato di avere, sempre secondo l’OMS.

L’errore nella stesura del documento.

Il 26 novembre le agenzie di stampa internazionali avevano pubblicato i dati della crescita dell’infezione da HIV in Grecia, citando come fonte il rapporto OMS. In questo documento si parlava di come a volte  i greci si infettino deliberatamente con l’HIV per ottenere i sussidi e accedere alle terapie integrative.

La sera del 26 novembre, l’Organizzazione ha poi smentito la propria comunicazione, spiegando che vi era stato un errore nella redazione del testo.

Fattori di rischio.

In questa indagine si dice che la crisi economica provoca la crescita della criminalità che a sua volta facilita l’aumento dei tossicodipendenti e della trasmissione del virus dell’HIV. Il numero degli omicidi e dei furti durante la crisi economica è raddoppiato. E oltre a tutto questo, in Grecia è aumentato bruscamente  il numero di prostitute, segnala l’OMS.

L’accesso della popolazione ai servizi sanitari è calato del 40% a causa dei tagli al servizio sanitario. E i tagli determinano il fatto che i greci frequentino meno i medici. Secondo l’indagine della Unione Europea, tra il 2007 ed il 2009, gli abitanti del paese hanno ridotto la richiesta di intervento medico di un 15%.

Il governo greco continua ad intraprendere misure di austerità e di riduzione del numero di addetti nel sistema sanitario. Già solo nel previsto processo di «ottimizzazione del budget», le autorità greche prevedono il taglio di 26 mila dipendenti, di cui 9 mila medici.

«La situazione in Grecia deve essere di monito per i Paesi che devono ridurre il deficit di bilancio e sopratutto per Spagna, Irlanda e Italia. E’ prioritario trovare un modo di consolidare le finanze che non porti a rinunce di investimenti ineludibili nel campo della sanità pubblica», raccomanda nel documento l’OMS.

Nonostante la crisi e i tagli alla spesa per la sanità pubblica, l’aspettativa di vita in Grecia rimane relativamente alta. Secondo il rapporto dell’OMS, è paragonabile alla speranza di vita in Germania, Finlandia e Norvegia.

Fonte: http://russian.rt.com
Link: http://russian.rt.com/article/18858
24.11.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MASSIMO CONTINI
 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix