GRECIA COME CAPRO ESPIATORIO

DI GIULIETTO CHIESA

facebook.com

(Sintesi – mia – dell’articolo del professor Michael Hudson, Presidente di ISLET Istituto per lo studio delle tendenze economiche di lungo termine, Forest Hill, Ny)

Il debito greco risale al 2010. Già allora la Grecia non poteva pagarlo. Perché?
Quando entrò nella zona euro le cifre del suo debito furono falsificate. Da chi? Da Lucas Papademos, allora capo della Banca Centrale Greca, che lavorò con la consulenza, anzi agli ordini, di Goldman Sachs.

Come? Con trucchi contabili di vario genere e inventando derivati che permisero di nascondere le cifre reali.

Se ne accorse nel 2010 il Pasok di Papandreu, appena vinte le elezioni. Debito impagabile. Anche lo staff del Fondo Monetario Internazionale giunse a questa unanime conclusione. E aggiunse: si tratta di debiti fraudolenti, di gran lunga impagabili. Dovranno essere cancellati. E il consiglio dei direttori del FMI fu d’accordo con quella conclusione.

Ma Dominique Strauss-Kahn, che, quando non faceva sex parties, era a capo del FMI, voleva diventare presidente della Francia. Si consultò con Sarkozy, che gli ricordò che le banche francesi erano tra i massimi creditori. Se la Grecia non avesse pagato, sarebbero andate a bagno. Le banche tedesche venivano subito dopo. Poi, nel G-8 del 2011, Obama ricordò agli altri sette che i maggiori finanziatori della sua campagna elettorale stavano seduti a Wall Street, alla cui roulette avevano fatto un sacco di puntate sull’ipotesi che la Grecia avrebbe pagato. Non vogliamo mica che i miei amici e finanziatori vadano in rosso, nevvero?
Per cui, cari miei, dovrete sacrificare la Grecia e spingerla verso la miseria. Cioè bisogna dare i soldi al governo greco in modo che possa pagare i creditori e cioè che Wall Street non perda un centesimo.

Così la Banca Centrale Europea suggerì al FMI di non perdersi in chiacchiere. E regalò 100 miliardi di € ai creditori. Da quel momento la Grecia, invece di essere debitrice verso Wall Street (che era stata soddisfatta) divenne debitrice verso il FMI e la Banca Centrale Europea. La quale pretende di essere pagata. Ma quel debito, che era impagabile, è rimasto impagabile. Così la BCE dice: va bene, greci, vendeteci i vostri porti, le vostre terre, le vostre materie prime. Stiamo per chiudere i battenti. Se non pagherete vi prenderemo tutto. Preparatevi per l’austerità. In fondo solo il 20% della popolazione è emigrato. Potete raddoppiare l’emigrazione. Solo il 60% dei vostri giovani sono disoccupati. Potete portare il tasso di disoccupazione all’80%. Solo così possiamo prestarvi qualcosa, in modo che possiate pagarci.

http://michael-hudson.com/2015/…/greece-on-behalf-of-europe/

I greci, ieri sera, non sono andati a Delfi a chiedere all’oracolo cosa fare. I maggiordomi dei proprietari universali sono inciampati nel tappeto e hanno rovesciato il caffé. Che guaio, non c’è lavatrice per pulirlo. E con i carri armati, com’è noto, non si pulisce il tappeto.

PS. Ho sentito ora la dichiarazione di Martin Schulz. Berlusconi aveva visto lungo quando lo definì un “kapò ideale”. Per quella battuta gli dovremmo abbonare 20 bunga bunga.

Giulietto Chiesa

Fonte: www.facebook.com

Link

6.07.2015

15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
clausneghe
clausneghe
6 Luglio 2015 8:44

Una crepa strutturale non da poco si è insinuata nel triste edificio dove i plumbei bankster tengono rinchiusi i Popoli d’Europa.

Questa benvenuta e chiara vittoria del NO della gente Greca ha un significato che travalica sia l’aspetto economico che quello istituzionale.
E’ l’inizio di un crollo che speriamo non sia troppo cruento.
Ma è giusto così, le cose storte non possono stare in piedi all’infinito… 
FlavioBosio
FlavioBosio
6 Luglio 2015 8:47

《Da Lucas Papademos, allora capo della Banca Centrale Greca, che lavorò con la consulenza, anzi agli ordini, di Goldman Sachs.》


Ammessa e non concessa la responsabilità di Goldman Sachs al limite è quella d’aver occultato contabilmente un debito monster, ma chi ha creato quel debito e perché lo ha creato è il vero problema.

Scaricare la colpa su chi ha occultato il cadavere per consentire all’omicida di farla franca ed elevarlo a difensore della DemoKrazia.

L’assassino è ancora a piede libero ma per poco, sta esaurendo la liquidità e speriamo che Mario Draghi non gli dia asilo questa volta.
mago
mago
6 Luglio 2015 9:13

Ho esposto la bandiera Greca al balcone…per la Jolly Roger aspetto..per quella del CLN pure…questa è la favola dei tre porcellini e loro lo sanno..qualcuno cade sempre prima degli altri..il re è nudo…abbasso il re questa volta..i commercianti saranno scacciati dal tempio…

IVANOE
IVANOE
6 Luglio 2015 9:40

Di greci è cominciato tutto e dai greci ricomincia tutto, loro ce l’hanno nella  genetica… e questo ben sperare, al di là di tspras o non tsipras che secondo me nemmenolui pensava o sperava il contrario… ossia era forse più contento che vincessero i SI…e invece è successo tutto quello che a bruxelles erano sicuri che non succedesse, ed anche i guaiti dei nostri giornalisti servi della gleba al guinzaglio della UE fin dalle prime battute per minimizzare il successo del NO in tv dicevano che anche se il NO in "lieve" vantaggio era una sconfitta per tutti i sostenitori del NO…poi alla fine i stessi servi, siccome i dati non erano piltotati da loro e cioè da noi italioti, ci sono rimasti male anzi gli si è accapponata la pelle quando poi hanno visto i risultati finali…il governo greco i mass media greci si sono dimostrati nettamente più seri dei nostri servi dei TG nazionali..E anche oggi mentre per Fabrizio Corona oper Beln o ancora per Ruby i giornali e i siti dei giornali fanno intere pagine raccontando le loro misere storie, oggi minimizzzano la vittoria greca…Adesso mi aspetto che Tsipras forte del mandato del popolo mette imn circolo… Leggi tutto »

AlbertoConti
AlbertoConti
6 Luglio 2015 10:03

"il debito greco" è un’allocuzione che non significa niente, così come il debito "italiano" o di qualsiasi altro Stato. Per non confondere le acque (cosa che avviene regolarmente allo stesso scopo di sempre, cioè metterlo in quel posto al "popolo sovrano") occorre perlomeno distinguere tra "il" debito pubblico e "i" debiti privati, cioè di famiglie e aziende. La prima conseguenza di questa volutissima confusione dei fatti l’abbiamo sotto gli occhi proprio ora: la pubblicizzazione dei crediti (privatissimi) delle banche speculatrici attraverso meccanismi "istituzionalizzati" senza chiederci (a noi parco buoi) minimamente alcun permesso. Meccanismi ammantati da nomi di fantasia accattivanti quanto ipocritamente fasulli: "fondo salva-stati", "fondo di garanzia", "fondo di solidarietà", "fondo di redenzione". Tranne l’ultimo, dove l’inculata è facilmente riconoscibile, vanno letti esattamente al contrario per capirne la nera natura essenziale. Detto questo, che da solo grida vendetta a qualunque coscienza minimamente democratica, occorre poi analizzare, caso per caso, qual’è lo stimolo adottato per "creare" qualsiasi debito, sia pubblico che privato. Per fare un esempio banale prendiamo l’esplosione del cosiddetto debito-al-consumo, spesso infarcito di ciliegine, tipo il "tasso zero". Vuoi un’automobile? Perchè aspettare facendo risparmi dolorosissimi per poi comprarsi una misera Panda? Comprati subito una BMW con "comode rate" mensili… Leggi tutto »

luis
luis
6 Luglio 2015 10:11

quando la povera grecia dovette acquistare gli aerei militari tedeschi e altre armi inutili indebitandosi ancora di più, andava bene !?!Il vero ‘asssassino’ sono i politici greci dei governi precedenti che hanno falsificato e fatto aumentare il debito e le grandi banche d’affari che tirano le fila.Vuoi scommetere che se i politici corrotti e con parecchi scheletri negli armadi non stanno agli ordini delle grandi banche come la goldman o altre banche e istituzioni internazionali (in una banksters), vengono defenestrati, perché sono tutti ricattati (il più pulito ha la rogna).Detto questo, che colpa ne ha il popolo che ora deve soffrire, gli è forse stato chiesto con un referendum se entrare nell’euro o no? Conosce forse i retroscena di geopolitica e i grandi investimenti fallimentari che i banchieri fanno? L’unica cosa che ascrivo al popolo è quello di essere addormentato e di consentire quando i suoi politici rubano e fanno aumentare il loro debito.Noi in italia siamo uguali, forse anche più addormentati, ma nessuno ci ha chiesto se eravamo d’accordo di entrare nell’euro o no. Ci hanno fatto credere che sarebbe stato per il nostro bene rinunciare alla sovranità monetaria per accettare i prestiti del mercato, che sono poi prestiti… Leggi tutto »

luis
luis
6 Luglio 2015 10:53

quando la povera grecia dovette acquistare gli aerei militari tedeschi e altre armi inutili indebitandosi ancora di più, andava bene !?!I veri ‘colpevoli’ sono i politici greci dei governi precedenti che hanno falsificato e fatto aumentare il debito e le grandi banche d’affari che tirano le fila, avendo in pugno i politici, quasi tutti ricattabili.Vuoi scommetere che se i politici corrotti e con parecchi scheletri negli armadi non stanno agli ordini delle grandi banche come la goldman o altre banche e istituzioni internazionali (in una parola banksters), vengono defenestrati, perché sono tutti ricattati (il più pulito ha la rogna).Detto questo, che colpa ne ha il popolo che ora deve soffrire, gli è forse stato chiesto con un referendum se entrare nell’euro o no? Conosce forse i retroscena di geopolitica e i grandi investimenti fallimentari che i banchieri fanno? L’unica cosa che ascrivo al popolo è quello di essere addormentato e di consentire quando i suoi politici rubano e fanno aumentare il loro debito.Noi in italia siamo uguali, forse anche più addormentati, ma nessuno ci ha chiesto se eravamo d’accordo di entrare nell’euro o no. Ci hanno fatto credere che sarebbe stato per il nostro bene rinunciare alla sovranità monetaria per… Leggi tutto »

mago
mago
6 Luglio 2015 10:59

Io guardo sempre quando faccio la spesa al supermercato negli occhi la gente….mi angoscio sempre non vedo ne percepisco niente dalla quasi totalità delle persone…tutte spente e solo con il bisogno primario del cibo….non se ne fa nulla.

ilsanto
ilsanto
6 Luglio 2015 14:02

Oramai dovrebbe essere chiaro che è il "Sistema" che è sbagliato hai voglia a dire chi ha torto e chi ragione, se è colpa di questo o quello, se si dovesse prevedere una legge o istituire l’ennesimo ufficio di controllo. Questo sistema che sembrava l’unico e autoregolato oramai mostra di essere foriero di disastri la selezione naturale assunta a sistema di tutti contro tutti individui, attività economiche, istituzioni, fasce sociali, stati, religioni, razze, multinazionali, lobby, massonerie, finanza, eserciti, servizi segreti, burocrazie, media, partiti. Forse bisognerebbe sederci intorno ad un tavolo e ripensare tutto, per una volta, prima del disastro piuttosto che dopo, seduti sulle macerie. Sarebbe bello qui che si parlasse di questo, di un sistema nuovo 

ilsanto
ilsanto
6 Luglio 2015 14:05

Oramai dovrebbe essere chiaro che è il "Sistema" che è sbagliato hai voglia a dire chi ha torto e chi ragione, se è colpa di questo o quello, se si dovesse prevedere una legge o istituire l’ennesimo ufficio di controllo. Questo sistema che sembrava l’unico e autoregolato oramai mostra di essere foriero di disastri la selezione naturale assunta a sistema di tutti contro tutti individui, attività economiche, istituzioni, fasce sociali, stati, religioni, razze, multinazionali, lobby, massonerie, finanza, eserciti, servizi segreti, burocrazie, media, partiti. Forse bisognerebbe sederci intorno ad un tavolo e ripensare tutto, per una volta, prima del disastro piuttosto che dopo, seduti sulle macerie. Sarebbe bello qui che si parlasse di questo, di un sistema nuovo che faccia tesoro degli errori ed orrori della storia.

ProjectCivilization
ProjectCivilization
6 Luglio 2015 15:26

Scuktz , e’ solo un , gioviale politico . Il piu’ simpatico degli euroladroni .

Chiesa…..se mi imbianca I Papandreu….non gliela passo….

Dica la verita’ . Anche se il partito si chiamava PASOK .

Era il predecessor della finta sinistra oligarchica .

lanzo
lanzo
6 Luglio 2015 16:14

@ Luis – ma non solo.

Sono anziano e quindi ho (ancora) memoria storica.
Ti posso assicurare che visto come la questione Euro (ex Ecu) fu imbellita e confezionata sia da quella faccia tosta di Prodi  (poi riconpensato con la presidenza UE) che da  quasi tutti i media, se ci fosse stato un referendum, per fortuna non era/e’ consentito dalla "piu’ bella costituzione del mondo" , le adesioni all’Euro avrebbero stravinto, credetemi.
La thatcher, ci aveva visto bene quando disse che una moneta comune in un sistema di economie diverse, era una follia.  La GB infatti non e’ nell’euro e quasta anomalia non viene mai evidenziata.
Eshin
Eshin
6 Luglio 2015 16:40

 "La GB infatti non e’ nell’euro e questa anomalia non viene mai evidenziata."


INFATTI! 
E sarebbe molto da evidenziare! 
ProjectCivilization
ProjectCivilization
6 Luglio 2015 18:54

Il "Sistema" e’ conseguente alle persone . Chi e’ in grado di produrre un "Sistema" o anche solo un opinione cosciente ? Una esigua minoranza .

Gli altri vivono in ipnosi .

Lei crede che a Renzi non piacerebbe essere un governante di una Democrazia ?

Come si fa a esserlo con questa gente ?

Affrontiamo questa premessa .