“Gli Stati Uniti conducono il mondo verso la guerra nucleare”

Intervista all'ex colonnello dei Marines ed ex senatore Richard Black

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Mike Billington, schillerinstitute.com

Mike Billington dell’Executive Intelligence Review ha intervistato il colonnello in pensione Richard Black sulla situazione attuale e la guerra tra Russia ed Ucraina. Come al solito, Richard Black si dimostra un autentico patriota americano e un vero amante della libertà.

Salve, sono Mike Billington dell’Executive Intelligence Review e dello Schiller Institute. Oggi sono qui con il colonnello Richard Black, il senatore Richard Black, che, dopo aver prestato servizio per 31 anni nei Marines e nell’esercito, ha lavorato alla Camera dei Delegati della Virginia dal 1998 al 2006 e al Senato della Virginia dal 2012 al 2020. Permetterò al colonnello Black di descrivere lui stesso il suo servizio militare.

Billington: Colonnello Black, benvenuto. La guerra surrogata degli Stati Uniti, del Regno Unito e della NATO contro la Russia, che si sta svolgendo in Ucraina, e la guerra economica condotta direttamente contro la Russia, sono state accompagnate da una guerra dell’informazione volta a demonizzare la Russia e soprattutto il Presidente Vladimir Putin. Un tema ripetuto è che le forze armate russe stanno conducendo spietate campagne di sterminio contro i civili e di distruzione di aree residenziali, facendo spesso riferimento alle operazioni militari russe in Siria e sostenendo che i russi hanno fatto la stessa cosa in Siria, soprattutto contro Aleppo. Questi sarebbero esempi dei loro crimini di guerra e dei crimini contro l’umanità.

Lei è stato per molti anni un portavoce di primo piano a livello internazionale, smascherando le bugie su ciò che è avvenuto in Siria e sulla guerra in Siria. Per prima cosa, mi permetta di chiederle: come e perché la Russia è stata coinvolta militarmente in Siria? E come si contrappone alla presunta giustificazione degli Stati Uniti e della NATO per il loro intervento militare in Siria?

BLACK: Beh, vorrei iniziare, se possibile, dicendo ai nostri ascoltatori che sono molto patriottico: mi sono arruolato volontariamente nei Marines e sono andato volontariamente in Vietnam. Ho combattuto nella campagna dei Marines più sanguinosa di tutta la guerra. Ero un pilota di elicotteri che ha volato in 269 missioni di combattimento. Il mio velivolo è stato colpito dal fuoco di terra in quattro missioni. Ho poi combattuto a terra con la Prima Divisione dei Marines e durante una delle 70 pattuglie di combattimento che ho effettuato, il mio marconista è stato ucciso e io sono stato ferito mentre stavamo attaccando e cercando di salvare un avamposto dei Marines che era stato circondato.

Quindi sono molto filoamericano. In realtà facevo parte della NATO ed ero pronto a morire in Germania, per difenderci da un attacco dell’Unione Sovietica.

Ma la Russia non è affatto l’Unione Sovietica. La gente non lo capisce perché i media non lo hanno reso chiaro. Ma la Russia non è uno Stato comunista: l’Unione Sovietica era uno Stato comunista.

Ora, una delle cose che ho visto affermare, mi ha particolarmente irritato a causa della mia esperienza con la Siria, perché sono stato nella città di Aleppo. Aleppo è la città più grande della Siria, o almeno lo era prima dell’inizio della guerra. E c’è stata una battaglia tremenda. Alcuni la chiamano la “Stalingrado della guerra siriana”, che non è un paragone sbagliato. È stata una battaglia terribilmente aspra che è andata avanti dal 2012 al 2016. Nel corso di un combattimento urbano, le forze che combattono sono costrette a distruggere gli edifici. Gli edifici vengono abbattuti su vasta scala. Questo accade ogni volta che si combatte in una città. Ho camminato per le strade di Aleppo, mentre i combattimenti erano ancora in corso. Ho guardato il territorio controllato dal nemico, attraverso una fessura nei sacchi di sabbia, sono stato in piedi su carri armati che erano stati fatti esplodere e questo tipo di cose.

Quello che so e che posso dirvi su Aleppo è che la Russia era estremamente riluttante a farsi coinvolgere nei combattimenti in Siria. La guerra è iniziata nel 2011, quando gli Stati Uniti hanno fatto sbarcare gli agenti della CIA per iniziare a coordinarsi con Al Qaeda e altri gruppi terroristici. E noi siamo stati sostenitori incrollabili di Al Qaeda, fin da prima che la guerra iniziasse formalmente. Siamo sostenitori di Al Qaeda anche oggi, dove sono imbottigliati nella provincia di Idlib. La CIA li ha riforniti nell’ambito dell’operazione segreta Timber Sycamore[1]. Abbiamo fornito loro tutte le armi anticarro, tutti i missili antiaerei. E Al Qaeda è sempre stata la nostra forza di intermediazione sul terreno. Insieme all’ISIS, hanno portato avanti la missione degli Stati Uniti, insieme a un gran numero di affiliati che sono in un certo senso intercambiabili. I soldati dell’Esercito siriano libero passano dall’ISIS ad Al Qaeda all’Esercito Siriano Libero, in modo piuttosto fluido. E così abbiamo iniziato la guerra.

Ma gli Stati Uniti hanno una politica strategica che prevede l’utilizzo di proxy (procure) per intraprendere una guerra. Il nostro obiettivo era quello di rovesciare il governo legittimo della Siria e, per farlo, abbiamo impiegato soldati per procura che erano i più vili tra i terroristi. Qualcosa di molto simile sta accadendo ora in Ucraina.

Ma tornando ad Aleppo, l’esercito siriano, insieme a Hezbollah, è stato molto efficace; c’erano anche alcune truppe organizzate dall’Iran, ma era praticamente uno spettacolo siriano, certamente diretto da generali siriani. Hanno combattuto questo aspro combattimento urbano, molto brutale, molto mortale. E l’hanno combattuto per quattro anni, prima che la Russia si unisse alla battaglia. Così, dopo quattro anni, la città di Aleppo ha subito un’enorme distruzione. A quel punto i russi, su invito del governo legittimo della Siria, sono entrati in guerra. Ma a differenza di quanto riportato da molti media, non sono entrati in guerra come forza di terra. Certo, avevano alcune piccole forze di terra. Avevano la polizia militare, alcune unità di artiglieria, alcuni addetti alle operazioni speciali e un certo numero di consiglieri e simili. Ma non avevano una forza di terra significativa.

D’altra parte, erano una forza aerea significativa e molto efficace, che integrava l’aviazione siriana. Ma è stato solo nell’ultimo anno di guerra, la battaglia per Aleppo, solo nell’ultimo anno, che sono entrati e la loro potenza aerea è stata molto efficace. A quel punto, i siriani avevano già sconfitto le forze terroristiche. L’assistenza russa è stata in grado di spostare l’equilibrio e Aleppo è stata la grande vittoria dell’intera guerra siriana.

Ma incolpare i russi per l’enorme distruzione che ha avuto luogo ad Aleppo è bizzarro: perché non erano lì, non erano nemmeno presenti quando è successo. Quindi questa è semplicemente un’altra parte della narrazione propagandistica, che è stata molto efficace per l’Occidente, demonizzando la Russia e facendo affermazioni che non hanno alcuna sostanza. Ma la gente non ricorda la storia di queste cose, che sono piuttosto complesse. Quindi, no: la Russia non è stata in alcun modo responsabile della massiccia distruzione della città di Aleppo.

BILLINGTON: Come si contrapporrebbe ai metodi di guerra seguiti dalla Russia, rispetto agli Stati Uniti e alle forze alleate in Siria?

BLACK: Beh, prima di tutto, il coinvolgimento americano, la guerra degli Stati Uniti contro la Siria, è una guerra di aggressione. Abbiamo messo in campo un centro di attività speciali della CIA altamente segreto – questi sono una specie di James Bond della Central Intelligence Agency, totalmente machiavellici; farebbero qualsiasi cosa, non c’è nessuna barriera con questi ragazzi. Li abbiamo mandati e abbiamo iniziato la guerra in Siria. La guerra non esisteva finché non abbiamo mandato la CIA a coordinarsi con gli elementi di Al Qaeda. Così abbiamo iniziato la guerra e non siamo stati invitati in Siria.

In effetti, gli Stati Uniti hanno conquistato due parti significative della Siria. Una è una parte molto importante, il fiume Eufrate, che taglia circa un terzo della parte settentrionale della Siria: gli Stati Uniti hanno invaso quella parte. Abbiamo effettivamente messo delle truppe sul terreno, in modo illegale – contro ogni regola di diritto internazionale di guerra – si è trattato di un semplice sequestro. E a questo ha fatto riferimento John Kerry, all’epoca Segretario di Stato, frustrato dalla straordinaria vittoria delle forze armate siriane contro Al Qaeda e l’ISIS. E ha detto: “Probabilmente dobbiamo passare al piano B”. Non ha annunciato quale fosse il piano B, ma si è sviluppato nel tempo: Il piano B era la conquista americana della parte settentrionale della Siria. L’importanza di prendere quella parte della Siria è che è il cesto del pane per tutto il popolo siriano. È qui che il grano viene coltivato – la Siria aveva in realtà un’eccedenza significativa di grano e la gente era molto ben nutrita in Siria, prima della guerra. Volevamo portare via il grano, per causare la carestia tra il popolo siriano.

L’altra cosa che siamo riusciti a fare è sequestrare la maggior parte dei giacimenti di petrolio e di gas naturale. Anche questi erano prodotti nella parte settentrionale, oltre il fiume Eufrate. L’idea era che, rubando il petrolio e il gas, saremmo stati in grado di bloccare il sistema di trasporto e allo stesso tempo, durante gli inverni siriani, avremmo potuto congelare a morte la popolazione civile siriana, che in molti casi viveva in macerie, dove questi eserciti terroristici, con divisioni meccanizzate, avevano attaccato e distrutto completamente le città, lasciando la gente a vivere in piccole sacche di macerie.

Volevamo affamare e far morire di freddo il popolo siriano e questo era il piano B.

A un certo punto ci siamo sentiti frustrati dal fatto che in qualche modo questi siriani, questi maledetti siriani – è un piccolo Paese, e perché queste persone sono resistenti? – stavano combattendo contro due terzi dell’intera forza militare e industriale del mondo. Come può una nazione di 23 milioni di persone resistere per oltre un decennio? Così abbiamo deciso che dovevamo agire o avremmo perso del tutto la Siria. Così il Congresso degli Stati Uniti ha imposto le sanzioni Caesar [2]. Le sanzioni Caesar sono state le più brutali mai imposte ad una nazione. Durante la Seconda guerra mondiale, le sanzioni non erano così severe come quelle imposte alla Siria.

Non eravamo in guerra con la Siria! Eppure, avevamo un blocco navale intorno al Paese. Abbiamo svalutato la loro moneta attraverso il sistema SWIFT per i pagamenti internazionali, rendendo impossibile l’acquisto di farmaci. Così le donne siriane si ammalavano di cancro al seno, proprio come accade in questo Paese. Ma invece, laddove in questo Paese il cancro al seno è diventato relativamente curabile, abbiamo tagliato le forniture mediche, cosicché le donne siriane morivano di cancro al seno perché non potevano ottenere i farmaci, perché abbiamo svalutato i loro dollari attraverso il sistema SWIFT.

Una delle ultime cose che abbiamo fatto e le prove sono vaghe, ma c’è stata una misteriosa esplosione nel porto del Libano, un’esplosione massiccia di una nave carica di fertilizzante al nitrato di ammonio. Ha ucciso centinaia di libanesi. Ha ferito migliaia di persone, ha distrutto l’economia del Libano. E, soprattutto, ha distrutto il sistema bancario libanese, che era una delle poche vie di salvezza rimaste alla Siria. Non credo che l’esplosione sia stata accidentale. Penso che sia stata orchestrata e sospetto che la Central Intelligence Agency fosse a conoscenza della nazione che ha compiuto l’azione di distruzione del porto di Beirut.

Ma in tutto ciò si nota questo approccio machiavellico, in cui usiamo forza e violenza illimitate. E allo stesso tempo, controlliamo i media globali, fino a cancellare tutte le discussioni su ciò che sta realmente accadendo. Così, l’uomo o la donna della strada pensano che le cose vadano bene. Tutto viene fatto per motivi altruistici, ma non è così.

BILLINGTON: Parte del suo servizio militare è stato come ufficiale JAG e, per un periodo, lei è stato a capo della divisione di diritto penale dell’esercito al Pentagono. E alla luce di ciò, come vede queste sanzioni Caesar – come le vedrebbe dal punto di vista del diritto internazionale e del diritto militare?

BLACK: Beh, io non ero l’esperto di diritto internazionale. Ero l’esperto di diritto penale. Ma direi che fare la guerra a una popolazione civile è un crimine di grave importanza per il diritto di guerra.

Una delle cose che abbiamo fatto quando ci siamo alleati con Al Qaeda e, a fasi alterne, con l’ISIS; voglio dire, abbiamo combattuto l’ISIS in modo molto serio, ma allo stesso tempo li abbiamo spesso impiegati contro il governo siriano. Quindi è una sorta di amore-odio. Ma abbiamo sempre lavorato con i terroristi. Erano il nucleo centrale.

Una delle politiche seguite è stata quella di una versione estrema dell’Islam, il wahhabismo, che prevedeva l’idea di possedere una donna da afferrare con il proprio braccio destro in battaglia. E questo risale al settimo secolo. E così abbiamo facilitato il movimento di terroristi islamici da un centinaio di Paesi, che sono arrivati e si sono uniti all’ISIS, ad Al Qaeda, all’Esercito Siriano Libero, a tutti questi diversi gruppi. E una delle cose che sapevano quando sono arrivati è che avevano il diritto di uccidere i mariti – non sto parlando di militari, sto parlando di civili – potevano uccidere i mariti, potevano ucciderli e poi potevano prendere e possedere le loro mogli e i loro figli. E lo facevano in gran numero.

E così c’è stata una campagna di stupri, una campagna organizzata di stupri in tutta la Siria. E in alcune aree ribelli sono sorti mercati di schiave, dove si trovavano i listini dei prezzi delle diverse donne. Ed è interessante notare che i prezzi più alti andavano ai bambini più piccoli, perché c’era un gran numero di pedofili. E i pedofili volevano possedere bambini piccoli, perché in base alle leggi applicate, erano autorizzati a stuprare questi bambini ripetutamente. Potevano stuprare le vedove dei soldati o dei civili uccisi, possederli, comprarli e venderli tra di loro. Questo continuava.

Non sto dicendo che la CIA abbia creato questa politica, ma hanno capito che era una politica diffusa e l’hanno approvata. Non l’hanno mai criticata in alcun modo.

La situazione era così grave che ho parlato con il Presidente Assad – quando mi sono recato in visita nel 2016, sono stato in diverse zone di battaglia e nella capitale – e mi ha detto che in quel momento stavano lavorando a una legislazione in Parlamento per cambiare la legge sulla cittadinanza. Avevano sempre seguito la legge islamica, secondo la quale la cittadinanza di un bambino derivava dal padre. Ma c’erano così tante decine, centinaia di migliaia di donne siriane ingravidate da questi terroristi che venivano importati in Siria, che era necessario cambiare la legge, in modo che avessero la cittadinanza siriana e non dovessero essere restituite al padre dell’ISIS in Arabia Saudita o in Tunisia. Potevano essere trattenuti in Siria. In seguito, ho controllato e la legge è stata approvata e applicata.

Ma questo dimostra la totale crudeltà. Quando combattiamo queste guerre, non abbiamo limiti alla crudeltà e alla disumanità che siamo disposti a imporre alla popolazione, facendola soffrire, in modo che in qualche modo questo si traduca nel rovesciare il governo e magari nel prendere il suo petrolio, le sue risorse.

BILLINGTON: Chiaramente, la politica contro la Russia oggi, da parte dell’attuale amministrazione….

BLACK: Sì. Si. La Russia è forse più ricca di risorse naturali di qualsiasi altra nazione sulla Terra. È uno dei principali produttori di grano, petrolio, alluminio, fertilizzanti e di un numero immenso di cose che si legano all’intera economia globale. E senza dubbio ci sono persone che guardano a tutto questo e dicono: “Se potessimo in qualche modo smantellare la Russia stessa, si creerebbero fortune, si creerebbero mega miliardaria dozzine”. E c’è una certa attrazione per questo. Certamente avete già visto alcune di queste cose, con interessi stranieri che hanno preso il controllo dell’Ucraina e si sono impossessati delle sue vaste risorse.

Ma abbiamo iniziato a dirigerci verso la Russia quasi subito dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica nel 1991. L’Unione Sovietica si è dissolta, il Patto di Varsavia si è dissolto. E purtroppo, una delle grandi tragedie della storia è che non siamo riusciti a sciogliere la NATO. L’unico scopo della NATO era quello di difenderci dall’Unione Sovietica. L’Unione Sovietica non esiste più. La NATO ha affrontato il Patto di Varsavia. Il Patto di Varsavia non c’era più, non esisteva più. Non c’era alcuno scopo per cui la NATO continuasse ad esistere. Tuttavia, l’abbiamo mantenuta e non poteva esistere se non aveva un nemico. La Russia voleva disperatamente entrare a far parte dell’Occidente.

Ho incontrato il capo di Gazprom, la più grande società russa, poco dopo la fine dell’Unione Sovietica e mi ha descritto come stavano lottando per avere i loro media liberi come in Occidente. E loro ci consideravano molto più liberi e aperti di noi. E mi ha detto: “Abbiamo questo problema perché c’è una rivolta in Cecenia, che fa parte della Russia”. E ha detto che i ribelli ceceni inviano video alla televisione russa e noi li trasmettiamo alla televisione russa, perché è così che funziona la libertà di parola.

E io ho detto: “Mi sta prendendo in giro?”. Ho detto: “State pubblicando i filmati di propaganda del nemico?”. E lui: “Sì”. E ancora: “Non è così che fate negli Stati Uniti?”. Gli risposi: “No. Durante la Seconda Guerra Mondiale, abbiamo preso il capo dell’Associated Press e lo abbiamo messo a capo della censura di guerra, ed era molto severo”.

Ma questo è solo un esempio di come si trovassero in difficoltà. Sono passati dall’essere un Paese ufficialmente ateo a diventare la grande nazione cristianizzata d’Europa, di gran lunga. Non solo i cittadini erano i più cristianizzati di tutti i grandi Paesi europei, ma il governo stesso era molto favorevole alla Chiesa e alla fede cristiana. Hanno modificato la loro Costituzione per dire che il matrimonio era l’unione di un uomo e una donna. Sono diventati molto restrittivi sulla pratica dell’aborto. Hanno posto fine alla pratica delle adozioni all’estero, dove alcune persone andavano in Russia e adottavano bambini per scopi immorali. Così sono diventati una cultura completamente diversa.

In ogni caso, gli Stati Uniti hanno una strategia di lunga data, una strategia politico-militare di espansione dell’impero. Lo abbiamo fatto in Medio Oriente, dove abbiamo cercato di creare un enorme impero neocoloniale. La strategia si è rivelata piuttosto logorante. La gente non lo voleva. E sembra che sia destinato a estinguersi prima o poi – ma potrebbe continuare per altri cento anni. Ma in ogni caso, stiamo cercando di fare qualcosa di simile, mentre ci spostiamo a est, praticamente fino al confine con la Russia.

BILLINGTON: La posizione degli Stati Uniti e del Regno Unito sulla guerra in Ucraina, nelle ultime settimane, è diventata non solo di sostegno alla guerra, ma di vittoria a tutti i costi. Questo è stato dichiarato dal Segretario alla Difesa Austin e da altri. E stanno inviando al regime di Kiev enormi quantità di armi non solo difensive ma anche offensive. Quali sono, secondo lei, le conseguenze di questa politica?

BLACK: Penso che una cosa che farà [questa politica] è garantire che un numero enorme di soldati ucraini innocenti muoiano inutilmente. Molti soldati russi moriranno inutilmente. Si tratta di ragazzi. I ragazzi vanno in guerra. Io sono andato in guerra da bambino. Pensi che il tuo Paese, giusto o sbagliato che sia, faccia tutto bene. Mi si spezza il cuore, quando guardo i volti dei giovani ragazzi russi che sono stati uccisi – in alcuni casi in modo molto criminale – dalle forze ucraine. E allo stesso modo, vedo i giovani ucraini che vengono massacrati sul campo di battaglia.

A noi non interessa! Agli Stati Uniti e alla NATO non interessa quanti ucraini muoiono. Civili, donne, bambini, soldati. Non ci interessa. È diventata una grande partita di calcio. Noi abbiamo la nostra squadra. Loro hanno la loro squadra, rah rah. Vogliamo ottenere il punteggio più alto e farcela da soli. E, sapete, non ci importa quanti dei nostri giocatori si storpino sul campo di gioco, purché si vinca.

Ora, stiamo spedendo quantità fantastiche di armi e questo ha fatto sì che le azioni della Raytheon, che crea missili, e della Northrop Grumman, che crea aerei e missili, tutte queste industrie della difesa si siano enormemente gonfiate con i soldi delle tasse. Non credo che alla fine cambierà il risultato. Penso che la Russia prevarrà. Gli ucraini si trovano in una posizione strategica molto scomoda a est.

Ma se si guarda al modo in cui si è svolta la vicenda, il Presidente Putin ha compiuto un disperato tentativo di fermare la marcia verso la guerra già nel dicembre del 2021. Si è spinto fino a mettere sul tavolo della NATO proposte scritte specifiche, proposte di pace per disinnescare ciò che stava per accadere. Perché a quel punto l’Ucraina stava ammassando truppe per attaccare il Donbas. Quindi, ha cercato di evitare che ciò accadesse. Non voleva la guerra. E la NATO ha semplicemente ignorato la questione, non l’ha mai presa sul serio, non ha mai avviato negoziati seri.

A quel punto, Putin, vedendo che gli ucraini armati, con armi in grado di uccidere le truppe russe, erano letteralmente ai suoi confini, ha deciso di colpire per primo. Ora, si capisce che non si trattava di un attacco pianificato. Non era come l’attacco di Hitler in Polonia, dove la regola standard è che si ha sempre un vantaggio di 3 a 1 quando si è l’attaccante. Bisogna ammassare il triplo dei carri armati, dell’artiglieria, degli aerei e degli uomini rispetto alla controparte. In realtà, quando la Russia è entrata, è entrata con quello che aveva, con quello che poteva mettere insieme con poco preavviso. Ed erano in inferiorità numerica rispetto alle forze ucraine. Le forze ucraine avevano circa 250.000 uomini. I russi ne avevano forse 160.000. Quindi, invece di avere il triplo delle truppe, avevano in realtà meno truppe degli ucraini. Ma sono stati costretti ad attaccare, per cercare di prevenire la battaglia che si stava profilando, dove gli ucraini avevano ammassato queste forze contro il Donbas.

Ora, il Donbas è adiacente alla Russia. È una parte dell’Ucraina che non si è unita al governo rivoluzionario che ha condotto il colpo di Stato nel 2014 e ha rovesciato il governo ucraino. Hanno rifiutato di entrare a far parte del nuovo governo rivoluzionario dell’Ucraina. Così hanno dichiarato la loro indipendenza. L’Ucraina aveva ammassato un enorme esercito per attaccare il Donbas. Così la Russia è stata costretta a intervenire per prevenire l’attacco pianificato dall’Ucraina. E si può notare che la Russia sperava vivamente di poter condurre questa operazione speciale senza causare indebite perdite agli ucraini, perché pensava agli ucraini, o almeno pensava agli ucraini come fratelli slavi; voleva avere buoni rapporti. Ma c’è una famosa foto di un carro armato russo che è stato fermato da un gruppo di circa 40 civili che sono usciti sulla strada e hanno bloccato la strada e il carro armato si è fermato. Posso dirvi che in Vietnam, se avessimo avuto un gruppo di persone che si fossero messe in mezzo a un carro armato americano, quel carro armato non avrebbe rallentato minimamente! Non avrebbe suonato il clacson, non avrebbe fatto nulla, non avrebbe sparato un colpo di avvertimento. Avrebbe semplicemente proseguito. E penso che questo sia più tipico – non sto criticando gli americani. Io ero lì e stavo combattendo, e probabilmente io stesso avrei tirato dritto con il carro armato.

Ma quello che voglio dire è che le regole di ingaggio dei russi erano molto, molto caute. Non volevano creare una grande quantità di odio e animosità. I russi non sono entrati – non hanno bombardato il sistema elettrico, i sistemi di comunicazione, i sistemi idrici, i ponti e così via. Hanno cercato di mantenere le infrastrutture dell’Ucraina in buono stato perché volevano che [gli ucraini] tornassero indietro. Volevano solo che tutto questo finisse e che si tornasse alla normalità. Non ha funzionato. La resistenza degli ucraini è stata inaspettatamente dura. I soldati ucraini hanno combattuto con grande valore, con grande eroismo. E così ora il gioco si è alzato ed è diventato molto più serio.

Ma è sorprendente guardare e vedere che la Russia domina l’aria. Non hanno messo fuori uso i sistemi ferroviari. Non hanno messo fuori uso le centrali elettriche. Non hanno messo fuori uso molte cose. Non hanno mai bombardato gli edifici del centro di Kiev, la capitale dell’Ucraina; non hanno bombardato gli edifici dove si riunisce il Parlamento. Sono stati incredibilmente riservati su queste cose, sperando contro ogni speranza che si potesse raggiungere la pace.

Ma non credo che l’Ucraina abbia nulla a che fare con la decisione di pace o di guerra. Penso che la decisione sulla pace o sulla guerra sia presa a Washington, D.C. Finché vogliamo che la guerra continui, la combatteremo, usando gli ucraini come proxy e la combatteremo fino all’ultimo ucraino morto.

BILLINGTON: Come si proietta il potenziale di una guerra che scoppia direttamente tra gli Stati Uniti e la Russia? E come sarebbe?

BLACK: Se torniamo indietro alla Prima guerra mondiale, nel 1914, c’è stato l’assassinio dell’arciduca d’Austria-Ungheria. Lui e sua moglie furono uccisi. In seguito all’uccisione di queste due persone, si è verificato un effetto domino di tutte queste alleanze, rabbia e isteria mediatica. E prima che tutto finisse, credo che fossero state uccise 14 milioni di persone. È sempre difficile ottenere numeri veritieri, ma in ogni caso si trattava di un numero enorme di milioni di persone morte a causa di questo evento.

Dobbiamo riconoscere il rischio di giocare a questi giochi del pollo. Ad esempio, i media turchi hanno appena pubblicato un articolo in cui si afferma che a Mariupol, dove c’è stato un grande assedio, alla fine i russi hanno vinto. L’unica area che non hanno conquistato è questa enorme acciaieria. Ci sono molti soldati ucraini rintanati lì. E ora è emerso che, a quanto pare, ci sono 50 ufficiali superiori francesi che sono intrappolati nell’acciaieria insieme agli ucraini. I soldati francesi sono stati sul campo a combattere, a dirigere la battaglia. Tutto questo è stato tenuto nascosto, ultra-segreto, a causa delle elezioni francesi appena svoltesi. Se i francesi avessero saputo che c’era un gran numero di ufficiali francesi intrappolati e probabilmente destinati a morire in quell’acciaieria, le elezioni sarebbero andate nella direzione opposta: Marine Le Pen avrebbe vinto. Per questo era molto importante, per l’intero Stato profondo, che non venisse alla luce la presenza di questi ufficiali francesi.

Sappiamo che ci sono ufficiali della NATO presenti sul terreno in Ucraina come consulenti e così via. Corriamo il rischio. Ora, la mia ipotesi – ed è un’ipotesi, potrei sbagliarmi – è che la nave ammiraglia della flotta russa del Mar Nero, la Moskva, sia stata affondata perché colpita da missili antinave. La mia ipotesi è che quei missili, credo ci siano buone probabilità, siano stati lanciati dai francesi. Ora, potrei sbagliarmi, ma quei missili sono così ultrasensibili e così pericolosi per le nostre navi, che non credo che la NATO li affiderebbe agli ucraini o a chiunque altro. Penso che debbano essere mantenuti sotto il controllo e l’operatività della NATO. Quindi penso che probabilmente siano state le forze della NATO ad affondare la Moskva.

E si vede che stiamo intraprendendo queste azioni molto avventate e ogni volta alziamo la posta – si dà il caso che io sia repubblicano – ma abbiamo due senatori repubblicani degli Stati Uniti che hanno detto: “Beh, potremmo aver bisogno di usare le armi nucleari contro la Russia”. È una follia. Credo sia importante che si cominci a discutere di cosa significherebbe una guerra termonucleare.

Ora, dobbiamo capire che pensiamo: “Oh, siamo grandi, siamo cattivi e abbiamo tutte queste cose”. La Russia ha una potenza nucleare più o meno paragonabile a quella degli Stati Uniti. Hanno missili ipersonici, che noi non abbiamo. Possono assolutamente eludere qualsiasi rilevamento tempestivo e possono lanciare missili dalla Russia e raggiungere San Francisco, Los Angeles, Chicago, Detroit, Baltimora, Washington D.C., New York City.

E pensate alla Virginia, dove vivo, se ci fosse una guerra nucleare – tenete presente che hanno anche una flotta molto grande ed efficace di sottomarini nucleari che si trovano al largo delle coste degli Stati Uniti. Hanno un gran numero di missili a testata nucleare e possono eludere tutte le nostre difese. Quindi, se si guarda alla Virginia, tutta la Virginia settentrionale sarebbe essenzialmente annientata. Non rimarrebbe quasi nessuna vita umana nella contea di Loudoun, nella contea di Prince William, nella contea di Fairfax, ad Arlington e ad Alexandria. Il Pentagono si trova nella contea di Arlington: il Pentagono sarebbe semplicemente una massa incandescente di sabbia fusa. Non ci sarebbe vita umana lì. E non ci sarebbe vita umana per molti chilometri intorno ad esso. Dall’altra parte del Potomac, la capitale della nazione, non ci sarebbe più vita nella capitale della nazione. L’edificio del Campidoglio scomparirebbe per sempre. Tutti i monumenti, tutte queste cose gloriose, non rimarrebbe nulla.

Se si va sulla costa della Virginia, c’è il cantiere navale di Norfolk, c’è il porto di Norfolk. Avete il più grande accumulo di potenza navale sulla faccia della Terra. È qui che parcheggiamo tutte le nostre portaerei, i nostri sottomarini nucleari, tutte queste cose. Non rimarrebbe nulla. Non rimarrebbe nulla di quelle industrie navali.

E si può continuare. Parlando di New York City, probabilmente la stessa New York City, non solo verrebbero uccisi tutti, ma probabilmente sarebbe impossibile per le persone abitare New York City per centinaia di anni dopo. Non solo cesserebbe di essere un luogo di vita umana vivace, ma probabilmente per mezzo millennio non recupererebbe alcun tipo di civiltà.

Dobbiamo capire la gravità di ciò che stiamo facendo. Forse se si trattasse di una questione di vita o di morte per gli Stati Uniti, ciò che accade in Ucraina sarebbe una cosa. Di certo, quando l’Unione Sovietica ha piazzato dei missili a Cuba, che avevano come obiettivo gli Stati Uniti, valeva la pena di rischiare, perché era proprio sul nostro confine e ci minacciava. Era una battaglia per cui valeva la pena combattere e un rischio da correre. I russi si trovano in una situazione esattamente speculare a quella, perché per loro la vita della Russia dipende dall’impedire alla NATO di avanzare ulteriormente in Ucraina, fino ai loro confini. Non possono permettersi di non combattere questa guerra. Non possono permettersi di non vincere questa guerra.

Quindi penso che stiamo giocando questa costante escalation in una guerra che, in realtà, [avviene] in un luogo che non ha alcun significato per gli americani – l’Ucraina è insignificante per gli americani, non ha alcun impatto sulla nostra vita quotidiana. Eppure, stiamo giocando a questo gioco sconsiderato che mette a rischio la vita di tutte le persone negli Stati Uniti e nell’Europa occidentale per niente! Assolutamente per niente!

BILLINGTON: Molti ufficiali di grado superiore capiscono certamente le conseguenze che lei ha appena descritto in modo piuttosto inquietante. Perché, mentre alcuni generali parlano in Italia, in Francia, in Germania, avvertendo che stiamo perseguendo una strada che potrebbe portare a una guerra nucleare, perché da noi non ci sono voci simili da parte di ufficiali di grado superiore, magari in pensione, che dicono quello che lei sta dicendo qui oggi?

BLACK: Sa, c’è stato un enorme deterioramento della qualità degli ufficiali di grado, a partire dagli anni Novanta. Durante il periodo in cui ero in servizio attivo – me ne sono andato nel ’94 – avevamo ottimi ufficiali di grado, persone di qualità superiore. Ma è successo che in seguito è subentrato il presidente Clinton, poi Obama. Ora abbiamo Biden. E applicano uno schermo politico molto severo ai loro ufficiali militari. E ora abbiamo degli “yes men”. Non si tratta di persone la cui principale devozione è verso gli Stati Uniti e il loro popolo. La loro principale devozione è per la loro carriera e per la loro capacità di fare rete con altri ufficiali militari al momento del pensionamento. C’è una rete molto forte che può collocare i generali militari in think tank, dove promuovono la guerra, in organizzazioni come Raytheon e Northrop Grumman, e tutte queste operazioni di difesa, dove possono entrare in consigli di amministrazione e cose del genere. Quindi c’è un prezzo personale da pagare per dire: “Ehi, basta. La guerra non è nell’interesse del popolo americano”. Se avessimo una migliore qualità degli individui, avremmo persone con il coraggio di dire: “Non mi importa quanto mi costa personalmente”. Ma è molto difficile entrare nei ranghi superiori, se si è un individuo guidato da principi, patriottismo e devozione per il popolo di questa nazione. Non è così che funziona. A un certo punto, abbiamo bisogno di un Presidente che vada a scuotere l’albero e faccia cadere molte di queste persone, perché sono pericolose. Sono molto pericolose per l’America.

BILLINGTON: Helga Zepp-LaRouche e lo Schiller Institute hanno presentato una petizione – e abbiamo tenuto una conferenza il 9 aprile sullo stesso tema – secondo cui l’unico modo per fermare davvero questa discesa all’inferno e un potenziale olocausto nucleare è una nuova pace di Westfalia. In questo caso, una conferenza internazionale per garantire una nuova architettura di sicurezza e una nuova architettura di sviluppo, il diritto allo sviluppo per tutti i Paesi. E come la Pace di Westfalia, una conferenza in cui tutte le parti si siedano insieme, riconoscano i propri interessi, i propri interessi sovrani, come comprensivi degli interessi sovrani degli altri, e perdonino tutti i crimini passati. Qualsiasi cosa al di fuori di questo continuerà a dividere il mondo in blocchi in guerra. Proprio come ho chiesto cosa impedisce ai generali di parlare, perché, e cosa ci vorrà, per far sì che gli americani riconoscano che possiamo e dobbiamo sederci con i russi, con i cinesi e con tutte le altre nazioni e stabilire un mondo vero, giusto, basato sulla dignità dell’uomo e sul diritto allo sviluppo e alla sicurezza?

BLACK: Penso che, sfortunatamente, ci dovrà essere un enorme dolore per arrivare a tanto, proprio come è successo con la Pace di Westfalia. Una guerra nucleare lo farebbe; un cataclisma economico di proporzioni senza precedenti, derivante dalla stampa sfrenata di denaro che abbiamo intrapreso negli ultimi 20 anni, ci sono cose che potrebbero portarlo. Ma a questo punto, i mezzi di comunicazione sono stati così totalmente censurati e così di parte che il popolo americano non ha davvero la percezione della necessità di qualcosa del genere. Sarà difficile.

Ecco una cosa interessante che è successa. In questo Paese si pensa che tutto il mondo sia contro la Russia. Non è così. In realtà, ci sono importanti Paesi del mondo che propendono per la Russia in questa guerra, a cominciare dalla Cina, ma anche il Brasile, il Sudafrica, l’Arabia Saudita, una vasta gamma di Paesi. India. L’India è estremamente favorevole alla Russia. L’idea che in qualche modo abbiamo questa causa enormemente giusta, non convince gran parte del mondo che sia giusta e gran parte del mondo non accetta l’ultima propaganda sui crimini di guerra: questa cosa di Bucha… È probabilmente la più importante di tutte le discussioni sui crimini di guerra.

E cos’è stata Bucha? È stato girato un filmato di un veicolo che percorreva la strada di Bucha, che era stata riconquistata dai russi. E ogni cento metri circa c’era una persona con le mani legate dietro la schiena, che era stata uccisa. L’annuncio è stato dato solo quattro giorni dopo la riconquista di Bucha da parte degli ucraini.

Ora, non ne sapevamo quasi nulla. In realtà non avevamo nemmeno le prove che le persone fossero state uccise. Ma supponendo che lo fossero, non sapevamo dove fossero state uccise. Non sapevamo chi fossero. Non sapevamo chi li avesse uccisi. Non sapevamo perché fossero state uccise. Nessuno era in grado di fornire un motivo adeguato per cui i russi le avrebbero uccise. I russi hanno tenuto Bucha per un mese. Se avevano intenzione di ucciderle, perché non le hanno uccise durante quel mese? E se si vuole massacrare un gruppo di persone, non sarebbero state tutte in un unico posto e non le si sarebbe uccise tutte lì? Perché distribuirle lungo il ciglio di una strada, a un chilometro di distanza? Non ha senso!

Quello che sappiamo è che quattro giorni dopo che il sindaco di Bucha aveva annunciato con gioia che la città era stata liberata, quattro giorni dopo che l’esercito ucraino era entrato e il braccio speciale di propaganda dell’esercito ucraino era lì, all’improvviso c’erano queste persone morte sulla strada. Come mai non c’erano quando c’erano i russi? Come mai sono apparse solo dopo che i russi se ne sono andati?

Se lo considerassi come un normale caso criminale e parlassi con la Divisione Investigativa Criminale o con l’FBI, o con la polizia militare o altro, direi: “Ok, per prima cosa, diamo un’occhiata agli ucraini”. La mia ipotesi, e si inizia con un’intuizione quando si indaga su un crimine, è che gli ucraini abbiano ucciso queste persone dopo essersi trasferiti e dopo essersi guardati intorno e aver detto: “Ok, chi è stato amichevole con le truppe russe mentre i russi erano qui? Li giustizieremo”. Questa sarebbe la mia ipotesi. Perché non vedo alcun motivo per cui i russi avrebbero dovuto uccidere un po’ di gente mentre uscivano dalla città.

E nessuno mette in dubbio nulla, perché i media aziendali sono così monolitici. Sappiamo per certo che il direttore di un ospedale ucraino, il responsabile dell’ospedale, si è vantato di aver dato ordini precisi a tutti i suoi medici: quando venivano portati prigionieri di guerra russi feriti o vittime, dovevano essere castrati. Si tratta di un orribile crimine di guerra, ammesso dalla bocca dell’amministratore dell’ospedale e il governo ucraino ha detto: “Ci penseremo”, come se non fosse nulla di grave. Non riesco a pensare a un crimine di guerra più orribile, più orribile che mai. Dove ne avete sentito parlare, su ABC, MSNBC, CNN e FOX News? Non un sussurro. Eppure, le prove sono innegabili. Abbiamo avuto un altro filmato in cui c’era un punto di raccolta dei prigionieri di guerra, in cui gli ucraini portavano i prigionieri di guerra in un punto centrale per il trattamento – questo è un video di circa sette minuti – e i soldati ucraini li hanno semplicemente abbattuti. E c’erano probabilmente 30 soldati russi feriti che giacevano a terra, alcuni dei quali stavano chiaramente morendo per le ferite riportate. Ad alcuni di loro hanno messo dei sacchi di plastica in testa. Si tratta di uomini che giacciono lì, a volte mortalmente feriti, con le mani legate dietro la schiena e con sacchetti di plastica in testa che rendono difficile la respirazione. E poiché non possono alzare le mani, non possono togliere i sacchetti per respirare. Alla fine del video, gli ucraini fanno entrare un furgone e ci sono tre prigionieri di guerra russi non feriti. Senza il minimo pensiero o esitazione, mentre i tre scendono e le loro mani sono legate dietro la schiena, sparano a due, proprio davanti alla telecamera e cadono a terra. Il terzo si inginocchia e implora che non gli facciano del male. E poi gli sparano! Questi sono crimini. E non sono stati smentiti dal governo ucraino. Ma non sapete nemmeno che sono avvenuti! Finora, vi dirò che [questo è] l’unico crimine provato… Non sto dicendo che non ci siano crimini di guerra da entrambe le parti. Vi dico solo che gli unici in cui ho visto prove abbastanza inconfutabili di crimini di guerra sono stati commessi da parte ucraina.

Spesso si sente dire: “I russi hanno distrutto questo o quello”. Beh, devo dire che se si torna indietro alle guerre che abbiamo combattuto quando abbiamo invaso l’Iraq, allo “Shock and Awe” [3], abbiamo distrutto praticamente tutto in Iraq, tutto ciò che era significativo. Abbiamo bombardato obiettivi militari e civili senza alcuna discriminazione. La coalizione ha volato 100.000 sortite in 42 giorni. Si può fare un confronto con i russi, che hanno volato solo 8.000 sortite nello stesso periodo di tempo. 100.000 sortite americane contro 8.000, nello stesso periodo di tempo. Credo che i russi abbiano avuto la tendenza ad essere più selettivi. E mentre noi facevamo sortite – la filosofia di Shock and Awe è che si distrugge tutto ciò che è necessario per sostenere la vita umana e per far funzionare una città. Si mettono fuori uso le forniture d’acqua, di elettricità, di calore, di petrolio, di benzina; si mettono fuori uso tutti i ponti principali. E poi si continua a distruggere tutto.

Quindi è davvero ironico. E si tenga presente che l’Iraq è un Paese relativamente piccolo. L’Ucraina è un Paese enorme. 100.000 sortite in 42 giorni, 8.000 sortite in circa lo stesso tempo. Un’enorme differenza di violenza tra ciò che abbiamo fatto in Iraq e ciò che hanno fatto in Ucraina. Quindi non c’è credibilità quando si passa ai fatti e si guarda al modo in cui la guerra è stata condotta.

BILLINGTON: Bene. Senatore Black, Colonnello Black. Credo che il modo in cui ha descritto l’orrore che sta già avvenendo e considerando che non possiamo aspettare una guerra nucleare per provocare una nuova Pace di Westfalia, suggerirei che ciò che ha descritto è già abbastanza orribile. E se combinato con il crollo iperinflazionistico che sta attraversando il mondo occidentale e che colpisce tutti, crediamo che questo sia l’orrore adeguato e il riconoscimento della discesa in un’epoca buia per motivare i cittadini in Europa e negli Stati Uniti.

Ci stiamo accorgendo che c’è un risveglio di persone che in passato non hanno voluto considerare la loro responsabilità nei confronti dell’umanità nel suo complesso, ma che ora sono costrette a prenderla in considerazione e questo è il motivo per cui abbiamo chiesto, in questa petizione, una conferenza internazionale di tutte le nazioni, con gli Stati Uniti, la Russia, la Cina, l’India e così via, che si riunisca per porre fine a questo orrore, ma anche per portare una vera pace per l’umanità e un’era di pace attraverso lo sviluppo.

E la ringraziamo per aver dato questo soffio di brutta verità ad una popolazione che ha bisogno di sentirla. Se ha qualche pensiero finale, le chiedo di dare i suoi saluti finali.

BLACK: Aggiungo solo una cosa, e ringrazio lo Schiller Institute per l’enorme sforzo che avete fatto per raggiungere la pace nel mondo. È uno degli sforzi più importanti che siano mai stati fatti, e lo apprezzo molto.

Se si guarda alla Russia, le truppe russe che sono andate a combattere in Ucraina, per la maggior parte non avevano mai sperimentato il combattimento. Questo è un esercito in tempo di pace. La Russia non combatte guerre all’estero. La Siria è l’unico impegno significativo all’estero che ha avuto. Se si fa un confronto con gli Stati Uniti, se un soldato va in pensione oggi dopo 30 anni di carriera nell’esercito, non avrà prestato servizio nemmeno un giorno in cui gli Stati Uniti erano in pace. Una cosa incredibile. E si può fare un confronto con l’esercito russo, dove, con poche eccezioni, il Paese è stato in pace.

Dobbiamo quindi iniziare a pensare alla pace e ai limiti della guerra, all’idea che in qualche modo sia necessario un gioco a somma zero in cui noi prendiamo da voi e questo ci arricchisce. Siamo in un mondo in cui tutti possono guadagnare e prosperare grazie alla pace. Ma temo che l’iperinflazione possa essere il campanello d’allarme che fa capire al mondo che dobbiamo avere un nuovo paradigma per il futuro, e penso che a quel punto la pace di Westfalia potrebbe diventare una possibilità.

Vi ringrazio ancora per l’opportunità di essere stato qui. C’è sempre speranza e penso che ci saranno buone cose in futuro, con la benedizione di Dio.

BILLINGTON: Grazie mille dallo Schiller Institute, dall’Organizzazione LaRouche e dall’EIR. Pubblicheremo il prima possibile, perché [l’intervista] avrà un impatto enorme. Grazie.

BLACK: Grazie mille.

Di Mike Billington, schillerinstitute.com

NOTE
[1] https://it.wikipedia.org/wiki/Operazione_Timber_Sycamore
[2] https://en.wikipedia.org/wiki/Caesar_Syria_Civilian_Protection_Act
[3] https://it.wikipedia.org/wiki/Shock_and_awe

***********************************************

Articolo originale di Mike Billington:

https://schillerinstitute.com/blog/2022/04/26/video-col-richard-black-u-s-leading-world-to-nuclear-war/

Traduzione di Costantino Ceoldo

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
37 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
37
0
È il momento di condividere le tue opinionix